La chat fa bene ai piccoli

Lo sostiene in una intervista al New York Times una celebre psicologa americana, docente del MIT, secondo cui le comunità online possono consentire ai bambini e agli adolescenti di avere e gestire rapporti che, oggi, sono sempre più rari

New York (USA) – La vita sociale dei bambini e degli adolescenti non è soddisfacente in moltissime realtà familiari. L’ambiente scolastico, la socialità urbana spesso scoraggia i più piccoli e corrisponde ad un rischio per i giovani. Per questo, le comunità online possono giovare e contrastare il sempre più frequente isolamento.

A sostenere queste tesi e a difendere le chat e gli altri luoghi di incontro elettronici frequentati da giovani e giovanissimi è una celebre psicologa americana, docente del MIT, che si autodefinisce “analista cyber”. Si tratta di Sherry Turkle che, in una intervista al New York Times, se l’è recentemente presa con i luoghi comuni in cui tanta parte della stampa annega il mondo cyber, visto come un mondo “che risucchia le coscienze senza donare amore”.

“I genitori – sostiene Turkle – devono riconoscere che senza questi mezzi i bambini si troverebbero ad essere soli. Le comunità online offrono spazi ampi, nuovi e intriganti per gli adolescenti, che esplorano la propria idenità, per essere felici e tristi, arrabbiarsi, scatenarsi. Tutto in un ambiente in cui le conseguenze sono “morbide” o inesistenti. Questo è quello che deve accadere durante l’adolescenza”.

La flessibilità offerta dall’identità digitale fa parte, secondo la docente americana, di un quadro nel quale i computer hanno aperto le porte ad una “riconsiderazione fondamentale dell’identità umana”. Rispetto ad un tempo, in cui l’interazione tra i giovani era più semplice e inserita in contesti fisicamente più definiti, Turkle vede la comunità online come il recupero di questi ambienti. In contrasto con la velocità ossessiva dell’educazione dei giovani, la loro preparazione al lavoro e l’inserimento in contesti sociali instabili. Contesti nei quali persino le sperimentazioni sessuali divengono fonte di rischio.

La psicologa poi affronta quella che definisce “il lato oscuro” della Rete, per esempio quello relativo ai materiali pornografici. Eppure la pornografia nel mondo e nelle edicole esiste, sostiene Turkle, e dunque anche da qui, anche questo può essere un espediente per il genitore per affrontare con il figlio un dialogo, sui valori personali, sulla sessualità, sull’amore.

Allo stesso modo, conclude Turkle, l’ambiente virtuale può diventare, e diventa, luogo di scambio di esperienze simili tra coetanei, di confronto e dunque di crescita. Chiudere l’accesso a questi strumenti, sull’onda emotiva innescata da media male informati, sembra suggerire la psicologa americana, si tradurrebbe dunque in un danno per i più giovani.

Alberigo Massucci

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    GNUCLEUS
    Forza, gente!Mettete anche i vostri PC a fare i servers,mentre scaricate comodamente...Funzionamento perfetto, breve tempo diricerca dei nodi, IMPOSSIBILITA' di esserechiuso (non può fare la fine di Napster perchénon è centralizzato: bisognerebbe fisicamentestaccare tutti i computers di tutti gli utenti).Velocità in crescendo con quella delleconnessioni in tutto il mondo.Open source!Cosa volete di più?CERCATE "GNUCLEUS" SU GOOGLE!!!Scaricate la versione 1.3.3 e fregatevenedi Napster: era previsto che finisse così,lo sapevano anche i suoi creatori e l'hannofatto per guadagnarci alla fone della storia...Forza GNUCLEUS!
    • Anonimo scrive:
      Re: GNUCLEUS
      - Scritto da: Alex.tg
      Forza, gente!
      Mettete anche i vostri PC a fare i servers,
      mentre scaricate comodamente...
      Funzionamento perfetto, breve tempo di
      ricerca dei nodi, IMPOSSIBILITA' di essere
      chiuso (non può fare la fine di Napster
      perché
      non è centralizzato: bisognerebbe fisicamente
      staccare tutti i computers di tutti gli
      utenti).
      Velocità in crescendo con quella delle
      connessioni in tutto il mondo.
      Open source!
      Cosa volete di più?
      CERCATE "GNUCLEUS" SU GOOGLE!!!
      Scaricate la versione 1.3.3 e fregatevene
      di Napster: era previsto che finisse così,
      lo sapevano anche i suoi creatori e l'hanno
      fatto per guadagnarci alla fone della
      storia...
      Forza GNUCLEUS!Confermo, Guncleus è veramente ottimo.Bye.
  • Anonimo scrive:
    ARRESTIAMOLI TUTTI QUESTI MANIACI DELL'MP3
    SIIIIIIIIII, TUTTI IN GALERA PER L'MP3ED I MAFIOSI LASCIAMOLI A SPASSO!BENE COSI'!
    • Anonimo scrive:
      Re: ARRESTIAMOLI TUTTI QUESTI MANIACI DELL'MP3
      Certo, almeno la mafia produce reddito...- Scritto da: GRD
      SIIIIIIIIII, TUTTI IN GALERA PER L'MP3

      ED I MAFIOSI LASCIAMOLI A SPASSO!

      BENE COSI'!
      • Anonimo scrive:
        Re: ARRESTIAMOLI TUTTI QUESTI MANIACI DELL'MP3
        ...e che bel reddito! Un contratto di lavoro a vita, multirazziale...nero...giallo...rosso (sangue)...azz...meglio in galera!!! - Scritto da: Picciotto
        Certo, almeno la mafia produce reddito...

        - Scritto da: GRD

        SIIIIIIIIII, TUTTI IN GALERA PER L'MP3



        ED I MAFIOSI LASCIAMOLI A SPASSO!



