La banda è il divide digitale

Lo sostiene un lettore emiliano che, gestore di un netcafé in Romania, si trova senza ADSL e persino senza ISDN a poche decine di chilometri da Bologna


Bologna – Ho un’azienda a 30 Km da Bologna, fino ad ora gestivo piccole riparazioni meccaniche, per cui 2 linee telefoniche, una voce e una fax mi bastavano, poi ho attivato l’home banking, e qui ho cominciato ad avere problemi.

La mia linea analogica è marcia, cavi lunghi e vecchi mi permettono connessioni zoppicanti a 28.8, solo con modem di marca. E comunque cade spesso la linea dopo 3-4 minuti. A volte devo fare 4 chiamate prima di riuscire a collegarmi.

“Vabbè – mi dico – amen”.
Però poi il mio pallino per l’informatica mi porta ad aprire in società un internet cafè in un paese dell’est, per cui per poterlo gestire da qui mi serve una ADSL.
Bella idea: gli operatori del 191 si mettono quasi a ridere. Anche se non abito sul cocuzzolo di una montagna ma nella pianura padana, ed esattamente dall’altra parte della strada hanno tutto, io per pochi metri, che mi trovo in un comune diverso, non ho nulla, neanche l’ISDN. Sì, esatto, neanche l’ISDN.

Quindi, ricapitoliamo: ISDN no, ADSL no, analogico sì ma a calci.
Non considero neanche il il satellite perchè le offerte abbordabili usano comunque il canale di terra, e quelle bidirezionali se le permette solo Bill Gates. Figuratevi che arrivano a dirmi: “Ma, scusi, c’è la HDSL, usi quella”. E io: “e il prezzo?”. Per fortuna ero seduto quando me l’hanno detto. Queste le chiamano “alternative”.

Preso dalla disperazione provo col GPRS. Allora Edge non c’è, UMTS manco, le flat sono scomparse o quasi.. e quindi? Quindi Gasparri regala euro per il digitale terrestre e si lamenta che le imprese usano poco internet, che non siamo competitivi. Già: nello sperduto paesino della Romania dove ho l’internet cafè la fibra ottica la danno a 9 euro al mese. Non dico altro.

Stefano

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Per Punto Informatico: qual'è la fonte ?
    - Scritto da: Anonimo
    Scusa ma mi dici da dove l'hai presa la
    lettera che hai riportato ?
    GrazieSono il collaboratore del senatore Cortiana: non ho fatto altro che prenderla dalla posta del senatore e pubblicarla.
  • Anonimo scrive:
    Re: Per Punto Informatico: qual'è la fonte ?
    Scusa ma mi dici da dove l'hai presa la lettera che hai riportato ?Grazie
  • ElfQrin scrive:
    Re: OT: Puoi citarmi l'episodio?
    - Scritto da: Anonimo
    Puoi citarmi l'episodio Disney a cui ti
    riferisci?

    tipo"Zio Paperone ei fagioli di Babilonia" ?Purtroppo ho citato a memoria... dovrei scartabellare un bel po' di albi. Comunque sicuramente è una storia di almeno venti anni fa e anche di più.Se non sto confondendo con un'altra storia, mi pare di ricordare che Paperone catturava in mare i Bassotti (che ovviamente intendevano derubarlo) e minacciava di "cannoneggiare i vinti", al che loro invocano la convenzione di Ginevra sui prigionieri, o qualcosa del genere.
  • Anonimo scrive:
    Re: Per Punto Informatico: qual'è la fon
    E allora se ti arriva a casa la Polizia Postale e ti mette le manette o ti affibbia 30.000 Euro di multa perché dal tuo IP pubblico (tuo come datore di lavoro) è risultato che la tua azienda ha frequentato per tre ore siti di contenuto pedo-pornografico, che cosa fai ?Ti fai mettere in manette, oppure risali e dimostri (dall'analisi dei log) che la navigazione dei siti proibiti l'ha fatta il tuo dipendente tal-dei-tali, ed è quindi lui da sanzionare e non tu come datore di lavoro ?Questa volta l'utilizzo del cervello che cosa ti suggerisce ?
  • Anonimo scrive:
    Re: ma...
    ma sicuramente la questione che non si possano controllare i log file degli utenti è un'emerita st*****ta.Certo, previo consenso dell'utente che firma che lo strumento affidatogli (il computer) può e deve essere usato solo come strumento aziendale. Così si evita l'ambiguità del duplice utilizzo e il log file o l'email non è più dato sensibile.Poi se l'utente se ne frega e mi naviga nei siti gay o religiosi (tanto per fare l'esempio di 2 cose che potrebbero indicare un qualsivoglia orientamento) saranno fatti suoi.E poi parliamoci chiaro è naturale che gli strumenti affidatici dai nostri datori di lavoro siano da utilizzare solo per lavoro...per assurdo seguendo questo ragionamento se una persona stampa sempre foto di bei maschioni in abiti succinti, beh anche da questo potrei intuire il suo orientamento sessuale.. quindi cosa bisogna fare: vietare a chi di dovere di sapere che stampe si fanno? mi sembra tutto un controsenso.se il fatto di navigare in internet al lavoro per scopi personali è diventata una consuetudine ciò non vuol dire che sia una cosa legittima
  • Anonimo scrive:
    OT: Puoi citarmi l'episodio?
    Puoi citarmi l'episodio Disney a cui ti riferisci?tipo"Zio Paperone ei fagioli di Babilonia" ?
  • Anonimo scrive:
    Re: no comment...
    non mi bastano.... come il datore di lavoro può controllare le mail che spedisci o i siti che visioni, nel suopieno diritto, anche noi cittadini dovremmo avere visibilità di tutto quello che spediscono e che visionano su internet in quanto siamo i loro "datori di lavoro".
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Re: no comment...
    Chiedo scusa per l'oggetto "no comment", ho postato il commento vuoto in un primo tempo, il "no comment" è stato assegnato in automatico dal sito al successivo tentativo di invio.Non pensavo di venire crocifisso per un piccolo errore.....
  • Anonimo scrive:
    Re: ma...

