Kylix sposa GPL e si fa gratuito

Il giovane ambiente di sviluppo visuale per Linux arriva ora in versione free, scaricabile on-line, e dedicato alla creazione di software GPL
Il giovane ambiente di sviluppo visuale per Linux arriva ora in versione free, scaricabile on-line, e dedicato alla creazione di software GPL


Long Beach (USA) – Come promesso al momento del suo rilascio sul mercato , avvenuto lo scorso marzo, Borland ha pubblicato la versione Open Edition di Kylix, il noto ambiente di sviluppo visuale per Linux in grado di compilare programmi in Delphi e C++.

A dispetto delle edizioni già sul mercato, la Desktop Developer e la Server Developer, la Open potrà essere scaricata gratuitamente e utilizzata esclusivamente per sviluppare software free sotto licenza GPL.

Kylix Open Edition comprende infatti FreeCLX, una versione GPL delle librerie di componenti che stanno alla base del tool di sviluppo e consentono di rendere le applicazioni multi-piattaforma.

“La comunità open source è estremamente importante perché plasma il futuro dello sviluppo di applicazioni”, ha dichiarato Bill Claybrook, direttore ricerche di Aberdeen Group in ambito open source. “Nel dare alla comunità open source le sue librerie FreeCLX, Borland consente agli sviluppatori di creare virtualmente centinaia di componenti cross-platform CLX e di portarli velocemente sul mercato”.

Come si può leggere sulle FAQ dedicate, la Open Edition di Kylix vieta espressamente l’utilizzo di qualsiasi altra licenza open source che non sia la GPL. Le edizioni commerciali lasciano invece libero lo sviluppatore di scegliere quale licenza adottare: proprietaria o una qualsiasi fra quelle open source.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 07 2001
Link copiato negli appunti