        BENE COSI'!
  • Anonimo scrive:
    WWW.IPOCRISIA.NET/COM/ ECC ECC...
    ...LADDOVE L'ARTE APPARTIENE ALLA RESSA DELL'ORGASMO VERDE DEI PETRODOLLARI... DELLE ORGIE SENZA FRONTIERE...DELLE RISATE SOTTO I BAFFI SPORCHI DI MARMELLATA....LADDOVE NOI PREFERIAMO NON ESSERCI!
  • Anonimo scrive:
    libertà non solo virtuale!
    ...il grande incontro dei liberi internet-nauti sta per finire? Sembra proprio di si. Le case discografiche che paradossalmente investono sulla libera espressione artistica non sopportano lo scambio libero di brani musicali che numerosi appassionati condividono non potendosi permettere i costosi cd dai prezzi esageratamente gonfiati. In favore di questo "scambio" dovrebbero intercedere gli stessi "artisti" che spesso si spacciano come portatori di libere idee e di diritti umanitari... solo quando fa comodo al loro portafoglio...se si dovesse andare in carcere dobbiamo andarci tutti e disertare i concerti e le vendite della loro musica.Detto questo io continuo nel mio piccolo la battaglia anche contro la legge sul diritto d'autore recentemente varata!
  • Anonimo scrive:
    Il Futuro
    Be non so se avete visto quei film dove nel futurosi vede gente che e' controllata fino alla punta dei piedi. Se si lascia questa tecnologia (in mano a pochi) potrebbe essere il futuro.La polizia che va nelle case di questo e quello per controllare che cosa si PENSA e in caso di pensieri rivoluzionari li arresta o li fa fuori.Impediamo a chiunque di contrllare la rete sia RIAA SIAE POLIZIA E AZIENDE nessuno ha il diritto di sapere quello che scarico dove vado o quello che dico e soprattutto CHE PENSO.Da tutta la storia si NOTA una cosa si muovono solo LE CASE DISCOGRAFICHE ma gli autori no.Oggi per farsi conoscere non servono piu le casediscografiche.Basta della bella musica un sito web e al resto pensa la rete.Forse e di questo che le case discografiche hanno realmente paura che i futuri autori acquistino un web e ci mettano i loro mp3 o wma per farsi conoscre e le case discografiche ? UMMA UMMA
  • Anonimo scrive:
    Recintiamo l'italiaaaaaa!!!!!!!!!
    dato che a questo punto anche le musicassette (si si non ve ne ricordate?) copiate sarebbero un reato io dico che dovrebbero anche chiudere le radio che permettono di registrare su cassetta i brani musicali.e dato che pressappoco quasi tutti hanno duplicato cassette io proporrei di recintare l'intero stato Italiano e facciamolo diventare ufficialmente anche di nome una colonia penale,dato che già lavoriamo a mezzadria con lo stato e di rado abbiamo diritti.Percui lavoriamo,le canzoni le cantiamo e basta,e paghiamo,e basta .E quando è l'ora crepiamo,muti e rassegnati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Recintiamo l'italiaaaaaa!!!!!!!!!
      - Scritto da: BiG_BoY
      dato che a questo punto anche le
      musicassette (si si non ve ne ricordate?)
      copiate sarebbero un reato io dico che
      dovrebbero anche chiudere le radio che
      permettono di registrare su cassetta i brani
      musicali.
      e dato che pressappoco quasi tutti hanno
      duplicato cassette io proporrei di recintare
      l'intero stato Italiano e facciamolo
      diventare ufficialmente anche di nome una
      colonia penale,dato che già lavoriamo a
      mezzadria con lo stato e di rado abbiamo
      diritti.
      Percui lavoriamo,le canzoni le cantiamo e
      basta,e paghiamo,e basta .
      E quando è l'ora crepiamo,muti e rassegnati.MI DICHIARO PRIGIONIERO MUSICALE!!!!!!!!!!CERCASI AVVOCATO DIFENSORE
  • Anonimo scrive:
    i materizzatori
    DIO BENEDICA I MASTERIZZATORI !!!!!!!mi domando come mai le aziende costruiscono i masterizzatori se poi, quando li compriamo, i discografici vorrebbero che di fatto non venissero usati...................cosa dovrei farci guardarlo assorto e magari spararmici una pippa sopra??? ah ah ah..........ho la soluzione:chiediamo al WWF di intervenire poiche' sono a rischio di estinzione.............mr.wolf
  • Anonimo scrive:
    UNA SCORREGGIA X IL RIAA
    Così li spazziamo via...........
  • Anonimo scrive:
    ma la pedofilia no ...
    si combattono gli utenti di napster perchè alle spalle c'è un'industria che mette a disposizione miliardi di dollari per farlo. mentre contro la pedofilia non ci sono fondi. potremo pensare allora di far pagare le ricerca contro questi siti dai produttori di film hard ?
  • Anonimo scrive:
    La verità secondo me..
    Sono ormai anziano e quando ero giovane compravo i 33 giri anche se solo una o due canzoni mi interessavano perchè quel particolare cantante che mi piaceva e volevo avere il suo ultimo LP.Nulla è cambiato ora acquisto solo qualche CD di quel cantante che mi interessa.Poi ho scoperto Napster e sinceramente non sapendo di essere un delinquente ho scaricato qualche brano di alcuni cantanti sentiti per caso in TV o alla Radio.Certo non sarei mai andato a comprarmi un CD a 40.000 £ per sentire un cantante che non conoscevo, poi è successo che ho acquistato il CD perche mi è piaciuto.Però se il costo del CD fosse stato più abbordabile, diciamo massimo 15.000 £, lo avrei acquistato senza prima commettere un reato.Quindi credo che non è con la repressione o con l'imbavagliare Napster che possa essere eliminata la pirateria, ma nel dare la possibilità a tutti, anche ad un pensionato come me di poter acquistare un CD a prezzo equo.Ciao a tutti
  • Anonimo scrive:
    boicottiamo le case discografiche
    roba da matti........hanno paura di vedere ridotti gli introiti nelle loro casse......a giudicare dai guadagni degli autori credo che sia una buffonata.........diminuite il costo dei dischi, almeno qui in ITALIA poi staremo a vedere!MI SEMBRA VERAMENTE CHE STIANO ESAGERANDO QUESTI PADRONI DELLA MUSICA CHI CREDONO D'ESSERE!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: boicottiamo le case discografiche
      - Scritto da: OLLECRAM
      roba da matti........hanno paura di vedere
      ridotti gli introiti nelle loro casse......a
      giudicare dai guadagni degli autori credo
      che sia una buffonata.........diminuite il
      costo dei dischi, almeno qui in ITALIA poi
      staremo a vedere!
      MI SEMBRA VERAMENTE CHE STIANO ESAGERANDO
      QUESTI PADRONI DELLA MUSICA CHI CREDONO
      D'ESSERE!!!Sono d'accordo e solidale con tutti coloro che condividono musica e software gratuitamente, la musica, come forma d'arte e di comunicazione deve essere patrimonio di tutti indistintamente, senza diversificazioni economiche!!! Che i Metallica (ottimi musicisti in testa alla crociata anti-Napster) non abbiano i soldi per fare il pieno al jet privato? Fotti il business, Hack'em all!
    • Anonimo scrive:
      Re: boicottiamo le case discografiche
      PERFETTAMENTE IN SINTONIA! CIAO...(MARCELLO..HEHEHE)- Scritto da: OLLECRAM
      roba da matti........hanno paura di vedere
      ridotti gli introiti nelle loro casse......a
      giudicare dai guadagni degli autori credo
      che sia una buffonata.........diminuite il
      costo dei dischi, almeno qui in ITALIA poi
      staremo a vedere!
      MI SEMBRA VERAMENTE CHE STIANO ESAGERANDO
      QUESTI PADRONI DELLA MUSICA CHI CREDONO
      D'ESSERE!!!
  • Anonimo scrive:
    IN ITALIA CADREBBERO I GOVERNI
    se succedesse in italia una cosa del genere sicuramente ci sarebbero delle ripercussioni anchepolitichein un paese dove venditori ambulanti proprietaridi mercatini ecc vendono senza problemi cd dvdgiochi cd rom senza avere qualche minima preoccupazionenon sarebbe il caso entrare in case di persone per trovare cosa?un po di canzoni che molto probabilmenteascoltano solo sul computer mentre lo usanoalmeno io la pensi cosi
  • Anonimo scrive:
    imbecilli senza frontiere
    la polizia belga ha fatto ina bella cazzata perchè dovra arrestare circa il 90 per 100 dei possessori di abbonamento internet. farebbero prima ad arrestare i boss delle case discografiche per strozzinaggio
  • Anonimo scrive:
    In Italia non accadrà mai...
    Ragazzi, guardiamoci negli occhi....Secondo voi in Italia succederà veramente che un giorno un ufficiale di P.S bussi alla porta e dica: Scusi, mi favorisca il suo hard disk ?Ma via !La forza pubblica ha di meglio da fare che perseguire chi scarica musica da Internet...Se continuano su questa strada le grandi major discografiche andranno in contro a brutte sorprese da parte dei consumatori.
