La chiavetta è in una botte di ferro!

Il device di IronKey si presenta come la più inespugnabile delle chiavette USB, telecomandata a distanza per autodistruggersi

Roma – Al giorno d’oggi ce l’hanno tutti: piccola, grande, nelle forme più assurde e più disparate. Agganciata alle chiavi della macchina per non scordarla, la chiavetta USB è la fedele appendice di memoria per dati, password e programmi , ovvio quindi che ci finiscano una quantità di informazioni classificate, riservate, preziose. Da questa considerazione ad IronKey Enterprise il passo è breve.

il gadget

Pompando la propria tecnologia a dovere, addirittura parla di, uau!, “intelligence”, il produttore ha messo in campo un dispositivo waterproof, che si basa su un sistema di cifratura ma che in più, con 24 dollari l’anno per un software dal nome emblematico, Bullet Bullet , consente di controllare i dati caricati sulla memoria e, nei casi più estremi, ne permette la completa distruzione.

Le chiavette sono disponibili in vari formati di memoria e con vari livelli di protezione predefinita, si va dalle Basic alle Personal, fino ad arrivare al top del top, il modello Enterprise. I prezzi? Dai 79 dollari del modello base al prezzo su richiesta del modello Enterprise.

IronKey

(via Ubergizmo )

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nabir scrive:
    Flora scorretto-e parla di libertà
    ... ebbene, non è stato pubblicato un mio commento sul blog lastknight.com ... motivo? Chiedetelo a MF a questo punto. Come al solito "chi predica bene, razzola male" proprio lui che parla di libertà di informazione, no alla censura del web e così via. Secondo me MF ha un futuro in politica, che si candidi alle prossime elezioni!Oppure la visibilità raccolta da MF è solo una operazione di marketing per il suo nuovo prodottino da commercializzare (FoolDNS)??? bhà!Comunque, riporto di seguito il commento che avevo postato:"Ciao Matteo, mi piace come stai seguendo la vicenda: sei sempre attento allevolversi della situazione ma sopratutto a cogliere lattimo per sfruttare loccasione per bagnarti di gloria. Esatto gloria, perchè è di questa che ti fami e se vuoi, dai diciamolo pure, tanto di cappello a chi effettivamente può farlo, ma attenzione però, perchè bisogna dire esattamente le cose come stanno e per stare in tema di questultimo post, su quale base i giudici del riesame hanno orientato le motivazioni. Si perchè, fino a poco tempo fa, la voce forte era IO COME CTP NEL CASO TPB POPOLO DELLA RETE VI HO RIDATO LA LIBERTA.VITTORIA! . ebbene, si può evincere dalle motivazione ma mi è dobbligo ricordare che tutte quelle ore che hai passato a spulciare i link di TPB, a spiegare le funzionalità del Tracker e dei Seed e a dimostrare quanto fosse poco affidabile una stima delle visite calcolata con Alexa (a proposito, ma quale secondo te allora, può essere una stima apprezzabile o quanto meno valutabile??), sono giusto servite a bagnarti di una illusa gloria, insommaLA TUA RELAZIONE TECNICA NON E STATA PRESA IN CONSIDERAZIONE, TANTE CHE LE MOTIVAZIONI RIPORTANO LEFFICACIA DELLA DOCUMENTAZIONE PRODOTTA DALLA PG. Difatti il ruolo che hai avuto in questo procedimento era incentrato a sostenere la insussistenza del fumus delicti che, come chiarito dai giudici del riesame e te giustamente hai prontamente omesso nellultimo post non può allo stato revocarsi in dubbio la sussistenza del fumus delicti, alla luce di quanto evidenziato dalla Guardia di Finanza, pertanto la tua consulenza tecnica non è servita, le motivazioni sono basate sul pricipio e natura del sequestro preventivo - so bene che avevi preannunciato che probabilmente il merito del dissequestro era da attribuire ai legali di Sunde ma - DICIAMO LE COSE COME STANNO, LA TUA ESTATA UNA CACCIA AI MULINI AL VENTO."
  • inet scrive:
    UPDATE: Tiscali blocca ancora
    Aggiornamento della situazione:Tiscali ha sbloccato i DNS, ma nella mia zona permane il blocco del routing.Da voi com'è?Ciao
    • Sikkio scrive:
      Re: UPDATE: Tiscali blocca ancora
      Anche a TS bloccato! Ma non c'è qualcuno di PI che riesca a chiedere a Tiscali perchè non ha ancora liberato il routing fino al sito???p.s.: non mi frega un tubo scaricare, anche perchè i pochi giochi che uso cerco di comprarli originali (così come la musica, thank you Play), è il principio che mi da fastidio, fosse anche un sito che ti spiega 101 modi per cucinare la renna finlandese!
  • il disinforma to scrive:
    un cavillo a favore dei "pirati"???
    vorrei proporvi un esempio, e capire se sbaglio legislativamente.*io compro un cd originale di un famoso album. Io però non sono solo, e lo compro mettendoci su 1cent mentre gli altri 19,99 li mettono miei amici.....[ne ho molti XD]ora io l'ho pagato...e secondo la legge tutti noi siamo in contemporanea co-proprietarie se il bene è divisibile, ognuno puo usufruirne in contemporanea.io come proprietario mi faccio la mia copia legale, cosa che viene imitata da tutti.....sempre legalmenteXCHE LA LEGGE LO PREVEDE..in casi di multi-proprieta[no le ville in keynia non centrano XD].ecco venitemi a rispondere contro...ma purtroppo è vero, o si applicano le leggi dei beni materiali o le si inventano ...semplicemente un servizio è individuale [imbianchino e parrucchiere] non collettivo...e se è collettivo lo si paga una volta per tutti ecco
    • SIGLAZY scrive:
      Re: un cavillo a favore dei "pirati"???

      *io compro un cd originale di un famoso album. Io
      però non sono solo, e lo compro mettendoci su
      1cent mentre gli altri 19,99 li mettono miei
      amici.....[ne ho molti XD]Ancora piu' semplice.1) Io compro un CD originale a 20 euro.2) Ne faccio una copia (legalmente, dato che ne ho il possesso legale).3) Poi lo regalo a un mio amico.4) Lui ne fa una copia (legalmente, dato che ne ha il possesso legale).5) Poi la regala a un suo amico.6) ... che ne fa una copia (legalmente, dato che ne ha il possesso legale).7) ...Nessuno si ricorda mai che la copia è legale SE si ha il possesso legale dell'originale, non FINCHE' se ne ha il possesso ... quindi la copia è e RIMANE PER SEMPRE legale, anche se non possiedo più l'originale.
      • il disinforma to scrive:
        Re: un cavillo a favore dei "pirati"???

        Nessuno si ricorda mai che la copia è legale SE si ha il
        possesso legale dell'originale, non FINCHE' se ne ha il
        possesso ... quindi la copia è e RIMANE PER SEMPRE legale,
      • Tuxer scrive:
        Re: un cavillo a favore dei "pirati"???
        - Scritto da: SIGLAZY
        Nessuno si ricorda mai che la copia è legale SE
        si ha il possesso legale dell'originale, non
        FINCHE' se ne ha il possesso ... quindi la copia
        è e RIMANE PER SEMPRE legale, anche se non
        possiedo più
        l'originale.Eheh, magari funzionasse cosi' :-DPurtroppo la copia è e rimane legale fintantoché tu "possiedi" l'originale.Se l'originale lo regali, non sei più il proprietario, quindi non ne hai più il possesso; di conseguenza la copia che ti tieni non può più definirsi legale. In teoria dovresti distruggerla.
  • wilcox scrive:
    Numero di contatti
    quindi se ci si basa sul numero di contatti mi pare ovvio che anche il sito di Microsoft dovrebbe essere considerato come un covo di pirati e di conseguenza dovrebbe esserne inibito l'accesso... nonche` tutti i vari siti ad elevato accesso... o sono pirati o sono siti di pedofili non pare che ci sia alternativa..:-)
    • Massi cadenti scrive:
      Re: Numero di contatti
      - Scritto da: wilcox
      quindi se ci si basa sul numero di contatti mi
      pare ovvio che anche il sito di Microsoft
      dovrebbe essere considerato come un covo di
      pirati e di conseguenza dovrebbe esserne inibito
      l'accesso... nonche` tutti i vari siti ad elevato
      accesso... o sono pirati o sono siti di pedofili
      non pare che ci sia
      alternativa..:-)Banniamo Google :D
      • il disinforma to scrive:
        Re: Numero di contatti
        sicuramente fra quelli che lo usano [99% dei netizen credo] ci sono statisticamente pedofili e terroristi XD
  • cippa.lippa scrive:
    ho gli occhi
    e un po' di memoria: sarò mica un "ladro" anch'io?
    • Stacy think positive scrive:
      Re: ho gli occhi
      Purtroppo sì, ci segua in caserma
      • cippa.lippa scrive:
        Re: ho gli occhi
        per riprendere un altro 3d: e se me li faccio piombare? (scusate la trolleria, ma anche l'argomento è di per se surreale... E' un'illusione sapete, se si chiamasse TheGoodestBay nessuno si sentirebbe pirata... non è ipocrisia ma autopercezione: ci impongono di sentirci "pirati" chiamandoci così*. Pensateci se mettessero l'aria a pagamento e chiamassero pirati coloro che sniffano a scrocco...)*RIAA, MAJOR, GOVERNI
  • CCC scrive:
    link = reato????
    Ridicola follia pura: In questo contesto, sottolineano poi i giudici, "risulta del tutto evidente come gli indagati, attraverso il sito www.thepiratebay.org, quantomeno mettano a disposizione del pubblico della rete opere dell'ingegno protette, condotta astrattamente rispondente alla tipicità dell'art. 171 citato". Il riferimento è all'articolo della legge sul diritto d'autore che si occupa di pirateria, qui associato esplicitamente alla pubblicazione di link . ridicola: per la parolina "astrattamente"follia perché allora, per fare un esempio eclatante (su milioni di esempi possibili), Google linka direttamente www.thepiratebay.org nonché altri milioni di sito che, aloro volta, linkano www.thepiratebay.org:per la loro condotta astrattamente rispondente alla tipicità dell'art. 171 citato sono TUTTI DELINQUENTI!
    • Stacy think positive scrive:
      Re: link = reato????
      Lui ha sempre ragionehttp://it.youtube.com/watch?v=fcI5eapevJ0&feature=related
      • CCC scrive:
        Re: link = reato????
        - Scritto da: Stacy think positive
        Lui ha sempre ragione

        http://it.youtube.com/watch?v=fcI5eapevJ0&feature=ahahah... tutti delinquentiiiiii
    • nemo scrive:
      Re: link = reato????
      Guarda, se ti prendi la briga di leggerti l'art 172-ter, comma 2, lettera a)bis della legge sul diritto d'autore (sembra una presa per il ciulo, ma è il reato contestato a quelli della Baia), vedrai tali e tante contraddizioni in quello che hai letto da queste ed altre parti, che a trovare un filo logico in tutta questa faccenda non sarai capace non solo tu, ma nemmeno coloro che di diritto ci campano.Quello che si sono INVENTATI i giudici è un qualcosa di talmente astruso, che nemmeno un circense sarebbe stato capace di simili acrobazie interpretative.Il discorso sarebbe lungo e noioso.Ti dico solo che non avendo nulla a cui aggrapparsi, si sono "immaginati" che la Baia diffondesse sul "TERRITORIO ITALIANO" opere dell'ingegno protette dal diritto d'autore, attraverso l' "immissione" delle stesse "in una rete telematica". E incassando pure dei soldi.E come sarebbero stati capaci di fare tutto ciò, e per giunta all'interno dei nostri "confini"?Grazie a un tracker torrent e alla "collaborazione" da parte degli utenti Italiani che si collegavano alla Baia: tutti eh, non solo alcuni o la maggior parte.Cioè i Peer Italiani - più propriamente, i loro computer - sarebbero stati il "mezzo" attraverso cui questi tizi sarebbero "giunti" in Italia a diffondere "casa per casa" questi contenuti.Un po come se noi fossimo il braccio e loro la "capoccia" di questo disegno "criminoso".Solo cosi' una mente contorta - in senso ovviamente non offensivo, ma realistico - come quella dei magistrati di Bergamo, compresa quella di chi ha redatto la motivazione di cui si discute, poteva e può ancora oggi (in parte) giustificare:1 - la giurisdizione Italiana.2 - l'applicazione della normativa Italiana sul diritto d'autore a soggetti che non sono nostri concittadini.3 - Il sequestro preventivo delle connessioni degli utenti (perché è questo che è stato sequestrato) Italiani da e verso la Baia. Sequestro annullato in un secondo momento, ma solo per una cavillo di natura processuale. Trai tu le "giuste" conclusioni.
      • Massi cadenti scrive:
        Re: link = reato????
        - Scritto da: nemo
        3 - Il sequestro preventivo delle connessioni
        degli utenti (perché è questo che è stato
        sequestrato) Italiani da e verso la Baia.
        Sequestro annullato in un secondo momento, ma
        solo per una cavillo di natura processuale.No, non è tecnicamente un "cavillo" ma il sequestro preventivo non può avvenire nei confronti degli utenti che si connettono ad un sito oggetto di indagine (se non in due casi specifici, scommesse e pedoporno, che comunque non riguardano questo caso) ma deve "materialmente" avvenire sequestrando (appunto) le macchine (i server) e/o sostituendo la homepage SUI SERVER INCRIMINATI (non su quelli dei provider italiani).Non avendo la possibilità di farlo, sia perché i server sono all'estero dove l'Italia non può agire sia perché la loro ubicazione è sconosciuta, non è possibile agire.Quando in Italia (a cittadino italiano) viene sequestrato qualcosa viene effettivamente sequestrato: può essere un PC, l'automobile, del denaro, un'abitazione, della droga o altro bene mobile o immobile di cui l'autorità giudiziaria possa ritenere oggetto di un reato. Il cosiddetto "sequestro preventivo" è soggetto a dei limiti ben precisi e può avvenire solo se si ha fondato motivo per credere che senza che esso avvenga possa protrarsi il reato, possano protrarsi le sue conseguenze o possano essere inquinate/distrutte le prove pertinenti al reato.Esiste anche il sequestro di un sito ma tale tipo di sequestro dev'essere fatto a cittadino italiano, oppure a cittadino straniero residente sul territorio italiano, oppure agendo su server ubicati sul territorio italiano. Un cittadino svedese residente in Svezia con server NON ubicati in Italia (presumibilmente in Svezia, senza certezze, ma comunque senza alcun motivo per credere che ci siano dei server in Italia) non risponde a nessuna di queste caratteristiche, pertanto il sequestro è illegittimo. Il massimo che si può fare è chiedere alle autorità svedesi (attraverso l'Europol) di agire, ma questo può avvenire solo se il fatto (il tracker torrent) è riconosciuto da entrambi i Paesi (Italia e Svezia) come reato. La Svezia non riconosce The Pirate Bay come un sito illegale, anzi ci sono diverse sentenze svedesi che ne hanno proclamato la legittimità, quindi non agirà mai nei confronti di suoi cittadini per qualcosa che lei non considera illegale (anzi è tenuta a proteggerli e forse, anzi probabilmente, non passerebbe nemmeno i dati di quei cittadini alla magistratura italiana). Questo perché gli accordi bilaterali esistono solo per quei fatti che entrambi i Paesi riconoscono come reato. In quel caso (ma non è questo il caso) si può chiedere l'estradizione dell'indagato, o in alternativa che venga aperto un procedimento nel Paese d'origine. Senza che entrambi i Paesi riconoscano il fatto come reato, non si può chiedere l'estradizione.Discorso ben diverso sarebbe stato se Sunde & c. fossero stati italiani, o avessero avuto base in Italia, o avessero i server in Italia. Ma non è così.Vista l'illeggimità del sequestro, rimane la possibilità dell'oscuramento: che però non è possibile se non per casi di pedopornografia o scommesse senza autorizzazione dell'AAMS. Visto che The Pirate Bay non è un sito di scommesse, né un sito pedopornografico, non è possibile neanche l'oscuramento non prevedendo la legge sul diritto d'autore delle misure tecniche di questo tipo con inibizioni all'accesso tramite i provider.
        • jusnet scrive:
          Re: link = reato????
          Si, ma il punto messo in risalto dall'amico è un altro.Il giudice che ha disposto l'annullamento del sequestro, ha mantenuto in piedi la ricostruzione della vicenda fatta da chi aveva ordinato agli ISP di oscurare il sito.E cioè, che quelli della Baia starebbero "ancora" commettendo un reato (la comunicazione al pubblico di opere dell'ingegno attraverso la loro immissione in un sistema di reti telematiche).E non si capisce come questo possa avvenire in territorio Italiano, quando i pirati stanno in Svezia. Se non appunto ritenendo, come hanno fatto i giudici e la procura di Bergamo, che il tracker della baia sia sostanzialmente un server decentralizzato, con alcune sue parti "dislocate" in Italia per mezzo dei nostri computer. Solo cosi hanno potuto giustificare la giurisdizione italiana.Parlare di cavillo processuale pertanto è corretto: in sostanza è stato stabilito che, fermo restando il possibile reato secondo la legge Italiana e in relazione al quale il processo andrà avanti (quindi la competenza del giudice italiano è stata confermata), tuttavia un sequestro preventivo del genere non poteva essere disposto perché il codice di procedura penale non lo prevede. L'annullamento infatti è dovuto alla "atipicità" del provvedimento, in quanto non rientra appunto tra i "tipi" previsti dal codice.
  • NonSiRespir aPiu scrive:
    Storiella delle ciliegie...
    storiella:Ieri passando per la strada che porta al mio paese ho visto sul bordo in un campo un albero da frutta, un fantastico ciliegio carico carico carico.Ho pensato, che belle e buone ciliegie e preso per la gola e dall'acquolina decido: appena arrivo in città passo dal negozio di frutta, me ne compro un po' e me le mangio fino a scoppiare!!! Quando arrivo in città passo dal negozio compro le ciliegie, le pago, le mangerò tutte! ahhh.Allora esco a fare due passi ben contento fino al porticciolo della "baia" del paese (tipo Montalbano dopo mangiato), arrivato lì incontro delle persone, dei conoscenti ed altri sconosciuti che stanno anche loro passeggiando e oziando, vedendomi così contento mi chiedono come mai, allora io racconto delle ciliegie, dell'acquisto, della goduria nel gustarle.Allora i presenti presi dal mio convinto stupore e piacere chiedono:E dove le hai viste queste meraviglie ?Io, pensando che volessero magari ammirare lo spettacolo dell'albero carico, rispondo: lungo la strada ss123bis all'incrocio con la sp321ter.Al che i birbaccioni partono e si recano in tale luogo ma invece di meravigliarsi dello spettacolo offerto dalla vista, si buttano capofitto e fanno man bassa di tutto.La mattina successiva il proprietario denu_ncia.Gli organi inqui_renti inda_gano a 360°.PENSATE CHE DEBBA INIZIARE A PREOCCUPARMI DI AVERDATO LE "COORDINATE" DI SIMILE SPETTACOLO DELLA NATURA ?Che ne dite....calza?, se si veramente saremo presto in una gabbia planetaria... se non lo siamo già.Prego qualcuno più ferrato di me che la corregga/integri con le utili osservazioni. SalutiNonSiRespiraPiu
    • CCC scrive:
      Re: Storiella delle ciliegie...
      - Scritto da: NonSiRespir aPiu
      storiella:
      Ieri passando per la strada che porta al mio
      paese ho visto sul bordo in un campo un albero da
      frutta, un fantastico ciliegio carico carico
      carico.
      Ho pensato, che belle e buone ciliegie e preso
      per la gola e dall'acquolina decido: appena
      arrivo in città passo dal negozio di frutta, me
      ne compro un po' e me le mangio fino a
      scoppiare!!!

