Kurzweil: l'avvento dei nanocosi

One-man-show per lo scienziato-futurologo-scrittore che racconta la sua visione del futuro: interfacce ottiche e neurali per computer molto più potenti, mondi virtuali e uomini potenziati dalle nanosonde. Rivoluzione in 10 anni


Los Angeles – Autore di best-seller, ascoltatissimo futurologo, rispettato scienziato, eccentrico inventore e imprenditore di successo, Ray Kurzweil nelle scorse ore ha spiegato ad una audience californiana come e quanto rapidamente sta per cambiare dalla A alla Z la vita dell’individuo nei paesi ricchi. A causa della tecnologia, evidentemente.

Prendendo parola alla conferenza Business 4Site, Kurzweil ha parlato di un ambiente interconnesso nel quale un uomo potenziato (nei paesi ricchi?), espleterà molte delle proprie attività, dal lavoro alla comunicazione personale, al divertimento. Al centro di tutto questo ci sono gli sviluppi in settori-chiave e in particolare nella nanotecnologia .

“Una volta che avremo l’intera industria manifatturiera basata sulla nanotecnologia – ha sottolineato Kurzweil – praticamente il valore di tutti i prodotti fisici sarà attribuibile all’informazione”. Uno scenario che ancora una volta divide Kurzweil da pensatori e scienziati come Bill Joy , cofondatore di Sun, che già alcuni anni fa lanciò un avvertito allarme sul procedere della nanotecnologia. Posizione che da tempo Kurzweil contesta .

Lo stesso Kurzweil ieri ha dichiarato che l’industria si sta muovendo in questa direzione già ai nostri giorni pur non avendo a disposizione quell’insieme di nanotech che sarà comune domani. “Il rapporto prezzo-qualità di tutte le tecnologie dell’informazione – ha spiegato lo scienziato americano – sia hardware che software, raddoppia ogni anno, con il 50 per cento di deflazione”, concetto che indica come di anno in anno la medesima tecnologia costi il 50 per cento in meno.

Ed è su questo concetto che Kurzweil ha incardinato la propria Law of Accelerating Returns ( qui i dettagli), postulato secondo cui il ritmo di accelerazione del progresso tecnologico raddoppia ogni decennio, al punto che il 21esimo secolo “conterrà” in realtà 20mila anni di ricerca , se paragonati alla velocità dello sviluppo di oggi.


“Il computing, le comunicazioni, le tecnologie biologiche, il sequencing del DNA, la scansione cerebrale, la conoscenza del cervello umano e la conoscenza umana – ha continuato – stanno tutti in generale accelerando ad un ritmo ancora più veloce, perlopiù raddoppiando capacità, bandwith e rapporto qualità-prezzo ogni anno”.

Come suo solito, Kurzweil ha spinto molto in là il proprio pensiero traendo da queste premesse le sue conclusioni. “Una volta che l’intelligenza non biologica – ha affermato – raggiungerà l’ampiezza e la varietà dell’intelligenza umana, andrà necessariamente ben oltre a causa della continua accelerazione delle tecnologie basate sull’informazione, e della capacità delle macchine di condividere istantaneamente la conoscenza”.

Uno scenario, questo, che ha riempito molta parte dell’immaginario fantascientifico . Riflettendo su questo, qualche anno fa, uno scienziato-scrittore del calibro di Arthur C. Clarke si era augurato “che i computer ci trattino con benevolenza. Ma io temo che le macchine si sentiranno in diritto di trattarci come meritiamo”.

Ma quando avverrà tutto questo? Il processo è già in atto e il guru americano ha anche azzardato delle previsioni. “Ad un certo punto tra il 2020 e il 2025 – ha spiegato – saranno pochi atomi a rappresentare le funzionalità chiave dei transistor. Significherà questo la fine della Legge di Moore ? Si, ma non la fine della crescita esponenziale del computing”.

Secondo Kurzweil, già nel 2010 i computer avranno mutato il loro aspetto e sarà cambiato il modo in cui ci rapportiamo ad essi. Secondo lo scienziato americano l’interfaccia sarà la retina, dove il computer con cui si sarà connessi potrà sparare le immagini richieste. Entro il 2020 , ha continuato, un apparato informatico da mille dollari riuscirà ad emulare efficacemente la potenza dell’elaboratore umano.