  • Anonimo scrive:
    Musica libera!!!!!
    OOOOOO!Ma dico,OOOOOOOOOOOOO!Cazzarola!!!!!Si sono bevuti il cervello?Ma cosa volgiono da noi questi?Ma non ne hanno gia' abbastanza di soldi?Io sono libero di scaricarmi tutte le canzoni che voglio cavolo!Mica smetto di comprarmi i CD.Forse ne compro meno,ma pu sempre li compro.Le case discografiche non andranno mai in fallimento.Ma porca vacca!Mica e'colpa nostra se un fottutissimo CD musicale costa 40 sacchi!Io devo spendere 40 sacchi per ascoltarmi un po di musica?OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!Ma le case discografiche si devono fare un'esame di coscenza.E pure i MetallicA.E pensare che sono un fun sfegatato dei MetallicA,come se non ne avessero di soldi loro.Ma per piacere!!!!!!Lasciateci acsoltare la musica liberamente!!!LADRI!!!!!!VERGOGNA!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Musica libera!!!!!
      Sante parole.. :)- Scritto da: Special_K
      OOOOOO!
      Ma dico,OOOOOOOOOOOOO!
      Cazzarola!!!!!
      Si sono bevuti il cervello?
      Ma cosa volgiono da noi questi?Ma non ne
      hanno gia' abbastanza di soldi?Io sono
      libero di scaricarmi tutte le canzoni che
      voglio cavolo!Mica smetto di comprarmi i
      CD.Forse ne compro meno,ma pu sempre li
      compro.Le case discografiche non andranno
      mai in fallimento.
      Ma porca vacca!Mica e'colpa nostra se un
      fottutissimo CD musicale costa 40 sacchi!
      Io devo spendere 40 sacchi per ascoltarmi un
      po di musica?
      OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!Ma le case
      discografiche si devono fare un'esame di
      coscenza.
      E pure i MetallicA.E pensare che sono un fun
      sfegatato dei MetallicA,come se non ne
      avessero di soldi loro.Ma per
      piacere!!!!!!Lasciateci acsoltare la musica
      liberamente!!!LADRI!!!!!!VERGOGNA!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Musica libera!!!!!
      ....L'IPOCRISIA NON HA LIMITI! i MITI DI OGGI SONO SOLO MARIONETTE DI UN SISTEMA CHE LORO STESSI GIUDICANO MALE MA CI BANCHETTANO SOPRA!!! - Scritto da: Special_K
      OOOOOO!
      Ma dico,OOOOOOOOOOOOO!
      Cazzarola!!!!!
      Si sono bevuti il cervello?
      Ma cosa volgiono da noi questi?Ma non ne
      hanno gia' abbastanza di soldi?Io sono
      libero di scaricarmi tutte le canzoni che
      voglio cavolo!Mica smetto di comprarmi i
      CD.Forse ne compro meno,ma pu sempre li
      compro.Le case discografiche non andranno
      mai in fallimento.
      Ma porca vacca!Mica e'colpa nostra se un
      fottutissimo CD musicale costa 40 sacchi!
      Io devo spendere 40 sacchi per ascoltarmi un
      po di musica?
      OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!Ma le case
      discografiche si devono fare un'esame di
      coscenza.
      E pure i MetallicA.E pensare che sono un fun
      sfegatato dei MetallicA,come se non ne
      avessero di soldi loro.Ma per
      piacere!!!!!!Lasciateci acsoltare la musica
      liberamente!!!LADRI!!!!!!VERGOGNA!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    sono impazziti
    ..simceramente a me sembra una grande stronzata!!ma secondo loro è possibile arrestare più di 50 milioni di utenti o sequestrarne i loro pc ???dove andrà a finire la libertà sulla quale è basata la rete?..prevedo rivoluzioni!..
  • Anonimo scrive:
    La repressione deve continuare: rivoluzione!
    Speriamo che la "repressione" continui. Tutte le rivoluzioni, nella storia, sono nate quando la repressione si faceva più dura. Se le case continueranno su questa strada, anzichè scendere a compromessi, ci sarà sempre più gente che si porterà a favore dell'alleanza (anche per quelle persone che sono sempre state fuori dalla lotta, ma interverranno solo per eroismo; non so se mi spiego)...
    • Anonimo scrive:
      Re: La repressione deve continuare: rivoluzione!
      - Scritto da: Luca Bonmassar
      Speriamo che la "repressione" continui.
      Tutte le rivoluzioni, nella storia, sono
      nate quando la repressione si faceva più
      dura. Se le case continueranno su questa
      strada, anzichè scendere a compromessi, ci
      sarà sempre più gente che si porterà a
      favore dell'alleanza (anche per quelle
      persone che sono sempre state fuori dalla
      lotta, ma interverranno solo per eroismo;
      non so se mi spiego)...Non ho mai scaricato un MP3 in vita mia (incredibile, ma vero!!) e penso che copiare CD sia una cosa di cattivo gusto.Ma ora sono stanco di farmi spennare da quegli strozzini delle major!! Credo comincerò a farlo!!
  • Anonimo scrive:
    Ladri!
    Se i CD avessero dei prezzi ragionevoli magari la gente preferirebbe 'comprarsi' le canzoni anzichè scaricarle da Internet!!
  • Anonimo scrive:
    Se fossi un'artista.....
    ...riderei!!!Imaginate perchè???
  • Anonimo scrive:
    mi ricorda gli inizi del secolo scorso..
    ..quando a fronte delle richieste dei contadini supesfruttati che chiedevano migliori condizioni di vita i grandi proprietari mandavano la cavalleria......non gli è servito......fanculo...
  • Anonimo scrive:
    []--------[''''|''''|''''|''''|''''|'''']
    -------
    Ecco cosa si devono fare le major discografiche (una bella siringata di intelligenza), chissà che non inizino a ragionare!...
    • Anonimo scrive:
      Re: []--------[''''|''''|''''|''''|''''|'''']
      -------
      ...DECISAMENTE...DACCORDO- Scritto da: 486
      Ecco cosa si devono fare le major
      discografiche (una bella siringata di
      intelligenza), chissà che non inizino a
      ragionare!...
  • Anonimo scrive:
    Per me sono impazziti....
    nel mondo c'e' gente che squarta e ammazza e vengono da noi a rompere i c*******i per "quattro" canzoni del c***o che scarichiamo da internet...alla fine voglio vedere quante persone si collegheranno solo per leggere pagine web e posta..Comunque prima dovranno chiudere tutti i siti mp3 e tutti programmi di file sharing......nel 2050 forse ci riusciranno :-))))
  • Anonimo scrive:
    buono a sapersi
    Bella trovata.Buono a sapersi cosa intendono fare.Anche io ho una bella trovata. Ho appena smesso di comprare CD musicali.Ora cerco uno dei 20/30 sistemi di file-share e la prendero' per i secoli dei secoli solo da li'.Se dovessi scoprire che anche i "cinematografici" fanno queste cose, mi metto pure a scaricare i film.
  • Anonimo scrive:
    Internet? no grazie
    bè, una cosa l'hanno ottenuta: non comprerò mai più un cd in vita mia. Ma mi spigate,poi, di cosa c.zzo mi possono accusare? Io ho fino ad adesso usato un programma LECITO (e lo sarà fino alla revisione della sentenza da parte della prima corte giudicante); nessuno mi ha mai avvisato che violavo alcunchè. Il diritto d'autore? Io pensavo che i brani reperibili attraverso napster (programma alla luce del sole) avessero i diriiti già pagati. Nessuno mi ha mai avvisato del contrario. Anche qualsiasi articolo o foto o programma reperibile in rete avrà un autore: e allora? Dovrei forse pagare anche per scaricarmi un aggiornamento dalla mia rivista online di neurologia? Bè, tanto vale tornare alla carta stampata!Mettiamo fuori legge la rete invece di propagandarla come la rivoluzione nel mondo della comunicazione, o perlomeno definiamola una vetrina dove tutto si vede e niente si tocca.E poi si lamentano che internet non è abbastanza diffuso. Ma a che serve? Solo a fare della pubblicità? Internet, se lo conosci lo eviti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Internet? no grazie
      Hai ragione, tant'è che succede così anche, ad esempio, per le radio. Qualcuno paga i diritti sulle canzoni sentite attraverso la radio???Li paga direttamente la radio e non chiede soldi a nessuno...Invece su Internet, per altre ragioni, in questo momento pare conveniente rendere il servizio a pagamento ma....ricordatevi:la resistenza NON è inutile.CiuX- Scritto da: ichabod crane
      bè, una cosa l'hanno ottenuta: non comprerò
      mai più un cd in vita mia. Ma mi