    Un altro cervello abbandonato a se stesso:
    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=806455bene, direi che ho ancora più confusione in testa.Allora, stando alla lettera e agli articoli di PI, in qualità di system manager non devo assolutamente raccogliere i log di un proxy a maggior ragione se sono i logs del Senato (la legge è uguale per tutti:( ). Però allora non posso più essere responsabile di eventuali attacchi/navigazioni su siti pedoporno dei miei utenti e infischiarmene altamente (sempre a maggior ragione se sono Senatori). E non posso neanche controllare se nei logs ci sono tracce di worms in uscita o in ingresso, non potendo così applicare i "requisiti minimi" per il controllo sui dati personali/sensibili che devo salvaguardare secondo la 196/2003.CHE COSA FACCIO ?!?!?!?!Mi piacerebbe tanto vedere la lettera che Cortiana ha mandato al garante... cosa gli chiedeve di preciso ?
  • Anonimo scrive:
    Re: ma...

    Questi qui di Punto Informatico a mio avviso
    non hanno ben interpretato l'eventuale
    indicazione del Garante, ed è per
    questo che alle 12:00 di oggi ancora questa
    benedetta e fantomatica fonte della notizia
    ancora non è venuta fuori. E'
    evidente che questi di Punto Informatico
    hanno detto una cavolata e vedrai che
    verranno pesantemente sanzionati e
    sconfessati dal Garante, che si guarda bene
    dal dire fesserie simili.Un altro cervello abbandonato a se stesso:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=806455
  • Anonimo scrive:
    Re: Per Punto Informatico: qual'è la fon
    - Scritto da: Anonimo
    Che sia un'Ansa lo dici tu.

    E' proprio quello che vogliamo sapere, da
    dove hanno tratto questa notizia. Ma finora
    solo tante chiacchiere e nessuna fonte
    certa. Che strano .....Certo che il cervello proprio a volte e' un organo inutile:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=806455
  • Anonimo scrive:
    Re: Per Punto Informatico: qual'è la fon
    mi dà l'impressione che le fonti siano più di una, solo un'impressione.Il problema è che questo copia & incolla arriva ad una conclusione molto contestabile e non molto chiara.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma...
    Il datore di lavoro i log li può e LI DEVE CONTROLLARE, questo è fuori di dubbio e assolutamente assodato in giurispeudenza (a anche secondo buon senso).Tanto per dirne una, navigare su siti di contenuto pedo-pornografico è un reato penale, e in primis risponde l'intestatario dell'IP pubblico con il quale è stata fatta la navigazione, quindi quello del datore di lavoro. Qundi è ovvio e pacifico che il datore di lavoro deve controllare i log.Questi qui di Punto Informatico a mio avviso non hanno ben interpretato l'eventuale indicazione del Garante, ed è per questo che alle 12:00 di oggi ancora questa benedetta e fantomatica fonte della notizia ancora non è venuta fuori. E' evidente che questi di Punto Informatico hanno detto una cavolata e vedrai che verranno pesantemente sanzionati e sconfessati dal Garante, che si guarda bene dal dire fesserie simili.
  • Anonimo scrive:
    Re: * INTERESSANTISSIMO *
    Sì, i logs sono dati sensibili e come tali vanno trattati. (e qui diamo atto a PI che ha riportato questa frase del garante nell'articolo).Dai log di un proxy puoi capire l'orientamento sessuale di una persona perché naviga su siti gay. Dalle e-mail, ma anche solo dai loro logs potresti invece venire a sapere l'iscrizione a un sindacato o l'appartenenza una setta religiosa di un dipendente. Sono solo due esempi comuni di dati sensibili.Qualcuno propone di introdurre nel proprio regolameno aziendale il divieto di far passare dati sensibili via e-mail.... ma io non mi fido degli utenti, sicuramente li faranno passare !
  • Anonimo scrive:
    Re: Cache