      Quando arrivo in città passo dal negozio compro
      le ciliegie, le pago, le mangerò tutte!
      ahhh.
      Allora esco a fare due passi ben contento fino al
      porticciolo della "baia" del paese (tipo
      Montalbano dopo mangiato), arrivato lì incontro
      delle persone, dei conoscenti ed altri
      sconosciuti che stanno anche loro passeggiando e
      oziando, vedendomi così contento mi chiedono come
      mai, allora io racconto delle ciliegie,
      dell'acquisto, della goduria nel
      gustarle.
      Allora i presenti presi dal mio convinto stupore
      e piacere
      chiedono:
      E dove le hai viste queste meraviglie ?
      Io, pensando che volessero magari ammirare lo
      spettacolo dell'albero carico, rispondo: lungo la
      strada ss123bis all'incrocio con la
      sp321ter.
      Al che i birbaccioni partono e si recano in tale
      luogo ma invece di meravigliarsi dello spettacolo
      offerto dalla vista, si buttano capofitto e fanno
      man bassa di
      tutto.
      La mattina successiva il proprietario denu_ncia.
      Gli organi inqui_renti inda_gano a 360°.

      PENSATE CHE DEBBA INIZIARE A PREOCCUPARMI DI AVER
      DATO LE "COORDINATE" DI SIMILE SPETTACOLO DELLA
      NATURA
      ?

      Che ne dite....calza?, a occhi e croce non fa una grinza
      se si veramente saremo
      presto in una gabbia planetaria... se non lo
      siamo
      già.buona la seconda
      Prego qualcuno più ferrato di me che la
      corregga/integri con le utili osservazioni.

      Saluti
      NonSiRespiraPiuci......aa... hhhhhh (mi manca l'aria...)
    • Daniel Jackson scrive:
      Re: Storiella delle ciliegie...

      luogo ma invece di meravigliarsi dello spettacolo
      offerto dalla vista, si buttano capofitto e fanno
      man bassa di
      tutto.Cadi nell'errore di fondo.I materiali digitali non sono fisici.Se scarichi qualcosa non lo sottrai al proprietario, lo duplichi.I tuoi farabutti non hanno portato via i frutti originali, hanno usato i replicatori di Star Trek per crearne delle copie simili agli originali. L'albero è ancora li.Il proprietario però ha sporto denuncia perché crede di rimetterci quando invece la pubblicità gratuita che i cloni dei suoi frutti gli porteranno gli farà avere clienti in più, estimatori dei vegetali non replicati.
      • NonSiRespir aPiu scrive:
        Re: Storiella delle ciliegie...
        Ok,Dal lato protagonista:Il problema non devi affrontarlo dal punto di vista dell'azione del danneggiante (non sottrazione o copia) o del danneggiato(mancato profitto della vendita delle ciliegie), ma da quello di chi ha segnalato che lì c'erano delle ciliegie e basta, (lui non le ha toccate/copiate anzi per se le ha comprate).Se poi quelle ciliegie erano protette non stava/starà a lui rispondere di atti di terzi verso quel bene (carta, frutta,disco,link che sia).Semmai chi passava (navigava) mentre mangiavano poteva segnalare all'autorità (come vedere uno che pesta un'altro,una rapina, moralmente si potrebbe intervenire,denunciare,testimoniare ecc..)Ma sta di fatto che nessuno sa cosa farà un altro che sta a 1000Km davanti ad un albero di ciliegie carico (e con un link torrent a portata).Dal lato farabutti:Nessuno sa a priori se dentro al file che scaricheranno c'e' effettivamente quello che dice il titolo del link (puo essere un fake).Cioè le persone che sono andate a mangiare le ciliegie sapranno se sono belle appena le vedono ma se sono buone SOLO dopo raccolte e mangiate.(dopo aver cioè ascoltato/visto/fruito a scrocco)Quindi l'intenzione è amorale ma passa all'illegale quando hanno effettivamente mangiato le ciliegie (completato il download e fruito il contenuto che corrisponde alle aspettative.)Se poi le ciliegie vengono mangiate e digerite scomparirà ogni traccia subito escludendo la possibilità che le si volessero 'vendere' anziche mangiarle. (una volta fruito il contenuto lo si cancella così viene meno qualunque altra intenzione).E per finire:Con le velocità adsl di oggi e lo streaming ormai le ciliegie i farabutti se le fanno arrivare direttamente a casa on demand!!Saluti...NonSiRespiraPiu
      • Massi cadenti scrive:
        Re: Storiella delle ciliegie...
        - Scritto da: Daniel Jackson
        Cadi nell'errore di fondo.
        I materiali digitali non sono fisici.Sono perfettamente d'accordo.Glielo spieghi tu a quello che ha fatto lo spot che dice "Non ruberesti mai una borsa, non ruberesti mai un cellulare, non ruberesti mai un televisore, non ruberesti mai un film... scaricare è come rubare e rubare è contrario alla legge"?Non è che i materiali digitali non sono fisici soltanto se fa comodo alle major mentre quando fa comodo per fare i loro paragoni dicono che la copia è un furto, perché la copia non è un furto visto che non sottrae nulla a chi ha comprato (ctrl+c seguito da ctrl+v... occavolo ho creato una copia, e il file originale com'è che è ancora lì? Non era stato "rubato"?).
  • vitty666 scrive:
    Re: Ieri, Telegiornale Raiuno
    quello che non capisco è una cosa:lasciando stare la baia,ma se io ho comprato un cd originale posso o non posso darlo ad un amico?in condivisione?..poi.allora vale la regola del diritto d'autore anche per la carta igenica penso..
    • Massi cadenti scrive:
      Re: Ieri, Telegiornale Raiuno
      - Scritto da: vitty666
      quello che non capisco è una cosa:lasciando stare
      la baia,ma se io ho comprato un cd originale
      posso o non posso darlo ad un amico?in
      condivisione?..poi.allora vale la regola del
      diritto d'autore anche per la carta igenica
      penso..Se è usata, c'è il tuo dna, quindi c'è il tuo copyright. Quando tiri lo sciacquone ricordati di chiedere i diritti al servizio fognature del tuo comune perché fanno distribuzione su rete (fognaria) pubblica dei dati tuoi personali (il dna è un dato personale, l'ha detto anche il Garante).
  • isidoro scrive:
    Re: Ieri, Telegiornale Raiuno
    l'ufficiale della gdf era percaso Rapetto del Gatt? Di solito è lui il frontman
  • Nathaniel Hornblower scrive:
    Tutti che si lamentano...
    ...nessuno che muove un dito. Basterebbe vi organizzaste per costituire un referendum abrogativo, oppure uno che semplicemente cambi la voce da "profitto" a "lucro". Basterebbe una parolina sola. I radicali riescono a organizzare referendum tramite gazebo per la raccolta delle firme, i beppegrillini pure...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Tutti che si lamentano...
      Guarda, in italia si è dimostrato che puoi anche raccogliere firme per un referendum, però in alto ti ostacolano semplicemente ignorando le firme.
    • Senbee scrive:
      Re: Tutti che si lamentano...
      Ci hanno già provato ma non è andata bene, è un problema non sentito dalla maggioranza degli italiani.Comunque sia, i Radicali stanno lavorando per raccogliere altre firme fra qualche mese. Inoltre sono pronti tre disegni di legge per la rivisitazione del copyright e l'abolizione della Urbani.Ovviamente con soli 8 parlamentari in tutto, non è che si possa fare più di tanto. Il resto lo devono fare gli elettori.
      • Massi cadenti scrive:
        Re: Tutti che si lamentano...
        - Scritto da: Senbee
        Ovviamente con soli 8 parlamentari in tutto, non
        è che si possa fare più di tanto. Il resto lo
        devono fare gli elettori.Con questa legge elettorale sarà impossibile che gli elettori possano far qualcosa. I Radicali, per esempio, erano nel PD; ma non è che potevi scegliere chi votare, se votavi PD votavi chi il PD aveva scelto in quella circoscrizione, che poteva essere dei Radicali e poteva essere un ex centrista (agli antipodi dei Radicali) passato con Veltroni. Senza preferenze e senza il proporzionale, è impossibile prevedere chi ci rappresenta in Parlamento, questo a prescindere da chi vince alle elezioni. E ovviamente, poichè a questo Parlamento (tutto, indipendentemente se PD o PDL) l'attuale legge elettorale sta benissimo, nessuno di loro la cambierà, perché rischierebbe di non ritornare la volta dopo...P.S. Per il moderatore: prima di censurare questo messaggio come spam politico, faccio presente che è contrario a tutto il Parlamento in generale (e in generale è contrario a tutti i governi che hanno lasciato l'attuale legge elettorale, quindi vale per questo attuale per esempio ma anche per quello prima di questo).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 ottobre 2008 17.41-----------------------------------------------------------
        • Senbee scrive:
          Re: Tutti che si lamentano...
          Purtroppo hai ragione.Il poco che si può fare è votare il partito in cui c'è il parlamentare che ci piace, sperando che egli abbia un po' di forza all'interno del partito. Ma è decisamente una cosa poco democratica.
    • E. Purator scrive:
      Re: Tutti che si lamentano...
      Ed i BerlusQoglioni come te fanno referendum? O sei sempre davanti Merdaset?- Scritto da: Nathaniel Hornblower
      ...nessuno che muove un dito. Basterebbe vi
      organizzaste per costituire un referendum
      abrogativo, oppure uno che semplicemente cambi la
      voce da "profitto" a "lucro". Basterebbe una
      parolina sola. I radicali riescono a organizzare
      referendum tramite gazebo per la raccolta delle
      firme, i beppegrillini
      pure...
    • Massi cadenti scrive:
      Re: Tutti che si lamentano...
      - Scritto da: Nathaniel Hornblower
      ...nessuno che muove un dito. Basterebbe vi
      organizzaste per costituire un referendum
      abrogativoSarei il primo a farlo ma purtroppo nel nostro ordinamento le leggi penali non prevedono la possibilità di referendum abrogativi. Prima della Urbani si sarebbe potuto fare (solo per chi scarica però, perché chi condivideva era comunque nel penale già da prima), da quando la Urbani ha introdotto le conseguenze penali anche per chi scarica, non si può fare più.
  • terrabello scrive:
    Orientamento pericoloso
    Mi lascia perplesso l'orientamento più che il risultato del riesame: una corrispondenza diretta tra acesso al sito e violazione dei diritti d'autore. Questo vuol dire che se questa sera mentro rientro a casa guardo una prostitita sono passibile di violazione della nuova legge sulla prostituzione e quindi essere multato ed arrestato. Personalmente ho navigato qualche volta sul sito, ma non ne ho mai utilizzato i link. Cosa vuol dire che la prossima volta che navigo su un sito devo stare attento a quali link contiene?Assurdo!
    • Nathaniel Hornblower scrive:
      Re: Orientamento pericoloso
      - Scritto da: terrabello
      Mi lascia perplesso l'orientamento più che il
      risultato del riesame: una corrispondenza diretta
      tra acesso al sito e violazione dei diritti
      d'autore. Questo vuol dire che se questa sera
      mentro rientro a casa guardo una prostitita sono
      passibile di violazione della nuova legge sulla
      prostituzione e quindi essere multato ed
      arrestato.

      Personalmente ho navigato qualche volta sul sito,
      ma non ne ho mai utilizzato i link. Cosa vuol
      dire che la prossima volta che navigo su un sito
      devo stare attento a quali link
      contiene?

      Assurdo!E' per il sito, non per il navigatore.
  • ninjaverde scrive:
    Tanto"Fumus"
    Tanto fumo per non voler, caparbiamente, capire la cosa più semplice: diminuire i prezzi de Cd e DVD.Fare inoltre valutazioni di perdite enormi sulla base di fantasie.Ma di fronte ai cambiamenti, anche le teste più dure prima o poi si rompono.
    • Massi cadenti scrive:
      Re: Tanto"Fumus"
      - Scritto da: ninjaverde
      Tanto fumo per non voler, caparbiamente, capire
      la cosa più semplice: diminuire i prezzi de Cd e
      DVD.Tranquillo, adesso li aumentano, così ancora meno gente li comprerà.Le ville in Costa Smeralda con le 3 o 4 macchine di lusso, poi, non se le potranno più permettere...
    • ninjaverde scrive:
      Re: Tanto"Fumus"
      Ma anche un sito come questo è utile...http://www.jamendo.com/it/e non possono dire che è illegale. ;)
      • Massi cadenti scrive:
        Re: Tanto"Fumus"
        - Scritto da: ninjaverde
        Ma anche un sito come questo è utile...
        http://www.jamendo.com/it/
        e non possono dire che è illegale. ;)Se è per questo anche questo è legalissimo e senza DRM: http://www.downlovers.it
        • ninjaverde scrive:
          Re: Tanto"Fumus"
          Ok me lo segno!!Prima o poi le regole del mercado dovranno cambiare, ora gli autori posso farsi pubblicità anche da soli senza dopendere dai discografici... e se continueranno con la loro politica repressiva ed i relitivi prezzi alti, qualcuno finirà per associarsi in cooperativa ed avviare il commercio on-line a prezzi veramente popolari.Mi domando solo, come mai non lo abbiano già fatto...o forse qualcuno ci ha già pensato..!!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2008 11.59-----------------------------------------------------------
  • barbarossa scrive:
    I Pirati dei Caramba...
    Un Galeone salpa dai porti della Svezia, col suo carico di mercanzie.Giunge in prossimità delle acque territoriali nostrane, ma non varca i confini e getta l'ancora.Una scialuppa viene calata in mare e si dirige verso terra: "annuncia" a tutti l'arrivo dei Pirati.Da terra partono altri "natanti" (i peer), issano a bordo i loro preziosi e ne caricano di altri sulle loro stive e si dirigono verso la costa a forte velocità. A terra ci sono i loro amici ad aspettarli; "scaricano" il "bottino" e iniziano a distribuire anche nell'entroterra.Questo via vai attira però l'attenzione. La Guardia di Finanza, non potendo colpire direttamente il veliero che staziona in acque sicure, ordina alla Guardia Costiera (gli ISP) di cannoneggiare le imbarcazioni: sparano, colpiscono e affondano, senza discriminazioni.Ma c'è chi fa il giro largo: salpa dai porti dei mari del Nord, e si sottrae al fuoco serrato.Giunge però l'ordine di cessare il fuoco. Si sta sbagliando bersaglio e non si capisce + nulla: chi si sta colpendo?Il Galeone infatti è sempre li, sano e salvo.....
  • The Mind withCake scrive:
    tanto fumus ma niente arrostus...
    In pratica poiché la baia "per due testimonj consta esser tenuta, e comunemente riputata per pirata, et avendo tal nome, ancorché non si verifichi aver fatto delitto alcuno... per questa sola riputazione di pirata, senza altri indizj, può dai detti giudici e da ognuno di loro esser messa alla corda et al tormento, per processo informativo... et ancorché non confessi delitto alcuno, tuttavia sia mandata alla galea, per detto triennio, per la sola opinione e nome di pirata" (fumus).Ma come in molti avranno già intuito "nel tempo in cui noi trattiamo, c'era de'pirati tuttavia" (e questo è l'arrostus...).Almeno questa volta però se i potenti si limitano a leggi assurde che sono meri esercizi di stile anziché cercare di migliorare ciò che non funziona della società non saranno solo i poveracci a rimetterci...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 ottobre 2008 11.19-----------------------------------------------------------
  • Nathanio scrive:
    Quante storie
    ma non ce l'avete il mirc e il mulo?
  • E. Purator scrive:
    Scaricare NON DEVE essere reato
    A me non frega NULLA di quello che dice la FIMI o chi per essa: scaricare NON DEVE assolutamente essere reato (infatti lo è da pochi anni) poichè non si ruba NULLA di fisico e non ci si lucra sopra.Chi protesta contro il P2P è solo un PARASSITA che vuole guadagnare soldi a tutti i costi alle spalle degli altri (ovvero gli artisti).
    • shado scrive:
      Re: Scaricare NON DEVE essere reato
      - Scritto da: E. Purator
      A me non frega NULLA di quello che dice la FIMI o
      chi per essa: scaricare NON DEVE assolutamente
      essere reato (infatti lo è da pochi anni) poichè
      non si ruba NULLA di fisico e non ci si lucra
      sopra.Sei comunque un LADRO. Chi ha fatto il film lo fa per soldi e chi lo vuole vedere lo paga. Se te le procuri in modo diverso ... hai solo rubato.
      Chi protesta contro il P2P è solo un PARASSITA
      che vuole guadagnare soldi a tutti i costi alle
      spalle degli altri (ovvero gli artisti).Concordo con te che il 'sistema Holliwood' ci marcia e che chi produce becca poco. Ma resta il fatto che rubi e non certo per sopravvivere.
      • Reolix scrive:
        Re: Scaricare NON DEVE essere reato
        Rubato, ladro, olè benvenuti alla casa dei troll(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
        • shado scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato
          - Scritto da: Reolix
          Rubato, ladro, olè benvenuti alla casa dei troll

          (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)opla ... ecco il primo asino che raglia.cresci ed argomenta.
          • lufo88 scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            Rubare vuol dire sottrarre un oggettoLa pirateria non sottrai alcun oggetto, ne fai una copia. :)
          • shado scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: lufo88
            Rubare vuol dire sottrarre un oggetto
            La pirateria non sottrai alcun oggetto, ne fai
            una copia.
            :)ok ... ma illecita.Quindi se vado a scrocco sul tram ... non sottraggo nessuna cosa allora sono posto, non rubo nulla? Se vai a vedere uno spettacolo con entrata a pagamento e trovi il modo di aggirare il 'botteghino', non avendo sottratto nulla ... va tutto bene?devo continuare?Siate seri e credibili in quello che dite.
          • LockOne scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: shado
            - Scritto da: lufo88

            Rubare vuol dire sottrarre un oggetto

            La pirateria non sottrai alcun oggetto, ne fai

            una copia.

