King Kong? No, batterista!

Un gadget da indossare, da sfoggiare, ma soprattutto...da suonare

Roma – Gli appassionati di musica mangiano musica, respirano musica. Da oggi potranno anche vestirla. Soprattutto se hanno sempre sognato di essere batterista di una rock band. Tutto è possibile: basta un po’ di geekness, basta indossare una Drumkit Shirt .

il gadget

A prima vista sembrerebbe una normalissima t-shirt, in effetti lo è. Però suona: basta battere su uno dei vari componenti della batteria per sentirla all’opera. C’è tutto, dai piatti alla grancassa, dai tamburi al charleston.

Distribuita da Think Geek è venduta a circa 30 dollari.
Come al solito, le taglie vanno dalla S alla XXL, quindi niente trippa per tripponi che però, volendo, possono ricorrere alla propria batteria naturale .

ThinkGeek

(via Ubergizmo )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Di ME scrive:
    Perforza !
    In America c'e' Microsoft e il governo fara' di tutto per preservare e alimentare questo tumore gigante che inghiotte soldi dal resto del mondo e lo porta negli USA.
    • pabloski scrive:
      Re: Perforza !
      - Scritto da: Di ME
      In America c'e' Microsoft e il governo fara' di
      tutto per preservare e alimentare questo tumore
      gigante che inghiotte soldi dal resto del mondo e
      lo porta negli
      USA.diciamo che Gates è stato uno dei grandi finanziatori di Bush e che conobbe Bush a 19 anni quando era ad Albuquerquequindi più che la volontà del governo federale USA, è la volontà dei neocon di aiutare il loro "amico"
  • xxxxxxxxxx scrive:
    Re: open source - gratis - qualità

    l'open source è la morte del programmatore e il
    trionfo dei lameroniBravo, hai fatto un servizio al mondo intero dimostrandoda chi sono i veri "lameroni" che non hanno argomentie non sanno neppure quotare.
  • XFILE scrive:
    SAP open source tedesco
    La SAP è leader per i gestionali aziendali e il software (costosissimo) è open source (si va di debug ma è open source)
    • pabloski scrive:
      Re: SAP open source tedesco
      e infatti loro sono una "IP based company"mi pare ovvio che vogliano lucrare dalle loro innovazioni....però non sono d'accordo che l'OSS non produca innovazione, evidentemente questo tizio non ha mai incrociato KDE4 o i millemila algoritmi per la simulazione di reti neurali, tutti rigorosamente pubblicia quanto dice mi pare che lui sia a favore dei brevetti sul software, o meglio sui principi alla base del softwarea questo punto perchè uno scienziato che fa una scoperta dovrebbe condividerla col mondo? non è meglio che ci crea su una bella multinazionale e fa miliardi a palate? e tutto rigorosamente closed source e brevettato, sia le macchine costruite a partire dai principi oggetto dell'invenzione, sia i principi stessifatto sta che se la scienza sperimentale avesse operato come le moderne multinazionali del software, oggi saremmo ancora al tempo degli alchimisti
      • justAdevelo per scrive:
        Re: SAP open source tedesco
        - Scritto da: pabloski
        a questo punto perchè uno scienziato che fa una
        scoperta dovrebbe condividerla col mondo? non è
        meglio che ci crea su una bella multinazionale e
        fa miliardi a palate?Infatti è così di solito che funzionno le cose!L'università che ha dato finanziamenti agli scienziati è poi proprietaria dei diritti di sfruttamento delle scoperte...che poi cede in esclusiva ad aziende per fior fior di denari!
        • pabloski scrive:
          Re: SAP open source tedesco
          - Scritto da: justAdevelo per
          proprietaria dei diritti di sfruttamento delle
          scoperte...
          che poi cede in esclusiva ad aziende per fior
          fior di
          denari!proprietaria dei diritti di sfruttamento sui procedimenti creati, non sui i principi, i principi non sono brevettabiliil Teorema di Mario Rossi dovrà sottostare al diritto d'autore, nel senso che Mario Rossi avrà il diritto ad essere riconosciuto autore, ma non sarà possibile brevettarlo e quindi imporre limitazioni alla sua diffusione e usonel software invece si stanno brevettando i principi e questo è malec'è stata un'azienda che voleva brevettare il goto....insomma si capisce dov'è l'assurdo?
    • CCC scrive:
      Re: SAP open source tedesco
      - Scritto da: CSOE

      La SAP è leader per i gestionali aziendali e il

      software (costosissimo) è open source (si va di

      debug ma è open source)

      Ma questa è disinformazione ! concordo con te!mischiare quel cesso mangiasoldi di SAP con il sw libero è disinformazione!
  • Renji Abarai scrive:
    Re: ma chi se ne frega dei desktop!
    Perchè non la pensate così anche quando escono delle news su Win? Va là che ve ne frega!E poi che c'entra comparare il desktop con altri impieghi?Nel desktop fate un bel buco nell'acqua, per altri impieghi è l'ideale.Come al solito non sapete da che parte guadare e cosa comparare.
    • dont feed the troll scrive:
      Re: ma chi se ne frega dei desktop!
      - Scritto da: Renji Abarai
      Nel desktop fate un bel buco nell'acqua, per
      altri impieghi è
      l'ideale.Innazitutto è veramente sciocco dire "fate un buco nell'acqua", così come Linux non lo facciamo noi, ergo se falisce non è che falliamo noi, nemmeno Microsoft è vostra e certo Vista non lo fai tu, ergo quando lo si critica faresti bene a non sentirti in colpa, nè quando vende (con la violenza) milioni di copie non è merito tuo.Inoltre è ancora opinabile parlare di "buco nell'acqua" solo perchè tu e milioni di utonti non lo sapete usare e non avete voglia di imparare: ad oggi anche come sistema desktop è migliore di Vista, fatevene una ragione.Avrà mille difetti, ma resta da un punto di vista puramente tecnico migliore anni luce di Vista.
      Come al solito non sapete da che parte guadare e
      cosa
      comparare.Come al solito quelli come te pensano l'universo in funzione di cio' che compro e che acquisto, continuate a guardare a cosa avete e mai a cosa siete.E per questo provo sinceramente compassione.
    • pabloski scrive:
      Re: ma chi se ne frega dei desktop!
      - Scritto da: Renji Abarai
      Perchè non la pensate così anche quando escono
      delle news su Win? Va là che ve ne
      frega!
      E poi che c'entra comparare il desktop con altri
      impieghi?
      Nel desktop fate un bel buco nell'acqua, per
      altri impieghi è
      l'ideale.
      Come al solito non sapete da che parte guadare e
      cosa
      comparare.non è detto....personalmente ho un pò di siti web che non trattano temi riservati ai geek eppure la percentuale di utenti Linux sia aggira intorno al 4%, stessa cosa che affermò Gartner l'anno scorsoquindi proprio di buco nell'acqua non parlerei....inoltre sarà impossibile scalzare Windows finchè gli OEM continueranno a preinstallarlo e tutti i dati degli utenti saranno disponibili in formati chiusise MS è convinta della superiorità del suo OS perchè non apre i formati dati usati da Windows? perchè magari, così facendo, si ritroverebbe a perdere quote di mercato a blocchicomunque la situazione gnu/linux non è così chiara come voi winari credete....ci sono i Paesi del BRICO dove Linux spopola, vedi il Venezuela che ha ordinato 1 milione di Intel classmates con Linux preinstallatoci andrei cauto con le cifre, anche perchè come ho detto i numeri non ci sono, si parla di Linux allo 0.8%, ma nel mio piccolo vedo una penetrazione superiore di almeno il 400%
      • CSOE scrive:
        Re: ma chi se ne frega dei desktop!

        del BRICO dove Linux spopola, vedi il Venezuela
        che ha ordinato 1 milione di Intel classmates con
        Linux preinstallatoChávez ! La scelta è politica, comunista per la precisione.
        • gnulinux86 scrive:
          Re: ma chi se ne frega dei desktop!
          Si va bene, allora nel Perù i pc di Negroponte che montano Xp, anche qui c'è stata una scelta puramente politica il Perù è uno stato fascista (rotfl)
          • quotatore scrive:
            Re: ma chi se ne frega dei desktop!
            - Scritto da: gnulinux86
            Si va bene, allora nel Perù i pc di Negroponte
            che montano Xp, anche qui c'è stata una scelta
            puramente politica il Perù è uno stato fascista
            (rotfl)quoto
        • pabloski scrive:
          Re: ma chi se ne frega dei desktop!
          - Scritto da: CSOE

          del BRICO dove Linux spopola, vedi il Venezuela

          che ha ordinato 1 milione di Intel classmates
          con

          Linux preinstallato

          Chávez ! La scelta è politica, comunista per la
          precisione.quindi in Colombia ordineranno 500.000 PC con Vista :D
    • pabloski scrive:
      Re: ma chi se ne frega dei desktop!
      infatti come ho detto svariate volteWindows è buono per giocarci a casa e usarlo in ufficio come telescriventeLinux serve per tutti gli altri impieghi più impegnativi
  • Terminator scrive:
    Open Source è mente aperta
    L' Open Source si affermerà incontrovertibilmente perchè il suo successo è nel suo dna che in fondo è lo stesso dna che fino ad ora ha permesso l' affermarsi della ragione umana nonostante tutte le potenti forze contrarie che comunque non potranno mai superare la più potente forza della ragione e della sopravvivenza contenuta nell' essenza del genere umano e che è propria delle menti aperte come la condivisione che è anche propria dell' Open Source.
    • qaser scrive:
      Re: Open Source è mente aperta
      - Scritto da: Terminator
      L' Open Source si affermerà incontrovertibilmente
      perchè il suo successo è nel suo dna che in fondo
      è lo stesso dna che fino ad ora ha permesso l'
      affermarsi della ragione umana nonostante tutte
      le potenti forze contrarie che comunque non
      potranno mai superare la più potente forza della
      ragione e della sopravvivenza contenuta nell'
      essenza del genere umano e che è propria delle
      menti aperte come la condivisione che è anche
      propria dell' Open
      Source.si, hai ragione, ora però ci vogliono le prove, altrimenti il tuo resta solo un pensiero dettato dall'intolleranza ideologicafinora l'open source ha dato vita solo a firefox e pochi altri progetti così così finanziati dal capitalismo di IBM e Googleil resto è tutta roba commerciale o come preferisci "closed"
  • pippo75 scrive:
    Principali progetti open europei
    qualcuno sa quali sono i principali progetti sviluppati in europa ( diciamo principalmente in europa )Sono open o sono open/free?
    • Marcellus Wallace scrive:
      Re: Principali progetti open europei
      Uno per tutti: Linux.Linus Torvalds è finlandese.Oppure Python, creato dall'olandese Guido Van Rossum.
      • Renji Abarai scrive:
        Re: Principali progetti open europei
        i miracoli di wikipedia!
      • CSOE scrive:
        Re: Principali progetti open europei

        Oppure Python, creato dall'olandese Guido Van
        Rossum.Oppure le Qt, alla base di KDE e di tanti closed.
      • CSOE scrive:
        Re: Principali progetti open europei

        Oppure Python, creato dall'olandese Guido Van
        Rossum.Oppure le Qt, alla base di KDE e di tanti closed.
        • CCC scrive:
          Re: Principali progetti open europei
          - Scritto da: CSOE

          Oppure Python, creato dall'olandese Guido Van

          Rossum.