Andando ancora un po’ più in là, in un contesto in cui il reverse engineering del cervello umano consentirà nuove applicazioni cerebrali dell’intelligenza artificiale, entro il 2029 Kurzweil immagina la presenza nel corpo umano di milioni di nanorobot , tra loro connessi e naturalmente connessi a internet. “Questo – ha dichiarato – porterà ad una espansione significativa dell’intelligenza umana. Noi siamo già capaci di balzi intellettuali che sarebbero impossibili senza la tecnologia”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: uffa.... l'ho installato ieri
    perche' perdere tempo con thunderbird quando ci sono altri ottimi client di posta come pegasus mail, the bat, M2, etc che si aggiornano tranquillamente senza dover impazzire come succede con thunderbird ?
  • Anonimo scrive:
    Re: uffa.... l'ho installato ieri
    - Scritto da: Anonimo
    fighetto (troll)Fighetto? Solo perché uso un computer che fa le cose come logica vorrebbe nel 2004?Se è per questo ho anche un'auto senza la manovella di avviamento sotto il radiatore e la tv a colori....No dico, renditi conto, dai del troll a me perché mi stupisco che il tuo computer non riesce a capire da solo dove rintracciare i file da aggiornare....ma lo devi fare TU a mano.....e meno male che il computer deve AIUTARE l'uomo e non il contrario...........
  • Anonimo scrive:
    Re: uffa.... l'ho installato ieri
    fighetto (troll)
  • Anonimo scrive:
    Re: uffa.... l'ho installato ieri
    - Scritto da: Anonimo
    perché quando scarichi un programma
    non ti dicono "guarda che domani esce la
    prossima milestone"
    adesso tocca reinstallarmi tutte le
    estensione, i temi...
    Scusa, tanto per capire, perché non puoi installare la nuova versione?Su OSX, una volta scaricata la trascino sulla cartella Applicazioni, dove c'è la vecchia versione, e il sistema mi chiede se voglio aggiornarla o meno. Clicco "Si" ed è installata, mantenendo i temi, le estensioni, i settaggi etc.Se su altri sistemi non è così dovreste evitare di sparlare dei Mac......Ovviamente anche l'alias nel dock si aggiorna da solo......
  • carobeppe scrive:
    Re: uffa.... l'ho installato ieri

    Secondo me è un idea sbagliata quella
    di voler avere sempre e comunque l'ultima
    release.

    In genere la corsa all'ultima
    versione non è sempre la migliore
    cosa, se hai la versione precedente e
    funziona beneIo ad esempio nn sono d'accordo con questa filosofia ;) se infatti tutti la pensassero come te il mondo del software non andrebbe avanti. È vero che a volte le versioni nuove sono peggio delle vecchie (mi viene subito in mente ai tempi che da winamp 2.85 uscì il 3 e corsi subito ad installarlo), ma se proprio la versione nuova non ti piace puoi sempre reinstallare la vecchia (io reinstallai infatti winamp 2.85 e tornai a win98 dopo aver provato il ME)
  • Anonimo scrive:
    Re: uffa.... l'ho installato ieri
    - Scritto da: Anonimo
    perché quando scarichi un programma
    non ti dicono "guarda che domani esce la
    prossima milestone"
    adesso tocca reinstallarmi tutte le
    estensione, i temi... Secondo me è un idea sbagliata quella di voler avere sempre e comunque l'ultima release.In genere la corsa all'ultima versione non è sempre la migliore cosa, se hai la versione precedente e funziona beneIo ho Firefox 0.8 e non sento il bisogno di installare la nuova 0.9, funziona tutto alla grande, mentre ho già sentito qualcuno avere i primi problemi.Se hai la versione precedente, che ti importa? L'importante è che funzioni bene e abbia tutte le features che ti interessano
    ammesso poi che siano già pronte le
    estensioni, tipo enigmail ci mette sempre un
    po' ad uscire...Eh, diamogli un pò di tempo, su ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: uffa.... l'ho installato ieri
    - Scritto da: Anonimo
    perché quando scarichi un programma
    non ti dicono "guarda che domani esce la
    prossima milestone"
    adesso tocca reinstallarmi tutte le
    estensione, i temi...

    ammesso poi che siano già pronte le
    estensioni, tipo enigmail ci mette sempre un
    po' ad uscire...enigmail c'e'.. l'ho installato e funziona :)anche le altre estensioni, quelle vecchie, continuano a funzionare... :)Alex
  • Anonimo scrive:
    uffa.... l'ho installato ieri
    perché quando scarichi un programma non ti dicono "guarda che domani esce la prossima milestone"adesso tocca reinstallarmi tutte le estensione, i temi... ammesso poi che siano già pronte le estensioni, tipo enigmail ci mette sempre un po' ad uscire...
Chiudi i commenti