Italiani negli USA? Solo col Visto

Il nostro paese manca la scadenza richiesta dalle autorità americane per l'introduzione dei nuovi passaporti con fotografia digitale. Con ripercussioni su chi deve viaggiare. Come l'Italia anche la Francia


Washington (USA) – Lo US Department of Homeland Security ( DHS ), il Dipartimento per la sicurezza degli interni statunitense, ha dichiarato che Francia e Italia sono gli unici paesi europei che non hanno ancora presentato i nuovi passaporti dotati di fotografia con stampa digitalizzata. La data ultima di adesione alle richieste americane sui documenti di identità per gli stranieri in arrivo negli USA, rispettata dagli altri 25 paesi che fanno parte dello !US visa waiver programme” ( VWP ), era il 26 ottobre scorso. Tutto questo si tradurrà in un fastidioso inconveniente sia per i cittadini italiani che francesi.

Il VWP è un programma varato nel 1986 che permette ai cittadini dei paesi aderenti una permanenza sul territorio statunitense, sia per scopi commerciali che turistici, di 90 giorni o meno, senza bisogno di visto ( Visa ). Dato che Francia e Italia non hanno soddisfatto la nuova direttiva, che imponeva la distribuzione dei nuovi passaporti, dopo il 26 ottobre tutti i cittadini che faranno richiesta di un nuovo documento, d’ora in poi, saranno obbligati a richiedere un visto anche se la loro permanenza sarà inferiore ai 90 giorni. Gli altri, invece, potranno continuare a sfruttare l’attuale regolamentazione senza problemi.

Soluzioni alternative, spiegano gli americani, sarebbero state pienamente accettate. L’ Austria , ad esempio, ha deciso di inserire una pagina Visa metallica all’interno del passaporto, come valido sostitutivo della foto digitale. L’unico comunicato ufficiale sulla questione è arrivato dall’Ambasciata italiana negli USA, che ha dichiarato stupore per il mancato rinvio della scadenza.

DHS, inoltre, ha stimato che Italia e Francia probabilmente non riusciranno neanche a far fronte al problema con i passaporti in rinnovo. Insomma, anche chi per sfortuna si trovasse a dover rinnovare il passaporto in questo periodo si troverebbe obbligato a seguire l’iter burocratico per ottenere il visto. E se qualcuno volesse giocarsela alla frontiera, magari con un sorrisino di circostanza verso gli addetti alla sicurezza, sappia che le stesse compagnie aeree richiederanno il controllo dei passaporti e quindi della data di rilascio. DHS ha fissato una multa per i carrier di 3.300 dollari (circa 2.793 euro) per ogni singolo passeggero che violerà il regolamento VWP.

L’Italia, comunque, potrebbe agguantare la “seconda fase” del VWP, quella che prevede chip integrati nei passaporti. Secondo il Governo di Roma siamo in tempo. Sebbene già due anni fa il nostro paese sembrava dovesse divenire la prima realtà comunitaria a disporre di un e-passaporto, ora le ultime notizie dicono che ci dovremmo essere a partire dal prossimo aprile. In Francia i primi documenti di nuova generazione, con informazioni biometriche facciali e delle impronte digitali, saranno distribuiti a Parigi entro la fine del mese.
Entrambe le soluzioni dovranno essere vagliate dalla International Civil Aviation Organisation (ICAO), che si occupa del controllo degli standard.

Al momento la questione degli e-passport è quanto mai incerta. Mentre negli Stati Uniti gli enti governativi, gli esperti di sicurezza e le associazioni per la privacy si stanno accapigliando per l’eventuale adozione di sistemi RFID integrati , in Europa ogni paese va per la sua strada.