    Per licenziarlo nonho abbastanza agganci
    politici per far tacere i sindacati, quindi
    anche se è unlavativo me lo tengo, e
    lo pago per giocare.per fare mobbing c'è sempre tempo.e funziona in moltissimi casi
  • Anonimo scrive:
    Re: Cache
    - Scritto da: CalicoJack
    Non c'è bisogno di mettere sotto
    controllo un bel nulla per avere
    informazioni sui siti visitati da qualcuno,
    ma basta guardare nella cache del browser o
    nella cronologia per vedere certe cose e
    considerando l'ignoranza informatica dei
    politici e dei loro scagnozzi dubito che
    qualcuno di loro la pulisca.1) per l'oggetto dell'articolo è la stessa cosa2) lo scagnozzo in questione magari invece la pulisce. ma quella del proxy o di altro, quella non può.resta il fatto che probabilmente se hanno firmato certe documentazioni, è legale.
  • Anonimo scrive:
    * INTERESSANTISSIMO *
    - Scritto da: Anonimo
    Tutti i consulenti sulla normativa 196/2003
    che ho incontrato finora sono sempre stati
    concordi nell'affermare che l'analisi della
    posta e navigazione di un utente della
    propria LAN è legale. L'utente deve
    comunque prima accettare e firmare il
    regolamento informatico aziendale, dove si
    specifica che l'accesso a Internet (e quindi
    posta e web) è uno strumento di
    proprietà dell'azienda e che quindi
    deve essere usato solamente per motivi di
    lavoro. Ovviamente la persona che gestisce i
    logs e le email (lo spione, nel caso
    specifico :) deve trattare tali dati come
    dati sensibili e quindi seguire tutte le
    procedure relative.
    Quindi mi manca qualcosa: o il garante ha
    rilevato che presso il Senato tale
    regolamento non è stato mai firmato,
    oppure semplicemente i dati non sono stati
    trattati secondo la normativa 196/2003 o
    cos'altro non so: l'articolo di PI non lo
    dice. Di certo mi sembra di capire che
    l'articolo vuole far sembrare il garante il
    paladino per la navigazione libera e
    spregiudicata, cosa un po' in contraddizione
    con il dlgs 196/2003 per quanto detto sopra.
    Insomma, per concludere, non capisco: li
    devo e posso controllare questi log o no ?
    :)vorrei avere le stesse risposte.e non sapevo che quei dati andassero considerati sensibili.eccezionale.ottimo!
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Re: no comment...
    - Scritto da: Anonimo
    No comment significa che non si fanno
    commenti... e questo cos'è? :
    come quelli con il commento da 2 km e poi un "non ho parole":-)
  • Anonimo scrive:
    Re: no comment...
    - Scritto da: Anonimo
    Secondo me il Senato, il Parlamento e la
    Camera sono i primi posti che andrebbere
    "spiati", in quanto le poltrone che lor
    signori occupano ci abbiamo pensato noi
    ELETTORI a mettergliele sotto il sederone, e
    mi sembra più che giusto avere una
    panoramica di tutto ciò che (non)
    fanno!!!!ci sono le telecamere 24/24
  • Anonimo scrive:
    Re: Per Punto Informatico: qual'è la fon
    - Scritto da: Anonimo