            :)

            ok ... ma illecita.

            Quindi se vado a scrocco sul tram ... non
            sottraggo nessuna cosa allora sono posto, non
            rubo nulla?no, commetti un illecito punito con una multa da quattro soldi, mica con la galera.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            contenuto non disponibile
          • shado scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: LockOne
            - Scritto da: shado

            - Scritto da: lufo88


            Rubare vuol dire sottrarre un oggetto


            La pirateria non sottrai alcun oggetto, ne fai


            una copia.


            :)



            ok ... ma illecita.



            Quindi se vado a scrocco sul tram ... non

            sottraggo nessuna cosa allora sono posto, non

            rubo nulla?

            no, commetti un illecito punito con una multa da
            quattro soldi, mica con la galera.Sappaimo che la legge attuale è esagerata (per usare un termine leggero), non commisurata all'illecito nella parte repressiva.Sta di fatto che comunque fruire di un opera che non viene resa disponibile gratis ma solo dietro un compenso, ottenuta in modo diverso è sbagliato, è un illecito, non si fa.Che poi uno non si faccia scrupoli al riguardo ... beh è un'altra questione.
          • Senbee scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato

            ok ... ma illecita.

            Quindi se vado a scrocco sul tram ... non
            sottraggo nessuna cosa allora sono posto, non
            rubo nulla?No.Commetto un illecito amministrativo, come il divieto di sosta, e quindi sono punito con un'ammenda, non con il carcere.Il furto è un reato. La violazione del copyright e il divieto di sosta sono illeciti amministrativi.Quindi copiare e scaricare NON è furto.Per dimostrare che è furto, devi fornire la prova del mancato guadagno, ossia la prova certa che tu avevi assoluto bisogno di quella cosa e che se non l'avessi potuta scaricare l'avresti comprata. Tale prova la deve fornire l'accusa, nel regolare processo penale. In genere questa prova è costituita dallo scopo di lucro.Studia un po' di diritto elementare prima di pontificare e offendere, per favore.
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Senbee

            ok ... ma illecita.



            Quindi se vado a scrocco sul tram ... non

            sottraggo nessuna cosa allora sono posto, non

            rubo nulla?

            No.

            Commetto un illecito amministrativo, come il
            divieto di sosta, e quindi sono punito con
            un'ammenda, non con il
            carcere.
            Il furto è un reato. La violazione del copyright
            e il divieto di sosta sono illeciti
            amministrativi.

            Quindi copiare e scaricare NON è furto.
            Ma immettere su reti telematiche opere coperte da diritto d'autore è reato penale.
          • Senbee scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            Infatti è assurdo, perché in contrasto totale con tutto il resto delle leggi. Anche lo stesso Urbani disse che era chiaramente un errore e che la legge sarebbe subito cambiata. Invece è rimasta uguale, ovviamente.Ma rimane un mostro giuridico senza ragione d'essere e mai applicato.
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Senbee
            Infatti è assurdo, perché in contrasto totale con
            tutto il resto delle leggi. Anche lo stesso
            Urbani disse che era chiaramente un errore e che
            la legge sarebbe subito cambiata. Invece è
            rimasta uguale,
            ovviamente.
            Ma rimane un mostro giuridico senza ragione
            d'essere e mai
            applicato.Il problema non è il reato penale. 3 mesi si cancellano con un'oblazione e dopo un po' si ha la fedina pulita. Il problema è la multa in sede amministrativa. Non ha tetti massimi, come si s'è visto nel caso di quei quattro (genux mi pare) che recavano importi di milioni di euro.
          • Senbee scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            Sì ma lì si ravvisò anche lo scopo di lucro. A dir la verità la Urbani per semplice condivisione non è mai stata veramente applicata.
          • shado scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Senbee

            ok ... ma illecita.



            Quindi se vado a scrocco sul tram ... non

            sottraggo nessuna cosa allora sono posto, non

            rubo nulla?

            No.

            Commetto un illecito amministrativo, come il
            divieto di sosta, e quindi sono punito con
            un'ammenda, non con il
            carcere.
            Il furto è un reato. La violazione del copyright
            e il divieto di sosta sono illeciti
            amministrativi.

            Quindi copiare e scaricare NON è furto.Grazie per la precisione. Sempre un illecito commeti, eil fatto che sia meno grave di un reato sbagli sempre a scaricare 'roba' che sai che viene data solo a pagamento.Che poi uno non si faccia scrupoli in proposito ... beh è un'altra questione.[snip]
            Studia un po' di diritto elementare prima di
            pontificare e offendere, per favore.Anche questo scambio 'vivace' di opinioni serve a crescere, parlo per me.
          • Wolf01 scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            La pirateria multimediale è come quei ragazzini che in America negli anni 70 si sedevano sul "paraurti" posteriore del tram, per scroccare un passaggio senza pagare e potevano salire e scendere in corsaTu cosa avresti fatto beccando uno di quei ragazzini?Ah bhe, secondo la loro mentalità gli avrebbero fatto pagare il biglietto annuale moltiplicato per il peso del ragazzinoPurtroppo per loro (le major), il paraurti posteriore del tram delle major è molto più capiente del tram stesso, quindi la gente ci sale come nei treni indiani
          • shado scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Wolf01
            La pirateria multimediale è come quei ragazzini
            che in America negli anni 70 si sedevano sul
            "paraurti" posteriore del tram, per scroccare un
            passaggio senza pagare e potevano salire e
            scendere in corsa
            Tu cosa avresti fatto beccando uno di quei
            ragazzini?
            Ah bhe, secondo la loro mentalità gli avrebbero
            fatto pagare il biglietto annuale moltiplicato
            per il peso del ragazzinoConcordo in pieno.
            Purtroppo per loro (le major), il paraurti
            posteriore del tram delle major è molto più
            capiente del tram stesso, quindi la gente ci sale
            come nei treni indianiSono uno di quelli che ce la su con le politiche commerciale di queste major. Non sono un loro difensore. Ma non è certo il download selvaggio di ciò che si sa che non è gratis, il metodo per combattere questo sistema iniquo.Che poi uno dica che un terrorista o una rivoluzione è cosa giusta ... sarà la storia a dirlo (e a volte neanche quella) sempre un sistema illegale è stato usato (il download), contro la volontà di un proprietario di qualcosa.
          • Reolix scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: shado
            - Scritto da: Reolix

            Rubato, ladro, olè benvenuti alla casa dei troll



            (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)

            opla ... ecco il primo asino che raglia.

            cresci ed argomenta.Grazie per l'asino, salvo esserti ricreduto sul ladro...chi sarà l'asino adesso?Per argomenti ti bastino i miei vecchi post con tanto di documenti che certificano le falsità delle major che difendi e le decine di stupidità del diritto d'autore, ma resta nel tua brodo ad autoconvincerti insieme alle major, il mondo và avanti senza di voi
          • shado scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Reolix
            - Scritto da: shado

            - Scritto da: Reolix


            Rubato, ladro, olè benvenuti alla casa dei
            troll





            (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)



            opla ... ecco il primo asino che raglia.



            cresci ed argomenta.

            Grazie per l'asino, salvo esserti ricreduto sul
            ladro...chi sarà l'asino adesso?
            Per argomenti ti bastino i miei vecchi post con
            tanto di documenti che certificano le falsità
            delle major che difendi e le decine di stupidità
            del diritto d'autore, ma resta nel tua brodo ad
            autoconvincerti insieme alle major, il mondo và
            avanti senza di voibravo vedi che ora non sei più un asino ma replichi e argomenti e non bolli con il qualunquismo 'sei un trol'. A chi mi da del trol senza nulla aggiungere replico che è un asino.E comunque non difendo le major (per come hanno impostato il loro sistema medioevale per far soldi in modo mon equo), dico solo che se sai che una cosa non si deve fare, perché il 'propritario' dice che cosi non si fa, non lo puoi fare. Anche se non sei d'accordo con simili condizioni.Che poi uno non abbia scrupoli ... beh è un'altra storia.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2008 22.58-----------------------------------------------------------
      • Daniel Jackson scrive:
        Re: Scaricare NON DEVE essere reato

        Sei comunque un LADRO. Chi ha fatto il film lo faPiano, ladro è colui che RUBA.Scaricare significa duplicare non sottrarre.
        • shado scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato
          - Scritto da: Daniel Jackson

          Sei comunque un LADRO. Chi ha fatto il film lo
          fa

          Piano, ladro è colui che RUBA.
          Scaricare significa duplicare non sottrarre.Ok, ladro è un termine 'grosso'. Stai sempre andando contro la volontà di chi detiene i diritti sull'opera. E uno con ciò che è suo (leggi diritti di sfruttamento) fa quello che vuole.Non sei d'accordo, non lo compri. Se vieni in possesso contro la volonta del 'proprietario' ... sbagli, fai un illecito.
          • Daniel Jackson scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato

            Ok, ladro è un termine 'grosso'. Stai sempre
            andando contro la volontà di chi detiene i
            diritti sull'opera. E uno con ciò che è suo
            (leggi diritti di sfruttamento) fa quello che
            vuole.Non sei d'accordo, non lo compri. Se vieni
            in possesso contro la volonta del 'proprietario'
            ... sbagli, fai un
            illecito.Ladro non è un termine grosso, è un termine sbagliato.Detto questo, la volontà delle major del disco è di far soldi. Se vai dietro a loro non puoi neanche cantare una canzone con gli amici. Tu guarda in che case abitano i VIP e chiediti se quel che fai li sta veramente rovinando.E poi... come la mettiamo con gli artisti che invitano a scaricare i loro album? :)
          • shado scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Daniel Jackson

            Ok, ladro è un termine 'grosso'. Stai sempre

            andando contro la volontà di chi detiene i

            diritti sull'opera. E uno con ciò che è suo

            (leggi diritti di sfruttamento) fa quello che

            vuole.Non sei d'accordo, non lo compri. Se vieni

            in possesso contro la volonta del 'proprietario'

            ... sbagli, fai un

            illecito.

            Ladro non è un termine grosso, è un termine
            sbagliato.faccio ammenda ... no problem.
            Detto questo, la volontà delle major del disco è
            di far soldi. Se vai dietro a loro non puoi
            neanche cantare una canzone con gli amici. Tu
            guarda in che case abitano i VIP e chiediti se
            quel che fai li sta veramente
            rovinando.Che ci sia molta ingiustizia in tutto questo ... è cosa assodata. Ma non credo (opinione personale) che per combattere un ingiustiza si debba per forza usare un metodo illecito. Perché comunque vai contro la volontà del detentore dei diritti.
            E poi... come la mettiamo con gli artisti che
            invitano a scaricare i loro album?Non vedo dove sta il problema. Se chi ha i diritti di possesso ti dice scarica ... perché mai scaricare deve essere un reato o un illecito.
          • Daniel Jackson scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato

            Che ci sia molta ingiustizia in tutto questo ...
            è cosa assodata. Ma non credo (opinione
            personale) che per combattere un ingiustiza si
            debba per forza usare un metodo illecito. Perché
            comunque vai contro la volontà del detentore dei
            diritti.Chi detiene i diritti faccia un'offerta valida. Una base di partenza sono i listini del famoso sito russo di mp3. 1 cent a canzone, mp3 con bitrate a scelta e niente drm. Loro campano comunque bene e i clienti non vengono criminalizzati.Oppure si faccia la flat per il download e soprattutto il libero scambio.E' la domanda che deve condizionare l'offerta, non viceversa.

            E poi... come la mettiamo con gli artisti che

            invitano a scaricare i loro album?

            Non vedo dove sta il problema. Se chi ha i
            diritti di possesso ti dice scarica ... perché
            mai scaricare deve essere un reato o un
            illecito.Il problema sta nel fatto che taluni artisti e autori TV invitano a scaricare pur se le major sono contrarie. Allora chi è più importante nella tua scala? Il creatore o il distributore?
          • shado scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Daniel Jackson

            Che ci sia molta ingiustizia in tutto questo ...

            è cosa assodata. Ma non credo (opinione

            personale) che per combattere un ingiustiza si

            debba per forza usare un metodo illecito. Perché

            comunque vai contro la volontà del detentore dei

            diritti.

            Chi detiene i diritti faccia un'offerta valida.
            Una base di partenza sono i listini del famoso
            sito russo di mp3. 1 cent a canzone, mp3 con
            bitrate a scelta e niente drm. Loro campano
            comunque bene e i clienti non vengono
            criminalizzati.
            Oppure si faccia la flat per il download e
            soprattutto il libero
            scambio.Mi trovi pienamente d'accordo.
            E' la domanda che deve condizionare l'offerta,
            non viceversa.Magari ... purtroppo questo settore non vuole mollare.


            E poi... come la mettiamo con gli artisti che


            invitano a scaricare i loro album?



            Non vedo dove sta il problema. Se chi ha i

            diritti di possesso ti dice scarica ... perché

            mai scaricare deve essere un reato o un

            illecito.

            Il problema sta nel fatto che taluni artisti e
            autori TV invitano a scaricare pur se le major
            sono contrarie. Allora chi è più importante nella
            tua scala? Il creatore o il distributore?Il creatore puo cambiare distributore, sempre che lo voglia veramente e non solo per fare la 'bella figurina'.Per risponderti ... ti dico il creatore, chi fatica. Il ditributore è solo un sfrutt... ops intermediario.
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Daniel Jackson
            Il problema sta nel fatto che taluni artisti e
            autori TV invitano a scaricare pur se le major
            sono contrarie. Allora chi è più importante nella
            tua scala? Il creatore o il
            distributore?Il creatore è sempre più importante delle major (dico "major" perché se dico "distributore" qualcuno potrebbe pensare che mi riferisca a chi fa sharing sul p2p). Anzi, in una logica di mercato in stile terzo millennio, dove grazie all'informatizzazione sempre più cose saltano tutti i passaggi della distribuzione convenzionale, il distributore è destinato inevitabilmente a fallire, o quantomeno a restare in un ruolo marginale. Se voglio ascoltare un artista, in un mondo normale, vado sulla sua pagina di myspace o simile e sento direttamente da lì. Niente major, niente case discografiche, niente intermediari. Anzi, neanche supporti fisici.Gli intermediari rimangono per i collezionisti (come ad esempio quelli che oggi acquistano dischi in vinile) che sono interessati al "valore aggiunto" dell'oggetto. Tutti gli altri usufruiranno della musica direttamente mediante internet. Visto che parlano tanto dei guadagni dei banner di Pirate Bay, potrebbero sempre mettere i banner sui siti degli artisti/delle major e far scaricare (legalmente, gratis e naturalmente senza DRM) direttamente da lì. Ma chissà perché, pochi lo fanno (uno dei pochi è downlovers)
      • E. Purator scrive:
        Re: Scaricare NON DEVE essere reato

        Sei comunque un LADRO. Chi ha fatto il film lo fa
        per soldi e chi lo vuole vedere lo paga. Se te le
        procuri in modo diverso ... hai solo
        rubato.Sarai ladro TU, hai capito?Scaricare dei "segnali elettrici" ti pare rubare? Ma che diavolo stai dicendo?

        Chi protesta contro il P2P è solo un PARASSITA

        che vuole guadagnare soldi a tutti i costi alle

        spalle degli altri (ovvero gli artisti).

        Concordo con te che il 'sistema Holliwood' ci
        marcia e che chi produce becca poco. Ma resta il
        fatto che rubi e non certo per
        sopravvivere.Ruberai te, non io!
        • shado scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato
          - Scritto da: E. Purator

          Sei comunque un LADRO. Chi ha fatto il film lo
          fa

          per soldi e chi lo vuole vedere lo paga. Se te
          le

          procuri in modo diverso ... hai solo

          rubato.

          Sarai ladro TU, hai capito?
          Scaricare dei "segnali elettrici" ti pare rubare?
          Ma che diavolo stai dicendo?Va bene, ladro è una parola grossa.Ma chi ha fatto l'opera voleva renderla disponibile gratis o a pagamento? Se è gratis ... via giu di download. Se invece non lo voleva, ma ti chiedeva un obolo (grosso o piccolo che sia) per fruirne? Perché vai contro la sua volontà, è sua l'opera e con ciò che suo fa quello che vuole che ti piaccia o no. Se perciò 'linki' materiale che sai che il proprietario non lo voleva: sbagli. E chi scarica pure: sbaglia.[snip]
          Ruberai te, non io!Che poi uno non si faccia scrupoli ... è un altro discorso.
      • Massi cadenti scrive:
        Re: Scaricare NON DEVE essere reato
        - Scritto da: shado
        Sei comunque un LADRO. Chi ha fatto il film lo fa
        per soldi e chi lo vuole vedere lo paga.Eppure se passo davanti a un negozio di elettrodomestici con una megatv sintonizzata su un canale sky e mi guardo il programma in questione (che può essere anche un film) non sto pagando nulla.Se poi vuoi farmi presente che il gestore del negozio paga l'abbonamento a sky per i negozi, beh allora ti faccio presente che anche chi sta con la telecamera nel cinema (e grazie al quale io posso vedere il divx) ha pagato il biglietto.
        • shado scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato
          - Scritto da: Massi cadenti
          - Scritto da: shado

          Sei comunque un LADRO. Chi ha fatto il film lo
          fa

          per soldi e chi lo vuole vedere lo paga.