      spigate,poi, di cosa c.zzo mi possono
      accusare? Io ho fino ad adesso usato un
      programma LECITO (e lo sarà fino alla
      revisione della sentenza da parte della
      prima corte giudicante); nessuno mi ha mai
      avvisato che violavo alcunchè. Il diritto
      d'autore? Io pensavo che i brani reperibili
      attraverso napster (programma alla luce del
      sole) avessero i diriiti già pagati. Nessuno
      mi ha mai avvisato del contrario. Anche
      qualsiasi articolo o foto o programma
      reperibile in rete avrà un autore: e allora?
      Dovrei forse pagare anche per scaricarmi un
      aggiornamento dalla mia rivista online di
      neurologia? Bè, tanto vale tornare alla
      carta stampata!
      Mettiamo fuori legge la rete invece di
      propagandarla come la rivoluzione nel mondo
      della comunicazione, o perlomeno definiamola
      una vetrina dove tutto si vede e niente si
      tocca.
      E poi si lamentano che internet non è
      abbastanza diffuso. Ma a che serve? Solo a
      fare della pubblicità? Internet, se lo
      conosci lo eviti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Internet? no grazie
      concordo in tutto. quando gli fa comodo, internet di qua e internet di là (pubblicità, vendita di qualche cianfrusaglia online, agenzie di viaggi online), per il resto: se ti azzardi a toccare ti arresto! ma andatevela a prendere nel buco.......dell'ozono.- Scritto da: ichabod crane
      bè, una cosa l'hanno ottenuta: non comprerò
      mai più un cd in vita mia. Ma mi
      spigate,poi, di cosa c.zzo mi possono
      accusare? Io ho fino ad adesso usato un
      programma LECITO (e lo sarà fino alla
      revisione della sentenza da parte della
      prima corte giudicante); nessuno mi ha mai
      avvisato che violavo alcunchè. Il diritto
      d'autore? Io pensavo che i brani reperibili
      attraverso napster (programma alla luce del
      sole) avessero i diriiti già pagati. Nessuno
      mi ha mai avvisato del contrario. Anche
      qualsiasi articolo o foto o programma
      reperibile in rete avrà un autore: e allora?
      Dovrei forse pagare anche per scaricarmi un
      aggiornamento dalla mia rivista online di
      neurologia? Bè, tanto vale tornare alla
      carta stampata!
      Mettiamo fuori legge la rete invece di
      propagandarla come la rivoluzione nel mondo
      della comunicazione, o perlomeno definiamola
      una vetrina dove tutto si vede e niente si
      tocca.
      E poi si lamentano che internet non è
      abbastanza diffuso. Ma a che serve? Solo a
      fare della pubblicità? Internet, se lo
      conosci lo eviti.
  • Anonimo scrive:
    Dai mettiamoli in grave difficoltà!
    Per conto mio sono abituato a crittografare tutti i dati che salvo e quelli in special modo piu importanti tipo mp3 etc. con cifrature piu forti al mondo.... Chi cercasse di incastrarmi cercando i miei dati sappia che dovrebbe usare un batteria di monolitici supercomputer che nemmeno la nasa non ancora possiede......gia fregati in partenza.... ci vorrebbero dozzine di anni per decifrare questi dati con macchine che raggiungono migliaia di teraflops...scemi lasciate perdere....
  • Anonimo scrive:
    Care case discografiche..
    Probabilmente la minaccia del "gabbione" per un mp3 sta funzionando e sta avendo il suo effetto voluto di spaventare gli utenti meno smaliziati..Care case disografiche: LE MINACCE E LE MISURE DRASTICHE NON HANNO MAI PORTATO A NULLA DI BUONO!SMETTETELA DI CREDERE DI AVERE A CHE FARE CON UN GREGGE DI ALLOCCHI CHE SCAPPA AL PRIMO SPARO..PRIMA DI SPARARE MIRATE BENE..E CERCATE DI CAPIRE CHE UN PROBLEMA HA SEMPRE PIU' DI UNA SOLUZIONE..LA PRIMA CHE VIENE FUORI DI SOLITO E' SEMPRE SBAGLIATA!!SOPRAUTTO ATTENTI A NON MIRARE PROPRIO SULLA VOSTRA TESTA..Cmq per la cronaca..Napster è solo la punta dell'iceberg..o trovate una soluzione adatta che venga incontro a tutti quanti oppure..chiudetelo pure e arrestate pure migliaia di persone..come ho detto esistono sempre più soluzioni..se è la musica gratis che mezzo mondo vuole..mezzo mondo scoprirà i siti, gli ftp, e gli altri programmi che lo permottono..Io personalemnte li ho già scoperti..:)
  • Anonimo scrive:
    che_idiozie.mp3
    Uh, Uh, Uh! Rido con gran sollazzo qui davanti al mio monitor con il programma napster.exe che scarica brani a 2.7Kb/s .E se arriva la GDF? Beh, se non trovano tracce sul mio HDD non mi possono condannare, e se uno si compra un HDD rimovibile?"Quando la merda monta scano o la spüsa o la fà dano!"
  • Anonimo scrive:
    Meno sodli a noi, Più a loro
    M avi rendete conto coas gudagnerebbero se riuscissero a far pagare soltanto 100 lire ogni brano musicale scaricato? (quando invece te lo fanno pagare 7000 lire) non solo recuperebbero quella picolissima percentuale che perdono ora (se perdessero tanto sarebbero già in fallimento, mentre ne hanno di soldi per pagare tutti gli avvocati). Diventerebbero potenti il doppio di adesso il cd con generosità lo lascerebbero alle soite 40.000 lire e sarebbero felici!!!siiiii
  • Anonimo scrive:
    lieto evento
    con questa ultima alzata d'ingegno mi sembra più che evidente la straordinaria arroganza e protervia che guida le menti bacate dell'industria discografica internazionale, la notizia appena letta è la più lampante conferma di quanto ho sempre sospettato, e cioè che dietro la "caccia" a napster e simili ci fosse solo in minima parte la proccupazione per il danno economico, in realtà il sentimento che guida le aziende discografiche è la rabbia, volgare e meschina, per la perdita di controllo del mercato discografico, un mercato del quale, per decenni hanno fatto quello che volevano, imponendo gusti e mode, e che ora, invece, è sempre di più in mano ai consumatori.Mi auguro la prossima e totale rovina delle case discografiche, prima o poi commetteranno qualche grosso errore e allora verrà il momento per colpire duro e senza pietà.Nel frattempo, questa mattina avevo intenzione di andare a comprare l'ultimo cd di carmen consoli, dopo aver letto questa notizia credo proprio che me lo farò prestare da un mio amico e........
  • Anonimo scrive:
    Ma le leggi a cosa servono?
    ...a regolare e tutelare delle esigenze ESSENZIALI del vivere in una società o soltanto a tutelare gli interessi economici di una minoranza?Mi spiego meglio, se chiedessero a tutti: volete pagare le tasse? è logico che tutti direbbero NO! però ci sono dei bisogni essenziali che vanno tutelati e quindi uno stato deve chiedere a tutti i cittadini un "contributo".Tanto per fare un esempio,il diritto alla salute è (o dovrebbe visto come sono le cose in Italia) un bene ESSENZIALE e dovremmo pagare le tasse e quindi "contribuire" alle spese per poterlo garantire a tutti.Un po' come vivere tutti insieme in una grande casa dividendoci le spese comuni di gestione....A parte però questi bisogni essenziali (che non sono poi così tanti)tutto il resto sono interessi economici di qualche categoria.Proviamo a chiedere alle persone "volete pagare la musica?", se la maggioranza dice NO! non c'è niente da fare la legge sul diritto d'autore va cambiata...non muore nessuno anche se un artista ho una casa discografica devono cambiare lavoro...succede a tanti perchè a loro no!Il mondo cambia e come ognuno di noi deve adattarsi a trovare un modo per vivere e sopravvivere che lo facciano anche loro.Ma non utilizzando leggi di repressione come arma per sopravvivere!Se milioni di persone non vogliono pagare...bisogna trovare altre soluzioni al posto di obbligarli a pagare pena chiuderli in carcere!Le leggi (non relative a bisogni essenziali del vivere insieme) servono a decidere come vogliamo vivere non a tutelare una minoranza.Spero di essere stato chiaro.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma le leggi a cosa servono?
      Sono totalmente d'accordo con te.Il problema è riuscire a dare forza e corpo a queste idee. Dall'altra parte hanno soldi e tempo per difendersi, noi no!Come si fa?CiuX- Scritto da: thx19
      ...a regolare e tutelare delle esigenze
      ESSENZIALI del vivere in una società o
      soltanto a tutelare gli interessi economici
      di una minoranza?