          Oppure le Qt, alla base di KDE e di tanti closed.è da un pezzo che le qt sono libere...
          • CSOE scrive:
            Re: Principali progetti open europei

            è da un pezzo che le qt sono libere...E ho detto il contrario io ? Ho solo dato una informazione, non ho paura della realtà.Le Qt partono closed e finiscono open in mano a Nokia.
          • Cobra Reale scrive:
            Re: Principali progetti open europei
            Grande, CSOE! :) Sei sempre tu il MIGLIORE!!! ;)Mi inchino :$-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 settembre 2008 21.32-----------------------------------------------------------
      • bobox scrive:
        Re: Principali progetti open europei
        - Scritto da: Marcellus Wallace
        Uno per tutti: Linux.
        Linus Torvalds è finlandese.
        Oppure Python, creato dall'olandese Guido Van
        Rossum.ma non sono progetti europei, sono progetti di gente che è nata in europatu si che sei linux! ;)
    • Hugan scrive:
      Re: Principali progetti open europei
      - Scritto da: pippo75
      qualcuno sa quali sono i principali progetti
      sviluppati in europa ( diciamo principalmente in
      europa
      )

      Sono open o sono open/free?ecco la lista dei progetti open europei......ecco qui invece la lista dei restanti progetti europei in ambito software (di qualsiasi tipo e metodologia di sviluppo)......si, l'europa è proprio una regina, la regina del nulla fare, ecco perchè si associa ultimamente alle ideologie di stallman[img]http://www.softpanorama.org/People/Stallman/Images/saintignucius.jpg[/img]
    • CCC scrive:
      Re: Principali progetti open europei
      - Scritto da: pippo75
      qualcuno sa quali sono i principali progetti
      sviluppati in europa ( diciamo principalmente in
      europa
      )

      Sono open o sono open/free?senza andare molto lontano:GRASS (http://grass.itc.it/)Dal 2001 il progetto (nato negli USA, nel 1997) si è spostato a ITC-irst, Trento, Italy...jAPS (http://www.japsportal.org/jAPSPortal/)Gov4J (http://www.gov4j.it/gov4j/jsp/index.htm)ecc...............a ce ne sono tanti altri in europa...ad es...SuSE? GermaniaApache? anche in Europa (http://people.apache.org/map.html)ecc................
  • pippo75 scrive:
    esistono dati completi
    dei programmi che vengono usati/preferiti.Sono installazioni nuove?Se non sono nuove, prima cosa usavano, sono passate da... a ....( principalmente mi intereserebbe client ).qualcuno sa qualcosa? grazie.
  • pippo75 scrive:
    Re: open source - gratis - qualità


    Troppo spesso open source per una azienda (e
    anche per le amministrazioni) significa gratis,infatti è vero, ma anche per i privati.In quanti sborserebbero 50/100 euro per openoffice?Non la licenza, ma per pagare lo sviluppo.
    ovvero significa abbattere dei costi e quindi
    marginare maggiormente sul lavoro che viene
    fatto.Ma significa anche abbattere i danari per sviluppo.
    In realtà anche nel mondo open source si può
    pagare, ad esempio con l'assistenza o con la
    formazione, che permettono di produrre con
    maggiore qualità. Ma visto che si può fare a
    meno, non lo si fa proprio.quanti hanno assunto dei programmatori o chiesto a delle ditte di sviluppare modifiche per openoffice/mozilla/firefox/altro ?Non dico IBM, RedHat o simili, ma ditte italiane.
    • pabloski scrive:
      Re: open source - gratis - qualità
      - Scritto da: pippo75


      In quanti sborserebbero 50/100 euro per
      openoffice?
      Non la licenza, ma per pagare lo sviluppo.
      se il gioco vale la candela perchè non dovrebbero farlo? ma l'esempio openoffice è sbagliato....cosa c'è che va modificato in openoffice?se invece devi implementare un datacenter, probabilmente ti converrà chiamare un sistema unix, che installerà una bella gentoo, fare i tweak necessari, ti compilerà un kernel ad alta latenza, organizzerà i singoli computer per operare in cluster ( e ci sono mille modi diversi per farlo )è ovvio che se ci limitiamo a firefox o a openoffice non ci sia nulla da cambiare/riprogrammare/modificare
      Ma significa anche abbattere i danari per
      sviluppo.
      beh i cinesi hanno lo stesso scopo e nessuno si lamenta mi pare :Dquello che si riduce sono le spese extra per "reinventare la ruota ogni volta"non vuol dire sottopagare i programmatori e infatti gli sviluppatori OSS sono meglio pagati dei loro colleghi del closed
      quanti hanno assunto dei programmatori o chiesto
      a delle ditte di sviluppare modifiche per
      openoffice/mozilla/firefox/altro
      ?
      Telecom per migrare la sua architettura a Linuxil CNIPA per l'infrastruttura di cloud computing che hanno sviluppato l'anno scorsoin sostanza si fa laddove è necessario....perchè uno dovrebbe aver necessità di modificare firefox?
      • pippo75 scrive:
        Re: open source - gratis - qualità

        se il gioco vale la candela perchè non dovrebbero
        farlo? ma l'esempio openoffice è
        sbagliato....cosa c'è che va modificato in
        openoffice?Ok, in quanti hanno fatto donazione ( percentuale sull'utilizzo ) ?
        è ovvio che se ci limitiamo a firefox o a
        openoffice non ci sia nulla da
        cambiare/riprogrammare/modificarevuoi dire che nessuno vorrebbe un bel correttore grammaticale per openoffice?Quando è che sun ci decide e ce lo regala?
        beh i cinesi hanno lo stesso scopo e nessuno si
        lamenta mi pare
        :Dqualcuni si lamenta.
        non vuol dire sottopagare i programmatori e
        infatti gli sviluppatori OSS sono meglio pagati
        dei loro colleghi del closednon dico sottopagati, ma quanti parlano di open, solo perchè è gratis?
        • gnulinux86 scrive:
          Re: open source - gratis - qualità
          Guarda che OpenOffice ha già il correttore ortografico.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 settembre 2008 20.38-----------------------------------------------------------
          • pippo75 scrive:
            Re: open source - gratis - qualità
            - Scritto da: gnulinux86
            Guarda che OpenOffice ha già il correttore
            ortografico.appunto ortografico, non grammaticale.ne parlano qui http://it.openoffice.org/contribuire/whiteboard.html, ma credo che abbia vita molto dura.Si potesse collegare come esterno "errata corrige" non sarebbe male.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: open source - gratis - qualità
            Secondo me stai facendo confusione, sai cose è il correttore ortografico??-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 settembre 2008 21.19-----------------------------------------------------------
          • pippo75 scrive:
            Re: open source - gratis - qualità
            - Scritto da: gnulinux86
            Secondo me stai facendo confusione, sai cose è il
            correttore
            ortografico??ho confuso, volevo scrivereappunto grammaticale, non ortografico, per capirci tipo errata corrige.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: open source - gratis - qualità
            Continui a non capire, ti spiego meglio, OpenOffice iclude strumenti linguistici(il dizionario per la correzione ortografica e il thesaurus).Il correttore orografico di OpenOffice svolge le stesse funzioni di quello di Microsoft Office.Rimango dell idea che tu non sappia quale sia la funzione del correttore ortografico.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 settembre 2008 21.37-----------------------------------------------------------
          • pippo75 scrive:
            Re: open source - gratis - qualità