    ......... "Entrambi, infatti, hanno risposto
    alla preoccupata lettera del senatore dei
    Verdi Fiorello Cortiana" ........
    ok, allora guarda io dico qui, e quindi questa diventa una veritàIl senatore dei Verdi Fiorello Cortiana ha invitato quindi il Garante a rimuovere le macchie di nutella dalla lettera e a correggere gli innumerevoli errori di ortografia.Accordatisi sull'orario della pausa pranzo successiva i due politici passeranno le loro ferie assieme sull'isola d'Elba.ah si?e la fonte?non basta scrivere una cosa, no?credo intendesse questo, il commentatore.effettivamente la fonte della notizia non è citatasarà un'Ansa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per Punto Informatico: qual'è la fon
      Che sia un'Ansa lo dici tu. E' proprio quello che vogliamo sapere, da dove hanno tratto questa notizia. Ma finora solo tante chiacchiere e nessuna fonte certa. Che strano .....
  • Anonimo scrive:
    Re: Cortiana avrai il mio voto...
    - Scritto da: Anonimo
    Sei l'unico che nel suo piccolo si muove per
    fare qualcosa..salvo poi ritirarsi all'ultimo momento come con la urbani
  • Anonimo scrive:
    Re: Scanning non autorizzato!
    - Scritto da: Anonimo
    Ogni giorno, ricevo portscanning da
    qualsiasi cretino istituzionalizzato. Ma,
    questo non è illegale, e se io ed
    altri con cui mi sono consultato mandassimo
    questi logs all'autorità di
    competenza, o li pubblicassimo; non
    farebbero la figura degli imbecilli, ancor
    più di quanto lo sono?"se" ?
  • Anonimo scrive:
    Re: LORO SPIANO TUTTI GLI ALTRI
    - Scritto da: Anonimo
    E si incazzano se son spiati loro.
    Bella questa!http://cavallogoloso.splinder.com/1085557228#2176557
  • Anonimo scrive:
    "esprimere orientamenti" a che serve?
    quello lo hanno licenziato.se il garante "esprime orientamenti" cui prodest?
  • Anonimo scrive:
    ma...
    Tutti i consulenti sulla normativa 196/2003 che ho incontrato finora sono sempre stati concordi nell'affermare che l'analisi della posta e navigazione di un utente della propria LAN è legale. L'utente deve comunque prima accettare e firmare il regolamento informatico aziendale, dove si specifica che l'accesso a Internet (e quindi posta e web) è uno strumento di proprietà dell'azienda e che quindi deve essere usato solamente per motivi di lavoro. Ovviamente la persona che gestisce i logs e le email (lo spione, nel caso specifico :) deve trattare tali dati come dati sensibili e quindi seguire tutte le procedure relative.Quindi mi manca qualcosa: o il garante ha rilevato che presso il Senato tale regolamento non è stato mai firmato, oppure semplicemente i dati non sono stati trattati secondo la normativa 196/2003 o cos'altro non so: l'articolo di PI non lo dice. Di certo mi sembra di capire che l'articolo vuole far sembrare il garante il paladino per la navigazione libera e spregiudicata, cosa un po' in contraddizione con il dlgs 196/2003 per quanto detto sopra.Insomma, per concludere, non capisco: li devo e posso controllare questi log o no ? :)
  • Anonimo scrive:
    [OT] Re: no comment...
    No comment significa che non si fanno commenti... e questo cos'è? :- Scritto da: Anonimo
    Secondo me il Senato, il Parlamento e la
    Camera sono i primi posti che andrebbere
    "spiati", in quanto le poltrone che lor
    signori occupano ci abbiamo pensato noi
    ELETTORI a mettergliele sotto il sederone, e
    mi sembra più che giusto avere una
    panoramica di tutto ciò che (non)
    fanno!!!!