      Mi spiego meglio, se chiedessero a tutti:
      volete pagare le tasse?
      è logico che tutti direbbero NO! però ci
      sono dei bisogni essenziali che vanno
      tutelati e quindi uno stato deve chiedere a
      tutti i cittadini un "contributo".
      Tanto per fare un esempio,il diritto alla
      salute è (o dovrebbe visto come sono le cose
      in Italia) un bene ESSENZIALE e dovremmo
      pagare le tasse e quindi "contribuire" alle
      spese per poterlo garantire a tutti.
      Un po' come vivere tutti insieme in una
      grande casa dividendoci le spese comuni di
      gestione....
      A parte però questi bisogni essenziali (che
      non sono poi così tanti)tutto il resto sono
      interessi economici di qualche categoria.

      Proviamo a chiedere alle persone "volete
      pagare la musica?", se la maggioranza dice
      NO! non c'è niente da fare la legge sul
      diritto d'autore va cambiata...non muore
      nessuno anche se un artista ho una casa
      discografica devono cambiare
      lavoro...succede a tanti perchè a loro no!
      Il mondo cambia e come ognuno di noi deve
      adattarsi a trovare un modo per vivere e
      sopravvivere che lo facciano anche loro.Ma
      non utilizzando leggi di repressione come
      arma per sopravvivere!

