Kin, lo zombiefonino

KIN Studio chiuderà i battenti alla fine del prossimo gennaio. Tutte le funzioni in the cloud dei due piccoli dispositivi smetteranno di funzionare. Turtle e Pure saranno in sostanza quasi inutilizzabili. Previsto il cambio per gli utenti

Roma – Il loro risveglio dall’oltretomba mobile aveva lasciato di stucco più di un osservatore. Turtle e Pure , i due socialfonini anche noti come Kin One e Kin Two, erano infatti passati dalle mani di Microsoft a quelle del carrier statunitense Verizon Wireless. Un documento pubblicato online aveva così annunciato il ritorno sul mercato dei due piccoli e tondeggianti device , giusto in tempo per le ormai imminenti festività natalizie.

Verizon Wireless ha ora diramato un secondo annuncio , avvisando tutti i suoi clienti della prossima – pare definitiva – chiusura del KIN Studio, prevista per l’ultimo giorno del prossimo gennaio. In sostanza, alcune tra le principali feature finora garantite dai due socialfonini verranno completamente rimosse dalla nuvola di Microsoft . Una notizia non certamente esaltante per quei pochi utenti – si era parlato di un numero variabile tra mille e 10mila – che hanno finora scelto uno dei due Kin.

E la lista delle attività che Turtle e Pure non potranno eseguire è a dir poco sconcertante. Il feed reader smetterà di funzionare, così come la ricerca geolocalizzata, la pubblicazione di fotografie sui social network e l’aggiornamento automatico del flusso social. I vari contatti Facebook spariranno e gli utenti potranno accedere al sito in blu soltanto attraverso il browser .

In altre parole, i due Kin si trasformeranno da socialfonini in zombiefonini , incapaci di garantire le funzioni per le quali erano stati sviluppati inizialmente dal team di Microsoft. Gli utenti potranno esclusivamente inviare e ricevere SMS, navigare e accedere in streaming ai servizi offerti da Zune Pass. Fortunatamente Verizon Wireless provvederà all’eventuale cambio del device con un modello 3G a scelta dell’utente . Entro e non oltre il 31 marzo 2011.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Undertaker scrive:
    non ho capito...
    É stata tomorrownow a violare i brevetti oracle.come puó ora oracle fare causa a sap ?Sap é solo azionista di maggioranza di tomorrownow, che dovrebbe rispondere in delle proprie violazioni con i propri beni, non con quelli degli azionisti.
  • Gingerino scrive:
    ma...
    Ma un XXXXXXXXXX su carta intestata da sap, no, eh?
    • fox82i scrive:
      Re: ma...
      SAP è nella parte del torto quindi ora deve sotto stare a quello che giustamente chiede Oracle
      • nome e cognome 2.0 scrive:
        Re: ma...
        esatto con quello che sap chiede ad ogni cliente come compenso per il propri servigi .. e giusto che venga spennata il piu possibile da chiunque... fanXXXX sap
Chiudi i commenti