Germania , Austria, Lussemburgo, Svezia, Finlandia e Danimarca sono vicine all’obiettivo. Gli altri paesi sembrano essere al palo. Intanto la Commissione Europea sostiene che le soluzioni biometriche siano ancora troppo giovani , sebbene sia giusto continuare a portare avanti i progetti e-passport. Mentre l’ONU si dichiara completamente a favore e auspica entro il 2006 un’adozione diffusa di passaporti biometrici.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    CMD
    C: abassare la temperatura.exe
    ma Voi credete veramente che quei mostri si abbassino al nostro volere?avete capito male, moooolto male, loro hanno progetti a lunga scadenza già in atto.diciamo che siamo illusi, tanto trovano SEMPRE il modo per farci il deretano, ammettiamolo!c'è SOLO una strada... il BOICOTAGGIO DI MASSA, è l'unico modo possibile per contrastare queste major che pretendono di succhiarci il sangue.
  • Anonimo scrive:
    Diritto alla protezione di vita privata
    - Diritto alla protezione della vita privata. Registratori digitali e computer non devono essere manipolati senza il consenso dei proprietari. Se per esempio si carica un programma sul Pc, può accadere che sia inviato a insaputa del consumatore un programma supplementare, che una volta attivato può modificare la programmazione dell'apparecchio e catturare informazioni sulle abitudini nella navigazione.Ma alloradovrebbero eliminare windows dal commercio...E' risaputo che gli OS di vostro zio bill sono degli spyware belli e buoni... Speriamo che almeno lo ridimensionino :P
  • Anonimo scrive:
    Giustissimo!!!
    "Le case discografiche e cinematografiche - hanno affermato i consumatori europei - dipingono sempre più spesso i consumatori privati come pirati e criminali. Ci si preoccupa molto di far sapere al singolo utente cosa non può fare nel mondo digitale. L'obiettivo che si propone la campagna è, al contrario, quello di far sapere al consumatore cosa può fare".Speriamo che l'intenzione però NON RIMANGA SULLA CARTA e ste major LO CAPISCANO UNA VOLTA PER TUTTE CHE A COMANDARE SONO I CONSUMATORI e non loro!In caso contrario il consumatore sa già cosa fare: BOICOTTARE i prodotti di quelle major che fanno il gioco sporco! Alla fine resteranno solo quelle CHE MERITANO!Piuttosto che "far sapere al consumatore cosa può fare" BISOGNA FAR SAPERE alle major QUELLO CHE NON POSSONO FARE E PUNIRLE!!!! (cylon)
    • Anonimo scrive:
      Re: Giustissimo!!!
      E' ora di finirla! Non sono un criminale solo perchè mi compro un cd dal senegalese sul marciapiede sotto casa! Quello deve mantenere la famiglia in senegal e mangiare lui
      • Anonimo scrive:
        Re: Giustissimo!!!
        - Scritto da: Anonimo
        E' ora di finirla! Non sono un criminale solo
        perchè mi compro un cd dal senegalese sul
        marciapiede sotto casa! Quello deve mantenere la
        famiglia in senegal e mangiare luiIl problema è che oltre al senegalese e alla sua famiglia ci mangia anche chi quel senegalese lo ha 'importato' e anche chi ha prodotto la copia pirata - e quelli sono a tutti gli effetti CRIMINALI, anche (e soprattutto) organizzati.
        • Anonimo scrive:
          Re: Giustissimo!!!
          Anche se sono dei criminali, almeno hanno il buon senso di rispettare la mia privacy sul mio computer.La Sony invece questo non lo fà.
  • Anonimo scrive:
    iTunes e iPod
    Non è corretta la definizione che la musica acquistata su iTunes si puo ascoltare solo su iPod, infatti basta selezionare nelle impostazioni di tenere l'archivio in formato MP3 invece che AAC (M4P), e basta un volgarissimo lettore MP3 di qualsiasi marca per portarsi dietro la musica scaricata.Come è altrettanto facile selezionare i brani desiderati e masterizzarseli come MP3 su un CD o come tracce musicali su un CD Audio.Le limitazioni di Apple ci sono, ma sono molto leggere, altrimenti si scaricherebbero in AAC e non si potrebbero convertire in altri formati, e magari si masterizzerebbero direttamente in CD Audio ma con il DRM...Se le cose le volete dire... almeno ditele giuste !!!Zire
    • Anonimo scrive:
      Re: iTunes e iPod
      - Scritto da: Anonimo
      Le limitazioni di Apple ci sono, ma sono molto
      leggere, altrimenti si scaricherebbero in AAC e
      non si potrebbero convertire in altri formati, e
      magari si masterizzerebbero direttamente in CD
      Audio ma con il DRM...E quanto credi che siano lontani da questo? Se non lo hanno ancora fatto è solo perché hanno paura che qualcuno gli faccia causa (dopotutto, se io acquisto un bene _DEVO_ avere il diritto di usarlo come mi pare, musica inclusa). Aspettano solo che le leggi dei vari paesi si adattino alla fantastica DMCA statunitense dove sei criminale anche se decritti contenuti per cui hai pagato per poterne usufruire anche su altri lettori.
    • Anonimo scrive:
      Re: iTunes e iPod
      - Scritto da: Anonimo
      basta selezionare nelle
      impostazioni di tenere l'archivio in formato MP3
      invece che AAC (M4P), e basta un volgarissimo
      lettore MP3 di qualsiasi marca per portarsi
      dietro la musica scaricata.ma se pago per avere i brani alla massima qualità, perchè poi dovrei scaricarli in formato lossy (a perdita di qualità) a qualità media?a me sembra un grosso disncentivo all'uso dei brani in mp3!per ora la soluzione c'è:http://www.nanocrew.net/software/sharpmusique/
    • Xile scrive:
      Re: iTunes e iPod
      Non ho trovato la posizione giusta, in iTunes non vedo niente che ne accenni.- Scritto da: Anonimo
      Non è corretta la definizione che la musica
      acquistata su iTunes si puo ascoltare solo su
      iPod, infatti basta selezionare nelle
      impostazioni di tenere l'archivio in formato MP3
      invece che AAC (M4P), e basta un volgarissimo
      lettore MP3 di qualsiasi marca per portarsi
      dietro la musica scaricata.

