Kataweb conquista la Basilicata

Grazie ad una gara vinta da Ksolutions, Kataweb rende ancora più istituzionale la propria presenza online. Benefici per i lucani?


Potenza – “Entro il 2002, il 35 per cento delle famiglie lucane avrà un personal computer ed il 30 per cento sarà collegato ad internet. Medie che porteranno la Basilicata al livello dei paesi del nord Europa”. Questa la promessa annunciata da Jean-Claude Morel, direttore commerciale di Ksolutions , azienda che fa capo al Gruppo l’Espresso.

Ksolutions ha vinto la gara da 10 miliardi di lire indetta dalla Regione Basilicata, una gara che prevede la costruzione di servizi di accesso ad internet, di supporto tecnico ai clienti che desidereranno partecipare all’iniziativa e persino alla realizzazione di un nuovo portale da integrare a quello della Regione Basilicata .

Questo portale, che Ksolutions intende realizzare mettendo a disposizione degli utenti lucani i contenuti di Kataweb, ha lo scopo di portare servizi di apprendimento a distanza per la formazione via internet, sistemi di informazione personalizzabili, strutture di commercio elettronico e supporto per la firma digitale.

“Il progetto di dotare 40 mila famiglie di personal computer e di collegarle ad Internet – ha spiegato Morel – è unico al mondo, ce lo hanno confermato i principali operatori. Nella fase di elaborazione della nostra proposta abbiamo acquisito informazioni dai principali operatori di telecomunicazioni ed Internet e abbiamo constatato che esso non ha eguali al mondo.”

Anche l’ecommerce lucano sarà targato Kataweb perché la gara consentirà a Ksolutions di proporre alle piccole imprese che lo vorranno il suo K-Portal, un servizio di supporto per la creazione di negozi online. Nell’insieme, i negozi aderenti finiranno dentro un sistema di ricerca che verrà promosso dal portale presso i clienti potenzialmente interessati a compiere acquisti via Internet.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Fanno bene!!!!!!
    Così o pagano o si mettono ad insegnare ad usare software libero!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Fanno bene!!!!!!
      - Scritto da: Che è meglio!!!
      Così o pagano o si mettono ad insegnare ad
      usare software libero!!!!!Ci mancherebbe! Come se non ci fosse già abbondanza di insegnanti che insegnano cose che nella vita e nel lavoro non servono a nessuno!
      • Anonimo scrive:
        Re: Fanno bene!!!!!!
        - Scritto da: Gianfranco
        Ci mancherebbe! Come se non ci fosse già
        abbondanza di insegnanti che insegnano cose
        che nella vita e nel lavoro non servono a
        nessuno!Tipo Word?
        • Anonimo scrive:
          Re: Fanno bene!!!!!!
          - Scritto da: Ansia


          - Scritto da: Gianfranco

          Ci mancherebbe! Come se non ci fosse già

          abbondanza di insegnanti che insegnano
          cose

          che nella vita e nel lavoro non servono a

          nessuno!


          Tipo Word?Bella quesyta...te la passo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fanno bene!!!!!!
        - Scritto da: Gianfranco
        Ci mancherebbe! Come se non ci fosse già
        abbondanza di insegnanti che insegnano cose
        che nella vita e nel lavoro non servono a
        nessuno!Non preoccuparti! Ci sono aziende intelligenti che per stampare cataloghi, listini prezzi, grafici, attestati e lettere commerciali hanno cominciato ad usare software e s.o. free con il vantaggio di risparmiare milioni da destinare ad altri investimenti! E a quel punto anche i corsi diventano meno costosi!
  • Anonimo scrive:
    il motto americano MERD IN MERD OUT
    i centri di formazione attaccati da Microsoftsono proprio quelli che insegnano Office e WIndows ad un prezzo inferioredi un costosissimo corso Microsoft;non vogliono che venga insegnato Office e Winzozz? hehehehehse in Italia cominciano a prendere piededelle scuole di Linux a buon prezzo(magari un bel corso di Mandrake inun mese) MicrO$$$$OFT e la BSA alliancesi attaccherano al TRAAAAAAAMao'ma ve li siete fatti bene i conti?Pino Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: il motto americano MERD IN MERD OUT
      - Scritto da: Pino Silvestre
      i centri di formazione attaccati da Microsoft
      sono proprio quelli che insegnano
      Office e WIndows ad un prezzo inferiore
      di un costosissimo corso Microsoft;

      non vogliono che venga insegnato
      Office e Winzozz? heheheheh

      se in Italia cominciano a prendere piede
      delle scuole di Linux a buon prezzo
      (magari un bel corso di Mandrake in
      un mese) MicrO$$$$OFT e la BSA alliance
      si attaccherano al TRAAAAAAAM

      ao'
      ma ve li siete fatti bene i conti?

