Kinect, l'insuccesso non è farina del sacco di Microsoft

Un ex dipendente di Rare rivela: la colpa del flop di Kinect non è attribuibile esclusivamente a Microsoft. Lo studio voleva fortissimamente conquistare i giocatori, e alla fine ne ha pagato lo scotto l'intera piattaforma Xbox

Roma – Stando a quanto sostiene Gavin Price, ex-designer di Rare e ora sviluppatore indipendente, la decisione di focalizzarsi esclusivamente su Kinect non va ascritta a Microsoft ma al succitato studio di sviluppo britannico. La colpa del flop, almeno in questo caso, non sarebbe insomma di Redmond.

Nato come accessorio per Xbox 360 pensato per trasformare il corpo del giocatore in una sorta di controller vivente, il sensore Kinect è poi diventato parte integrante dell’offerta originaria di Xbox One prima di trasformarsi ancora una volta in un acquisto da compiere in separata sede.

Ben pochi utenti impazzivano e ancora desiderano usare Kinect per giocare, insomma, e secondo le parole di Price i veri entusiasti del sensore non si trovavano a Redmond ma fra il management della software house già nota per aver creato Donkey Kong Country, GoldenEye 007 e Banjo-Kazooie.

Nel 2002 Rare venne acquisita da Microsoft, e a quanto pare la corporation americana era (molto) ben disposta a supportare le decisioni dello studio anche quando si è trattato di spingere Kinect come la nuova frontiera dei videogiochi domestici.

Oggi che Kinect è stato sostanzialmente archiviato nel dimenticatoio degli accessori superflui di cui i giocatori hardcore non sentiranno la mancanza, la “nuova frontiera” Microsoft per i videogiochi e non solo è rappresentata dalla realtà aumentata di HoloLens . La responsabilità dell’eventuale flop, in quest’ultimo caso, sarà ascrivibile esclusivamente a Redmond.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • michyprima scrive:
    microsoft non è totalmente folle
    forzare gli aggiornamenti automatici sta diventando indispensabile. L'utonto medio non li applica, rendendo vulnerabile lui e tutti quelli che ha intorno tramite attacchi indiretti.Certo, windows 10 è una me**a, e i suoi aggiornamenti scassano più di quello che aggiustano, ma il concetto degli aggiornamenti automatici, se fatti come si deve, è cosa buona e giusta vista la pigrizia umana.
    • Ape e gli Espertoidi ... scrive:
      Re: microsoft non è totalmente folle
      - Scritto da: michyprima
      forzare gli aggiornamenti automatici sta
      diventando indispensabile. L'utonto medio non li
      applica, rendendo vulnerabile lui e tutti quelli
      che ha intorno tramite attacchi indiretti.

      Certo, windows 10 è una me**a, e i suoi
      aggiornamenti scassano più di quello che
      aggiustano, ma il concetto degli aggiornamenti
      automatici, se fatti come si deve, è cosa buona e
      giusta vista la pigrizia umana.Gli aggiornamenti basta disabilitarli e vivi tranquillo, lo dice uno del gruppo degli Espertoidi: i susperaccenti di PI http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4290694&m=4290766#p4290766
      • michyprima scrive:
        Re: microsoft non è totalmente folle
        la stupidità non ha confini...Poi si lamentano se gli svuotano il conto in banca o si impossessano dei dati personali.Onestamente ho provato W10 e mi ha fatto così tanto schifo da convertire un winaro convinto a linux.
      • Pianeta Clone scrive:
        Re: microsoft non è totalmente folle
        - Scritto da: Ape e gli Espertoidi ...
        Gli aggiornamenti basta disabilitarli e vivi
        tranquillo, lo dice uno del gruppo degli
        Espertoidi: i susperaccenti di PI

        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4290694&m=429ed è pure sostenuto da innumerevoli cloni pronti a giurare che quella è la soluzione al problema!Problema che poi dicono non esistere perché tutti hanno in casa un server di dominio (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • ... scrive:
      Re: microsoft non è totalmente folle
      - Scritto da: michyprima
      forzare gli aggiornamenti automatici sta
      diventando indispensabile. L'utonto medio non li
      applica, rendendo vulnerabile lui e tutti quelli
      che ha intorno tramite attacchi
      indiretti.

      Certo, windows 10 è una me**a, e i suoi
      aggiornamenti scassano più di quello che
      aggiustano, ma il concetto degli aggiornamenti
      automatici, se fatti come si deve , è cosa buona e
      giusta vista la pigrizia
      umana.gia: "se fatti come si deve". e' li che tutto crolla.
  • ... scrive:
    se decommissionano SHA-1...
    significa che l'NSA si e' gia' XXXXXXXX anche l'SHA-2, il meccanismo e' sempre lo stesso: abbandona la versionn N-2 di cio' che hai gia' vulnerato.
  • eppure scrive:
    eppure eppure
    eppure, eppure, eppure... il tucu ci aveva giurato che era sicurissimo!Dovrebbe far consulenza in Mozilla e in Google, gli farebbe risparmiare un sacco di lavoro! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Vmware scrive:
      Re: eppure eppure
      - Scritto da: eppure
      eppure, eppure, eppure... il tucu ci aveva
      giurato che era
      sicurissimo!