            Dire correttore ortografico o grammaticale è la
            stessa
            cosa.Allora ammetto la mia ignoranza, ma allora" io sono andati " che tipo di errore è ?Io lo spacciavo per un errore di grammatica.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: open source - gratis - qualità
            Io uso OpenOffice 3 e corregge anche quel tipo di errore.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 settembre 2008 21.51-----------------------------------------------------------
  • pabloski scrive:
    ma quindi.....
    WINDOWS AL TAPPETO :D
  • pabloski scrive:
    Re: open source - gratis - qualità
    quello che descrivi è il tipico comportamento all'italianal'opensource impone delle regole molto rigide circa la leggibilità del codice, l'organizzazione dello stesso e l'obbligo di documentarlo accuratamenteè chiaro chiunque può mettere su un codice a spaghetti e distribuirlo come opensource....ma il programmatore intelligente, lo guarda e lo butta e passa ad altroci sono progetti monchi, altri semplicemente squallidima c'è anche molto codice buono e utilein questo sta la non gratuità dell'opensource, ovvero per usarlo avrai sempre bisogno di qualcuno che sia competente, che sappia districarsi nei sorgenti, che sia in grado di modificarli per adattarli a determinati casi d'usoin sostanza l'opensource alla lunga conviene molto di più, perchè permette di riutilizzare il codice e quindi di implementare soluzione software robuste e in minor tempo rispetto al codice proprietario
    • satollo scrive:
      Re: open source - gratis - qualità
      Ciò che scrivi è corretto, ma bisogna fare un distinguo: tu la vedi dal punto di vista del programmatore, correttamente, e per te l'open source signifca avere il codice del prodotto che hai scelto di utilizzare.Ma quando si discute di open source con aziende ed amministrazioni, il significato cambia (magari in modo errato): open source significa "liberamente scaricabile ed utilizzabile senza pagare nulla". Che poi la presenza del sorgente sia utile, passa in secondo piano.Tutto questo per rendersi indipendenti dai fornitori che essendo costretti ad usare pacchetti open source (e fornire il codice di quello che sviluppano) sono facilmente sostituibili. Questa è la convenienza che vede chi tiene le corde del borsello.E l'open source non garantisce codice più robusto di quello proprietario. Io ho usato le commons di apache per anni (e continuo ad usarle) e sono tante le parolacce che ho tirato quando da una versione all'altra non hanno mantenuto la compatiilità. E succede perché, ovviamente, non si crea una relazione vincolante cliente-fornitore tra sviluppatori open source e chi questo codice lo usa.Pensa poi a quante volte hai usato (per lavoro) codice open source con lo scopo di modificarlo e quante volte invece lo usi come "libreria", quindi come componente gratuito nel quale non metterai mai le mani. Io non credo di aver mai modificato Tomcat, Jboss, Apache, Java, Mysql, ... anche perché pi non potrei più fare l'upgrade!!!Ovviamente le mie sono solo osservazioni in anni di lavoro. Alla fine bisogna scegliere quello che permette di lavorare bene e se serve una cosa proprietria perché è quella giusta, si deve prendere quella.
  • gnulinux86 scrive:
    La scelta giusta.
    Che l'Unione Europea abbia scelto l'OpenSource è un dato di fatto:http://business.webnews.it/news/leggi/7957/leuropa-sceglie-lopen-source/http://osor.eu/newsLe statistiche dimostrano che si sta andando nella direzione auspicata dell'Unione Europea.
    • CSOE scrive:
      Re: La scelta giusta.

      Le statistiche dimostrano che si sta andando
      nella direzione auspicata dell'Unione
      Europea.Cioè affondo ? Effettivamente sono riusciti quasi a cancellare anche quel poco di industria del software Europea che esisteva. Bravi, continuate così.
      • gnulinux86 scrive:
        Re: La scelta giusta.
        Rosica pure.
        • pabloski scrive:
          Re: La scelta giusta.
          - Scritto da: gnulinux86
          Rosica pure.che vuoi farci, l'invidia è una brutta bestiae poi immagina il poveraccio che dopo aver comprato sVista Ultimate a 500 si accorge che vale un 1/10 di Ubuntu Gutsy :D
          • CSOE scrive:
            Re: La scelta giusta.

            e poi immagina il poveraccio che dopo aver
            comprato sVista Ultimate a 500 si accorge che
            vale un 1/10 di Ubuntu GutsyChi sa poi perchè adorate tanto questo Ubuntu. Che non è per dire ma è proprio brutto ed inusabile. Mah.
          • pabloski scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: CSOE

            e poi immagina il poveraccio che dopo aver

            comprato sVista Ultimate a 500 si accorge che

            vale un 1/10 di Ubuntu Gutsy

            Chi sa poi perchè adorate tanto questo Ubuntu.
            Che non è per dire ma è proprio brutto ed
            inusabile.


            Mah.i gusti son gusti :De comunque io uso Arch
          • dont feed the troll scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: pabloski
            - Scritto da: CSOE


            e poi immagina il poveraccio che dopo aver


            comprato sVista Ultimate a 500 si accorge che


            vale un 1/10 di Ubuntu Gutsy



            Chi sa poi perchè adorate tanto questo Ubuntu.

            Che non è per dire ma è proprio brutto ed

            inusabile.





            Mah.

            i gusti son gusti :D

            e comunque io uso Archio uso kubuntu con le famigerate kde 4.1 in dual boot con xp... ormai accendo windows solo per guardare la tv (che purtroppo ha driver solo windows) anche per i giochi vado di wine alla stragrande.Lo trovo usabilissimo (soprattutto grazie all'installatore programi e/o pacchetti), e dopo un piccolo impatto iniziale, anche facile da configurare.Quanto alla bellezza, tutto è relativo,ma onestamente il look&feel della kde4 fa sembrare xp roba del secolo passato (vista di contro è solo pacchiano).E devo dire che ho iniziato a buttare un'occhio a linux solo da qualche mese, prima che qualcuno inzi a berciare che sono un linaro cantinaro.
          • AtariLover scrive:
            Re: La scelta giusta.
            Per curiosità, che tuner TV hai?(atari)
          • dont feed the troll scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: AtariLover
            Per curiosità, che tuner TV hai?

            (atari)prolink pixelview usb 400
          • quotatore scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: dont feed the troll
            - Scritto da: AtariLover

            Per curiosità, che tuner TV hai?



            (atari)

            prolink pixelview usb 400quoto
          • Cobra Reale scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: dont feed the troll
            - Scritto da: AtariLover

            Per curiosità, che tuner TV hai?



            (atari)

            prolink pixelview usb 400Googlando un pò ho trovato questo:http://dougsland.livejournal.com/52373.html
          • dont feed the troll scrive:
            Re: La scelta giusta.
            grazie per il tentativo ma non funziona con il mio apparecchio il cui modello ahimè è un po' + vecchio di quello di cui parla il link
          • pabloski scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: dont feed the troll
            Quanto alla bellezza, tutto è relativo,ma
            onestamente il look&feel della kde4 fa sembrare
            xp roba del secolo passato (vista di contro è
            solo
            pacchiano).ma infatti kde4 è un DE rivoluzionario, magari Microsoft fosse stata in grado di fare qualcosa del genere con Vista
            E devo dire che ho iniziato a buttare un'occhio a
            linux solo da qualche mese, prima che qualcuno
            inzi a berciare che sono un linaro
            cantinaro.eh no purtroppo sei fregato...i rosiconi winari cominceranno a chiamarti cantinaro compila-kernel, diranno che mentre loro fanno tutto col pensiero, tu sei costretto a digitare migliaia di comandi incomprensibili nella shellpoi arriverà il winaro tecnocrate ( perchè sa che esistono le DLL ) e dirà che sei un linaro fesso che ama gingillarsi col cubo di Compiz :Dla verità è che stanno rosicando di brutto, del resto è comprensibile, uno che spende 500 per un OS per poi accorgersi che fa pena e che in 2 anni tra gli extra hanno distribuito solo Dreamscene e un giochino stupidoè da mangiarsi il fegato effettivamente :D
          • Nome e cognome scrive:
            Re: La scelta giusta.
            Ti posso capire..anche per un super mega edp manager con piatatforma windows una linea di comando farebbe venire i capelli dritti, e poi ovviamente andate subito a vedere la gui (benchè sia dato di fatto che sia più gradevole).Ridicolo
          • gnulinux86 scrive:
            Re: La scelta giusta.
            Non scambiamo i ruoli, il termine inusabile si può accostare solamente a Vista.
        • wapp scrive:
          Re: La scelta giusta.
          - Scritto da: gnulinux86
          Rosica pure.il crollo economico dell'europa è un vostro sogno segreto, solo così si può comprendere il vostro amore cieco verso l'open sourcevoi vorreste inconsciamente sovvertire le basi sociali ed economiche europee, in pratica una rivincita dal basso, la rivincita dei perdentie linux è l'unica arma che avete, ma è un'arma debole e voi siete destinati a perdere ancora una voltaricordati di questo post fra qualche anno :)
          • gnulinux86 scrive:
            Re: La scelta giusta.
            Il crollo dell'Europa? che pensieri perfidi che hai...Io sto vedendo il crollo degli U.S.A, che a causa di un economia globalizzata sta portando crisi in tutto il mondo Europa compresa.Comunque Linux non è un arma come pensi tu, è un Kernel.
          • pabloski scrive:
            Re: La scelta giusta.
            già fra qualche anno riderò nella mia villa ad Arraial d'Ajuda mentre tu lavorerai alle dipendenze di una ditta closed source 18 ore al giorno a 600 al mese :Dgoditi il capitalismo mi raccomando :D
      • pabloski scrive:
        Re: La scelta giusta.
        - Scritto da: CSOE

        Le statistiche dimostrano che si sta andando

        nella direzione auspicata dell'Unione

        Europea.

        Cioè affondo ?

        Effettivamente sono riusciti quasi a cancellare
        anche quel poco di industria del software Europea
        che esisteva.


