La banda più larga non aiuta le aziende

La produttività delle connessioni in fibra? Nulla di diverso da quella delle ADSL su doppino, almeno stando a un recente studio

Roma – Vale la pena spendere 43 miliardi di dollari statunitensi per ammodernare la rete a banda larga australiana? Il guadagno non giustifica il prezzo , risponde uno studio recente realizzato dall’istituto di ricerca neozelandese Motu Economic and Public Policy Research . Se l’aumento di produttività ottenuto con il passaggio dalle connessioni in dial-up a quelle (A)DSL è concreto, dice lo studio, lo stesso non si può dire per il passaggio dalle broadband “standard” a quelle su cavo.

I risultati del lavoro di Motu, che stanno animando la discussione tra il pubblico e la politica in Australia e anche altrove, si basano su uno studio preesistente del 2006 sulla tassazione e i report riferiti ai dipendenti di più di 6000 aziende, dati da cui è stato infine estrapolato l’indice di produttività individuale di ogni azienda.

“Abbiamo determinato che i benefici in termini di produttività scaturiti nel passaggio da una connessione semplice a una in banda larga sono materiali” si legge nelle conclusioni dello studio Motu, che al contrario non riesce a identificare “riscontri per differenziazioni di produttività basate sul tipo di connessione in broadband (su cavo piuttosto che altro)”.

Nick Minchin, ministro ombra per le telecomunicazioni australiano approfitta della ghiotta occasione per rinnovare i propri dubbi sul mega-piano governativo chiedendo a gran voce “un’analisi completa del rapporto costi-benefici della sconsiderata proposta da 43 miliardi del Labor”. Ma la raccomandazione del Motu è esplicita: invita ad usare la dovuta cautela nel considerare lo studio come una risposta definitiva alla questione.

“La conclusione che il passaggio a una broadband veloce via cavo partendo da qualsiasi altra forma di banda larga non abbia alcun effetto calcolato – sostiene l’istituto di ricerca – andrebbe interpretata con cautela” perché più di un motivo potrebbe condizionare negativamente l’obiettività del risultato. L’idea generalmente negativa che i manager hanno del social networking in ambito aziendale aggiunge infine l’ennesima variabile a una problematica che necessita di ulteriori indagini.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Questo, voglio
    [img]http://www.olpcnews.com/images/xo-2-image.jpg[/img] Not much to say other than its aspirational aspects: 3.0 is a single sheet, completely plastic and unbreakable, waterproof, 1/4" thick, full color, reflective and transmissive, no bezel, no holes. 1W. $75, ready in 2012. Lo chiamino 1.75, 3.vattelapesca, usino schermo e proXXXXXre che gli pare, me ne facciano comprare 1 al prezzo di 2, lo prendo.
    • iRoby scrive:
      Re: Questo, voglio
      1W che è?Comunque quel coso potrebbe avere ARM e quindi Linux.
      • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
        Re: Questo, voglio
        1 Watt, credo. 8)
      • Funz scrive:
        Re: Questo, voglio
        - Scritto da: iRoby
        1W che è?

        Comunque quel coso potrebbe avere ARM e quindi
        Linux.Pare di si, una distro ad hoc basata su Debian :)http://www.olpcnews.com/software/operating_system/Le ultime notizie che avevo avuto (passaggio a Windows) erano pessime, ma adesso...
    • ruppolo scrive:
      Re: Questo, voglio
      - Scritto da: Funz
      Lo chiamino 1.75, 3.vattelapesca, usino schermo e
      proXXXXXre che gli pare, me ne facciano comprare
      1 al prezzo di 2, lo
      prendo.E che te fai due mezzi monitor?
      • Unknow scrive:
        Re: Questo, voglio
        Ci guardi due film contemporaneamente!! :-)
      • Funz scrive:
        Re: Questo, voglio
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Funz

        Lo chiamino 1.75, 3.vattelapesca, usino schermo
        e

        proXXXXXre che gli pare, me ne facciano
        comprare

        1 al prezzo di 2, lo

        prendo.
        E che te fai due mezzi monitor?E che te ne frega?E tu che te ne fai di 1/8 di monitor? Tacc, certo...
  • panda rossa scrive:
    Si, ma il sistema operativo?
    Questa nuova versione da 75 euro avra' un sistema operativo posix preinstallato oppure bisognera' aggiungere il costo della licenza oem e l'indottrinamento a M$?
    • Thescare scrive:
      Re: Si, ma il sistema operativo?
      Se vogliono introdurre ARM sulla versione 1.75, non credo che tornino a x86 sulla versione 3. Quindi credo e spero che sia la prima che hai detto.
    • pi_censura_ tutto scrive:
      Re: Si, ma il sistema operativo?
      L'articolo dice che la CPU sarà ARM, quindi almeno XXXXX-dows sarà tagliato fuori a priori... a meno che un folle non pensi di metterci sopra win mobile...
    • Funz scrive:
      Re: Si, ma il sistema operativo?
      - Scritto da: panda rossa
      Questa nuova versione da 75 euro avra' un sistema
      operativo posix preinstallato Pare di si, una distro ad hoc basata su Debian :)http://www.olpcnews.com/software/operating_system/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 novembre 2009 16.58-----------------------------------------------------------
    • canguro di scorta scrive:
      Re: Si, ma il sistema operativo?
      - Scritto da: panda rossa
      Questa nuova versione da 75 euro avra' un sistema
      operativo posix preinstallato oppure bisognera'
      aggiungere il costo della licenza oem e
      l'indottrinamento a
      M$?Ehm non vorrei rompervi le uova nel paniere ma siamo arrivati a questo punto :"It's not about a weak computer. It's about a thin, slim, trim, fast computer," he said. Not only that, Microsoft is even involved in the effort. "We are also talking to Microsoft constantly. We are going to ship them development boards. They are going to make a Windows CE version (that supports the hardware). So jeez--why criticize me in public?" http://news.cnet.com/2100-7346_3-6057456.html
Chiudi i commenti