KIllustrator cambia nome, salva la pelle

Terzo capitolo della vicenda: su pressioni di Adobe, KIllustrator cambia nome ed evita ogni possibile guaio giudiziario


Roma – La vicenda che ha visto per protagonisti il software open source KIllustrator ed il gigante del software Adobe, sembra essersi alfine conclusa: l’autore del prodotto, Kai-Uwe Sattler, è andato incontro alla richiesta di Adobe ed ha mutato il nome di KIllustrator in Kontour.

La decisione di Sattler arriva dopo che uno studio legale tedesco gli aveva intimato di cessare immediatamente la distribuzione e lo sviluppo di KIllustrator, un software che fa parte della suite di applicativi di KOffice per Linux e che, stando alle accuse, danneggiava la reputazione di Illustrator, il noto software di grafica vettoriale di Adobe disponibile, al momento, solo in versione Windows e Mac.

Lo studio legale aveva chiesto a Sattler anche la corresponsione di un risarcimento danni di 2.000 dollari e, lasciando capire la profonda ignoranza di questi avvocati in merito alla licenza free di KOffice, la lista di tutti gli acquirenti del pacchetto.

La scorsa settimana il colosso americano del software ha però ufficialmente ridimensionato queste richieste , lasciando intendere che lo studio legale tedesco si era in mosso per conto proprio, e ha fatto sapere a Sattler di non pretendere da lui né l’abbandono del progetto né la corresponsione di alcuna somma di denaro: la sola cosa che le interessava era che KIllustrator cambiasse nome.

Dal canto suo, Sattler si era già detto disposto ad accettare un accordo amichevole con Adobe, accordo che oggi ha portato alla sostituzione del vecchio nome con quello di Kontour, parola che richiama il termine inglese “contour” (profilo, sagoma).

Fino ad oggi pare che nessun esponente di spicco del movimento open source abbia sollevato obiezioni sulla questione, tantomeno il team del KDE. Pare, insomma, che questa sia davvero l’ultima puntata di una vicenda risoltasi in tempi davvero molto rapidi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Questa notizia avrà pochi commenti
    Infatti il 95% degli utenti che commentano su P.I. sono linusauri e quindi non interessati ai Pentium. Infatti usano ancora il 486 e se le applicazioni non girano non importa (non saprebbero nemmeno cosa farsene), a loro basta che giri Linux e un qualsiasi browser elementare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa notizia avrà pochi commenti
      Secondo me tu si' scemo!Hai bevuto un pochino e non reggi l'alcool?Uhm... penso proprio di si...Cmq non interessa a molti la scesa dei prezzi delle cpu Intel xché fan pena... Ciau :)- Scritto da: Alberto
      Infatti il 95% degli utenti che commentano
      su P.I. sono linusauri e quindi non
      interessati ai Pentium. Infatti usano ancora
      il 486 e se le applicazioni non girano non
      importa (non saprebbero nemmeno cosa
      farsene), a loro basta che giri Linux e un
      qualsiasi browser elementare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa notizia avrà pochi commenti
        - Scritto da: Yuppi
        Secondo me tu si' scemo!
        Hai bevuto un pochino e non reggi l'alcool?
        Uhm... penso proprio di si...
        Cmq non interessa a molti la scesa dei
        prezzi delle cpu Intel xché fan pena... Ciau
        :)

        - Scritto da: Alberto

        Infatti il 95% degli utenti che commentano

        su P.I. sono linusauri e quindi non

        interessati ai Pentium. Infatti usano
        ancora

        il 486 e se le applicazioni non girano non

        importa (non saprebbero nemmeno cosa

        farsene), a loro basta che giri Linux e un

        qualsiasi browser elementare.Sicuramente AMD è meglio di Intel perché costa meno e le CPU di IBM sono ancora meglio perché costano meno di AMD (e anche perché IBM ora sta sponsorizzando Linux).A proposito....stai attento a non fare troppa forza quando monti un dissipatore su un microprocessore AMD, sono fragili come uova.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa notizia avrà pochi commenti
      - Scritto da: Alberto
      Infatti il 95% degli utenti che commentano
      su P.I. sono linusauri e quindi non
      interessati ai Pentium. Infatti usano ancora
      il 486 e se le applicazioni non girano non
      importa (non saprebbero nemmeno cosa
      farsene), a loro basta che giri Linux e un
      qualsiasi browser elementare.HAI TOPPATO, UTONTO PRETORIANO PARRUCCONE MASTERIZZATO SERVO DI REDMOND E LECCAPIEDI DEL DRAGA E DI INTEL SERVA DEL DRAGA.IO USO IE 5.5 SOTTO LINUX E NON ME NE FREGA UN CAZ*O CHE SIA DEL DRAGASACCOCCE. A ME INTERESSA IL SOFTWARE FREE PERCHE' ANCHE SE VOI UTONTI NON LO AVETE ANCORA CAPITO (PERCHE' SIETE UTONTI) FREE=OPEN SOURCE! METTETEVELO NELLA TESTA PARRRAVATTATI E PELATI SCHIAVI DI REDMOND E DEL SUO PADRONE!
Chiudi i commenti