          Eppure se passo davanti a un negozio di
          elettrodomestici con una megatv sintonizzata su
          un canale sky e mi guardo il programma in
          questione (che può essere anche un film) non sto
          pagando nulla.
          Se poi vuoi farmi presente che il gestore del
          negozio paga l'abbonamento a sky per i negozi,credo che ti sei risposto da solo ...
          beh allora ti faccio presente che anche chi sta
          con la telecamera nel cinema (e grazie al quale
          io posso vedere il divx) ha pagato il
          biglietto.Ma quando vai al cinema lo fai per vederti/goderti un bel film o per fare una copia da condividere? Se chiedi al detentore dei diritti cosa pensi ti risponda? Che puoi farlo a tua discrezione?Certo c'è chi produce per la libera fruizione, tanto di cappello. Ma c'è chi lo fa solo per venia/soldi. E' libero di farlo. Tu sei libero di scegliere se andare a vederlo pagando il corrispettivo 'imposto' o di neanche cag..rlo. Ma se aggiri il corrispettivo e fruisci contro la sua volontà che conoscevi ... sei uno scroccone e sei nel torto.Se non fosse così dove sta il rispetto per gli altri (il primo principio della libertà), non sei obbligato a comperare/pagare.
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: shado
            Ma quando vai al cinema lo fai per
            vederti/goderti un bel film o per fare una copia
            da condividere?Personalmente non sarei mai in grado di fare una ripresa decente quindi quando sono andato al cinema (ci vado non più di 5-6 volte l'anno, perché non sono di più i film realmente meritevoli di essere visti al cinema) ho sempre preferito andarci per vedermi/godermi il film.
            Se chiedi al detentore dei diritti cosa pensi ti
            risponda? Che puoi farlo a tua discrezione?Il problema è questo che secondo me non dovrebbe neanche esistere un "detentore dei diritti" tutt'al più uno che può dire "questo l'ho fatto io" ma i suoi diritti finiscono qui. Nel momento in cui ha scelto (e l'ha scelto lui liberamente, ripeto nessuno l'ha costretto) di fare in modo che un numero indiscriminato di persone (significa "persone che lui neanche conosce né conoscerà mai") possa fruire della sua opera, in quel momento lui ha rinunciato (o quantomeno avrebbe dovuto rinunciare) a conoscere chi ne fruisce. E di conseguenza, non può più pretendere alcunché. Hai deciso che la tua opera è fruibile da chiunque? Benissimo, ottimo e grazie tante, ma allora che soldi vorresti scusa? Chi te l'ha chiesto? T'è stato chiesto da qualcuno? Io t'ho chiesto di farlo? No? Perché dovrei pagarti allora?
            Certo c'è chi produce per la libera fruizione,
            tanto di cappello.E infatti la libera fruizione è l'unico modo per permettere la diffusione di un'opera. Pensi che l'umanità debba godere di quello che hai fatto, tanto di cappello come giustamente dici. Ma allora, se l'umanità deve goderne, perché imponi un limite di prezzo? I poveracci non possono goderne? Gli abitanti dei Paesi più poveri non possono goderne? Non è razzismo questo? Permetti piuttosto a chiunque di godere della tua opera, senza imporgli un prezzo per accedervi, e in questo modo chiunque potrà accedervi, non solo quelli che potranno permettersi il prezzo che decidi.
            Ma c'è chi lo fa solo per
            venia/soldi. E' libero di farlo.Sarebbe libero di farlo se non facesse pagare ogni persona che vuole usufruire dell'opera. L'opera è una, e il suo costo di copia è irrisorio. Fai pagare il costo di copia, tutt'al più. Anche se potresti benissimo metterla sul web (senza neanche dover pagare la banda, è pieno di siti appositi e gratuiti per gli autori) e permetterne la fruizione (in digitale) gratuitamente. In "analogico" fai pagare i costi (che l'analogico di per sé comporta) ed il trasporto.
            Tu sei libero di
            scegliere se andare a vederlo pagando il
            corrispettivo 'imposto' o di neanche cag..rlo. Ma
            se aggiri il corrispettivo e fruisci contro la
            sua volontà che conoscevi ... sei uno scroccone e
            sei nel torto.Questo concetto è sbagliato. Se si vuole davvero la globalizzazione bisogna permettere a tutti di accedere a tutto, non si possono dividere i mercati (le boiate come il codice regionale dei dvd o dei videogiochi), non si possono far pagare agli europei il doppio di quello che pagano i giapponesi o gli americani a parità di prodotto, e dall'altra parte bisogna permettere anche agli africani o agli asiatici di usufruire del prodotto, ad un livello per loro sostenibile (se uno stipendio medio è di 30 euro al mese non puoi far pagare per il cinema 8 euro come da noi).
            Se non fosse così dove sta il rispetto per gli
            altri (il primo principio della libertà), non sei
            obbligato a comperare/pagare.Il rispetto per gli altri lo deve innanzitutto l'autore (o chi per lui), se vuole rendere fruibile da tutti la sua opera allora dev'essere realmente fruibile da tutti. E in ogni caso, non può far pagare a ogni persona che usufruisce dell'opera. Questo per non parlare di quando vai al cinema due volte a vedere lo stesso film e devi pagare due volte i diritti d'autore.
          • shado scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Massi cadenti
            - Scritto da: shado

            Ma quando vai al cinema lo fai per

            vederti/goderti un bel film o per fare una copia

            da condividere?

            Personalmente non sarei mai in grado di fare una
            ripresa decente quindi quando sono andato al
            cinema (ci vado non più di 5-6 volte l'anno,
            perché non sono di più i film realmente
            meritevoli di essere visti al cinema) ho sempre
            preferito andarci per vedermi/godermi il
            film.... qualcosa in comune, senza voler fa la ripresa.

            Se chiedi al detentore dei diritti cosa pensi ti

            risponda? Che puoi farlo a tua discrezione?

            Il problema è questo che secondo me non dovrebbe
            neanche esistere un "detentore dei diritti"Ha ecco, credevo che vi fosse un appiglio normativo, invece è un 'secondo me'. Capisco che ce l'hai su con questo sistema major e detentore dei diritti, non piace neanche a me.Ma con le attuali normative commetti un infrazione/illecito se scarichi contro la volonta del 'proprietario'. Tanto più se lo condividi con altri.Per il CC 1342 ti ho gia dato risposta in un altro post.[snip]

            Ma c'è chi lo fa solo per

            venia/soldi. E' libero di farlo.

            Sarebbe libero di farlo se non facesse pagare
            ogni persona che vuole usufruire dell'opera.La normativa gli permette di farlo, bisognerebbe abbrogare la normativa che glielo permette. Penso che ci sarebbero miglioni diconsumatori interessati a farlo. Basta farlo.

            Tu sei libero di

            scegliere se andare a vederlo pagando il

            corrispettivo 'imposto' o di neanche cag..rlo.
            Ma

            se aggiri il corrispettivo e fruisci contro la

            sua volontà che conoscevi ... sei uno scroccone

            e sei nel torto.

            Questo concetto è sbagliato. Se si vuole davvero
            la globalizzazione bisogna permettere a tutti di
            accedere a tutto, non si possono dividere i
            mercati (le boiate come il codice regionale dei
            dvd o dei videogiochi), non si possono far pagare
            agli europei il doppio di quello che pagano i
            giapponesi o gli americani a parità di prodotto,
            e dall'altra parte bisogna permettere anche agli
            africani o agli asiatici di usufruire del
            prodotto, ad un livello per loro sostenibile (se
            uno stipendio medio è di 30 euro al mese non puoi
            far pagare per il cinema 8 euro come da
            noi).Qui ti do ragione piena. Ma il concetto che tu dici sbagliato non intendeva difendere quello che hai appena detto. Ma solo affermare che 'con la roba' sua (chi l'ha prodotta) la cede alle condizioni che vuole e se la normativa non glilo inpedisce, quelle sono le condizioni. E non essendo un bene primario ... non vedo i presupposti per una lotta armata all'ultimo sangue.[snip]Con questo non voglio dire che io ho ragione e tu torto. Abbiamo solo due modi diversi di vedere la situazione.Per me chi scarica quando sa che è contro la volontà del 'proprietario' fa un illecito (all'inizio dicevo, sbagliando', rubava) a tanto più se la condivide con altri.Per te invece è giusto.Per favore, ora non mi neuralizzare.(si lo so è una battuta cretina, ma almeno non ci spariamo)
    • MyrddinEmrys scrive:
      Re: Scaricare NON DEVE essere reato
      - Scritto da: E. Purator
      A me non frega NULLA di quello che dice la FIMI o
      chi per essa: scaricare NON DEVE assolutamente
      essere reato (infatti lo è da pochi anni) poichè
      non si ruba NULLA di fisico e non ci si lucra
      sopra.Che a te non freghi nulla è di poco conto. Pure io non sono d'accordo col limite di 130km/h in autostrada.. ma la multa me la becco lo stesso. In uno stato civile si rispettano TUTTE le leggi, non quelle che ci piacciono e basta. I casi di leggi amorali e avvilenti della dignità umana (per le quali esiste una buona giustificazione alla loro violazione) fortunatamente sono confinate al ventennio fascista.. Ne parlo perchè in discussioni simili sono stati tirati fuori paragoni.. vi prego non fatene qui perchè è tutt'altra materia.
      Chi protesta contro il P2P è solo un PARASSITA
      che vuole guadagnare soldi a tutti i costi alle
      spalle degli altri (ovvero gli
      artisti).Io non sono d'accordo col p2p, non sono un parassita e non ci guadagno nulla. Se un autore decide di distribuire gratuitamente il suo lavoro lo fa.. ma se decide altrimenti chi sei tu per dire a lui cosa deve farne del suo lavoro? Sinceramente reputo discorsi come il tuo solamente propaganda insulsa, di gente che maschera il desiderio di non spendere i due euro necessari per guardare un film dietro nobili gesta da robin hood.La cosa ha del ridicolo
      • Senbee scrive:
        Re: Scaricare NON DEVE essere reato

        Che a te non freghi nulla è di poco conto. Pure
        io non sono d'accordo col limite di 130km/h in
        autostrada.. ma la multa me la becco lo stesso.
        In uno stato civile si rispettano TUTTE le leggi,
        non quelle che ci piacciono e basta. I casi di
        leggi amorali e avvilenti della dignità umana
        (per le quali esiste una buona giustificazione
        alla loro violazione) fortunatamente sono
        confinate al ventennio fascista.. Ne parlo perchè
        in discussioni simili sono stati tirati fuori
        paragoni.. vi prego non fatene qui perchè è
        tutt'altra
        materia.Ci sono regolamenti e leggi con relative multe del tutto folli e antiquate, che si combattono spesso con la disobbedienza civile (per esempio il divieto di sdraiarsi e leggere un libro ai giardini pubblici si combatte andandoci in 300 e facendosi fare tutti la multa, e reiterare ogni giorno, e ingolfare il giudice di pace contestando tutte le multe).Ed è quello che si fa con Pirate Bay: se in moltissimi scaricano lo fanno anche per il solo gusto di protestare contro uina legge iniqua. Come il sottoscritto, che scarica ogni giorno moltissimo materiale protetto da copyright da Pirate Bay, ma poi lo cancella subito. Sarà divertente vedere i finanzieri quando vedranno che non c'è nulla di illegale in casa mia, e sarà divertente vedere la denuncia che farò loro per i danni subiti dal sequestro del tutto iniquo...Se tutti ci diamo una mossa ed esercitiamo i nostri diritti di accesso alla cultura contro una legge iniqua, le cose potranno cambiare.
        • MyrddinEmrys scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato

          Ed è quello che si fa con Pirate Bay: se in
          moltissimi scaricano lo fanno anche per il solo
          gusto di protestare contro uina legge iniqua.si forse 1 su 1000.Personalmente ritengo che se vuoi combattere un mercato l'unico metodo è boicottarlo. Non prelevando di straforo cio' che critichi.In soldoni.. scaricare roba non è una forma di protesta. La protesta reca con se il concetto di rinuncia (vedi per antonomasia lo sciopero. rinuncio a una giornata di lavoro pagato per manifestare il mio dissenso) Scaricando invece non fai altro che usufruire ugualmente di cio' che stai contenstando. Come a dire "faccio sciopero ma vengo pagato" (al mio paese si chiamano vacanze).
          Come il sottoscritto, che scarica ogni giorno
          moltissimo materiale protetto da copyright da
          Pirate Bay, ma poi lo cancella subito.faccio finta di crederci.
          Sarà
          divertente vedere i finanzieri quando vedranno
          che non c'è nulla di illegale in casa mia, e sarà
          divertente vedere la denuncia che farò loro per i
          danni subiti dal sequestro del tutto
          iniquo...allora assicurati una cancellazione davvero sicura del tuo hd, spostare la roba nel cestino di windows e svuotarlo è ben lontano da cancellare fisicamente i file dal tuo hard disk.
          Se tutti ci diamo una mossa ed esercitiamo i
          nostri diritti di accesso alla cultura contro una
          legge iniqua, le cose potranno
          cambiare.Che sia iniqua ? bo? forse. Ad ogni modo non sei tu a potrelo sancire. Vuoi fare qualcosa di davvero concreto per abolire una legge che reputi iniqua? Organizza un referendum popolare abrogativo, allora e solo allora quando un voto sancirà la cosa la legge sarà iniqua e potrà essere abolita. Ma fino ad allora sei solamente qualcuno che esce dalla porta fancendo tanto rumore sbattendola ma poi entra di soppiatto dalla finestra.
          • Senbee scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato

            Personalmente ritengo che se vuoi combattere un
            mercato l'unico metodo è boicottarlo. Non
            prelevando di straforo cio' che
            critichi.
            In soldoni.. scaricare roba non è una forma di
            protesta. La protesta reca con se il concetto di
            rinuncia (vedi per antonomasia lo sciopero.
            rinuncio a una giornata di lavoro pagato per
            manifestare il mio dissenso) Scaricando invece
            non fai altro che usufruire ugualmente di cio'
            che stai contenstando. Come a dire "faccio
            sciopero ma vengo pagato" (al mio paese si
            chiamano
            vacanze).Farlo in tanti, e allo scoperto, può essere una forma di protesta. Ovviamente non l'unica.
            allora assicurati una cancellazione davvero
            sicura del tuo hd, spostare la roba nel cestino
            di windows e svuotarlo è ben lontano da
            cancellare fisicamente i file dal tuo hard
            disk.Wincosa? :DNon uso sistemi operativi giocattolo e so come cancellare veramente un file ^_^Grazie comunque di averlo fatto notare, è una giustissima osservazione.Alla Finanza comunque poco interessa: se li hai cancellati, è la prova che non li avresti comprati ed è servita molte volte a salvare il culo dell'indagato. I pochi condannati che ci sono stati finora, sono persone che non hanno cancellato i file scaricati, o che li hanno lasciati solo nella cache.
            Organizza un referendum popolare
            abrogativo, allora e solo allora quando un voto
            sancirà la cosa la legge sarà iniqua e potrà
            essere abolita.Ci avevamo già provato. Lo rifaremo, Fra qualche mese torna una raccolta firme, a cui parteciperò. Credo che la organizzino i Radicali, ma non sono sicuro.
            Ma fino ad allora sei solamente
            qualcuno che esce dalla porta fancendo tanto
            rumore sbattendola ma poi entra di soppiatto
            dalla
            finestra.No, io lo faccio apertamente e con tanta gente. Si chiama disobbedienza civile. È un atto dimostrativo, non una cosa fatta di nascosto.
        • E. Purator scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato
          Bravo, concordo al 100%: basta rompere i COGLIONI ai cittadini, le major hanno anche fatto troppi soldi!!E' ora di dare il potere agli ARTISTI ed ai CONSUMATORI.Punto.- Scritto da: Senbee

          Che a te non freghi nulla è di poco conto. Pure

          io non sono d'accordo col limite di 130km/h in

          autostrada.. ma la multa me la becco lo stesso.

          In uno stato civile si rispettano TUTTE le
          leggi,

          non quelle che ci piacciono e basta. I casi di

          leggi amorali e avvilenti della dignità umana

          (per le quali esiste una buona giustificazione

          alla loro violazione) fortunatamente sono

          confinate al ventennio fascista.. Ne parlo
          perchè

          in discussioni simili sono stati tirati fuori

          paragoni.. vi prego non fatene qui perchè è

          tutt'altra

          materia.

          Ci sono regolamenti e leggi con relative multe
          del tutto folli e antiquate, che si combattono
          spesso con la disobbedienza civile (per esempio
          il divieto di sdraiarsi e leggere un libro ai
          giardini pubblici si combatte andandoci in 300 e
          facendosi fare tutti la multa, e reiterare ogni
          giorno, e ingolfare il giudice di pace
          contestando tutte le
          multe).
          Ed è quello che si fa con Pirate Bay: se in
          moltissimi scaricano lo fanno anche per il solo
          gusto di protestare contro uina legge iniqua.
          Come il sottoscritto, che scarica ogni giorno
          moltissimo materiale protetto da copyright da
          Pirate Bay, ma poi lo cancella subito. Sarà
          divertente vedere i finanzieri quando vedranno
          che non c'è nulla di illegale in casa mia, e sarà
          divertente vedere la denuncia che farò loro per i
          danni subiti dal sequestro del tutto
          iniquo...
          Se tutti ci diamo una mossa ed esercitiamo i
          nostri diritti di accesso alla cultura contro una
          legge iniqua, le cose potranno
          cambiare.
      • Massi cadenti scrive:
        Re: Scaricare NON DEVE essere reato
        - Scritto da: MyrddinEmrys
        Io non sono d'accordo col p2p, non sono un
        parassita e non ci guadagno nulla. Se un autore
        decide di distribuire gratuitamente il suo lavoro
        lo fa.. ma se decide altrimenti chi sei tu per
        dire a lui cosa deve farne del suo lavoro?Il lavoro è uno, non centinaia. Non è che puoi fare la moltiplicazione dei pani e dei pesci e pretendere di guadagnare (e magari far continuare a guadagnare gli eredi) ad libitum per un singolo lavoroSe non è possibile limitare a una il numero di volte che il lavoro può essere venduto (come sarebbe giusto e logico perché è così per qualsiasi altro lavoro) devono esserci comunque dei limiti sia sul numero di copie vendibili (oltre le quali il lavoro diventa di pubblico dominio) sia soprattutto sul limite temporale post-pubblicazione (limite oltre il quale il lavoro diventa di pubblico dominio, indipendentemente se ha venduto abbastanza o no perché vuol dire che se non l'ha fatto non era un lavoro fatto bene e non devono pagarne le conseguenze i consumatori o peggio ancora lo stato).Questo limite di numero di copie o di anni va rapportato al genere. Un film può essere ancora interessante e non obsoleto anche dopo 15 o 20 anni, un videogioco certamente dopo 5 anni non ha più mercato. Stessa cosa (che per i videogiochi) per quanto riguarda le canzoni, per le quali rimane comunque la possibilità per il musicista di continuare a guadagnarci indirettamente con le esecuzioni dal vivo (come rimane la possibilità per l'attore di recitare in teatro, dove peraltro solo i veri attori davvero capaci sopravvivono -è facile ripetere tante volte sul set una scena finché non viene decente, ma quando sei sul palcoscenico di fronte a un pubblico o sei capace davvero di recitare o ti fischiano dietro; ed è il motivo per cui la stragrande maggioranza degli attorucoli di cinema non sono, né sono mai stati, attori di teatro-).Nessun proseguimento del copyright per gli eredi, tranne eventuali opere pubblicate negli ultimi 5 anni (o comunque pochi) dalla morte (o pubblicate postume) per le quali valgono le regole di cui sopra.
        Sinceramente reputo discorsi come il tuo
        solamente propaganda insulsa, di gente che
        maschera il desiderio di non spendere i due euro
        necessari per guardare un film dietro nobili
        gesta da robin hood.Non so da te ma qui il cinema meno di 5 euro non costa, e ti risparmio gli extra. Ma forse per "due euro" intendevi dire "una cifra bassa". Tuttavia rimane che se vuoi vedere due volte lo stesso film devi pagare due volte la stessa cifra (eppure i diritti d'autore li hai pagati già la prima volta, la seconda ci sono solo i costi tecnici, lo stipendio al proiezionista, l'usura delle macchine, le luci, la pulizia della sala ecc.; anche ammesso che siano la maggioranza del biglietto, comunque non sono il costo del biglietto intero che include anche i diritti d'autore).
    • braincrash.it scrive:
      Re: Scaricare NON DEVE essere reato
      - Scritto da: E. Purator
      Chi protesta contro il P2P è solo un PARASSITA
      che vuole guadagnare soldi a tutti i costi alle
      spalle degli altri (ovvero gli
      artisti).Questa affermazione ha veramente del ridicolo. I PARASSITI sono tutti i siti che ci guadagnano mettendo a disposizione per il download materiale che non è di loro proprietà.
      • Daniel Jackson scrive:
        Re: Scaricare NON DEVE essere reato

        Questa affermazione ha veramente del ridicolo. I
        PARASSITI sono tutti i siti che ci guadagnano
        mettendo a disposizione per il download materiale
        che non è di loro
        proprietà.Cosa guadagna The Pirate Bay?
        • braincrash.it scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato
          - Scritto da: Daniel Jackson

          Questa affermazione ha veramente del ridicolo. I

          PARASSITI sono tutti i siti che ci guadagnano

          mettendo a disposizione per il download
          materiale

          che non è di loro

          proprietà.