      Come è altrettanto facile selezionare i brani
      desiderati e masterizzarseli come MP3 su un CD o
      come tracce musicali su un CD Audio.

      Le limitazioni di Apple ci sono, ma sono molto
      leggere, altrimenti si scaricherebbero in AAC e
      non si potrebbero convertire in altri formati, e
      magari si masterizzerebbero direttamente in CD
      Audio ma con il DRM...

      Se le cose le volete dire... almeno ditele giuste
      !!!

      Zire
  • Anonimo scrive:
    Leggetevi questa
    http://writersblocklive.com/?p=62E' il blog di un dirigente di Apple contro il drm.
  • Anonimo scrive:
    Speriamo che abbia anche qualche valore
    E che non siano solo una lunga serie di intenti e parole senza sostanza. A fare leggi e "carte" sono tutti bravi ma poi bisogna anche applicare quello che dicono i papiri
  • Anonimo scrive:
    Finalmente qualcosa di serio!
    Ogni tanto una buona notizia : sono commosso ! :'(
    • Masque scrive:
      Re: Finalmente qualcosa di serio!
      - Scritto da: Anonimo
      Ogni tanto una buona notizia : sono commosso !
      :'(se questa iniziativa ottiene davvero qualche successo, stappo una bottiglia!! :-)
      • MeDevil scrive:
        Re: Finalmente qualcosa di serio!
        - Scritto da: Masque
        - Scritto da: Anonimo

        Ogni tanto una buona notizia : sono commosso !

        :'(

        se questa iniziativa ottiene davvero qualche
        successo, stappo una bottiglia!! :-)Ed io mi unisco al gruppo x festeggiare! :DCmq ho una domanda per LA REDAZIONE: per caso manca un pezzo finale? Una chiusura, un qualkosa?(l'articolo sembra mozzato...)
      • Anonimo scrive:
        Re: Finalmente qualcosa di serio!
        - Scritto da: Masque
        - Scritto da: Anonimo

        Ogni tanto una buona notizia : sono commosso !

        :'(

        se questa iniziativa ottiene davvero qualche
        successo, stappo una bottiglia!! :-)Io me la bevo ALLA FACCIA DI URBANI! :p
Chiudi i commenti