La California non sa spendere i soldi di Microsoft

Bizzarra situazione quella vissuta dagli istituti d'istruzione californiani, che si trovano ad avere a disposizione fondi notevoli ma non sono in grado di investirli
Bizzarra situazione quella vissuta dagli istituti d'istruzione californiani, che si trovano ad avere a disposizione fondi notevoli ma non sono in grado di investirli

Possedere 200 milioni di dollari, anzi di più, ma non avere letteralmente uno straccio di idea su come spenderli a dovere. Per quanto irreale possa sembrare, soprattutto per un paese che ha fatto della capacità d’impresa la sua ragion d’essere come gli Stati Uniti, è quanto sta succedendo in California dove le scuole pubbliche preferiscono rigirarsi i pollici e aspettare, piuttosto che darsi da fare e mettere a frutto la sostanziosa somma offerta da Microsoft per chiudere le pendenze antitrust nella regione.

Quei 200 milioni di dollari, che dovrebbero aumentare in futuro, sono stati versati da Redmond sotto forma di buoni da spendere per l’acquisto di attrezzatura per iniziative educative, nuovi PC e software non necessariamente marcato BigM . La “donazione”, risalente a due anni fa, era parte del maxi-accordo da 1,1 miliardi di dollari tra Microsoft e le istituzioni per sistemare la ben nota questione della posizione dominante sul mercato del software.

Quella che secondo il Provveditorato della California avrebbe dovuto essere “una magnifica opportunità per annullare il digital divide in molte delle nostre scuole”, si è rivelata in realtà un buco nell’acqua , ancor più incredibile se si considera la politica “attendista” di molti distretti scolastici interessati a conoscere la cifra conclusiva del versamento prima di decidere come spendere quanto già ottenuto.

Una parte, seppur minima, di quei 200 milioni è stata spesa da alcuni istituti per iniziative educative o come fondi da dedicare al sovvenzionamento dei meno abbienti con i giusti requisiti, come nel caso Distretto Scolastico Unificato di Los Angeles. Qui i soldi spesi sono stati 6 milioni su un totale di 34 milioni di dollari disponibili, e questo nonostante il 40% della popolazione studentesca avrebbe tutto il diritto di ricevere le sovvenzioni .

Piuttosto che rappresentare un boom di rinnovamento tecnologico, necessario a sostituire un parco macchine in molti casi risalente al 1990, la “primavera hi-tech californiana” innestata dal mega-versamento di BigM si è dispersa in mille rivoli di piccola amministrazione . E per unire il danno alla beffa, il budget statale per le scuole si è ridotto grandemente e gli istituti devono far fronte alle spese con i loro fondi per poi attendere dai 30 ai 60 giorni per il rimborso da parte dello stato.

La spesa dei denari di Microsoft sotto forma di voucher ha un tempo limite , e scade nel 2012. “A quel punto abbiamo il diritto di stabilire altri beneficiari che diano dei vantaggi indiretti alle classi” ha dichiarato l’avvocato dell’accusa (vale a dire lo stato della California) Richard Grossman, evocando la possibilità che quei fondi vengano sottratti all’inadempiente sistema scolastico per essere dirottati verso le biblioteche, ad esempio, “o qualcosa del genere”.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 11 2008
Link copiato negli appunti