      Se milioni di persone non vogliono
      pagare...bisogna trovare altre soluzioni al
      posto di obbligarli a pagare pena chiuderli
      in carcere!Le leggi (non relative a bisogni
      essenziali del vivere insieme) servono a
      decidere come vogliamo vivere non a tutelare
      una minoranza.

      Spero di essere stato chiaro.

      Ciao
  • Anonimo scrive:
    Vogliono prendere il controllo totale della rete
    E' sempre la stessa solfa, la Rete fa paura perchè scardina il potere dei "GRANDI" - troppa libertà fa male - Se non lo avete ancora capito questa è una GUERRA tra chi vuole la libertà (e la responsabilità) e chi vuole offrire solo "panem et circensem" per farci stare buoni... in libertà vigilata e controllata.La scelta è nostra, o schiavi o liberi... il discorso è lungo e questo non è il contesto... cmq God Save The Haker! Siempre!
  • Anonimo scrive:
    NON HO PAROLE
    arrestare gli utenti di napster , mi sembra una vera stro....a , ieri sera eravamo quasi 2 milioni di utenti collegati a napster , ma immagginate il tg che dice :arrestati 2 milioni di persone , solo xke' avevano i famigerati mp3.ehheheheheh , ma le patrie galere c'e' la fanno ad ospitarci? mah , poi tiriamo in ballo le carceri super affollate.che strano mondo , e che strano governox i bollini della siae , facciamo come hanno fatto con le banane chiquita , soltanto che le banane dovrebbero mettersele in quel posto la , i nostri padroni , che approvano leggi del ca...p.s. se a noi ci arrestano x un mp3 , ad un malvivente che sevizia una bambina , lo condannano alla sedia elettrica?mah io non penso , anzi......
    • Anonimo scrive:
      Re: NON HO PAROLE
      - Scritto da: PIRATI
      p.s. se a noi ci arrestano x un mp3 , ad un
      malvivente che sevizia una bambina , lo
      condannano alla sedia elettrica?
      mah io non penso , anzi......sono dell'opinione che è + facile che arrestoni te' che il seviziatore... ricordati che siamo in Italia...
    • Anonimo scrive:
      Re: NON HO PAROLE
      - Scritto da: PIRATI
      arrestare gli utenti di napster , mi sembra
      una vera stro....a ,
      ieri sera eravamo quasi 2 milioni di utenti
      collegati a napster , ma immagginate il tg
      che dice :arrestati 2 milioni di persone ,
      solo xke' avevano i famigerati mp3.Ma noooooo, non per metterli in galera.. ma per fare delle nuove copertine che impreziosicano i loro prodotti, copertine in vera, autentica pelle umana, se vuoi la raccolta extralusso c'è anche il cofanetto in vero osso:-D
  • Anonimo scrive:
    AH, AH, AH, AH, AH!!
    RIDO PER NON PIANGERE...AHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAH!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Cosa possono fare soldi e potere
    Bene giusto così, togliamo risosrse alla polizia e alla giustizia, per andare ad inseguire quei trafficanti di mp3 che seduti sulle loro scrivanie mirano irreparabilmente alla sopravivenza fisica e psicologica di soli multimiliardari cantanti e loro manager, che rischiano di diventare poverissimi di quale milione di dollari e maggari non riuscire più a comprare l'ultima ferrari F50 turbo spider, per la loro collezione in garage. MA certoCosa vuoi che siano droga immgrazione clandestina, trafico d'armi, mafia, complotti terrorismo, rapine a mano armate, senza contare i furti in casa a gente povera, furi di auto microcriminalità. NoQuesta gente è povera e cmq non può competere con il potere ed i soldi di chi ha spinto il governo italiano ad emettere una legge tanto controversa e criticata sui diritti d'autore.Nemmeno tutti assieme, quindi andaimo alla ricerca di questi pericolosissimi delinquenti ed arrestiamoli magari facciamoli assaggiare un pò di settimane in carcere, sequestriamogli il computer che magari ha faticosamente comprato, e pure infliggiamogli una bella multa, VISTO CHE NON HA SBORSATO PRIMA TUTTI I SOLDI DOVUTI A CHI rischia di diventare una specie di estinzione e quindi in procinto di entrare nelle specie protette dall'ONU.Prostatevi davanti a loro, il nuovo quanto vechhio dio RE potere e suo FIGLIO DENARO.Chi non li ha è destinato solo a soccombere, a vedere essere succhiata pian piano la sua linfa vitale da mostri enormi, contro cui nulla si riesce a fare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa possono fare soldi e potere
      Quando serve una piccola rivoluzione è necessaria.debelliamo le case discografiche!!!!!!!!Utenti di tutto il mondo fate almeno sentire la vostra voce contro questi giganti!!!- Scritto da: senza speranza
      Bene giusto così, togliamo risosrse alla
      polizia e alla giustizia, per andare ad
      inseguire quei trafficanti di mp3 che seduti
      sulle loro scrivanie mirano irreparabilmente
      alla sopravivenza fisica e psicologica di
      soli multimiliardari cantanti e loro
      manager, che rischiano di diventare
      poverissimi di quale milione di dollari e
      maggari non riuscire più a comprare l'ultima
      ferrari F50 turbo spider, per la loro
      collezione in garage. MA certo
      Cosa vuoi che siano droga immgrazione
      clandestina, trafico d'armi, mafia,
      complotti terrorismo, rapine a mano armate,
      senza contare i furti in casa a gente
      povera, furi di auto microcriminalità. No

      Questa gente è povera e cmq non può
      competere con il potere ed i soldi di chi ha
      spinto il governo italiano ad emettere una
      legge tanto controversa e criticata sui
      diritti d'autore.