        Bravi, continuate così.mah, io non capisco in che modo l'opensource possa affondare l'industria del softwarefacciamo il caso in cui tutto sia closed source....tu arrivi sul mercato, ci sono millemila tecnologie disponibili, tu devi riacciuffare i competitor, ma tra brevetti, sgambetti, impossibilità di sbirciare nelle soluzioni dei competitor, mi spieghi come faresti a superare, per esempio, Microsoft?è inutile che parlate a vanvera, almeno dimostrate che quello che dite è la realtà
        • CSOE scrive:
          Re: La scelta giusta.

          mah, io non capisco in che modo l'opensource
          possa affondare l'industria del
          softwareVisto che le grandi industrie di produzione software sono solo ed escusivamente closed.. fai un po' tu.
          • krane scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: CSOE

            mah, io non capisco in che modo l'opensource

            possa affondare l'industria del software
            Visto che le grandi industrie di produzione
            software sono solo ed escusivamente closed.. fai
            un po' tu.Tutta colpa tua che le fai fallire usando strumenti open, vergogna !!
          • pabloski scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: CSOE

            mah, io non capisco in che modo l'opensource

            possa affondare l'industria del

            software

            Visto che le grandi industrie di produzione
            software sono solo ed escusivamente closed.. fai
            un po'
            tu.???? e dove l'hai letta?le grandi industrie dell'IT sono quelle dell'hardware innanzitutto e infatti grazie all'OSS stanno ritornando alle posizioni che avevano pre-MSdetto questo Intel, IBM ( che è anche un software developer ) , Atheros, VIA, AMD/ATI, Oracle, Infosys, HP, CA, Cap Gemini sono tutte industrie che hanno a che fare, usano e producono applicazioni opensourcebeh direi che ogni tanto dovreste guardare un pò oltre M$
          • pippo75 scrive:
            Re: La scelta giusta.

            le grandi industrie dell'IT sono quelle
            dell'hardware innanzitutto e infatti grazie
            all'OSS stanno ritornando alle posizioni che
            avevano
            pre-MSdomanda ( ma quante ne faccio oggi :) ), chi parla di open perchè vede come chiodo fisso la M$, sapete che esistono centinaia di altre ditte che sviluppano programmi non opensource?
          • pabloski scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: pippo75
            domanda ( ma quante ne faccio oggi :) ), chi
            parla di open perchè vede come chiodo fisso la
            M$, sapete che esistono centinaia di altre ditte
            che sviluppano programmi non
            opensource?certo ma qui si parlava di grandi ditte....quelle della Fortune 500 per intendercima tu lo sai quante altre ditte di medie dimensioni sviluppano software OSS e ci guadagnano pure?
          • W window ICE scrive:
            Re: La scelta giusta.
            pablo fossi una donna ti darei un bacetto! parole sante!
          • CSOE scrive:
            Re: La scelta giusta.

            detto questo Intel, IBM ( che è anche un software
            developer ) , Atheros, VIA, AMD/ATI, Oracle,
            Infosys, HP, CA, Cap Gemini sono tutte industrie
            che hanno a che fare, usano e producono
            applicazioni
            opensourceIo sto parlando dell'industria del software, quindi non tirare in ballo chi produce Hardware e guadagna con il ferro o con i servizi per configurare la soluzione open che non va.Detto questo , nomi di queste fantomatiche applicazioni ?No perchè Oracle è closed, le altre sono system integrator e quindi sviluppano su commissione al cliente. I pochi prodotti che vendono sono tutti closed.Mi sa che a forza di auto-promuovere l'open non avete un'idea molto chiara di come è fatto il mercato.. a parte qualche commodity (DB o OS) tutto il resto è closed !
          • CSOE scrive:
            Re: La scelta giusta.

            HP e IBM sono anche produttori di softwareHP guadagna sull'hardware, tutti i suoi prodotti di gestione custom sono closed.IBM guadagna con SO closed (aix, ZOs...), la stragrande maggioranza del software IBM è closed.
            Novell Offre servizi, il suo più recente prodotto di punta (Identity Manager) mi risulta essere rigorosamente closed. Eì un po' che non controllo, potrei sbagliarmi ma non credo.
            Redhat è un'altraRedhat offre servizi, praticamente non sviluppa nuovo software.
            Sun Microsystems e non venirmi a dire che è unaSi, questa ha sviluppato software open, anche se inizialmente Java era closed. Guadagna però dal ferro, come le altre.
            Intel che produce librerie, compilatori e
            software per OEMTutta roba di supporto al ferro, non è un'industria del software.
            se poi parli di Oracle, forse sei tu che non sai
            di cosa stai parlando
            http://oss.oracle.com/Fronzoli gratis attorno al core closed.
            il famoso Berkeley DB è della Oraclecomprato ed affondato
            MySQL pure è della Sun, prima era un'azienda a sèEra in perdita, da sempre.
            QNX software systems che ha reso opensource QNX e
            NeutrinoNon conosco.
            guarda attualmente pure Microsoft ha una
            divisione opensource
            http://www.microsoft.com/opensource/fronzoli gratis
            dai, potevi almeno guardarti wikipedia prima di
            sparare cazzateBello, forse è melgio che invece leggi meno wikipedia e parli con chi ci lavora nell'IT.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: La scelta giusta.
            Può anche darsi che sia come dici tu, in ogni caso ci sono casi eclatanti (MS) che dimostrano quanto il software closed oltre (ovviamente) a costare parecchio spesso fa anche pietà (partiamo dall'os sia desktop che server, al dbms che non usa NESSUNO, all'inopportuno Exchange i cui utilizzatori mandano quotidianamente a quel paese, prodotti quindi che non hanno fatto il flop che si meritavano).Purtroppo l'ignoranza informatica ha permesso che questa sia la più grande sw house a questo mondo, speriamo che questa famosa crisi economica metta in ginocchio queste socetà produttrici di M).Non sono contro il close source e credo che l'open e closed possano sopravvivere assieme, purchè si tratti di software di qualità.
          • Darkat scrive:
            Re: La scelta giusta.
            mmm in realtà le grandi software house che producono open source offrono più soluzioni di business, cioè ad esempio di uno stesso prodotto offrono una versione gratuita per i più e poi una versione a pagamento che offre diversi vantaggi in più :/ o almeno questa è un pò l'impressione che mi sono fatto io vedendo i vari prodotti
          • pabloski scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: CSOE
            IBM guadagna con SO closed (aix, ZOs...), la
            stragrande maggioranza del software IBM è
            closed.
            mmm direi che guadagna anche con Linux e le soluzioni aziendali Linux-based che ne dici?
            Offre servizi, il suo più recente prodotto di
            punta (Identity Manager) mi risulta essere
            rigorosamente closed. Eì un po' che non
            controllo, potrei sbagliarmi ma non
            credo.
            ti sbagli e di parecchio pure....Novell produce patch per il kernel Linux, ha integrato tecnologie Netware in Linux e coordina un mucchio di progetti relativi ad X.org
            Redhat offre servizi, praticamente non sviluppa
            nuovo
            software.
            anche qui mostri si non sapere un tubo di cose fanno queste società
            Si, questa ha sviluppato software open, anche se
            inizialmente Java era closed. Guadagna però dal
            ferro, come le
            altre.
            mmm e MYSQL?

            Tutta roba di supporto al ferro, non è
            un'industria del
            software.
            semplicemente perchè non ha bisogno di esserlo

            se poi parli di Oracle, forse sei tu che non sai

            di cosa stai parlando

            http://oss.oracle.com/

            Fronzoli gratis attorno al core closed.
            ma l'hai vista quella pagina?

            il famoso Berkeley DB è della Oracle

            comprato ed affondato
            e ancora usato ovunque sia necessaria una libreria per un DB leggero :Dpoi chi è che l'avrebbe comprato? mi pare che sia ancora open

            Era in perdita, da sempre.
            bilanci?

            QNX software systems che ha reso opensource QNX
            e

            Neutrino

            Non conosco.meno male, almeno eviti di dire qualche altra sciocchezza


            guarda attualmente pure Microsoft ha una

            divisione opensource

            http://www.microsoft.com/opensource/

            fronzoli gratis
            per forza, loro sono gli antiopensource

            dai, potevi almeno guardarti wikipedia prima di

            sparare cazzate

            Bello, forse è melgio che invece leggi meno
            wikipedia e parli con chi ci lavora
            nell'IT.insomma con uno come me che lavora da 10 anni nell'IT
          • Ma basta sparare cagate... scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: CSOE
            Tutta roba di supporto al ferro, non è
            un'industria del software.????il software serve proprio a far funzionare il ferro. Cosa ci trovi di così sbagliato nel fatto che le GROSSE AZIENDE dell'IT di cui si sta parlando (e che pabloski ti ha perfettamente portato ad esempio) sviluppino ANCHE software open sul loro Hw? (già... a supporto del ferro!...) Non capisco...a me non sembra così assurdo.
          • iluvatar scrive:
            Re: La scelta giusta.
            - Scritto da: CSOE
            Io sto parlando dell'industria del software,
            quindi non tirare in ballo chi produce Hardware e
            guadagna con il ferro o con i servizi per
            configurare la soluzione open che non
            va.

            Detto questo , nomi di queste fantomatiche
            applicazioni
            ?


            No perchè Oracle è closed, le altre sono system
            integrator e quindi sviluppano su commissione al
            cliente. I pochi prodotti che vendono sono tutti
            closed.

            Mi sa che a forza di auto-promuovere l'open non
            avete un'idea molto chiara di come è fatto il
            mercato.. a parte qualche commodity (DB o OS)
            tutto il resto è closed
            !Perchè, se i programmatori li paga un azienda che produce hardware, allora non và bene?Per me è integrazione verticale, e se non si trattasse di software open potrei anche essere d'accordo sul fatto che non è auspicabile.In questo modo invece viene prodotto tanto software open source, per molti gratuito, sovvenzionato da un mercato concorrenziale che se ne distribuisce autonomamente i costi di produzione senza averne la possibilità di potersene appropriare per poi magari sfruttarne il peso (per ora si marginale) per guadagnare quote di mercato.Il modello che invece dimostri di difendere tu è invece un modello forse più efficiente in termini di profitti delle singole grandi aziende, ma sicuramente molto meno efficiente per i consumatori.Contando che gli sviluppatori alla fin fine sono quasi sempre impiegati (e non dirigenti) in un azienda, perchè mai dovresti volere un modello economico quale il closd source? Dirigi/sei il proprietario di una piccola azienda closed?
          • Nome e cognome scrive:
            Re: La scelta giusta.
            Sun infatti è veramente piccolaNovell non ne parliamoRad Hat manco a dirlo
      • CCC scrive:
        Re: La scelta giusta.
        - Scritto da: CSOE

        Le statistiche dimostrano che si sta andando

        nella direzione auspicata dell'Unione

        Europea.

        Cioè affondo ?

        Effettivamente sono riusciti quasi a cancellare
        anche quel poco di industria del software Europea
        che esisteva.