          Cosa guadagna The Pirate Bay?Guarda, per essere sicuro, visto che sei stato specifico (thepiratebay) sono andato a controllare... nella prima pagina nulla... quindi ho fatto una ricerca "pippo" (troppo famoso sto qua) e mi è uscita una bella pagina con 3 banner... a casa mia i banner danno dei profitti... trovami un sito con lo stesso tipo di contenuti di pirate bay senza banner, quando lo hai trovato fammi sapere eh.
          • Daniel Jackson scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato

            banner... a casa mia i banner danno dei
            profitti... trovami un sito con lo stesso tipo di
            contenuti di pirate bay senza banner, quando lo
            hai trovato fammi sapere
            eh.I banner probabilmente presumo servano a pagare il sito.Dunque, il guadagno dov'è?
          • braincrash.it scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Daniel Jackson
            I banner probabilmente presumo servano a pagare
            il
            sito.

            Dunque, il guadagno dov'è?Riporto quello che ho scritto anche sotto perchè ci tengo che leggiate...The pirate bay fa circa 20 milioni di visitatori al mese.Facciamo 2 conti cosi proprio grossolanamente:un sito che ho fatto ogni 2000 visite guadagna circa 3.5 euro. A conti fatti mi risulta circa 35 MILA euro al mese approssimativamente.... penso che le spese saltino fuori comodamente, e con un bel stipendio... tu che dici?
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: braincrash.it
            The pirate bay fa circa 20 milioni di visitatori
            al
            mese.
            Facciamo 2 conti cosi proprio grossolanamente:
            un sito che ho fatto ogni 2000 visite guadagna
            circa 3.5 euro. A conti fatti mi risulta circa 35
            MILA euro al mese approssimativamente.... penso
            che le spese saltino fuori comodamente, e con un
            bel stipendio... tu che
            dici?A parte che una buona parte dei visitatori di TPB i banner nemmeno li vede, ma un sito di 2000 (secondo me di più) visite giornaliere (e questo per tacere del tracker che di visite ne ha molte di più, visto che i torrent -collegati al tracker di TPB- non sono certo uppati solo lì ma anche su mininova e altri siti), ma se avessi guardato "Steal this film" (cosa che consiglio visto che è gratis e non rischi nulla a scaricarlo anzi download e condivisione sono fortemente incoraggiati) ti accorgeresti che i guadagni dei banner e dei gadget coprono a malapena le spese di gestione. Tieni anche conto che per ovvi motivi di sicurezza non esiste un unico TPB, ma esistono vari server (almeno 5 stando a quanto dicono) situati in varie parti del mondo, che sono pronti a sostituirsi a vicenda non appena uno dei server viene spento o "staccato" da persone che non siano i gestori. I gestori stessi non sanno (né vogliono sapere) dove si trovino fisicamente questi server, il sistema così com'è strutturato è in grado di riportare in linea, e tutto in maniera automatica o quasi, tutto il sito, il tracker, i torrent, il blog, bayimg e baywords entro un tempo di non più di 30 minuti da quando uno dei server venisse a mancare.Inoltre, tutti i server devono essere in grado di resistere ad attacchi informatici e non.Insomma, una struttura simile, e la banda che occupa, non è proprio come tenere un server su Aruba o altri provider. Una cosa simile non dico che costa come tenere su i server della NASA, ma tenuto conto di tutti questi fattori è già tanto che non abbia chiuso per bancarotta. Si salva grazie all'unione dei banner, delle donazioni e della vendita dei gadget (su cui ricavano una piccola percentuale). Il resto ce lo mettono (e spesso ce l'hanno messo) gli stessi gestori.
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            Aggiungo: 35mila euro probabilmente sono sì e no un terzo di quanto costi mantenere una struttura di server e di banda come quella di TPB. Altro che buono stipendio...
          • braincrash.it scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Massi cadenti
            Aggiungo: 35mila euro probabilmente sono sì e no
            un terzo di quanto costi mantenere una struttura
            di server e di banda come quella di TPB. Altro
            che buono
            stipendio...Vai a vedere su aruba... con 2000 euro ti danno una Flat 100 Mbit/s garantita 100%Più che sufficente per un sito di quel tipo visto che i file .torrent occupano spazio irrisorio (in termini di download).Un eventuale noleggio per mettere i propri server in una server farm, te la puoi cavare con 2-300 euro... Puoi aggiungere altri costi, ma ad arrivare anche solo a 20000 euro ce ne vuole.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 ottobre 2008 17.45-----------------------------------------------------------
          • braincrash.it scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: Massi cadenti
            - Scritto da: braincrash.it

            The pirate bay fa circa 20 milioni di visitatori

            al

            mese.

            Facciamo 2 conti cosi proprio grossolanamente:

            un sito che ho fatto ogni 2000 visite guadagna

            circa 3.5 euro. A conti fatti mi risulta circa
            35

            MILA euro al mese approssimativamente.... penso

            che le spese saltino fuori comodamente, e con un

            bel stipendio... tu che

            dici?

            A parte che una buona parte dei visitatori di TPB
            i banner nemmeno li vede, ma un sito di 2000
            (secondo me di più) visite giornaliereForse non hai letto bene: The pirate bay fa circa 20 milioni di visitatori al mese, che sono ~65 mila visite giornaliere.
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: braincrash.it

            A parte che una buona parte dei visitatori di
            TPB

            i banner nemmeno li vede, ma un sito di 2000

            (secondo me di più) visite giornaliere

            Forse non hai letto bene: The pirate bay fa circa
            20 milioni di visitatori al mese, che sono ~65
            mila visite
            giornaliere.Sì ho letto male, rimane che comunque una buona parte (o comunque consistente) usa firefox+adblock e i banner manco li vede, poi molti (non tutti) banner sono payperclick e non payperview, e in ogni caso gli stessi gestori hanno detto che i guadagni a malapena coprono le spese. Come detto, non si tratta di un solo server (sarebbe troppo facile spegnerlo), ma di diversi server, ubicati in posti diversi, con un sistema di mirroring backup e ripristino automatizzato (e nel caso fosse buttato giù anche possibile manualmente), tutti a prova di attacchi. Aggiungici la banda (che è non solo per i torrent ma anche e soprattutto per il tracker, che viene contattato dai client di continuo, migliaia o milioni di volte per ogni torrent in funzione), i domini (che non sono certo uno), i tanti indirizzi ip, i sistemi di aggiornamento, molti tracker "amatoriali" non hanno più di una quarantina di torrent, TPB ne ha centinaia di migliaia se non di più... Francamente fatico a credere che mantenere un sito come TPB costi meno di 50.000 euro al mese.
        • MyrddinEmrys scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato
          - Scritto da: Daniel Jackson

          Questa affermazione ha veramente del ridicolo. I

          PARASSITI sono tutti i siti che ci guadagnano

          mettendo a disposizione per il download
          materiale

          che non è di loro

          proprietà.

          Cosa guadagna The Pirate Bay?bo? qualche centinaio o milione di euro dagli spazi pubbliciari?ma davvero credi che lo facciano per puro spirito altruistico?
          • E. Purator scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            Certo, lo fanno per puro spirito "pro-copyright".O pensi che siamo tutti berlusconiani, attaccati al dio denaro, come sei tu?Ci sono lotte che vanno fatte per degli ideali, e la lotta per il P2P è una di queste: la CONDIVISIONE è uno degli atti più belli che l'umanità può fare.- Scritto da: MyrddinEmrys

            Cosa guadagna The Pirate Bay?

            bo? qualche centinaio o milione di euro dagli
            spazi
            pubbliciari?

            ma davvero credi che lo facciano per puro spirito
            altruistico?
          • braincrash.it scrive:
            Re: Scaricare NON DEVE essere reato
            - Scritto da: E. Purator
            Certo, lo fanno per puro spirito "pro-copyright".

            O pensi che siamo tutti berlusconiani, attaccati
            al dio denaro, come sei
            tu?

            Ci sono lotte che vanno fatte per degli ideali, e
            la lotta per il P2P è una di queste: la
            CONDIVISIONE è uno degli atti più belli che
            l'umanità può
            fare.Illuso...The pirate bay fa circa 20 milioni di visitatori al mese.Facciamo 2 conti cosi proprio grossolanamente:un sito che ho fatto ogni 2000 visite guadagna circa 3.5 euro. A conti fatti mi risulta circa 35 MILA euro al mese approssimativamente.... penso che le spese saltino fuori comodamente, e con un bel stipendio... tu che dici?
      • E. Purator scrive:
        Re: Scaricare NON DEVE essere reato
        E chi ci guadagnerebbe in questo caso genio?Sentiamo dai...- Scritto da: braincrash.it
        - Scritto da: E. Purator

        Chi protesta contro il P2P è solo un PARASSITA

        che vuole guadagnare soldi a tutti i costi alle

        spalle degli altri (ovvero gli

        artisti).

        Questa affermazione ha veramente del ridicolo. I
        PARASSITI sono tutti i siti che ci guadagnano
        mettendo a disposizione per il download materiale
        che non è di loro
        proprietà.
        • braincrash.it scrive:
          Re: Scaricare NON DEVE essere reato
          - Scritto da: E. Purator
          E chi ci guadagnerebbe in questo caso genio?

          Sentiamo dai...Ho già risposto, ma probabilmente ti faceva fatica leggere...
  • korova scrive:
    I giudici ed il sesso degli angeli ;-)
    Purtroppo in italia si fà di tutto per giustificare lo stipendio schiacciando l'occhio al miglior offrente (major)!!(newbie)(newbie)(newbie)(newbie) :@ ;) :p :p :p(love)(love)(love)(geek)(geek)(cylon)(cylon)(cylon)(cylon)
  • lufo88 scrive:
    ridicolo!
    Se questa causa la vince lo stato si afferma un principio gravissimo.Cioè si può incolpare qualcuno per "sentito dire"!!!!!!Affermare che "si può ragionevolmente supporre dato l'elevato numero di connessioni dall'Italia".. RIDICOLO!Allora dato l'elevato numero di connessioni ADSL siamo tutti pirati!
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: ridicolo!
      contenuto non disponibile
    • Io me scrive:
      Re: ridicolo!
      - Scritto da: lufo88
      Affermare che "si può ragionevolmente supporre
      dato l'elevato numero di connessioni
      dall'Italia"..
      RIDICOLO!

      Allora dato l'elevato numero di connessioni ADSL
      siamo tutti
      pirati!E' ridicolo che tu (noi) pretenda di non essere considerato così, non dirmi che non hai mai usato il P2P o il Mulo per scaricare qualsiasi cosa, su, dai, non prendiamoci per i fondelli, per cortesia, dopotutto siamo tutti (chi più chi meno) piratelli/scaricatori/copiatori/condivisori, ecc ecc. O) O)Altrimenti per cosa ci servirebbe avere l'ADSL? vedere la TV su internet? bleah! :s
      • Sgabbio scrive:
        Re: ridicolo!
        la questione è che loro hanno fatto "tanti visitatori su tale sito = Sono per forza tutti piratoni" cosa un pò sbagliata.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: ridicolo!
          contenuto non disponibile
        • Nathaniel Hornblower scrive:
          Re: ridicolo!
          - Scritto da: Sgabbio
          la questione è che loro hanno fatto "tanti
          visitatori su tale sito = Sono per forza tutti
          piratoni" cosa un pò
          sbagliata.Sì sa che le mosche vanno sempre dove sta la cacca. E' un fatto puramente statistico. :D
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: ridicolo!
            - Scritto da: Nathaniel Hornblower
            - Scritto da: Sgabbio

            la questione è che loro hanno fatto "tanti

            visitatori su tale sito = Sono per forza tutti

            piratoni" cosa un pò

            sbagliata.

            Sì sa che le mosche vanno sempre dove sta la
            cacca. E' un fatto puramente statistico.
            :DChe adesso le sentenze di condanna le fanno su criteri statistici?Dato che in calabria una certa percentuale della popolazione è mafiosa e tu magari stavi parlando con uno di loro in automatico sei mafioso anche tu? (oddio in certi processi le cose in primo grado sono andate proprio così, ma queste sono storture del diritto inamissibili!)
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: ridicolo!
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: Nathaniel Hornblower

            - Scritto da: Sgabbio


            la questione è che loro hanno fatto "tanti


            visitatori su tale sito = Sono per forza tutti


            piratoni" cosa un pò


            sbagliata.



            Sì sa che le mosche vanno sempre dove sta la

            cacca. E' un fatto puramente statistico.

            :D

            Che adesso le sentenze di condanna le fanno su
            criteri
            statistici?
            Dato che in calabria una certa percentuale della
            popolazione è mafiosa e tu magari stavi parlando
            con uno di loro in automatico sei mafioso anche
            tu? (oddio in certi processi le cose in primo
            grado sono andate proprio così, ma queste sono
            storture del diritto
            inamissibili!)Non c'è nessuna sentenza. Semplicemente han detto che c'è probabilità di sito illegale. Sta poi in seguito accertare la liceità o meno del sito.
          • Massi cadenti scrive:
            Re: ridicolo!
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Dato che in calabria una certa percentuale della
            popolazione è mafiosa e tu magari stavi parlando
            con uno di loro in automatico sei mafioso anche
            tu? (oddio in certi processi le cose in primo
            grado sono andate proprio cosìEnzo Tortora ne sapeva qualcosa (in realtà lui non aveva mai neanche parlato, neanche visto per caso con nessuno di quelli che lo accusavano, quindi la cosa era ancora più paradossale)
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: ridicolo!
        - Scritto da: Io me
        - Scritto da: lufo88


        Affermare che "si può ragionevolmente supporre

        dato l'elevato numero di connessioni

        dall'Italia"..

        RIDICOLO!



        Allora dato l'elevato numero di connessioni ADSL

        siamo tutti

        pirati!

        E' ridicolo che tu (noi) pretenda di non essere
        considerato così, non dirmi che non hai mai usato
        il P2P o il Mulo per scaricare qualsiasi cosa,
        su, dai, non prendiamoci per i fondelli, per
        cortesia, dopotutto siamo tutti (chi più chi
        meno)
        piratelli/scaricatori/copiatori/condivisori, ecc
        ecc. O)
        O)

        Altrimenti per cosa ci servirebbe avere l'ADSL?
        vedere la TV su internet? bleah!
        :sVerissimo, ma in uno stato di diritto il sentito dire o il fatto che la maggioranza operi in un determinato modo non significa nulla, la responsabilità penale è individuale e quindi l'infrazione specifica deve essere a tuo carico!Ossia o dimostri dati alla mano che effettivamente ho scaricato quel file, ripescandolo sul mio PC (il soli IP non mi sembra sufficiente in quanto attraverso una Wireles non protetta o protetta con protocolli inafeguati a compiere il crimine potrebbe essere stato qualcun altro) oppure niente!
    • alf scrive:
      Re: ridicolo!
      guarda, non vorrei dire, ma esiste un principio di diritto per il quale "in dubio pro reo".. i reati di sospetto sono una categoria ai margini del diritto penale, e soprattutto in questa causa non si sta parlando di questo. Si sta semplicemente provando a tenere un filo logico del discorso per il quale la presenza di un così elevato numero di connessioni assicura un fumus delicti, cioè il presagio di un'attività illecità (altro esempio: "scusa, come mai hai 150mt di cavo di rame che ieri è sparito da una stazione ferroviaria?"). Io direi di fare più che altro attenzione sul motivo formale del dissequestro (ovvero il fatto che non esiste uno strumento valido per bloccare i siti internet), sul fatto che la legge sul diritto d'autore quella è, e che scaricare è reato, e soprattutto che questo è un sistema perverso! Mi spiego: scaricare e scaricare è una sorta di panacea della cultura. Noi scarichiamo e soddisfiamo i nostri bisogni culturali (incluso il cd di britney spears), ma in questa maniera il mercato è drogato: si creano dei prezzi differenziati per i quali il download si paga 0, ma i cd, i biglietti del teatro o del cinema, i concerti etc. hanno un prezzo altissimo. Io penso che per entrare nella legalità bisognerebbe chiedere un sistema di prezzi differenziati in grado di agevolare i meno abbienti senza sconfinare nella legalità (es.prezzi agevolati per giovani e studenti, detraibilità delle spese sui libri di testo etc.etc). La legalità amplia il mercato emerso... un Paese decente ne approfitterebbe per far scendere i prezzi e contrastare il cartello.
      • lufo88 scrive:
        Re: ridicolo!
        "(altro esempio: "scusa, come mai hai 150mt di cavo di rame che ieri è sparito da una stazione ferroviaria?"). "Non è la stessa cosa. Qui è come se ti dicessero "dato che sei passato vicino alla ferrovia sei probabilmente colpevole"Flora sul blog fa un esempio calzante"tanti pomodori sono al supermercato, tanta gente è nel supermercato, quindi tanta gente compera pomodori."Non è questione di stabilire se TPB è illegale o meno, qui mancano i presupposti!
  • Della Sega Patito scrive:
    se 2+2 fa 4...
    quindi, chi accede al sito automagicamente commette un crimine, perché il sito è frequentato da "pirati", anche se magari non scarica niente... dunque, mi viene da pensare, che sarebbero da arrestare tutti i pendolari per uso di droga, visto che, anche se non si drogano, entrano nelle stazioni ferroviarie, dove, si sa, ci sono sempre i drogati...
    • Fra Martino scrive:
      Re: se 2+2 fa 4...
      certo. come chi frequenta assassini, assassina, chi frequenta ladri, ladra. chi frequenta i politici, pure.ragionamenti, al di là del latinorum ancora oggi snobisticamente usato, che non fanno una grinza.alla via così.
    • braincrash.it scrive:
      Re: se 2+2 fa 4...
      - Scritto da: Della Sega Patito
      quindi, chi accede al sito automagicamente
      commette un crimine, perché il sito è frequentato
      da "pirati", anche se magari non scarica
      niente... dunque, mi viene da pensare, che
      sarebbero da arrestare tutti i pendolari per uso
      di droga, visto che, anche se non si drogano,
      entrano nelle stazioni ferroviarie, dove, si sa,
      ci sono sempre i
      drogati...Non è un esempio che sta in piedi, perchè la maggiorparte di chi va alla stazione va per prendere il treno, chi va dal macellaio è per prendere la carne. E' come dire che chi va su the pirate bay ci vada per chattare con gli amici.Ok, generalizzare non è una bella cosa, perchè su un sito ci si può finire anche per sbaglio, ma c'è molta differenza dall'essere abitudinario.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: se 2+2 fa 4...
        - Scritto da: braincrash.it
        - Scritto da: Della Sega Patito