      Pino Silvestre
      Hai ragione. Solo che per ora al tram vi attaccate voi:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: il motto americano MERD IN MERD OUT
        1) Gianfranco, sei un gran pezzo di trollpoi...- Scritto da: Gianfranco
        - Scritto da: Pino Silvestre

        i centri di formazione attaccati da
        Microsoft

        sono proprio quelli che insegnano

        Office e WIndows ad un prezzo inferiore

        di un costosissimo corso Microsoft;



        non vogliono che venga insegnato

        Office e Winzozz? heheheheh



        se in Italia cominciano a prendere piede

        delle scuole di Linux a buon prezzo

        (magari un bel corso di Mandrake in

        un mese) MicrO$$$$OFT e la BSA alliance

        si attaccherano al TRAAAAAAAM



        ao'

        ma ve li siete fatti bene i conti?



        Pino Silvestre


        Hai ragione. Solo che per ora al tram vi
        attaccate voi:-)2) voi chi?Pino Silvestre
  • Anonimo scrive:
    Fanno bene!!!!!!
    Così o pagano o si mettono ad insegnare ad usare software libero!!!!!
  • Anonimo scrive:
    BSA bassa
    Se uno per convinzione personale ha deciso di rispettare la legge deve pagare le tasse, emettere sempre le riceveute e le fatture, di conseguenza avere le licenze per tutti i software che lo richiedono.Perchè una simile azione non si rivolge prima a tutte le medio-grandi aziende di qualsiasi genere e poi alle piccole imprese? Forse perchè è più facile prendersela con quelle piccole?FT
  • Anonimo scrive:
    AHAHAHAHAHAHAHAH BSA
    BSA MA DOVE VIVETE?? MA QUANDO VI SVEGLIATE?? MA NN VI RENDETE CONTO CHE NEL MONDO STATE FACENDO UNA FIGURA A DIR POCO DI MERDA?? ANCORA NON L'HO CAPITE CHE LA PIRATERIA DI SOFTWARE E' UNA REALTA' E NON POTRETE MAI CANCELLARLA PERCHE' FA PARTE DELL' ORAMAI MONDO INFORMATICO E METROPOLITANO???dio mio che schifo... prenderanno molte batoste, contenti loro.. ora vi saluto che devo andare a spacciare i miei 20cd di Winxp (GRAZIE BILL) a chi serve, senza tanti fronzoli... licenzE?!? (che sarà mai sto termine?" MAH... da 20 anni che lavoro in questo campo nn ho mai sentito parlare di una cosa del genere, ne da privati e ne da pubblici.BSA : SVEGLIATEVI, SIAMO TROPPO FORTI PER VOI.Cgun.
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAHAHAH BSA
      Sei patetico.Il sw va pagato, che ti piaccia o no.Passi il padre di famiglia che usa Photoshop per ritoccare qualche foto, passi il ragazzino che usa Word per le ricerche di scuola... Ma se neanche gli istutiti (o le aziende) pagano il sw, chi diavolo lo dovrebbe pagare???Non ti piacciono Bill ed i suoi prodotti? Compra qualcos'altro. C'è tanta roba buona meno costosa o anche gratuita. Ma la tua posizione, che si basa sullo scrocco totale, è indifendibile.C'è una lettera di un lettore di PI, che si lamentava dello scarso livello dei post nei forum. Beh, purtroppo devo dire che ha ragione. Di messaggi subnormali come il tuo ce ne sono fin troppi. Auguri...mARCOs
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAHAHAHAHAHAHAH BSA
      - Scritto da: Cgun
      ora vi saluto che devo andare a spacciare i
      miei 20cd di Winxp (GRAZIE BILL)Ma figliolo, non dirlo neanche per scherzo!Ma sono io che devo ringraziarti!Grazie alla tua opera meritoria di proselitismo, infatti, altri 20 adepti avranno WinXp nella loro casetta, cosi` poi lo vorranno avere anche in ufficio e l'ufficio, magari pubblico, comprera` tante belle licenzine con i soldi che gli arrivano dritti dritti dalle tass.. volevo diretasche di mamma e papa` tuo.Quindi, caro Amico, continua a spacciare tranquillamente, sono ben altri i miei problemi.Sentitamente, tuoWilliam GatesP.S.questo, naturalmente, rimane un segreto tra noi.
  • Anonimo scrive:
    piratato = non funziona?
    "considerare che il software contraffatto è maggiormente soggetto a malfunzionamenti rispetto ai sistemi adeguatamente supportati"perche' mai?
    • Anonimo scrive:
      Re: piratato = non funziona?
      La mia misera opinione è che una tale affermazione si può annoverare tra le migliori idiozie dell'anno.Sono cmq d'accordo sul fatto che questi centri di formazione dovrebbero usare sw originale e non piratato.mARCOs- Scritto da: luca
      "considerare che il software contraffatto è
      maggiormente soggetto a malfunzionamenti
      rispetto ai sistemi adeguatamente
      supportati"
      perche' mai?
    • Anonimo scrive:
      Re: piratato = non funziona?
      Un motivo se lo devono inventare non credi? E' uno strascico che viene dalle copie pirata delle cassette magnetiche, hanno pensato di adattarlo anche al digitale ma ovviamente non va d'accordo con le copie 1:1 :)
  • Anonimo scrive:
    e che dire delle case editrici ?
    sicuramente le numerose scuole di informatica vanno controllate, non tanto xché io sia d'accordo con le clausole di licenza, quanto x il fatto che spesso vengono sovvenzionate con fondi pubblici.e comunque credo possano anche avere le licenze education (in caso contrario allora la causa dell'illegalità è anche delle case produttrici, xché i costi sono troppo alti).però c'è un'altra categoria che usa a bizzeffe sw copiato: le case editrici e, in parte minore, gli studi grafici. fate un controllo su quante licenze di photoshop/xpress/freehand sono state vendute in italia e di quante siano invece i computers acquistati dalle case editrici e fate due conti...
    • Anonimo scrive:
      Re: e che dire delle case editrici ?
      Ma per quale motivo i soldi publici dovrebbero finire a ingrassare la BSA?Allora è meglio sul serio che i programmi pubblici inizino a sovvenzionare l'Open Source.Lo dice un utente Windows.
  • Anonimo scrive:
    ale'!
    Bene, ma quando inizieranno a fare controlliautonomi in ditte grandi quotate anche in borsatipo tiscali, dadanet etc etc ??
  • Anonimo scrive:
    Facciano pure
    ....che sia la volta buona che cominciano a sorgere un po' di scuole che usano software libero?
  • Anonimo scrive:
    fra un po...
    vedremo la bsa che fa i corsi legali sui computer nei supermercati...bleah....;((
  • Anonimo scrive:
    Per carità...
    Hanno perfettamente ragione nel pretendere che tutto il software utilizzato abbia le relative licenze in regola, anche se si tratta di una scuola, che quindi dovrebbe insegnare l'uso del software ai futuri utenti (e quindi clienti) del software stesso.Solo che sarebbe ora di mandare a riposo le solite affermazioni trite e ritrite sul software che funziona male e può portare virus quando è copiato: non siamo più ai tempi dei floppy, e sono rimasti solo loro a voler far credere che una copia di un CD si porti dietro dei virus. Se se ne stessero zitti, forse farebbero una migliore figura. Il software deve avere una regolare licenza, punto e basta, tutto il resto è aria fritta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per carità...
      Per non parlare del fatto che i virus te li acchiappi principalmente dalla posta elettronica grazie alla grande meretrice (al secolo Outlook) mal configurata (e quindi mal supportata) dalla stessa casa produttrice.Bye.- Scritto da: DPY
      Hanno perfettamente ragione nel pretendere
      che tutto il software utilizzato abbia le
      relative licenze in regola, anche se si
      tratta di una scuola, che quindi dovrebbe
      insegnare l'uso del software ai futuri
      utenti (e quindi clienti) del software
      stesso.

      Solo che sarebbe ora di mandare a riposo le
      solite affermazioni trite e ritrite sul
      software che funziona male e può portare
      virus quando è copiato: non siamo più ai
      tempi dei floppy, e sono rimasti solo loro a
      voler far credere che una copia di un CD si
      porti dietro dei virus. Se se ne stessero
      zitti, forse farebbero una migliore figura.
      Il software deve avere una regolare licenza,
      punto e basta, tutto il resto è aria fritta.
Chiudi i commenti