        Bravi, continuate così."industria del software Eurpea"... bella questa!
    • Firefox rulez scrive:
      Re: La scelta giusta.
      Fiero di essere europeo.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: La scelta giusta.
      L'Europa è destinata al crollo economico??? Intendi ciò che sta accadendo agli U.S.A!!?? quindi l'Europa può puntare benissimo sull' OpenSource, dato che gli U.S.A sono in crisi anche se la maggioranza è il ClosedSource.
    • pabloski scrive:
      Re: La scelta giusta.
      mmm quindi gli Stati Uniti dovrebbero essere ok?bah sarà ma mi pare che nell'UE "comunista" nessuna banca sia fallita ancora, altrettanto non possiamo dire per gli ultraliberisti USA e UKforse è il capitalismo a tutti i costi il vero problema e la ragione del crollo economico....fermo restando che il crollo attuale è dovuto a manovre finanziarie ( quindi non economiche ) azzardate per dragare soldi dall'erario
  • CSOE scrive:
    Meno male
    Adesso che 2 ricerche dicono che l'open source sta dilagando abbiamo la conferma che in Europa è molto amato FireFox.
    • next scrive:
      Re: Meno male
      - Scritto da: CSOE
      Adesso che 2 ricerche dicono che l'open source
      sta dilagando abbiamo la conferma che in Europa è
      molto amato
      FireFox.E' solo meno odiato di IE.
    • krane scrive:
      Re: Meno male
      - Scritto da: CSOE
      Adesso che 2 ricerche dicono che l'open source
      sta dilagando abbiamo la conferma che in Europa è
      molto amato FireFox.Bhe, certo che e' amato e diffuso, tu usi strumenti open per il blog no ???Grazie per contribuire alla diffusione dell'open.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Meno male
      Leggendo il tuo commento di due righe, ho la conferma di quanto tu ami sponsorizzare Firefox. Grazie.......
    • pabloski scrive:
      Re: Meno male
      - Scritto da: CSOE
      Adesso che 2 ricerche dicono che l'open source
      sta dilagando abbiamo la conferma che in Europa è
      molto amato
      FireFox.e Ubuntu si diffonde in Italia a macchia d'olio :D
  • digitalspac e scrive:
    Re: open source - gratis - qualità
    Finalmente leggo qualcosa di sensato e critico quando si parla di Linux vs Micro$oft senza cadere nel banale "partitismo" informatico che non serve a nessuno, ma proprio a nessuno che fa questo mestiere con del sale in zucca.Hai davvero ragione.Purtroppo fintanto che l'informatica sarà sempre l'eccezione della regola non ci saranno mai regole interne.
    • boh scrive:
      Re: open source - gratis - qualità
      - Scritto da: digitalspac e
      Finalmente leggo qualcosa di sensato e critico
      quando si parla di Linux vs Micro$oft senza
      cadere nel banale Banale è leggere che c'è ancora gente nel 2008 che scrive ancora micro$oft.
      • quotatore scrive:
        Re: open source - gratis - qualità
        - Scritto da: boh
        - Scritto da: digitalspac e

        Finalmente leggo qualcosa di sensato e critico

        quando si parla di Linux vs Micro$oft senza

        cadere nel banale

        Banale è leggere che c'è ancora gente nel 2008
        che scrive ancora
        micro$oft.Quoto
      • Bash scrive:
        Re: open source - gratis - qualità
        - Scritto da: boh
        - Scritto da: digitalspac e

        Finalmente leggo qualcosa di sensato e critico

        quando si parla di Linux vs Micro$oft senza

        cadere nel banale

        Banale è leggere che c'è ancora gente nel 2008
        che scrive ancora
        micro$oft.Infatti si usa la forma abbreviata M$.
        • Boh scrive:
          Re: open source - gratis - qualità
          - Scritto da: Bash
          - Scritto da: boh

          - Scritto da: digitalspac e


          Finalmente leggo qualcosa di sensato e critico


          quando si parla di Linux vs Micro$oft senza


          cadere nel banale



          Banale è leggere che c'è ancora gente nel 2008

          che scrive ancora

          micro$oft.

          Infatti si usa la forma abbreviata M$.Si, voi sfigati
      • CCC scrive:
        Re: open source - gratis - qualità
        - Scritto da: boh
        - Scritto da: digitalspac e

        Finalmente leggo qualcosa di sensato e critico

        quando si parla di Linux vs Micro$oft senza

        cadere nel banale

        Banale è leggere che c'è ancora gente nel 2008
        che scrive ancora
        micro$oft.perché? cosa ha di diverso M$ nel 2008 M$ rispetto a prima?
  • Hugan scrive:
    Regina o Moribonda?
    Beh si... secondo il mio ragionamento l'europa non è una regina per aver riempito (ammesso che sia vero) gli uffici pubblici dei sandali di stallman e di tutta la sua ideologia.Se l'europa ha deciso che l'informatica debba passare per i software gratis che si prendono in edicola, allora questo è un altro segno che il vecchio continente è destinato a soccombere.Ci si dovrebbe vantare solo se avessimo sviluppato negli anni delle vere industrie software (vedi Corea, India, Brasile, Giappone... e ovviamente USA)... anzichè bruciarsi ancora il cervello con ideologie religioso-informatiche (vedi freesoftware/open source) che non portano sviluppo, non portano competizione, non portano nulla. Oltretutto in europa l'open source si usa ma non si fa (se non si fa software commerciale, figurati se si fa software per guadagnare con le installazioni).Voi gioite pure per l'open source e per questa vostra conquista morale, intanto nel futuro saremo costretti sempre più a importare software dagli altri continenti.
    • Dr. House scrive:
      Re: Regina o Moribonda?
      Ok le tue stupidaggini le hai dette, ripassa quando avrai le idee piu chiare
    • Essex scrive:
      Re: Regina o Moribonda?
      - Scritto da: Hugan
      Beh si... secondo il mio ragionamento l'europa
      non è una regina per aver riempito (ammesso che
      sia vero) gli uffici pubblici dei sandali di
      stallman e di tutta la sua
      ideologia.

      Se l'europa ha deciso che l'informatica debba
      passare per i software gratis che si prendono in
      edicola, allora questo è un altro segno che il
      vecchio continente è destinato a
      soccombere.

      Ci si dovrebbe vantare solo se avessimo
      sviluppato negli anni delle vere industrie
      software (vedi Corea, India, Brasile, Giappone...
      e ovviamente USA)... anzichè bruciarsi ancora il
      cervello con ideologie religioso-informatiche
      (vedi freesoftware/open source) che non portano
      sviluppo, non portano competizione, non portano
      nulla. Oltretutto in europa l'open source si usa
      ma non si fa (se non si fa software commerciale,
      figurati se si fa software per guadagnare con le
      installazioni).

      Voi gioite pure per l'open source e per questa
      vostra conquista morale, intanto nel futuro
      saremo costretti sempre più a importare software
      dagli altri
      continenti.Esattamente l'opposto.
    • pabloski scrive:
      Re: Regina o Moribonda?
      - Scritto da: Hugan
      Beh si... secondo il mio ragionamento l'europa
      non è una regina per aver riempito (ammesso che
      sia vero) gli uffici pubblici dei sandali di
      stallman e di tutta la sua
      ideologia.
      certo non abbiamo le banche che falliscono a catena
      Se l'europa ha deciso che l'informatica debba
      passare per i software gratis che si prendono in
      edicola, allora questo è un altro segno che il
      vecchio continente è destinato a
      soccombere.
      ecco, altra cazzata...hai presente che IBM vende a pacchi il software OSS, supporto compreso...no dico IBM eh, mica il cinese sotto casa
      Ci si dovrebbe vantare solo se avessimo
      sviluppato negli anni delle vere industrie
      software (vedi Corea, India, Brasile, Giappone...
      e ovviamente USA)... anzichè bruciarsi ancora ilqui sei caduto come una pera cotta....hai nominato la Corea, produttore e consumatore di opensourcee due Paesi del BRICO ( India e Brasile ), notissimi per avere una penetrazione del 60% dell'opensourceecco cos'hanno fatto questi Paesi, hanno adottato e sviluppano l'opensource
      cervello con ideologie religioso-informatiche
      (vedi freesoftware/open source) che non portano
      sviluppo, non portano competizione, non portano
      nulla. Oltretutto in europa l'open source si usasbagliato, l'OSS non è un'ideologia è una metodologia ingegneristica
      ma non si fa (se non si fa software commerciale,
      figurati se si fa software per guadagnare con le
      installazioni).
      ma di certo è più facile creare un'industria basata sull'opensource che cercare di riprendere MS e tutti gli altri produttori closed source....nell'OSS puoi sempre entrarci, i colossi del closed source invece faranno di tutto per tenerti fuori
      Voi gioite pure per l'open source e per questa
      vostra conquista morale, intanto nel futuro
      saremo costretti sempre più a importare software
      dagli altri
      continenti.qui sbagli....volendo potremo anche prendere il controllo del software OSS, i sorgenti ci sono, basta formare ingegneri degni di tale nomedel resto come hanno fatto Cina e Russia? altri due colossi del BRICO....non usano mica il Win, basano la loro industria sull'opensourcemi sa che hai le idee parecchio confuse
      • Darkat scrive:
        Re: Regina o Moribonda?
        quoto e aggiungo che anche il giappone ha molte spinte sull'open source a partire dai super computer, passando dalla robotica e per finire sulle consule di video giochi. in cina non so la situazione invece :/ ma si sa che in cina l'informatica è tutt'altro che aperta quindi non mi stupirei di niente...so di certo che microsoft e gli altri prodotti americani non sono ben visti e cercano di produrre software alternativo loro...poi non so di preciso come stanno messi :) in italia certo sembriamo un paese del terzo mondo
        • r1348 scrive:
          Re: Regina o Moribonda?
          A dire il vero lo stato cinese supporta pure una distro linux ufficiale, Red Flag.
          • Darkat scrive:
            Re: Regina o Moribonda?
            be anche in italia abbiamo la nostra distribuzione :) sabayon, però in generale l'industria informatica va male per vari motivi, coraggio però a quei pochi che tentano di rovesciare tutto!
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Regina o Moribonda?
      - Scritto da: Hugan
      Beh si... secondo il mio ragionamento l'europa
      non è una regina per aver riempito (ammesso che
      sia vero) gli uffici pubblici dei sandali di
      stallman e di tutta la sua
      ideologia.

      Se l'europa ha deciso che l'informatica debba
      passare per i software gratis che si prendono in
      edicola, allora questo è un altro segno che il
      vecchio continente è destinato a
      soccombere.