        quindi, chi accede al sito automagicamente

        commette un crimine, perché il sito è
        frequentato

        da "pirati", anche se magari non scarica

        niente... dunque, mi viene da pensare, che

        sarebbero da arrestare tutti i pendolari per uso

        di droga, visto che, anche se non si drogano,

        entrano nelle stazioni ferroviarie, dove, si sa,

        ci sono sempre i

        drogati...
        Non è un esempio che sta in piedi, perchè la
        maggiorparte di chi va alla stazione va per
        prendere il treno, chi va dal macellaio è per
        prendere la carne. E' come dire che chi va su the
        pirate bay ci vada per chattare con gli
        amici.
        Ok, generalizzare non è una bella cosa, perchè su
        un sito ci si può finire anche per sbaglio, ma
        c'è molta differenza dall'essere
        abitudinario.Eh no per essere condannati ci vuole che il crimine venga dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio e non mi pare che al semplice frequentazione anche assidua di un sito come Pirate Bay dimostri nulla di penalmente rilevante, diverso sarebbe il discorso se accertassero una tua (e non di molti altri utenti di quel sito) violazione del copyright, per lo scaricamento di un determinato file!Il resto è fuffa che in un tribunale non regge!
        • braincrash.it scrive:
          Re: se 2+2 fa 4...
          - Scritto da: Enjoy with Us
          Eh no per essere condannati ci vuole che il
          crimine venga dimostrato oltre ogni ragionevole
          dubbio e non mi pare che al semplice
          frequentazione anche assidua di un sito come
          Pirate Bay dimostri nulla di penalmente
          rilevante, diverso sarebbe il discorso se
          accertassero una tua (e non di molti altri utenti
          di quel sito) violazione del copyright, per lo
          scaricamento di un determinato
          file!
          Il resto è fuffa che in un tribunale non regge!Sono d'accordo, è comunque anche vero che è difficile dimostrare che chi va su quel sito(magari anche più volte al giorno), lo faccia solo per controllare che la connessione ADSL gli stia funzionando.Come se alla stazione vedi sempre uno li appoggiato a un pilastro quasi tutti i giorni, che ogni tanto parlotta con faccie nuove. Che pensi? E' uno spacciatore, ma non lo si può arrestare se non lo si coglie sul fatto. E' probabile che poi questo tizio venga tenuto d'occhio.
  • Pietro scrive:
    Telefilm
    Ma se io voglio vedermi un telefilm in lingua inglese in onda solo sulla TV americana come faccio senza scaricarlo tramite Torrent??Aspetto dai 2 ai 3 anni oppure lo scarico il giorno dopo la messa in onda??
    • Sikkio scrive:
      Re: Telefilm
      Diciamo che "in teoria" ed "in pratica" non hai diritto a vederlo, la visione è valida solo nei paesi dove un network ne ha acquistato i diritti per la messa in onda.
      • il disinforma to scrive:
        Re: Telefilm
        errore...di fatto se nessun network del tuo paese [sui film non vige la legge della bandiera XD] ha acquistato il diritto di mandarlo in onda...te puoi guardarlo e persino distribuirlo in streaming...poiche operando un un mercato diverso....NON rechi perdita di utile....non non rechi danno, al massimo lo pubblicizzi XDquesto avviene con tutti gli anime ad esempio che non si trasmettono ancora alla tv [o che cmq non sono di proprietà di nessuno in quel paese]
        • Massi cadenti scrive:
          Re: Telefilm
          - Scritto da: il disinforma to
          errore...di fatto se nessun network del tuo paese
          [sui film non vige la legge della bandiera XD] ha
          acquistato il diritto di mandarlo in onda...te
          puoi guardarlo e persino distribuirlo in
          streaming...poiche operando un un mercato
          diverso....NON rechi perdita di utile....non non
          rechi danno, al massimo lo pubblicizzi
          XD

          questo avviene con tutti gli anime ad esempio che
          non si trasmettono ancora alla tv [o che cmq non
          sono di proprietà di nessuno in quel
          paese]Sui fansub di anime giapponesi penso di poter dire la mia visto che ho contribuito non poco alla nascita e allo sviluppo di questo fenomeno in Italia, prima facendo conoscere i fansub in inglese e poi incoraggiando, diffondendo e creando io stesso fansub in italiano. Quindi, modestamente, credo di capirne abbastanza ;)Che il produttore se ne freghi (nel senso che se ne frega degli utenti di quell'area linguistica e quindi di fatto rinuncia ai possibili guadagni derivanti da quell'area) è un discorso, che certamente dovrebbe risolvere dal punto di vista morale (tranne per certe persone come ) ma dal punto di vista meramente legale non c'è alcuna differenza. L'unica differenza è che la causa civile (non penale) dovrebbe fartela il produttore d'origine e quindi evitano, ma questo solo se non è legato a nessun rappresentante in Italia (se è associato alla JASRAC, l'equivalente della SIAE in Giappone, allora potrebbe fartela direttamente la SIAE).Tuttavia il caso dei fansub è particolare perché se è vero che l'audio e il video senza sottotitoli sono coperti da copyright del produttore originario, il lavoro di traduzione timing ed editing dei sottotitoli è senz'altro copyright del gruppo che ha fatto il fansub (che può anche aver fatto una traduzione completamente inventata/parodiata e comunque l'opera di adattamento -e non mera traduzione- rende la cosa una creazione originale dell'adattatore), che praticamente sempre decide autonomamente di rilasciare gratuitamente.Quindi: per i fansub in softsub, se vengono rilasciati solo i sottotitoli (file .ssa, .ass, .sub o simile) allora non c'è violazione di copyright (almeno finché non si dimostra che il gruppo ha lavorato su un file pirata e non su un dvd regolarmente acquistato, ma appunto bisogna dimostrarlo); ovviamente la violazione rimane per chi scarica illegalmente il video per unirlo ai sottotitoli (legali).Per quanto riguarda i fansub in hardsub (sottotitoli uniti al video e NON ESCLUDIBILI), anche qui ci possono essere delle deroghe perché ad esempio le parodie e simili sono considerati lavori originali che possono anche fare uso di opere coperte da copyright (o parti di esse) purché la loro riutilizzazione non avvenga a scopo di lucro.Ad esempio, "EvangHelion lo sdoppiaggio infame", il lavoro di Lord V Multimedia, Neurozone e La Cupola Milanese (e non dei Gem Boy come qualcuno si ostina a credere) è perfettamente legale perché è considerato un'opera originale, non a scopo di lucro.Bisogna quindi vedere, per quanto riguarda i fansub in hardsub, quanto l'adattamento dei sottotitoli (che già di per sé modificano inevitabilmente il video oltre a dare un'interpretazione personale del fansubber a quanto le voci giapponesi dicano) possa essere considerato un'opera originale. In realtà è un'interpretazione un po' forzata, tuttavia il fatto che un fansub che rispetti questi termini (quindi o hardsub oppure se softsub distribuendo solo i sottotitoli) sia illegale è quindi tutt'altro che sicuro. Probabilmente, un bravo avvocato potrebbe essere in grado di dimostrarne la liceità. O quantomeno di instillare il dubbio nei giudici, perché la norma è tutt'altro che chiara.Ovvio che il lavoro del fansubber dev'essere comunque anche di adattamento, non può basarsi su una traduzione letterale (i dvd pirata cinesi sono tradotti in modo letterale, per esempio) perché in quel caso la norma che riconosce l'opera come originale e che ammette l'uso di opere coperte da copyright o parti di esse non varrebbe più comunque. Sempre ovviamente, non può esserci alcun lucro, il file in questione (quindi i soli sottotitoli nel caso di softsub o eventualmente il video intero comprensivo dei sottotitoli nel caso di hardsub) devono essere gratuitamente reperibili.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 ottobre 2008 18.52-----------------------------------------------------------
          • il disinforma to scrive:
            Re: Telefilm
            capisco , quindi si tratta di un ritorno al p2p si o p2p no.....insomma li lasciano perche si finanziano di pubblicità...ma mi chiedo io, xche non fanno cosi per tuttote lo riproduci e ti prendi i costi per farlo ma a lato delle pagine ci metti questo e quello....non è un idea??cmq, una cosa..ma veoh? quindi lei non rispetta mai la legge?visto che molte cose vengono messe li....me lo spieghi questo plz?p.s.fai parte di un fansub?
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Telefilm
            (avviso: ho editato il post aggiungendo qualcosa mentre mi rispondevi)- Scritto da: il disinforma to
            capisco , quindi si tratta di un ritorno al p2p
            si o p2p
            no.....
            insomma li lasciano perche si finanziano di
            pubblicità...
            ma mi chiedo io, xche non fanno cosi per tutto
            te lo riproduci e ti prendi i costi per farlo ma
            a lato delle pagine ci metti questo e
            quello....

            non è un idea??Scusami ma non ho capito la tua domanda, mancano i soggetti delle frasi e non ci ho capito granché ;)
            cmq, una cosa..ma veoh? quindi lei non rispetta
            mai la legge?Veoh agisce come youtube solo che è meno conosciuto (anche dai produttori) e quindi spesso neanche viene contattato. A me han chiuso un account su veoh (e cancellato tutto quello che c'avevo uppato) quindi sono sicuro che veoh agisce se i produttori richiedono la cancellazione.
            visto che molte cose vengono messe li....
            me lo spieghi questo plz?Spiegato
            p.s.
            fai parte di un fansub?E' una storia un po' complicata. Il gruppo di cui sono "Dittatore" si chiama "IBC-CIF (Rebirth)" che starebbe per "It.Binari.Cartoni-Community Italian Fansub (Rebirth)" (inizialmente solo "IBC-CIF" poi cambiammo nome), siamo stati attivi negli anni dal 2001 al 2003 quindi agli albori del fansub italiano (uno dei gruppi più storici insieme a StarSubber, acK.it, Knights e Supremes) abbiamo fansubbato i primi 4 di Onegai Teacher (poi proseguito da acK.it, e poi ritirato per acquisto diritti), il secondo e il terzo OAV di Love Hina Again (il primo lo fece acK.it che inizialmente voleva fermarsi e dopo che noi concludemmo la saga col terzo oav poi ha proseguito comunque la serie ma dopo di noi), i primi due episodi (più il promo) di Legend of Basara (che teoricamente dovremmo ancora portare avanti) e, insieme agli Slay il movie di Mahoujin GuruGuru insieme agli Slay (più il promo fatto da me). Non eravamo molto rapidi perché eravamo in pochi e preferiramo la qualità alla quantità (il movie di Guruguru è stato il nostro lavoro migliore e oggettivamente ancora oggi dopo più di 5 anni fa la sua figura).Sono 5 anni che siamo fermi perché ognuno di noi ha iniziato a lavorare, o ha avuto altro da fare. L'idea è di ripartire almeno per concludere Basara (in fondo sono solo 13 episodi e una buona parte del lavoro del 3° e del 4° sarebbero già pronti) nonché per fare il movie di Violinist of Hamelin (di questo dovevamo iniziare anche la serie tv, ma altri hanno cominciato e finito nel frattempo, facendo peraltro un buon lavoro quindi non riteniamo di doverla rifare).Ci sarebbe anche Hanaukyo Maid Tai (sia la serie che gli oav), nonché due OAV yaoi come Bronze e Zetsu Ai 1989, ma non c'è mai realmente tempo. Per tutto abbiamo i DVD per i raw (a volte giappi a volte -solo quando giappi non esistevano quando li abbiamo presi- HK) quindi dal punot di vista dei raw siamo a posto. Dovremmo unirci ad altri gruppi per quanto riguarda il lavoro sporco (timing traduzione e scripting) lasciando a noi i lavori più semplici ma più visibili (adattamento e check) e completare almeno Legend of Basara (per il quale i raw sono ottimi essendo dvd giappi) che è la serie a cui personalmente sono più legato, ma non ho avuto finora delle risposte soddisfacenti per la collaborazione, anche perché mi rendo conto che la visibilità del gruppo che collaborerebbe con noi sarebbe minima in relazione al duro lavoro che farebbe. Solo qualche promessa fumosa ma finora nient'altro.In futuro boh. Tutti i DVD degli anime stanno qui da me, quindi i raw ci sono. Se qualche gruppo di fansub legge e volesse collaborare, o anche solo avere una copia dei raw per fansubbarli loro (basta che mi indichino nei crediti), non ha che da contattarmi.
          • il disinforma to scrive:
            Re: Telefilm
            bravo^^cmq
            Scusami ma non ho capito la tua domanda, mancano i soggetti
            delle frasi e non ci ho capito granchéOcchiolinoripetonon sarebbe meglio se i network lasciassero "legalmente" la possibilità di metterli in streming con i sub, chiedendo un piccola fee in cambio...stile percentuale sui guadagni da banner o banner loro??
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Telefilm
            - Scritto da: il disinforma to
            non sarebbe meglio se i network lasciassero
            "legalmente" la possibilità di metterli in
            streming con i sub, chiedendo un piccola fee in
            cambio...stile percentuale sui guadagni da banner
            o banner
            loro??Certo che sarebbe meglio, mi sembra ovvio. Ma quella gente è ingorda, per guadagnare quello che vorrebbero sarebbero capaci di metterci il triplo dei banner del peggior finto portale porno di tutta internet anzi probabilmente userebbero anche un sistema di script e cookie in modo che se non clicchi sui banner non puoi visualizzare il filmato
    • Ilpiccolo scrive:
      Re: Telefilm
      voglio voglio voglio...
  • penny scrive:
    Tiscali blocca ancora
    Zona Bergamo il sito non è ancora accessibile nonostante l'ordine di sblocco sia di una settimana fa... Però a bloccarlo ci hanno messo meno di 24 ore, chissa perche.
    • tDv scrive:
      Re: Tiscali blocca ancora
      - Scritto da: penny
      Zona Bergamo il sito non è ancora accessibile
      nonostante l'ordine di sblocco sia di una
      settimana fa... Però a bloccarlo ci hanno messo
      meno di 24 ore, chissa
      perche.Tu chiama tiscali e di che se il sito non torna visibile entro 1 ora passi ad Alice.
    • Sikkio scrive:
      Re: Tiscali blocca ancora
      Guarda, io ho scritto al servizio d'assistenza di Tiscali segnalando che stanno bloccando l'accesso ad un sito non + sottoposto a sequestro, vediamo che cosa dicono (anche se non ho speranze visto il servizio assistenza:'(). Speriamo bene, ma questa è la riprova che in italia le cose vanno sempre a du velocità: si toglie immediatamente e si da molto lentamente. :D
    • inet scrive:
      Re: Tiscali blocca ancora
      Stessa cosa: dns che risponde picche e blocco del routing.Una mail al giorno finché non sbloccano.
    • Massi cadenti scrive:
      Re: Tiscali blocca ancora
      - Scritto da: penny
      Zona BergamoDev'essere per via del fatto che il provvedimento è stato emesso lì ;)
  • Yuri scrive:
    Poche speranze...
    Credo che sarà difficile dimostrare in Italia qualcosa di diverso su Bay di quello che hanno scritto i giudici. Non credo che da noi ci sia l'onere della prova, quindi chi si connette è con ogni probabilità un pirata e questo probabilmente è sufficiente...
    • alex 2 scrive:
      Re: Poche speranze...
      - Scritto da: Yuri
      Credo che sarà difficile dimostrare in Italia
      qualcosa di diverso su Bay di quello che hanno
      scritto i giudici. Non credo che da noi ci sia
      l'onere della prova, quindi chi si connette è con
      ogni probabilità un pirata e questo probabilmente
      è
      sufficiente...Hai scritto una imprecisione madornale...l'onere della prova è in civile ma in ogni caso qualsiasi accusa in penale deve provare i reati contestati tanto + che in caso di dubbio si deve assolvere e non condannare.questo è uno dei principi cardine del diritto penale.
  • xiretsa scrive:
    bufala
    si solleva tanta polvere perché il problema è sentito. tutto qui. troppi incidenti=maggiori controlli è la solita storia di legno che non porta a nulla. serve solo a dare una immagine di uno stato che si da da fare per "correggere" comportamenti agli occhi della opinione pubblica. qualcuno ha parlato di droga più su, era un'ottimo paragone: scaricare è un fenomeno legato a ragioni che non si risolvono con la semplice repressione, come per intere generazioni che si "crepano" il cervello con droghe. quindi..ne fermiamo 200 in un fine settimana, gli togliamo la patente, un bel verbale, li sputtaniamo sui giornali e siamo tutti contenti: il magistrato, il comandante dei carabinieri ed il sindaco col prefetto. Fantastico, tornano a casa con la coscienza pulita e dicono ciao al figlio che la sera prima si è sparato 10 canne ascoltando roba scaricata dal mulo, un bravo ragazzo il mio..non come questi disgraziati.
  • Enjoy with Us scrive:
    Quindi alla fine Pirate Bay ha vinto!
    Di tutto il fumo della sentenza spicca solo un punto: Che la magistratura si dichiara sostanzialmente impotente a perseguire in qualsiasi modo dei siti con server collocati in paesi terzi, anche in presenza di prove certe di illecito!I Provvider sono i assoluto i vincitori, non dovranno più sottostare alle richieste delle Major, la magistartura è stata chiara, in caso di illecito si deve sequestrare il sito!Un'altra vittoria per il P2P, se i provvider non sono responsabili ne possono essere spinti a fare da guardiani gli utenti sarnno sempre più liberi!
    • XYZ scrive:
      Re: Quindi alla fine Pirate Bay ha vinto!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Di tutto il fumo della sentenza spicca solo un
      punto: Che la magistratura si dichiara
      sostanzialmente impotente a perseguire in
      qualsiasi modo dei siti con server collocati in
      paesi terzi, anche in presenza di prove certe di
      illecito!
      I Provvider sono i assoluto i vincitori, non
      dovranno più sottostare alle richieste delle
      Major, la magistartura è stata chiara, in caso di
      illecito si deve sequestrare il
      sito!