    Mirko
  • Anonimo scrive:
    no comment...
    Secondo me il Senato, il Parlamento e la Camera sono i primi posti che andrebbere "spiati", in quanto le poltrone che lor signori occupano ci abbiamo pensato noi ELETTORI a mettergliele sotto il sederone, e mi sembra più che giusto avere una panoramica di tutto ciò che (non) fanno!!!!Mirko
  • Anonimo scrive:
    Il mio no
    Neanche se mi paga
  • The Raptus scrive:
    Re: Cache
    Non per contraddirti, ma la cache del sistema non è così difficile da pulire, e se io navigo "a sbafo" e mi faccio i miei peni in ufficio dovrei essere abbastanza intelligente (anzi: furbo!) da cancellarla il più presto possibile.Il vero problema è che anche dobve lavoro adesso ci sono sw che monitorizzano mail e web, e che se ti beccano a guardare un sito qualunque sono peni!E' mia opinione che non è importante cosa guardi: sia il corriere che superfiga.com è la stessa cosa, ma è un discorso diverso.Del resto se io ho un dipendente mi ruga che navighi troppo e non lavori. Se sono un apersona intelligente controllo il suo rendimento (lavoro difficile perchè è un dato effimero!), altrimenti le controllo da server cosa fa, lo avviso prima (indispensabile!) e semplicemente se vedo che il traffico è esagerato mi guardo i siti da lui visitati, quindi lo riprendo.Per licenziarlo nonho abbastanza agganci politici per far tacere i sindacati, quindi anche se è unlavativo me lo tengo, e lo pago per giocare.P.S.: Come stanno facendo con me adesso ... :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Per Punto Informatico: qual'è la fon
    ......... "Entrambi, infatti, hanno risposto alla preoccupata lettera del senatore dei Verdi Fiorello Cortiana" ........
  • Anonimo scrive:
    Per Punto Informatico: qual'è la fonte ?
    Mi chiedo quale sia la fonte dalla quale Punto Informatico abbia tratto la valutazione espressa dal Garante per la protezione dei dati personali. Per Punto Informatico: per cortesia potete citare la fonte ufficiale (sentenza, parere, esito di ricorso, o altro) con la quale il Garante per la protezione dei dati personali ha ufficialmente espresso l'orientamento da voi esposto ?Grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: Per Punto Informatico: qual'è la fonte ?
      Vi allego il testo della lettera che il Garante Rodotà ha scritto a CortianaZammataroSegreteria Sen. CortianaRoma 16 novembre 2004Prot. 34541Gentile Senatore, con riferimento alla Sua segnalazione relativa ad una raccolta di informazioni riguardanti i siti ai quali si sarebbe collegato un collaboratore di uno dei Vice Presidenti del Senato, va ribadito che una rilevazione del genere non è conforme a quanto disposto dal Codice per la protezione dei dati personali (Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196), per di più in un contesto in cui assumono essenziale rilevanza la norma costituzionale sulla libertà e la segretezza delle comunicazioni e le garanzie previste dallo Statuto dei lavoratori. In particolare, non sarebbero rispettate le norme sulla legittimità della raccolta e del trattamento dei dati personali e sulla tutela dei dati sensibili (dato che il semplice rilevamento dei siti visitati può rivelare convinzioni religione, opinioni politiche, appartenenza a partiti, sindacati o associazioni, stato di salute e indicazioni sulla vita sessuale).Questa, peraltro, è la conclusione alla quale è giunto lo stesso Presidente del Senato in una dichiarazione pubblica, osservando che la conservazione delle tracce ?dei siti visitati dai computer dati in dotazione ai senatori e ai loro collaboratori?, ?per la sua enormità di violazione di diritti fondamentali, è impensabile?.Molti cordiali salutiStefano Rodotà
  • Anonimo scrive:
    Cortiana avrai il mio voto...
    Sei l'unico che nel suo piccolo si muove per fare qualcosa..
  • ElfQrin scrive:
    Re: LORO SPIANO TUTTI GLI ALTRI
    "Quando i ribaldi ribaldeggiano dimenticano i diritti degli altri, quando vengono presi invocano i propri" -- Paperon de Paperoni.
  • CalicoJack scrive:
    Cache
    Non c'è bisogno di mettere sotto controllo un bel nulla per avere informazioni sui siti visitati da qualcuno, ma basta guardare nella cache del browser o nella cronologia per vedere certe cose e considerando l'ignoranza informatica dei politici e dei loro scagnozzi dubito che qualcuno di loro la pulisca.
  • Anonimo scrive:
    Re: Scanning non autorizzato!
    - Scritto da: Anonimo
    Ogni giorno, ricevo portscanning da
    qualsiasi cretino istituzionalizzato. Ma,
    questo non è illegale, e se io ed
    altri con cui mi sono consultato mandassimo
    questi logs all'autorità di
    competenza, o li pubblicassimo; non
    farebbero la figura degli imbecilli, ancor
    più di quanto lo sono?Sapessi quanto ce frega!
  • Anonimo scrive:
    Scanning non autorizzato!
    Ogni giorno, ricevo portscanning da qualsiasi cretino istituzionalizzato. Ma, questo non è illegale, e se io ed altri con cui mi sono consultato mandassimo questi logs all'autorità di competenza, o li pubblicassimo; non farebbero la figura degli imbecilli, ancor più di quanto lo sono?
  • Anonimo scrive:
    LORO SPIANO TUTTI GLI ALTRI
    E si incazzano se son spiati loro.Bella questa!
Chiudi i commenti