      Ci si dovrebbe vantare solo se avessimo
      sviluppato negli anni delle vere industrie
      software (vedi Corea, India, Brasile, Giappone...
      e ovviamente USA)... anzichè bruciarsi ancora il
      cervello con ideologie religioso-informatiche
      (vedi freesoftware/open source) che non portano
      sviluppo, non portano competizione, non portano
      nulla. Oltretutto in europa l'open source si usa
      ma non si fa (se non si fa software commerciale,
      figurati se si fa software per guadagnare con le
      installazioni).

      Voi gioite pure per l'open source e per questa
      vostra conquista morale, intanto nel futuro
      saremo costretti sempre più a importare software
      dagli altri
      continenti.Quindi dovrei gioire ad ingrassare i conti correnti di M$ invece di reinvestire il denaro su operatori locali favorendo lo sviluppo di software a livello nazionale?Capisco gli USA, ma gli Europei fanno benissimo a buttarsi sull'Open, oltretutto non rischiano di usare software potenzialmente aperto a backdoor di controllo in mano al governo USA, che sarà anche amico ma ha già dimostrato in passato di non farsi scrupoli per supportare le proprie aziende!
      • pabloski scrive:
        Re: Regina o Moribonda?
        - Scritto da: Enjoy with Us
        Quindi dovrei gioire ad ingrassare i conti
        correnti di M$ invece di reinvestire il denaro su
        operatori locali favorendo lo sviluppo di
        software a livello
        nazionale?mah, si vede che lui è americano
        Capisco gli USA, ma gli Europei fanno benissimo a
        buttarsi sull'Open, oltretutto non rischiano di
        usare software potenzialmente aperto a backdoorpotenzialmente? :D
        di controllo in mano al governo USA, che sarà
        anche amico ma ha già dimostrato in passato di
        non farsi scrupoli per supportare le proprie
        aziende!e infatti Cina, Russia, Sudamerica stanno tutti migrando all'opensource, evidentemente il legame MS-governo federale è molto più forte di quanto si creda
  • Enjoy with Us scrive:
    Messaggio ai succubi M$
    Avete capito? E' inutile che continuiate le vostre battaglie di retroguardia, il futuro è open, il futuro è Linux e il 2008 è veramente stato l'anno di Linux!Vedrete se M$ nei prossimi anni non si ritroverà a controllare solo un mercato di nicchia!P.S. Se avete azioni M$ vendetele! Con quello che sta succedendo sui mercati non mi stupirei nel vedere nei prossimi anni M$ in amministrazione controllata!
    • zac scrive:
      Re: Messaggio ai succubi M$
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Avete capito? E' inutile che continuiate le
      vostre battaglie di retroguardia, il futuro è
      open, il futuro è Linux e il 2008 è veramente
      stato l'anno di
      Linux!
      Vedrete se M$ nei prossimi anni non si ritroverà
      a controllare solo un mercato di
      nicchia!
      P.S. Se avete azioni M$ vendetele! Con quello che
      sta succedendo sui mercati non mi stupirei nel
      vedere nei prossimi anni M$ in amministrazione
      controllata!Il futuro... il futuro... ma non ti vergogni a usare sempre la parola futuro da almeno 17 anni?Noi del software commerciale usiamo invece la parola presente, e continueremo ad utilizzarla anche nel futuro! :)L'open source non fa mercato, non fa business e non potrà mai farlo. L'open source permette solo di guadagnare nelle personalizzazioni e nell'assistenza. Il che non ha nulla a che vedere con un futuro roseo.Buona fortuna sognatori ;)
      • Funz scrive:
        Re: Messaggio ai succubi M$
        - Scritto da: zac

        L'open source non fa mercato, non fa business e
        non potrà mai farlo. L'open source permette solo
        di guadagnare nelle personalizzazioni e
        nell'assistenza. Il che non ha nulla a che vedere
        con un futuro
        roseo.A parte che non è vero che OS = gratis, come pensi che sopravviverà alla lunga il software chiuso / commerciale di fronte ad alternative libere / gratuite sempre migliori? Non sopravviverà, e tutto il tuo bel business andrà a pallino, che ti piaccia o no.
        Buona fortuna sognatori ;)Buona fortuna a te, che evidentemente non ti sei ancora svegliato :p
        • AMEN scrive:
          Re: Messaggio ai succubi M$
          - Scritto da: Funz

          come
          pensi che sopravviverà alla lunga il software
          chiuso / commerciale di fronte ad alternative
          libere / gratuite sempre migliori? E' quel sempre che non convince......
          • Funz scrive:
            Re: Messaggio ai succubi M$
            - Scritto da: AMEN
            - Scritto da: Funz



            come

            pensi che sopravviverà alla lunga il software

            chiuso / commerciale di fronte ad alternative

            libere / gratuite sempre migliori?

            E' quel sempre che non convince......Sempre migliori nel senso che, se non sono i migliori adesso, lo saranno prima o poi.Basta vedere una distribuzione Linux di tre anni fa con una di adesso per rendersi conto della velocità dello sviluppo.
          • pabloski scrive:
            Re: Messaggio ai succubi M$
            - Scritto da: AMEN
            E' quel sempre che non convince......è quel sempre che comparirà sulla lapide del software closed :Dcomunque sia quello che tutti voi non capite, e forse perchè non siete informatici, è la complessità bestiale del software modernosai qual'era la prima domanda che ci ponevamo ad ingegneria? ma io da ingegnere informatico dovrò conoscere tutte le discipline? se non so come implementare l'algoritmo per la risoluzione delle ODE come faccio a dirlo al computer?può sembrare banale e molto diranno che esistono figure apposite che traducono il problema da trattare in un linguaggio comprensibile dal programmatore....ok ma il programmatore se non ha la minima idea del perchè quel dato algoritmo è fatto così finirà per sviluppare un software mediocre, infatti la traduzione processo-
            codice non è una cosa meccanicae già qui nasce un problema per le realtà closed source...altro problema è che un'azienda X potrebbe non aver accesso al miglior algoritmo/metodo per implementare il suo software Y col risultato di spendere tempo e danaro per creare qualcosa che di fatto è subottimalee infine c'è il problema della programmazione vera e propria, ovvero la forza lavoro per scrivere il codice...un primo esempio è stato Linux, un mostro complicatissimo che nessun'azienda potrebbe permettersi di replicare....e infatti MS sono 10 anni che parla di singularity, midori, ecc... ma ancora non s'è visto nullalo sviluppo di un OS e di tutto il software di contorno richiede uno sforzo abnorme che nessun'azienda può sostenereovviamente questo non vale solo per gli OS ma per qualsiasi software complesso ( es. i DBMS )ecco, è in questi casi che l'opensource mostra i muscoli e si dimostra infinitamente migliore del closed source
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: Messaggio ai succubi M$
        - Scritto da: zac
        Il futuro... il futuro... ma non ti vergogni a
        usare sempre la parola futuro da almeno 17 anni?Ciò che avverrà si chiama futuro. Tu che parola usi?
        Noi del software commercialeCos'è, una religione? Un partito politico? Ma soprattutto chi e cosa rappresenti, o credi di rappresentare, per usare il pronome 'noi'?
        usiamo invece la parola presenteAppunto.
        e continueremo ad utilizzarla anche nel futuro!Te l'ha detto un indovino? Oppure semplicemente ti rifiuti di credere alla realtà?
        L'open source non fa mercato, non fa business L'open source è parte del business di praticamente tutte le maggiori aziende che si occupano di software. Questo è un fatto. Come pensi di confutarlo?
        L'open source permette solo di guadagnare nelle
        personalizzazioni e nell'assistenza. Ovvero circa il 95% del lavoro ordinario di un programmatore in una qualunque software house. Ti sembra poco?
      • pabloski scrive:
        Re: Messaggio ai succubi M$
        - Scritto da: zac
        Il futuro... il futuro... ma non ti vergogni a
        usare sempre la parola futuro da almeno 17
        anni?
        scusa ma Win da quand'è che ha cominciato a penetrare nel mercato aziendale? mi pare da NT in poi, anzi da Win2000 perchè NT 4 crashava ogni 2 minutifai un pò il conto....dal 1978 che MS mise le mani sul DOS fino al 2000 sono 22 anni....tanto ci vuole perchè un OS si affermi e si renda utilizzabile in campo enterpriseinoltre c'è il fatto che MS ha un monopolio e lo usa per tagliare le gambe ai competitor e c'è un parco software enorme che rappresenta un volano d'inerzia
        Noi del software commerciale usiamo invece la
        parola presente, e continueremo ad utilizzarla
        anche nel futuro!
        :)
        e chi te lo vieta, contento tu
        L'open source non fa mercato, non fa business e
        non potrà mai farlo. L'open source permette solo
        di guadagnare nelle personalizzazioni e
        nell'assistenza. Il che non ha nulla a che vedere
        con un futuro
        roseo.
        qui sbagli ed evidentemente non hai minimamente colto il senso del softwar OSS, le sfide e la complessità del software moderno e perchè l'OSS rende di più rispetto al closed sourcetu parli di personalizzazioni, ma sbagli di grosso e ti mostri totalmente ignorante in materia....non si tratta di cambiare il colore delle icone ma magari di effettuare modifiche più o meno pesanti ad un software per adattarlo ad un certo caso d'usol'OSS in questo senso è il santo graal dell'ingegneria del software, codice disponibile a tutti e riusabile universalmente senza dover ogni volta reinventare la ruota
        Buona fortuna sognatori ;)beh meglio che vivere in un perenne incubo come gli sviluppatori closed source :D
    • AMEN scrive:
      Re: Messaggio ai succubi M$
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Avete capito? E' inutile che continuiate le
      vostre battaglie di retroguardia, il futuro è
      open, il futuro è Linux e il 2008 è veramente
      stato l'anno di
      Linux!Hai già finito l'asilo??Poveretto....
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Messaggio ai succubi M$
        - Scritto da: AMEN
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Avete capito? E' inutile che continuiate le

        vostre battaglie di retroguardia, il futuro è

        open, il futuro è Linux e il 2008 è veramente

        stato l'anno di

        Linux!