      Dovrebbe far consulenza in Mozilla e in Google,
      gli farebbe risparmiare un sacco di lavoro!
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)eh si è un "lavoro" così complicato che può farlo persino un XXXXX via menu senza aspettare che glielo facciano mozilla e google... :D
      • Babbo Nasale scrive:
        Re: eppure eppure
        - Scritto da: Vmware
        eh si è un "lavoro" così complicato che può farlo
        persino un XXXXX via menu senza aspettare che
        glielo facciano mozilla e
        google...eh sì, infatti articoli ed articoli su firmware che diventano obsoleti e device da buttare se li è inventati babbo natale in persona per portare quelli nuovi!
  • Luca scrive:
    Retrocompatibilità?
    Cioè forzare una connessione non sicura...Bella roba. Aggiornare il browser fa schifo?
    • Googlezilla scrive:
      Re: Retrocompatibilità?
      Prima di tutto i soldi, milioni di XXXXXXXXX spendono nonostante il browser di 10 anni fa.
    • pippuz scrive:
      Re: Retrocompatibilità?
      Non è solo questione di aggiornare il browser, dipende anche dal sistema operativo (WinXP pre-SP3 *non* supporta lo SHA-1 indipendetemente dal browser). Inoltre, non tutti i browser più nuovi girano su sistemi operativi datati.L'azienda per cui lavoro offre sia servizi ai privati, sia (in maniera prevalente) alle aziende. Mentre per i primi quelli toccati sono circa il 1,4% degli utenti (e anche se i numeri assoluti non sono bassi, si è deciso comunque di procedere), per quegli aziendali sono decisamente più alti (dico solo che alcuni utenti hanno chiesto se potevano aggiornare da IE 6 a IE 8), soprattutto per i sistemi a2a (la comunicazione non avviene tramite browser, ma client sviluppati ad hoc).Il problema è che sta diventando difficile farsi rilasciare certificati SHA-1 e bisogna vedere se nel 2016 sarà ancora possibile.
      • Fred Master scrive:
        Re: Retrocompatibilità?
        - Scritto da: pippuz
        Non è solo questione di aggiornare il browser,
        dipende anche dal sistema operativo (WinXP
        pre-SP3 *non* supporta lo SHA-1 indipendetemente
        dal browser). Inoltre, non tutti i browser più
        nuovi girano su sistemi operativi
        datati.

        L'azienda per cui lavoro offre sia servizi ai
        privati, sia (in maniera prevalente) alle
        aziende. Mentre per i primi quelli toccati sono
        circa il 1,4% degli utenti (e anche se i numeri
        assoluti non sono bassi, si è deciso comunque di
        procedere), per quegli aziendali sono decisamente
        più alti (dico solo che alcuni utenti hanno
        chiesto se potevano aggiornare da IE 6 a IE 8),
        soprattutto per i sistemi a2a (la comunicazione
        non avviene tramite browser, ma client sviluppati
        ad
        hoc).

        Il problema è che sta diventando difficile farsi
        rilasciare certificati SHA-1 e bisogna vedere se
        nel 2016 sarà ancora
        possibile.Chiedo scusa per la mia ignoranza in materia.Io uso il PC prevalentemente per elaborazioni batch, quindi on-line ci vado poco e niente e mai per cazzeggio o su siti non conosciuti. Lavoro ancora benissimo con XP sp3 pro oltre che con Win 7, e come browser uso FireFox, tenendolo ovviamente aggiornato, e così vorrei continuare finchè possibile.A cosa vado incontro, specie su XP, con questo avvento di SHA-2? Grazie.
        • pippuz scrive:
          Re: Retrocompatibilità?
          XP SP3 supporta SAH - 256, quindi non devi temere niente. Quello che in caso avresti dovuto temere era l'impossibilità di poter accedere ai siti che utilizzano i (relativamente) nuovi certificati.
        • Ippero scrive:
          Re: Retrocompatibilità?
          - Scritto da: Fred Master
          quindi on-line ci vado poco e niente Se proprio vuoi ostinarti a tenere XP, togli il "poco" in quella frase e allora può anche andare bene. Non ti serve a molto aggiornare Firefox e altri sofware se poi girano su un sistema operativo non più aggiornabile. Io disabiliterei totalmente l'acXXXXX a internet se devo restare con XP.
          • Ape meno gemelli scrive:
            Re: Retrocompatibilità?
            - Scritto da: Ippero
            - Scritto da: Fred Master

            quindi on-line ci vado poco e niente

            Se proprio vuoi ostinarti a tenere XP, togli il
            "poco" in quella frase e allora può anche andare
            bene. Non ti serve a molto aggiornare Firefox e
            altri sofware se poi girano su un sistema
            operativo non più aggiornabile. Io disabiliterei
            totalmente l'acXXXXX a internet se devo restare
            con XP.XP va benissimo, aggiornare i sistemi non serve a niente, lo conferma anche l'esperto qua: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4290694&m=4290766#p4290766
          • Afide Twingo scrive:
            Re: Retrocompatibilità?
            - Scritto da: Ape meno gemelli
            - Scritto da: Ippero

            - Scritto da: Fred Master


            quindi on-line ci vado poco e niente



            Se proprio vuoi ostinarti a tenere XP, togli
            il

            "poco" in quella frase e allora può anche
            andare

            bene. Non ti serve a molto aggiornare
            Firefox
            e

            altri sofware se poi girano su un sistema

            operativo non più aggiornabile. Io
            disabiliterei

            totalmente l'acXXXXX a internet se devo
            restare

            con XP.

            XP va benissimo, aggiornare i sistemi non serve a
            niente, lo conferma anche l'esperto qua:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4290694&m=429Ah beh, se lo conferma LUI! (rotfl)
Chiudi i commenti