      Un'altra vittoria per il P2P, se i provvider non
      sono responsabili ne possono essere spinti a fare
      da guardiani gli utenti sarnno sempre più
      liberi!Crediamo davvero che i "provider" siano realmente orientati a lasciar "passare la cosa"?Ok, grazie alle motivazioni del provvedimento ne deduciamo che d'ora in poi i provider saranno "liberi" di ostacolare o meno il traffico, certo, ora le richieste di quei cattivoni dei discografici si faranno sentire di meno..Ammesso, naturalmente, che non sia un argomento di interesse economico per il provider stesso. Come sempre piu spesso, purtroppo, succede.
      • Mr.God scrive:
        Re: Quindi alla fine Pirate Bay ha vinto!
        - Scritto da: XYZ
        Crediamo davvero che i "provider" siano realmente
        orientati a lasciar "passare la
        cosa"?Fermiamo l´ignoranza perfavore.Ti risulta che i provider guadagnino con i diritti di musica e film?!Se la magistratura manda siti da bloccare per il provider é solo lavoro in piú, come se poi ci ripensa e li sblocca...il contenuto del traffico utente non interessa al provider, solo la bolletta bimensile é fondamentale.
        • Massi cadenti scrive:
          Re: Quindi alla fine Pirate Bay ha vinto!
          - Scritto da: Mr.God
          - Scritto da: XYZ

          Crediamo davvero che i "provider" siano
          realmente

          orientati a lasciar "passare la

          cosa"?

          Fermiamo l´ignoranza perfavore.

          Ti risulta che i provider guadagnino con i
          diritti di musica e film?!Sinceramente sì. Fastweb, Alice, Libero e Tiscali hanno (o stanno per avere) la loro TV o servizi on demand a pagamento (rossoalice, alicehometv, fastwebtv, ecc.), che comprendono sicuramente film (e partite) e a volte anche musica.
          Se la magistratura manda siti da bloccare per il
          provider é solo lavoro in piú,Il "lavoro" è aggiungere un indirizzo in uno o due file .conf (quello del dns o quello del router di uscita della rete del provider che inibisce il traffico verso un certo ip)
      • pabloski scrive:
        Re: Quindi alla fine Pirate Bay ha vinto!
        direi che la prospettiva dei provider è esattamente oppostaloro sanno che il P2P fa traffico e traffico significa maggior numero di abbonatia loro interessa che la baia continui ad esistere
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Quindi alla fine Pirate Bay ha vinto!
        - Scritto da: XYZ
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Di tutto il fumo della sentenza spicca solo un

        punto: Che la magistratura si dichiara

        sostanzialmente impotente a perseguire in

        qualsiasi modo dei siti con server collocati in

        paesi terzi, anche in presenza di prove certe di

        illecito!

        I Provvider sono i assoluto i vincitori, non

        dovranno più sottostare alle richieste delle

        Major, la magistartura è stata chiara, in caso
        di

        illecito si deve sequestrare il

        sito!



        Un'altra vittoria per il P2P, se i provvider non

        sono responsabili ne possono essere spinti a
        fare

        da guardiani gli utenti sarnno sempre più

        liberi!

        Crediamo davvero che i "provider" siano realmente
        orientati a lasciar "passare la
        cosa"?

        Ok, grazie alle motivazioni del provvedimento ne
        deduciamo che d'ora in poi i provider saranno
        "liberi" di ostacolare o meno il traffico, certo,
        ora le richieste di quei cattivoni dei
        discografici si faranno sentire di
        meno..

        Ammesso, naturalmente, che non sia un argomento
        di interesse economico per il provider stesso.


        Come sempre piu spesso, purtroppo, succede.Ti sbagli di grosso, ai provvider interessano solo i soldi delle bollette, se veramente dovessero inibire il P2P sanno benissimo che perderebbero una valanga di utenti, quindi se ne guardano bene!In futuro se veramente riusciranno a diventare produttori/distributori di contenuti a livelli tali da non doversi preoccupare di perdere utenti allora il discorso sarà diverso..... ma vedo per loro la strada molto lunga e difficile! Guardate Tre con il suo TV fonino.... non mi sebra che abbia riscosso un gran successo commerciale!
    • Massi cadenti scrive:
      Re: Quindi alla fine Pirate Bay ha vinto!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Di tutto il fumo della sentenza spicca solo un
      punto: Che la magistratura si dichiara
      sostanzialmente impotente a perseguire in
      qualsiasi modo dei siti con server collocati in
      paesi terzi, anche in presenza di prove certe di
      illecito!Specifichiamo: dei siti non di scommesse e non pedoporno collocati in paesi terzi che non riconoscono quei siti come illegali, gestiti da persone cittadine di paesi terzi che non riconoscono quei siti come illegali, e residenti in paesi terzi che non riconoscono quei siti come illegali.
      I Provvider sono i assoluto i vincitori, non
      dovranno più sottostare alle richieste delle
      Major, la magistartura è stata chiara, in caso di
      illecito si deve sequestrare il sito!Ci mandiamo il PM e il GIP in Svezia a tentare il sequestro dei server? Un viaggio di sola andata, visto che andranno a invadere una proprietà privata senza un motivo (lì) legalmente valido, e quindi finiranno nelle carceri di Sua Maestà Re Carlo XVI Gustavo di Svezia. Così finiranno "al fresco", di nome e di fatto ;)
      Un'altra vittoria per il P2P, se i provvider non
      sono responsabili ne possono essere spinti a fare
      da guardiani gli utenti sarnno sempre più
      liberi!E' una vittoria solo per i gestori di TPB, per gli utenti italiani non cambia un tubo. Non creare false speranze.
  • Home J S scrive:
    Ma se i server non son qui....
    ... anche se la baia perdesse la causa.... chi li blocca i server?Mi pare che l'accusa la stia facendo fuori dal boccale.
  • garbo scrive:
    allora se...
    "i magistrati tendono a ritenere che "tali contatti ... devono essere ragionevolmente ricondotti ... all'acquisizione in rete di beni protetti dal diritto di autore, in violazione delle norme". Non si tratta dell'affermazione dell'esistenza di un comportamento illegale ma si ritiene che sussista per così dire un indizio di illegalità."Quindi se io una sera vado (per esempio) a Milano in automobile sono un puttaniere! ...ma almeno il casellante mi deve lasciar passare ;-)
  • FDG scrive:
    Comunque mi pare di capire...
    ...che non hanno strumenti legali per bloccare l'accesso. Cioè, non si può attuare il sequestro bloccando il traffico diretto sul sito. O si sequestrano i server oppure niente. Quindi, che fanno?
    • Demolition scrive:
      Re: Comunque mi pare di capire...
      - Scritto da: FDG
      ...che non hanno strumenti legali per bloccare
      l'accesso. Cioè, non si può attuare il sequestro
      bloccando il traffico diretto sul sito. O si
      sequestrano i server oppure niente. Quindi, che
      fanno?Se lo menano... Hanno praticamente nulla ormai da fare... solo chiudere il caso e tornarsene sotto le coperte!
      • Ingenuo 2001 scrive:
        Re: Comunque mi pare di capire...
        Se manca l'appiglio legale, questo si farà, e anche presto, penso.Così si potranno bloccare tutti gli IP che si vuole.Non è una vittoria, è solo un'agonia.(no, non faccio il tifo per le major, sono solo realista)Ingenuo 2001- Scritto da: Demolition
        - Scritto da: FDG

        ...che non hanno strumenti legali per bloccare

        l'accesso. Cioè, non si può attuare il sequestro

        bloccando il traffico diretto sul sito. O si

        sequestrano i server oppure niente. Quindi, che

        fanno?

        Se lo menano... Hanno praticamente nulla ormai da
        fare... solo chiudere il caso e tornarsene sotto
        le
        coperte!
    • Massi cadenti scrive:
      Re: Comunque mi pare di capire...
      - Scritto da: FDG
      ...che non hanno strumenti legali per bloccare
      l'accesso. Cioè, non si può attuare il sequestro
      bloccando il traffico diretto sul sito. O si
      sequestrano i server oppure niente. Quindi, che
      fanno?Si attaccano al c...avo del tram :D
  • Nathaniel Hornblower scrive:
    La pirateria è un fenomeno dilagante...
    ...è insito nella cultura contemporanea, è un'abitudine radicata. I detentori di copyright dovrebbero provacce con i piccoletti, le next generation, con quella attuale è uno sforzo inutile.
    • EffeElle scrive:
      Re: La pirateria è un fenomeno dilagante...
      - Scritto da: Nathaniel Hornblower
      ...è insito nella cultura contemporanea, è
      un'abitudine radicata. I detentori di copyright
      dovrebbero provacce con i piccoletti, le next
      generation, con quella attuale è uno sforzo
      inutile.I miei figli guardano l'80% di cartoni animati su DVD copiati e passati tra noi genitori. Sono in ogni caso sulla strada giusta e non sono ironico.
      • Massi cadenti scrive:
        Re: La pirateria è un fenomeno dilagante...
        - Scritto da: EffeElle
        - Scritto da: Nathaniel Hornblower

        ...è insito nella cultura contemporanea, è

        un'abitudine radicata. I detentori di copyright

        dovrebbero provacce con i piccoletti, le next

        generation, con quella attuale è uno sforzo

        inutile.

        I miei figli guardano l'80% di cartoni animati su
        DVD copiati e passati tra noi genitori. Sono in
        ogni caso sulla strada giusta e non sono
        ironico.http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90082,00.htmlVOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREProbabilmente in buona fede, si e' pensato di inasprire le condanne contro la pirateria, senza tener presente di fenomeni di massa ormai diffusi, anche tra i bambini.VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREQuanti giochi hai a casa?UN BAMBINOTanti e interessanti anche. Il mio amico me li da' e io l'istallo, non me li compro, costano tanto.VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREMa non lo sai che è illegale?UN BAMBINONoVOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREQuanti anni hai?UN BAMBINOUndici
  • nomecognome scrive:
    Aveva ragione ALCEI
    Lo avevano detto nell'esposto al Garante, che il sequestro non si poteva fare...
  • MajorDown scrive:
    Motivazioni risibili
    Dedotte solo dal fatto che la baia si chiama The Pirate Bay.Un pò poco e assolutamente irrilevante dire che i frequentatori della baia fanno pirataggine solo per il nome che porta la baia.I frequentatori della baia fanno solo autodifesa dai pescecani delle multinazionali della major. Punto.
    • Nathaniel Hornblower scrive:
      Re: Motivazioni risibili
      - Scritto da: MajorDown
      Dedotte solo dal fatto che la baia si chiama The
      Pirate
      Bay.
      Un pò poco e assolutamente irrilevante dire che i
      frequentatori della baia fanno pirataggine solo
      per il nome che porta la
      baia.
      I frequentatori della baia fanno solo autodifesa
      dai pescecani delle multinazionali della major.
      Punto.A me invece sembrando delle motivazioni precise e ragionate. S'è stabilito che: - ospitare link per torrent piratoni è illegale- non si può sequestrare un sito perché è una procedura "atipica".Cosa fare ora per bloccare la Baia? Semplice, basta aspettare il parlamento europeo.
      • Mau scrive:
        Re: Motivazioni risibili
        non si può sequestrare il sito perchè non è in territorio italiano, ma in Svezia, e in Svezia quel tipo di sito è perfettamente legale, ergo quei server non possono NON POSSONO essere sequestrati, punto.Altrettanto errata è la tua affermazione "linkare materiale illegale non è permesso" non è vero, in Svezia non è illegale rendere pubblici link a torrent, contengano questi fuffa o materiale protetto da diritto d'autore.
        • Nathaniel Hornblower scrive:
          Re: Motivazioni risibili
          - Scritto da: Mau
          non si può sequestrare il sito perchè non è in
          territorio italiano, ma in Svezia, e in Svezia
          quel tipo di sito è perfettamente legale, ergo
          quei server non possono NON POSSONO essere
          sequestrati,
          punto.
          Lo so che stanno in Svezia, e non solo in Svezia. La procedura di sequestro ossia "l'apposizione di un vincolo di indisponibilità" è perfettamente fattibile con il blocco degli ISP. Solo che la procedura non è quella tipica, ma tiene in conto doveri di terze parti.
          Altrettanto errata è la tua affermazione "linkare
          materiale illegale non è permesso" non è vero, in
          Svezia non è illegale rendere pubblici link a
          torrent, contengano questi fuffa o materiale
          protetto da diritto
          d'autore.Ma in Italia sì. Quindi rimane un sito illegale per la giurisdizione italiana. Non importa dove si trovano i server, s'è sempre detto. La Svezia è stato della comunità dal 95. Dovrà recepire la legge CE quando ci sarà.
          • Mau scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            Se davvero la legge della CE dovesse andare in porto stai sicuro che quei server 2 giorni prima saranno spostati in un altro stato dove sia legale la sua attività :)E io sono pure pronto a dargli 10 per farlo nel caso gli servano soldi, come penso sia pronto circa il 75% degli italiani (e non solo, credo di ogni paese del mondo) a dare 1 per permettergli di comprare qualche microscopico stato in cui possano fare quello che gli pare senza che nessuno gli scassi inutilmente, retoricamente la famosa m.....a :)
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: Mau
            Se davvero la legge della CE dovesse andare in
            porto stai sicuro che quei server 2 giorni prima
            saranno spostati in un altro stato dove sia
            legale la sua attività
            :)

            E io sono pure pronto a dargli 10 per farlo nel
            caso gli servano soldi, come penso sia pronto
            circa il 75% degli italiani (e non solo, credo di
            ogni paese del mondo) a dare 1 per permettergli
            di comprare qualche microscopico stato in cui
            possano fare quello che gli pare senza che
            nessuno gli scassi inutilmente, retoricamente la
            famosa m.....a
            :)Sì ma in quel caso dovrebbero esiliare anche Sunde & co. visto che sarebbero perseguiti dalla legge.
          • Mau scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            No calma le leggi non sono retroattive in questo caso, anche perchè sarebbe un giochetto ridicolo. Se la legge stabilisse che dal 4 ottobre 2009 è illegale l'attivita di siti come pirate bay (o btjunkie, che ha pure + seed), penso che gli admin della baia fermerebbero le attività divenute illecite prima di tale data, in modo da restare puliti di fronte alla legge europea. Direi che un mese senza pbay la gente lo fa volentieri se poi sa che scaduto il mese avrà un servizio gratuito, legale e inattaccabile perchè fornito da server su un paese costruito con leggi ad hoc!
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: Mau
            No calma le leggi non sono retroattive in questo
            caso, anche perchè sarebbe un giochetto ridicolo.
            Se la legge stabilisse che dal 4 ottobre 2009 è
            illegale l'attivita di siti come pirate bay (o
            btjunkie, che ha pure + seed), penso che gli
            admin della baia fermerebbero le attività
            divenute illecite prima di tale data, in modo da
            restare puliti di fronte alla legge europea.
            Direi che un mese senza pbay la gente lo fa
            volentieri se poi sa che scaduto il mese avrà un
            servizio gratuito, legale e inattaccabile perchè
            fornito da server su un paese costruito con leggi
            ad
            hoc!Ma gestito da chi, admin europei residenti nella CE? E allora diverrebbero punibili dal momento in cui riattivano il servizio.
          • Mau scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            No intendevo:1 staccano i server2 diventa illegale in europa3 si trasferiscono i server in un posto sicuro4 gli admin del nuovo server dovranno ovviamente risiedere nello stato dove sono ospitati i server in modo da essere esenti da incriminazioni europee
          • Bastard scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            In questo caso, agli amministratori e/o alle loro famiglie succede qualcosa di molto, molto brutto.Gli incidenti capitano...
          • Demolition scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: Mau
            Se davvero la legge della CE dovesse andare in
            porto stai sicuro che quei server 2 giorni prima
            saranno spostati in un altro stato dove sia
            legale la sua attività
            :)

            E io sono pure pronto a dargli 10 € per farlo nel
            caso gli servano soldi, come penso sia pronto
            circa il 75% degli italiani (e non solo, credo di
            ogni paese del mondo) a dare 1 € per permettergli
            di comprare qualche microscopico stato in cui
            possano fare quello che gli pare senza che
            nessuno gli scassi inutilmente, retoricamente la
            famosa m.....a
            :)Io gliene do anche 50! Se in italia i politici non pensassero solo a fare leggi utili a loro stessi e cominciassero a vedere "che se ha da fà" potrebbero creare una tassa fissa sul download di beni coperti da diritto d'autore da sommare alla bolletta del telefono... mi spiego meglio:Bolletta telefonica bimestrale (ipotetica): 100€Tassa per il download di materiale protetto da diritto d'autore: 10€100+10=110 euroChe qualcuno mi venga a dire che non sarebbe addirittura FELICE di sborsare quei 10 euro per poter scaricare miliardi di gigabayte e tutto nella TOTALE legalità!Sommando i 10€ per tutti gli utenti italiani di internet dite che non ce li tirano fuori i soldi da dare agli artisti? (e non alle major) ;)
          • Mau scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            Come faccio a non quotarti :)
          • barra78 scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            LOL tutti a comprare cd e dvd all'estero o in nero x colpa della tassa sui supporti vergini e poi pensi che la gente sarebbe felice di pagare x una cosa del genere? e poi sarebbe giusto far pagare anceh chi non scarica?
          • Demolition scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: barra78
            LOL

            tutti a comprare cd e dvd all'estero o in nero x
            colpa della tassa sui supporti vergini e poi
            pensi che la gente sarebbe felice di pagare x una
            cosa del genere? e poi sarebbe giusto far pagare
            anceh chi non
            scarica?ovviamente no... (ma alzi la mano chi chi non scarica.... XD)basta scegliere... un opzione della quale corredare il proprio abbonamento a internet... a tutto c'è una soluzione...e comunque la tassa sui supporti vergini è tutta un altra cosa.
          • barra78 scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            non mi sembra "tutta un'altra cosa". O la si fa pagare a tutti o tutti all'improvvisano usano il web solo x mail, msn e youtube. Chi è "abituato a delinquere" continuerà a farlo anche dopo quindi cercherà di evitare questa tassa.
          • frk scrive:
            Re: Motivazioni risibili

            Bolletta telefonica bimestrale (ipotetica):
            100€
            Tassa per il download di materiale protetto da
            diritto d'autore:
            10€

            100+10=110 euro

            Che qualcuno mi venga a dire che non sarebbe
            addirittura FELICE di sborsare quei 10 euro per
            poter scaricare miliardi di gigabayte e tutto
            nella TOTALE
            legalità!Guarda che un meccanismo del genere favorirebbe solo le major... i meccanismi flat uccidono i piccoli autori, perchè la loro percentuale di ripartizione è calcolata sul totale delle opere... e ovviamente se un artista indipendente ha fatto solo un brano ha diritto allo 0,0000000000001% del totale, mentre la Sony (tanto per dire un nome), magari becca il 20% della torta.E comunque se io produco un software che vendo a 10 euro.. e sarei felice di venderne 1000 copie l'anno, che sei tu per copiarlo o per dirmi che devo accontentarmi di un flat? Se non lo vuoi non lo usi, ma se lo vuoi mi dai 10 euro. Piratarlo non è un'opzione!
          • E. Purator scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            Legge CEE che non c'è, quindi che diavolo stai dicendo?- Scritto da: Nathaniel Hornblower
            Ma in Italia sì. Quindi rimane un sito illegale
            per la giurisdizione italiana. Non importa dove
            si trovano i server, s'è sempre detto. La Svezia
            è stato della comunità dal 95. Dovrà recepire la
            legge CE quando ci
            sarà.
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: Nathaniel Hornblower

            Altrettanto errata è la tua affermazione
            "linkare

            materiale illegale non è permesso" non è vero,
            in

            Svezia non è illegale rendere pubblici link a

            torrent, contengano questi fuffa o materiale

            protetto da diritto

            d'autore.