      Nemmeno tutti assieme, quindi andaimo alla
      ricerca di questi pericolosissimi
      delinquenti ed arrestiamoli magari
      facciamoli assaggiare un pò di settimane in
      carcere, sequestriamogli il computer che
      magari ha faticosamente comprato, e pure
      infliggiamogli una bella multa, VISTO CHE
      NON HA SBORSATO PRIMA TUTTI I SOLDI DOVUTI A
      CHI rischia di diventare una specie di
      estinzione e quindi in procinto di entrare
      nelle specie protette dall'ONU.

      Prostatevi davanti a loro, il nuovo quanto
      vechhio dio RE potere e suo FIGLIO DENARO.

      Chi non li ha è destinato solo a soccombere,
      a vedere essere succhiata pian piano la sua
      linfa vitale da mostri enormi, contro cui
      nulla si riesce a fare.
  • Anonimo scrive:
    Utopia?
    In fin dei conti il ragionamento fila.Napster è solo uno strumento che consente di scambiare files. Perché io non posso scambiare i miei files fatti da me (se sono io l'autore ci faccio quello che voglio) con i tuoi fatti da te? Mica Napster ti dice: "Evadi i diritti d'autore!"La responsabilità è degli utenti, e sono loro che compiono un reato condividendo files che non sono autorizzati a trasmettere...Cmq sono d'accordo sul fatto che arrestare gli utenti sia una misura eccessiva! Bisognerebbe prima di tutto avviare delle campagne di informazione ed educazione degli ascoltatori, c'è troppa confusione! La SIAE, per quanto funzioni male, nasce sulla base di un principio giusto.Se la gente, invece di pensare solo al proprio diletto, imparasse ad avere pietà di chi lavora scrivendo canzoni, forse almeno una fetta del mercato diventerebbe automaticamente legale...
  • Anonimo scrive:
    Mamma mia! quanto sono impazziti!
    Ormai e' chiaro che le major stanno forzando la mano sul potere di "governo" in maniera pesante... ci vorrebbe una rivoluzione vecchio stampo ;-)
  • Anonimo scrive:
    una domanda provocatoria
    domanda: ammettiamo che io vada a comperare un cd musicale. In questo modo, con le mie 40 penne pago i diritti intellettuali del povero musicista e appago la vorace depravazione della sua casa discografica. Questo cd presenta regolare bollino siae che conferma "l'autenticita'" dell'opera e che il pagamento dei diritti e' stato assolto: l'autore e' salvo.bene...domani napster diventa a pagamento. L'idea e' che, una volta che io pago un canone mensile alla bmg, sono libero di scaricare musica da internet in formato mp3. Io sto pagando, e mi viene elargito un servizio: lo stesso servizio che otterrei andando in un negozio di cd e comperando un supporto di policarbonato.Ora, con questi mp3 che ho scaricato, mi masterizzo un cd. E' mio diritto, visto che1) ho pagato sia l'artista sia la casa discografica attraverso il mio canone mensile.2) il supporto e il formato dei dati e' libero. Se l'avessi voluto mettere su un nastro magnetico o su un hd o su un cilindro rotante di cera, nessuno puo' dirmi niente. Io detengo il diritto all'ascolto di quel brano. L'ho pagato.bene...e su quel $£%$" di cd che mi sono masterizzato, il %"£%"£$ bollino siae chi me lo mette?!?!?Chi glielo spiega al finanziere che ho pagato gli mp3 che sono su quel cd?!?ci stanno pigliando per il culo?!?!? a me pare di si'.
    • Anonimo scrive:
      Una domanda intelligente
      Secondo me, più che provocatoria, la tua è una domanda davvero intelligente.E scopre il vero nòcciolo del problema. Cioè che, quando si troverà una soluzione all'assolvimento dei diritti d'autore nello scaricamento/condivisione di musica da internet, questa abbia una certificazione di legalità.Il tuo è solo uno dei casi. Cosa sostituirà il bollino? Chi mi garantirà che i soldi che mando con la mia carta di credito finiranno, almeno in parte, agli autori?Chi controllerà che i report sui download fatti dai server saranno veritieri? Chi impedirà la costituzione di truffe colossali?E in ogni caso, chi riuscirà davvero, in un mondo libero come internet, ad avere il controllo della situazione senza stravolgerne la struttura? Io non me ne intendo un granchè, ma credo che siti pedofili ne esistano ancora, come esisteranno sempre i siti dove si possono recuperare informazioni illecite come i crack dei programmi...L'unica vera leva su cui fare forza è la fiducia negli utenti "onesti" come me, che sono anche autore musicale, e che pagherò volentieri per ascoltare la canzone realizzata da un mio collega, ma a patto che lui ne ricavi qualcosa...
      • Anonimo scrive:
        Re: Una domanda intelligente
        bravo Munehiro ed El Dorado...avrei un ulteriore constatazione suggeritami dal commento di Munehiro.Io pago il canone per scaricare cio' che voglio in mp3...perfetto...