        Hai già finito l'asilo??
        Poveretto....Vedremo!
  • lupo scrive:
    Open Source/Linux
    Bhe! Non era poi una novita. E da tempo che la Germania ha adottato linux nella amministrazioni publica e non solo. E quando le Germania si muove in una certa direzione non é per fare della "temedenza" o della moda da passerella!!!!
  • Soldato Joker scrive:
    Non è tutto chiaro
    L'analisi parla di società che utilizzano software open source, ma non specifica se lo utilizzino in via esclusiva e la differenza non è poca. A me fa piacere di questa diffusione, ma questi dati non dicono molto. Per esempio un azienda con l'intero parco macchine basato su piattaforma MS, rientrebbero nel conteggio perchè utilizzano firefox e OpenOffice? Oppure perchè come server web usano apache?Per me sarebbe significativo se la maggior parte del lavoro venisse svolta con strumenti open source.Ovviamente questo è solo il mio parere.
    • THe_ZiPMaN scrive:
      Re: Non è tutto chiaro
      - Scritto da: Soldato Joker
      L'analisi parla di società che utilizzano
      software open source, ma non specifica se lo
      utilizzino in via esclusiva e la differenza non è
      poca. Rileggi meglio, lo dice tra le righe:"impiega una qualche tipologia di software libero".Quindi se un'azienda ha 1000 PC Windows XP, con MSOffice, 10 server Windows W2K3 con su i vari Exchange, MSSQL, SharePoint e un server Windows W2K3 con Apache rientra tra quelli che hanno software OS.
      • Smegma scrive:
        Re: Non è tutto chiaro
        Bisognerebbe rifare la statistica escludendo i programmi (firefox in primis) e focalizzando sul sistema operativo.
        • BlueSky scrive:
          Re: Non è tutto chiaro
          - Scritto da: Smegma
          Bisognerebbe rifare la statistica escludendo i
          programmi (firefox in primis) e focalizzando sul
          sistema
          operativo.Se lo scopo fosse quello di sapere quanti usano sistemi operativi open-source si, ma nell'ottica di capire quanti adottano soluzioni a codice aperto, indipendentemente dal tipo, no.
      • Soldato Joker scrive:
        Re: Non è tutto chiaro
        Si hai ragione, forse mi sono spiegato male io (ero mezzo addormentato :p).Ho capito che non si faceva riferimento all'utilizzo esclusivo di software OS, volevo solo sottolineare che la frase: "impiega una qualche tipologia di software libero" non è precisa e non permette di farsi un'idea sulla situzione reale.
  • Mortimer scrive:
    2.0 - 3.0 non significano niente
    Ma che cosa esprimono queste numerazioni? Più che ci penso e più che mi sembrano slogan commerciali.Ho sentito diversi webmaster dire ai clienti che dovevano ristrutturare il sito per farlo secondo i nuovi standard del "web 2.0"; così gli danno due tocchi alla grafica, qualche trasparenza, qualche effetto e il gioco è fatto.XHTML + CSS + buone capacità grafiche. Il web 2.0 c'era anche 10 anni fa, così come il javascript.Non si è fatto in tempo a clonare il nuovo termine del web 2.0 che già salta fuori il 3.0... ma dove vogliamo arrivare?
  • Cobra Reale scrive:
    E l'Italia?
    Come siamo messi, noi?
    • pallonaro scrive:
      Re: E l'Italia?
      le voglio proprio vedere tutte ste aziende che hanno le risorse per usare software open...
      • Mix scrive:
        Re: E l'Italia?
        In Alto Adige tutte le piccole amministrazioni usano server linux, e su circa il 60% dei client openoffice, firefox, thunderbird.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: E l'Italia?
          - Scritto da: Mix
          In Alto Adige tutte le piccole amministrazioni
          usano server linux, e su circa il 60% dei client
          openoffice, firefox,
          thunderbird.l'ASL 8 di Asolo (TV) ha su tutte le macchine installato Open Office!
      • Dr. House scrive:
        Re: E l'Italia?
        - Scritto da: pallonaro
        le voglio proprio vedere tutte ste aziende che
        hanno le risorse per usare software
        open...Qui da me stiamo migrando tutto a soluzioni open, dai firewall alla posta elettronica passando per i client, per questi ci vuole di piu soltanto per il software di gestione utilizzato, creato adhoc e naturalmente per windows (a sua discolpa va detto che è stato creato eoni fa) ma che verrà sostituito con una soluzione in grado di girare anche su altre piattaforme
      • Sci_fi scrive:
        Re: E l'Italia?
        Da me (formazione professionale a Torino) tutti i server e 1,5 aule hanno s.o. libero. Sui restanti usiamo software libero per la maggior parte delle attività.
    • HAL scrive:
      Re: E l'Italia?
      Quasi solo software closed, piratato ovviamente
    • ... scrive:
      Re: E l'Italia?
      male, molto malein italia linux viene a costare più di windows, a causa di gestioni idiote dei budget e di leggi fatte ad hocti faccio un esempio, le PA e le aziende pubbliche (e non solo, in generale aziende dove chi gestisce ste cose è un idiota, cioè il 90% di quelle grosse italiane) sono OBBLIGATE per legge ad installare sistemi operativi enterprise (cioè, basta che c'è enterprise nella parola, fai te....), il risultato è che invece di risparmiare mettendo una Debian, sono costretti a mettere Red Hat Enterprise al modico prezzo di 5000 euro (e forse anche di più) a licenza, col risultato che 10 server linux vengono a costare 30 volte 10 server win2k3, poi se gli dici "ma guarda che debian è gratis", la risposta è "si ma non è enterprise", purtroppo questa è la realtà in italia...ora non so se qualcuno di voi ha mai visto il "supporto" tecnico della red hat enterprise (quello che in teoria paghi 5000 euro), roba da far ridere un pollo di gommaperò finché siamo in uno stato in cui le leggi vengono fatte ad hoc per ingrassare i conti in banca dei soliti noti, credetemi, è meglio restare a windows...
      • Mix scrive:
        Re: E l'Italia?
        Non so di quali amministrazioni parli,ma nei comuni dell'Alto Adige sui nuovi server si installa Ubuntu 8.04 LTS.
        • pippo75 scrive:
          Re: E l'Italia?
          - Scritto da: Mix
          Non so di quali amministrazioni parli,
          ma nei comuni dell'Alto Adige sui nuovi server si
          installa Ubuntu 8.04
          LTS.neanche io, ma se non sbaglio il trentino è regiona autonoma, magari dipende da quello.
          • pabloski scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: pippo75
            - Scritto da: Mix

            Non so di quali amministrazioni parli,

            ma nei comuni dell'Alto Adige sui nuovi server
            si

            installa Ubuntu 8.04

            LTS.

            neanche io, ma se non sbaglio il trentino è
            regiona autonoma, magari dipende da
            quello.o forse ha ragione Bossi quando dice che il Nord fa sul serio e al Sud si pensa solo a prendere e dare tangenti
          • pippo75 scrive:
            Re: E l'Italia?


            o forse ha ragione Bossi quando dice che il Nord
            fa sul serio e al Sud si pensa solo a prendere e
            dare
            tangentici metteresti la mano sul fuoco che con l'open source non ci possono essere tangenti?io non la metterei ne per l'open ne per il closed.
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: E l'Italia?
        - Scritto da: ...
        le PA e le aziende
        pubbliche (e non solo, in generale aziende dove
        chi gestisce ste cose è un idiota, cioè il 90% di
        quelle grosse italiane) sono OBBLIGATE per legge
        ad installare sistemi operativi enterpriseDi quale legge stai parlando?
        sono costretti a mettere Red Hat Enterprise al modico
        prezzo di 5000 euro (e forse anche di più) a licenza,Niente affatto. Ci sono differenti offerte a seconda del tipo di assistenza richiesta. Per di più esistono anche molte alternative di livello 'enterprise' non necessariamente 'Red Hat', offerte da Novell, Sun, IBM, Oracle e Canonical, per citare solo le più conosciute.
        10 server linux vengono a costare 30 volte 10
        server win2k3Falso. Hai preso in considerazione il costo dell'assistenza Microsoft?
        poi se gli dici "ma guarda che
        debian è gratis", la risposta è "si ma non è
        enterprise", purtroppo questa è la realtà in
        italia...Hai una visione non realistica della questione. Ogni azienda ha bisogno dell'assistenza sui sistemi informatici, dunque è normale affidarsi a soluzioni 'professionali' invece che scelte 'fatte in casa'. Per questo nelle grandi strutture è più conveniente una scelta 'enterprise' piuttosto che una Debian.
        ora non so se qualcuno di voi ha mai visto il
        "supporto" tecnico della red hat enterpriseIo sì, ed ho a che farci spesso. Nessun'altra azienda ha mai mostrato una tale efficienza. E posso confrontarla con IBM, Microsoft, Oracle, Sun e Symantec.
        credetemi, è meglio restare a windows...Per ingrassare i 'soliti noti'?
        • ... scrive:
          Re: E l'Italia?