        Constatazione
        Domanda
        • Anonimo scrive:
          Re: Una domanda intelligente
          Secondo me le case discografiche metteranno su account di connessione gratuita ad internet, quando l'avranno capita.E non per spiarti ... ma per SPILLARTI.Alla fine l'unic posto dove riescono a guadagnarci è sulla connessione telefonica... quindi ... gli conviene.Mi spii? Mi punisci? non uso la tua connessione = non ci guadagni.Mi dai una flat straordinaria con banda straordinaria? Già lo sai come la usa la maggior parte dell'internet-people.Alla fine la puoi vedere così: ci guadagni ANCHE quando non scarichiamo musica.Prima o poi ci arriveranno.
    • Anonimo scrive:
      Re: una domanda provocatoria
      La domanda è ottima, ma secondo me avrebbero di che risponderti: ti ricordi la storia della nuova tecnologia di musica codificata che solo l'utente può sentire in quanto possessore di una "chiave" per ascoltare il brano oltre i primi 30 secondi? Beh (a prescindere dal fatto che la tecnologia sarebbe stata craccata), secondo me prima o poi sostituiranno i cari vecchi mp3 con il nuovo formato "protetto" che tu metterai sul tuo cd (non in formato CDaudio) e che solo tu potrai ascoltare *sul tuo pc*. In quel modo la finanza non può accusarti di nulla. Prega che tutto questo non si avveri.- Scritto da: munehiro
      e su quel $£%$" di cd che mi sono
      masterizzato, il %"£%"£$ bollino siae chi me
      lo mette?!?!?
      Chi glielo spiega al finanziere che ho
      pagato gli mp3 che sono su quel cd?!?
      ci stanno pigliando per il culo?!?!? a me
      pare di si'.
      • Anonimo scrive:
        Re: una domanda provocatoria
        - Scritto da: Fulvio
        La domanda è ottima, ma secondo me avrebbero
        di che risponderti: ti ricordi la storia
        della nuova tecnologia di musica codificata
        che solo l'utente può sentire in quanto
        possessore di una "chiave" per ascoltare il
        brano oltre i primi 30 secondi? Beh (a
        prescindere dal fatto che la tecnologia
        sarebbe stata craccata), secondo me prima o
        poi sostituiranno i cari vecchi mp3 con il
        nuovo formato "protetto" che tu metterai sul
        tuo cd (non in formato CDaudio) e che solo
        tu potrai ascoltare *sul tuo pc*. In quel
        modo la finanza non può accusarti di nulla.
        Prega che tutto questo non si avveri.
        Caro Fulvio stai certo che creeranno anche questa tecnologia e stai altrettanto certo che sara' crakkata con al solito. Inoltre, ricordati che esistano gli mp3 al momento...chi dice di abbandonarli e di non continuare a riprodurli? :)
  • Anonimo scrive:
    Ma se in Italia....
    ...la legge non punisce nemmeno i mafiosi, mi sembrerebbe doppiamente offensivo se colpisse gli utenti di Napster... per di più ora che siamo sotto elezioni... mmhhhh.... mi sembra quanto meno improbabile.Ad ogni modo, non c'è la nuovissima legge europea che colpisce in pratica solo la pirateria a fini di lucro?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se in Italia....
      MA I MAFIOSI DELL'ECONOMIA HANNO MOLTO PIU POTERE SUI GOVERNI DI NOI!- Scritto da: ggg
      ...la legge non punisce nemmeno i mafiosi,
      mi sembrerebbe doppiamente offensivo se
      colpisse gli utenti di Napster... per di più
      ora che siamo sotto elezioni... mmhhhh....
      mi sembra quanto meno improbabile.

      Ad ogni modo, non c'è la nuovissima legge
      europea che colpisce in pratica solo la
      pirateria a fini di lucro?
  • Anonimo scrive:
    Ma napster funziona ancora?
    Come sopra.
  • Anonimo scrive:
    Napster a pagamento se....
    ...i soldi non finissero dei discografici o delle varie SIAE-LADRE, ma nelle tasche dei gruppi che volontariamente mettono il loro materiale in rete. Avrebbero un ritorno economico maggiore e soprattutto sarebbe piu' dannoso per le tasche dei ladri.... (siae e major discografiche)
  • Anonimo scrive:
    Come detto in passato questa srà un'annata di m...
    Come detto in passato questa sarà un'annata di me*daOgni mese esce una stro**ata nuova vedrete se non ho ragione alla fine dell'anno saremo somersi da cag*te
  • Anonimo scrive:
    Tu est Belge !
    ''Tu est Belge'' = tipica espressione Francese per indicare un'idiota.Self-explainatory = autoesplicativa
    • Anonimo scrive:
      Re: Tu est Belge !
      Credo che si dica invece : "Tu es Belge !"Si lo so , lo so ...... sono un pedante secchione !!- Scritto da: Seguace
      ''Tu est Belge'' = tipica espressione
      Francese per indicare un'idiota.

      Self-explainatory = autoesplicativa
  • Anonimo scrive:
    HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!! (C.G)
    ^__^
  • Anonimo scrive:
    Questa e' vera e propria caccia alle streghe!!!!
    sono arrivati al delirio piu' paranoicopsiconevrotico!!!!
  • Anonimo scrive:
    Ma quali sono stati chiusi ?
    Cosa dici ? Io sono connessso con il client ufficiale e funzia tutto regolarmente ... sto scaricando a 19.3 e 12.4Kbyte al sec.Ancora non hanno chiuso nulla ...scaricare scaricare ...Per entrare a casa mia c'e' bisogno di un mandato di perquisizione ... vedremo come sara' stampato ...Napster e' morto ... viva Napster !''Revolution never dies''
  • Anonimo scrive:
    L'ignoranza informatica dilaga sempre +
    Come al solito c'è gente che non ha capito cosa è internet e sparla sparando cavolate una + grossa dell'altra, napster è solo 1% pensate che i milioni di utenti che lo usavano smetteranno?Sono stati chiusi solo i server "ufficiali" di napster ma ce ne sono ancora almeno una 50a che funzionano e funzioneranno tutto grazie al mitico napigator.Io continuo a scaricare i miei mp3 e fino a quando non caleranno i prezzi dei cd continuerò a farlo.Toc Toc scusate era l'FBI :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ignoranza informatica dilaga sempre +
      Io sono convinto che tu continueresti a farlo anche se i CD costassero 10.000 lire.....raccontala giusta.- Scritto da: GOODY
      Come al solito c'è gente che non ha capito
      cosa è internet e sparla sparando cavolate
      una + grossa dell'altra, napster è solo 1%
      pensate che i milioni di utenti che lo
      usavano smetteranno?
      Sono stati chiusi solo i server "ufficiali"
      di napster ma ce ne sono ancora almeno una
      50a che funzionano e funzioneranno tutto
      grazie al mitico napigator.
      Io continuo a scaricare i miei mp3 e fino a
      quando non caleranno i prezzi dei cd
      continuerò a farlo.
      Toc Toc scusate era l'FBI :-)
Chiudi i commenti