          Di quale legge stai parlando?Quelle relative alla sicurezza nelle PA e simili
          Niente affatto. Ci sono differenti offerte a
          seconda del tipo di assistenza richiesta. Per di
          più esistono anche molte alternative di livello
          'enterprise' non necessariamente 'Red Hat',
          offerte da Novell, Sun, IBM, Oracle e Canonical,
          per citare solo le più conosciute.Si, ma non hai capito di cosa parlavo...è vero che ci sono diverse offerte, ma il problema è a monte, il responsabile che fa queste scelte nel 99% dei casi sopra ci prende una tangente paurosa, quindi finisce che una licenza la paghi 5000 euro
          Falso. Hai preso in considerazione il costo
          dell'assistenza
          Microsoft?Parlavo solo delle licenze, non dell'assistenza
          Hai una visione non realistica della questione.
          Ogni azienda ha bisogno dell'assistenza sui
          sistemi informatici, dunque è normale affidarsi a
          soluzioni 'professionali' invece che scelte
          'fatte in casa'. Per questo nelle grandi
          strutture è più conveniente una scelta
          'enterprise' piuttosto che una Debian.Certo, quindi mettiamo tutti redhat enterprise (perché è enterprise), con la libc bacata da anni, applicazioni che non girano, ecc...uhm....ah gia, siamo in itaGlia
          Io sì, ed ho a che farci spesso. Nessun'altra
          azienda ha mai mostrato una tale efficienza. E
          posso confrontarla con IBM, Microsoft, Oracle,
          Sun e Symantec.Beh se i tuoi problemi tecnici sono "non trovo il bottone da clickare" allora posso darti ragione, altrimenti proprio no...perché in italia ci sono gli inviati di redhat e di microsoft che danno gli ip a 64bit (!!!), e amenità simili, gente che non sa ne leggere ne scrivere quasi
          Per ingrassare i 'soliti noti'?no perché attualmente ci costa di meno, perché con server linux viene a costare il triplo visto che sopra ci mangiano n^2 persone, mentre con microsoft ci mangiano solo n personenon siamo in germania, siamo in italia, se linux nel resto del mondo è gratis, in italia costa più di windowsinfatti in tutto il mondo nessuno usa roba linux a pagamento per cose serie, perché le distribuzioni a pagamento fanno tutte ridere, partendo da redhat, che almeno si salva per la fedora peròpoi oh, sarà stata una brutta esperienza mia, e magari nel resto delle società italiane è tutto rose & fiori, lo spero sinceramente, ma ho paura che non sia così
          • pabloski scrive:
            Re: E l'Italia?
            posso essere d'accordo ma non è colpa di Linux se l'Italia è la patria dei papponiche facciamo, vogliamo replicare la campagna di MS "Get the facts" che gli costò un'ammonizione dall'authority per l'advertising londinese tanto che era piena di balle?
          • ... scrive:
            Re: E l'Italia?
            ma mica sto dando colpa a linux, ma che vuol diresto dicendo, che per come è messa l'italia ORA, passare tutto a linux comporterebbe dei costi folli, che ricadebbero per la maggior parte su di noi
          • pabloski scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: ...
            ma mica sto dando colpa a linux, ma che vuol dire
            sto dicendo, che per come è messa l'italia ORA,
            passare tutto a linux comporterebbe dei costi
            folli, che ricadebbero per la maggior parte su di
            noiè normale che una migrazione abbia dei costi, non si può evitarliil punto è fare un investimento...quando una banca dà i soldi all'impresa tal dei tali per costruire un hotel casinò pensa ai guadagni a lungo termine, perchè chiaramente nel breve termine vede solo uscite di miliardi lo stesso vale per l'OSS, è un'occasione che l'Europa ha per rimettere le mani sullo sviluppo softwareper quelli che hanno conosciuto l'età d'oro di Inmos, STM, Commodore, sapranno forse di cosa parlo e di quanto l'UE fosse avanti nel settore IT....all'epoca quando Intel produceva proci giocattolo, la Inmos creava i Transputerpoi un pò per problemi finanziari, un pò per pressioni USA, un pò grazie ad Echelon, gli americani ci superarono....nello stesso periodo sempre il governo USA fece pressioni sul Giappone affinchè abbandonassero iTron per adottare il DOS di Microsoftpoi venne fuori la storia di NSA=M$ e da lì l'UE capì che bisognava fare subito qualcosacome vedi il discorso è ben più complesso e va aldilà del software, toccando questioni di sicurezza interna e ovviamente questioni economiche
          • ... scrive:
            Re: E l'Italia?
            molte delle cose di cui parli sono da film di fantascienza e da complottisti "i transistor li hanno portati gli alieni"io sto parlando di problemi reali
          • pabloski scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: ...
            molte delle cose di cui parli sono da film di
            fantascienza e da complottisti "i transistor li
            hanno portati gli
            alieni"

            io sto parlando di problemi realipeccato che sull'uso di Echelon a fini commerciali ci sia un volume della Commissione UE di 2500 pagine
          • ... scrive:
            Re: E l'Italia?
            si ci sono volumi da 2500 pagine su qualsiasi cosa, tu li hai mai visti?perché i link su internet lasciano il tempo che trovano...
          • dont feed the troll scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: ...
            si ci sono volumi da 2500 pagine su qualsiasi
            cosa, tu li hai mai
            visti?

            perché i link su internet lasciano il tempo che
            trovano...Vabbè ma negare Echelon è come negare, che l'acuqa è bagnata.Per favore.
          • quotatore scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: dont feed the troll
            - Scritto da: ...

            si ci sono volumi da 2500 pagine su qualsiasi

            cosa, tu li hai mai

            visti?



            perché i link su internet lasciano il tempo che

            trovano...

            Vabbè ma negare Echelon è come negare, che
            l'acuqa è
            bagnata.
            Per favore.quoto
          • ... scrive:
            Re: E l'Italia?
            mica ho negato echelon (anche se per vari motivi posso pensare che non esiste...ma vabbe, infondo devono farci qualche libro no? sennò come fanno gli scrittori)stavo solo dicendo che non sta scritto da nessuna parte che gli usa hanno spiato l'europa sui sistemi operativi, cioè, ma che è una nuova tesi complottista? altro che funghi...
          • Cobra Reale scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: ...
            mica ho negato echelon (anche se per vari motivi
            posso pensare che non esiste...ma vabbe, infondo
            devono farci qualche libro no? sennò come fanno
            gli scrittori) http://it.wikipedia.org/wiki/ECHELONhttp://www.privacy.it/ueechelon.htmlhttp://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//NONSGML+REPORT+A5-2001-0264+0+DOC+PDF+V0//EN&language=EN-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 settembre 2008 19.13-----------------------------------------------------------
          • ... scrive:
            Re: E l'Italia?
            ah allora se c'è su wikipedia è vero, dimenticavo :)ora metto su wikipedia la foto mia abbracciato con un alieno :)riguardo agli altri link, l'unico un minimo attendibile è il terzo (non dovevano essere 2500 pagine???) in cui comunque non si accenna a spionaggi industriali ai danni dei sistemi operativi europei...
          • Cobra Reale scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: ...
            ah allora se c'è su wikipedia è vero, dimenticavo
            :)
            ora metto su wikipedia la foto mia abbracciato
            con un alieno
            :)Sono curioso di vederla :)
            riguardo agli altri link, l'unico un minimo
            attendibile è il terzo (non dovevano essere 2500
            pagine???) in cui comunque non si accenna a
            spionaggi industriali ai danni dei sistemi
            operativi
            europei...Scusa, ma non hai detto di non credere ad Echelon?
          • pabloski scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: ...
            si ci sono volumi da 2500 pagine su qualsiasi
            cosa, tu li hai mai
            visti?

            perché i link su internet lasciano il tempo che
            trovano...no veramente ne parlò pure il TG5 all'epoca, poi si è insabbiato tutto o meglio l'UE sta agendo per tagliare le gambe al mostro tentacolare
          • anonimo scrive:
            Re: E l'Italia?
            - Scritto da: ...
            infatti in tutto il mondo nessuno usa roba linux
            a pagamento per cose serie, perché le
            distribuzioni a pagamento fanno tutte ridere,
            partendo da redhat, che almeno si salva per la
            fedora
            Il tuo è solo FUD..ti dovresti vergognare!
        • anonimo scrive:
          Re: E l'Italia?
          - Scritto da: www.aleksfalcone.org
          - Scritto da: ...

          le PA e le aziende

          pubbliche (e non solo, in generale aziende dove

          chi gestisce ste cose è un idiota, cioè il 90%
          di

          quelle grosse italiane) sono OBBLIGATE per legge

          ad installare sistemi operativi enterprise

          Di quale legge stai parlando?


          sono costretti a mettere Red Hat Enterprise al
          modico

          prezzo di 5000 euro (e forse anche di più) a
          licenza,

          Niente affatto. Ci sono differenti offerte a
          seconda del tipo di assistenza richiesta. Per di
          più esistono anche molte alternative di livello
          'enterprise' non necessariamente 'Red Hat',
          offerte da Novell, Sun, IBM, Oracle e Canonical,
          per citare solo le più conosciute.



          10 server linux vengono a costare 30 volte 10

          server win2k3

          Falso. Hai preso in considerazione il costo
          dell'assistenza
          Microsoft?


          poi se gli dici "ma guarda che

          debian è gratis", la risposta è "si ma non è

          enterprise", purtroppo questa è la realtà in

          italia...

          Hai una visione non realistica della questione.
          Ogni azienda ha bisogno dell'assistenza sui
          sistemi informatici, dunque è normale affidarsi a
          soluzioni 'professionali' invece che scelte
          'fatte in casa'. Per questo nelle grandi
          strutture è più conveniente una scelta
          'enterprise' piuttosto che una Debian.



          ora non so se qualcuno di voi ha mai visto il

          "supporto" tecnico della red hat enterprise

          Io sì, ed ho a che farci spesso. Nessun'altra
          azienda ha mai mostrato una tale efficienza. E
          posso confrontarla con IBM, Microsoft, Oracle,
          Sun e Symantec.



          credetemi, è meglio restare a windows...

          Per ingrassare i 'soliti noti'?Hai pienamente ragione e il post a cui hai risposto non è altro che FUD. Purtroppo siamo a questi livelli...
    • pabloski scrive:
      Re: E l'Italia?
      - Scritto da: Cobra Reale
      Come siamo messi, noi? he he indovina un pò :DItaliani mafiosi mangia spaghetti, no mandolino :D
    • 3Jane Marie-France Tessier-Ashpool scrive:
      Re: E l'Italia?
      - Scritto da: Cobra Reale
      Come siamo messi, noi?Siamo messi così: http://www.pubblicaamministrazione.net/infrastrutture-it/news/1198/a-galatina-la-scuola-del-futuro.html :| :| :|
    • Shiba scrive:
      Re: E l'Italia?
      - Scritto da: Cobra Reale
      Come siamo messi, noi?Da schifo, siamo italiani, no? XD
Chiudi i commenti