            Ma in Italia sì. Quindi rimane un sito illegale
            per la giurisdizione italiana.Ma non può essere bloccato, non attualmente almeno.La legge non consente sequestri senza sequestri. Per operare un sequestro dovrebbero andare in Svezia e sequestrare i server: cosa successa quando stavano in Olanda e che comunque non servirebbe a nulla visto che i server neanche i gestori sanno di preciso dove si trovano, ma sanno che sono diversi tutti mirrorati in tempo reale e in tanti posti, quindi anche spegnendone uno gli altri farebbero da backup nel giro di 10 minuti, vedi "Steal this film" dove lo spiegano per bene.Ma per operare un sequestro in Svezia devono avere la collaborazione dalle autorità svedesi, che non avranno mai finché in Svezia non sarà reato perché gli accordi bilaterali in quest'ambito funzionano solo se entrambi i Paesi (sia quello che richiede che quello che riceve la richiesta) riconoscono il fatto come reato. In Svezia non è reato, quindi non possono sequestrare i server. Oscurare il sito dall'Italia è tecnicamente possibile (anche se inutile visto che chi voleva accedere come me ci è riuscito lo stesso senza problemi) ma non è illegale. La legge italiana consente oscuramenti di questo tipo (di siti esteri gestiti da stranieri residenti all'estero) solo per siti di scommesse senza autorizzazione AAMS e per siti pedopornografici. The Pirate Bay non è né l'uno né l'altro.Diverso (molto) sarebbe il discorso se TPB fosse in Italia, o se i suoi gestori fossero italiani. Ma non è così, anzi fino al sequestro in realtà a molti italiani non fregava nulla di TPB visto che di file interessanti per gli italiani nello specifico (film in italiano, album di artisti italiani, ebook in italiano ecc.) c'era ben poco.
            Non importa dove si trovano i server, s'è sempre detto.In realtà importa e come. Se i server non sono in Italia, i gestori non sono italiani, né residenti in Italia, il sito non è un sito pedopornografico né un sito di scommesse online, allora non è possibile oscurare il sito. Non attualmente almeno. Mi sembra che il testo sia piuttosto chiaro in merito. L'unico modo di farlo legalmente per le leggi italiane sarebbe sequestrare i server... che però sono all'estero in uno Stato che non riconosce un tracker torrent come illegale. Chiamalo vuoto legislativo, chiamalo quello che vuoi, rimane che allo stato attuale delle cose The Pirate Bay non è oscurabile in Italia e c'è una sentenza del Tribunale del Riesame di Bergamo a ribadirlo.
            La Svezia
            è stato della comunità dal 95. Dovrà recepire la
            legge CE quando ci sarà.A parte che ogni Paese dell'Unione ha le mani piuttosto libere per come recepire le direttive (ci sono decine di esempi al riguardo sia in positivo sia in negativo anche per quanto riguarda l'Italia e il suo modo di recepire le direttive comunitarie) la Svezia è abbastanza indipendente (e i suoi cittadini molto più agguerriti e combattivi della media europea e distanti anni luce dagli italiani) da poter capire quanto sia il caso di stringersi o meno con le proprie leggi in materia di copyright. Cosa di cui dubito, ma se comunque avvenisse, quasi certamente Brokep e soci si sposteranno da qualche altra parte. Che è già successo, come detto, quando han spostato i server dall'Olanda alla Svezia.
        • shado scrive:
          Re: Motivazioni risibili
          - Scritto da: Mau
          Altrettanto errata è la tua affermazione "linkare
          materiale illegale non è permesso" non è vero, in
          Svezia non è illegale rendere pubblici link a
          torrent, contengano questi fuffa o materiale
          protetto da diritto d'autore.Allora non è illegale che nel posto dove abiti ci sia un segnale (link) che dica che casa tua è visitabile senza tanti problemi per i soliti topi di appartamento.voglio quel link ...
          • The Mind withCake scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: shado
            - Scritto da: Mau

            Altrettanto errata è la tua affermazione
            "linkare

            materiale illegale non è permesso" non è vero,
            in

            Svezia non è illegale rendere pubblici link a

            torrent, contengano questi fuffa o materiale

            protetto da diritto d'autore.

            Allora non è illegale che nel posto dove abiti ci
            sia un segnale (link) che dica che casa tua è
            visitabile senza tanti problemi per i soliti topi
            di
            appartamento.

            voglio quel link ...Se ti interessa esiste una cosa che si chiama "elenco telefonico": chiunque può usarlo per farm una telefonata minatoria, quindi la Telecom dovrebbe essere denunciata per la pubblicazione di detto elenco! Infatti se la baia è denunciabile perché pubblica link a materiale che non può essere scaricato DA GENTE CHE NON HA COMPRATO UNA COPIA ORIGINALE allora la telecom è colpevole di pubblicare numeri di telefono a cui non si può chiamare per fare minacce...Il termine "materiale illegale" è fuorviante, le copie di backup sono un diritto, quindi il materiale non è illegale di per sé, ma solo se scaricato da chi non possiede l'originale. E il reato in un paese civile sarebbe commesso sol da chi scarica, non certo da chi invia... il problema è appunto quello, IN UN PAESE CIVILE!!!
          • shado scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: The Mind withCake
            - Scritto da: shado

            - Scritto da: Mau


            Altrettanto errata è la tua affermazione

            "linkare


            materiale illegale non è permesso" non è vero,

            in


            Svezia non è illegale rendere pubblici link a


            torrent, contengano questi fuffa o materiale


            protetto da diritto d'autore.



            Allora non è illegale che nel posto dove abiti
            ci

            sia un segnale (link) che dica che casa tua è

            visitabile senza tanti problemi per i soliti
            topi

            di

            appartamento.



            voglio quel link ...

            Se ti interessa esiste una cosa che si chiama
            "elenco telefonico": chiunque può usarlo per farm
            una telefonata minatoria, quindi la Telecom
            dovrebbe essere denunciata per la pubblicazione
            di detto elenco! Infatti se la baia è
            denunciabile perché pubblica link a materiale che
            non può essere scaricato DA GENTE CHE NON HA
            COMPRATO UNA COPIA ORIGINALE allora la telecom è
            colpevole di pubblicare numeri di telefono a cui
            non si può chiamare per fare minacce...La normativa prevede che il titolare del numero telefonico neghi o dia il consenso che il suo numero sia publicato. E' l'interessato che che dice si o no. Telecom non pubblica (ora) senza il tuo consenso o per dirla in altre parole 'senza il consenso del titolare del diritto' del numero in questo caso.
            Il termine "materiale illegale" è fuorviante, le
            copie di backup sono un diritto, quindi il
            materiale non è illegale di per sé, ma solo se
            scaricato da chi non possiede l'originale. E il
            reato in un paese civile sarebbe commesso sol da
            chi scarica, non certo da chi invia... il
            problema è appunto quello, IN UN PAESE
            CIVILE!!!Fare una copia è una cosa, condividere è un altra quando sai che il 'proprietario non lo voleva che tu lo condividessi'. Perché farlo dunque?Dal mio punto di vista (ora entriamo nel soggettivo) chi condivide materiale quando sa che il titolare dei diritti (anche se è un bastardo e lo meriterebbe) non lo vuole: SBAGLIA. Cosi chi se lo scarica: SBAGLIA. Perché sa che il proprietario non lo voleva.
          • Wolf01 scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            Si ma devi contare il fatto che hanno tirato fuori quel piccolissimo e banalissimo cavillo che o le copie di backup te le fai tu, oppure sono illegali anche se hai l'originaleQuesto vuol dire che se non hai la strumentazione per farti una copia di backup qualsiasi cosa tu scarichi come backup è illegale (voglio vederti a fare una copia di backup di una UMD della PSP o la copia di backup di una rom del DS, oltre al fatto che per far girare i backup devono essere "abilitati", e a quel punto puoi farti in ogni caso la copia di backup)
      • Mau scrive:
        Re: Motivazioni risibili
        Sia chiar non voglio far partire un flame, non ce l'ho con te o altro, semplicemente non concordo con le tue affermazioni, tutto qua :)
      • GabryJ84 scrive:
        Re: Motivazioni risibili
        che quando agirà agirà tardi, perchè come era successo per clone cd, i server verranno trasferiti alle barbados e a quel punto nessuno potrà + dire nulla...Mi domando quando la smetteranno di fare i don chisciotte della situazione e si accorgeranno che stan combattendo contro i mulini a vento...
      • Pinco&Palli no scrive:
        Re: Motivazioni risibili
        - Scritto da: Nathaniel Hornblower
        - Scritto da: MajorDown

        Dedotte solo dal fatto che la baia si chiama The

        Pirate

        Bay.

        Un pò poco e assolutamente irrilevante dire che
        i

        frequentatori della baia fanno pirataggine solo

        per il nome che porta la

        baia.

        I frequentatori della baia fanno solo autodifesa

        dai pescecani delle multinazionali della major.

        Punto.

        A me invece sembrando delle motivazioni precise e
        ragionate. S'è stabilito che:

        - ospitare link per torrent piratoni è illegale
        - non si può sequestrare un sito perché è una
        procedura
        "atipica".

        Cosa fare ora per bloccare la Baia? Semplice,
        basta aspettare il parlamento
        europeo.aspetta e spera.
    • ndr scrive:
      Re: Motivazioni risibili

      I frequentatori della baia fanno solo autodifesa
      dai pescecani delle multinazionali della major.
      Punto.Ma punto de che?!?!Le major vengono in casa a rubarti i soldi da sotto il materasso? NO.Sei TU che vuoi vederti i film e ascoltarti le canzoni.Solo che le vuoi GRATIS.Non scomodare guerre di principi, nessuno ti obbliga a guardare/ascoltare i loro prodotti. Ad esempio esiste la radio ed è gratis, così non ti fai "schiavizzare".Ma è più comodo scaricare gratis il loro lavoro e criticarli, VERO?Suvvia, un po' di meno ipocrisia. Che sia un bene od un male non mi esprimo, MA è un dato di fatto che sulla baia dei pirati ci girano soprattutto pirati.
      • PeeBee scrive:
        Re: Motivazioni risibili
        - Scritto da: ndr

        I frequentatori della baia fanno solo autodifesa

        dai pescecani delle multinazionali della major.

        Punto.

        Ma punto de che?!?!

        Le major vengono in casa a rubarti i soldi da
        sotto il materasso?
        NO.SI
        Sei TU che vuoi vederti i film e ascoltarti le
        canzoni.
        Solo che le vuoi GRATIS.No, le voglio ad un prezzo EQUO. O mi fai un prezzo giusto, o me le scarico. PUNTO

        Non scomodare guerre di principi, nessuno ti
        obbliga a guardare/ascoltare i loro prodotti. Ad
        esempio esiste la radio ed è gratis, così non ti
        fai
        "schiavizzare".Guarda che anche la radio è coperta da diritto d'autore. E poi il problema è che, spesso, se volgio vedere un loro prodotto loro NON ME LO VOGLIONO DARE.

        Ma è più comodo scaricare gratis il loro lavoro e
        criticarli, VERO?Senz'altro più comodo che pagare spropositi per cazzate o dover impazzire per cercare un film o una canzone.

        Suvvia, un po' di meno ipocrisia. Che sia un bene
        od un male non mi esprimo, MA è un dato di fatto
        che sulla baia dei pirati ci girano soprattutto
        pirati.E fanno bene. Comunque, visto che in torrent ci sono anche contenuti LEGALI e che piratebay NON ospita contenuti protetti, ma solo link, le motivazioni del tribunale sono una solenne scemenza, quando parlano di fumus delicti e periculum. Allora che facciamo, visti quanti accoltellati a morte abbiamo in Italia chiudiamo i negozi di casalinghi ? Eh, minchia, ce sta er "periculum"...Sant'Iddio, come siamo ridotti,...
        • Nathaniel Hornblower scrive:
          Re: Motivazioni risibili
          - Scritto da: PeeBee

          No, le voglio ad un prezzo EQUO. O mi fai un
          prezzo giusto, o me le scarico.
          PUNTO
          Vai a prendere GRATIS la verdura al mercatino allora.
          • Norman scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: Nathaniel Hornblower
            - Scritto da: PeeBee




            No, le voglio ad un prezzo EQUO. O mi fai un

            prezzo giusto, o me le scarico.

            PUNTO



            Vai a prendere GRATIS la verdura al mercatino
            allora.No, me la piglio gratis nel mio orto. Non gli faccio mancare nessun vegetale dal loro bancone.
          • BananaJoe scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: Nathaniel Hornblower
            - Scritto da: PeeBee




            No, le voglio ad un prezzo EQUO. O mi fai un

            prezzo giusto, o me le scarico.

            PUNTO



            Vai a prendere GRATIS la verdura al mercatino
            allora.e te vai a raddrizzar banane i Africa,...con quelli della MAJOR ovviamente.
        • shado scrive:
          Re: Motivazioni risibili
          - Scritto da: PeeBee
          - Scritto da: ndr


          I frequentatori della baia fanno solo
          autodifesa


          dai pescecani delle multinazionali della
          major.


          Punto.



          Ma punto de che?!?!



          Le major vengono in casa a rubarti i soldi da

          sotto il materasso?

          NO.

          SIAlmeno spiega ...

          Sei TU che vuoi vederti i film e ascoltarti le

          canzoni.

          Solo che le vuoi GRATIS.

          No, le voglio ad un prezzo EQUO. O mi fai un
          prezzo giusto, o me le scarico.
          PUNTOQuindi sei un LADRO. [snip]

          Suvvia, un po' di meno ipocrisia. Che sia un
          bene

          od un male non mi esprimo, MA è un dato di fatto

          che sulla baia dei pirati ci girano soprattutto

          pirati.

          E fanno bene. Comunque, visto che in torrent ci
          sono anche contenuti LEGALI e che piratebay NON
          ospita contenuti protetti, ma solo link, le
          motivazioni del tribunale sono una solenne
          scemenza, quando parlano di fumus delicti e
          periculum. Bene allora sul giornale di provincia pubblicherò una serie di indirizzi (link) turistici e poi altri indirizzi (link) di abitazioni (pure la tua) interessanti da far vistiare dai topi di appartamento.
          • The Mind withCake scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: shado
            Bene allora sul giornale di provincia pubblicherò
            una serie di indirizzi (link) turistici e poi
            altri indirizzi (link) di abitazioni (pure la
            tua) interessanti da far vistiare dai topi di
            appartamento.Se in cima all'elenco degli indirizzi ci scrivi che sono abitazioni interessanti da svaligiare è incitazione a delinquere. Ma se ti limiti a pubblicare un elenco di indirizzi non c'è problema (essendo solo un esempio non considero le varie norme sulla privacy). Se poi qualcuno usa il tuo elenco come riferimetno per svaligiare case quel qualcuno è denunciabile, ma tu che pubblichi non sei certo il baby-sitter dei tuoi lettori!!!Ti immagini se denunciassero un arrotino per aver affilato a dovere il coltello che poi hai usato per uccidere la tua ex ragazza? O se arrestassero gli ingegneri della Abarth per aver creato una versione della 500 che serve solo a trasformare ragazzini incoscienti figli di papà in kamikaze?
          • shado scrive:
            Re: Motivazioni risibili
            - Scritto da: The Mind withCake
            - Scritto da: shado

            Bene allora sul giornale di provincia
            pubblicherò

            una serie di indirizzi (link) turistici e poi

            altri indirizzi (link) di abitazioni (pure la

            tua) interessanti da far vistiare dai topi di

            appartamento.

            Se in cima all'elenco degli indirizzi ci scrivi
            che sono abitazioni interessanti da svaligiare è
            incitazione a delinquere. Ma se ti limiti a
            pubblicare un elenco di indirizzi non c'è
            problema (essendo solo un esempio non considero
            le varie norme sulla privacy). Se poi qualcuno
            usa il tuo elenco come riferimetno per svaligiare
            case quel qualcuno è denunciabile, ma tu che
            pubblichi non sei certo il baby-sitter dei tuoi
            lettori!!!Bisognerebbe vedere l'intento di chi pubblica quei link. E' un link a materiale protetto da copyright? Allora non si 'linka' chi lo fa sbaglia. E' materiale libero o in CC bene si 'linka'.
            Ti immagini se denunciassero un arrotino per aver
            affilato a dovere il coltello che poi hai usato
            per uccidere la tua ex ragazza? O se arrestassero
            gli ingegneri della Abarth per aver creato una
            versione della 500 che serve solo a trasformare
            ragazzini incoscienti figli di papà in
            kamikaze?Dai non prendiamoci in giro ... come viene usata la Baia, certo una fetta di link riguarda materiale free o reso tale dall'autore. Ma l'altra fetta? Quando c'è di mezzo un film delle solite 'grandi sorelle' sappiamo che l'autore non voleva che l'opera fosse liberamente scaricabile. Sia chi pubblica il link che chi fruisce: SBAGLIA. Ti diro che queste 'sorelle' meritano l'abuso che viene compiuto nei loro confronti viste le loro insensate politiche commerciali, ma farlo comunque è sbagliato.
  • Giuseppe86 scrive:
    Appunto, sono pirati
    Fanno benissimo a dare per scontato che sono pirati, anche perchè il sito come si chiama? la baia degli onesti? NO, è la baia dei pirati e questo dice tutto.purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI DEVE PAGARE e gli artisti VANNO PAGATI. volere tutto e gratis è quello che manda a quel paese l'economia e basta vedere cosa succede nell'alta finanzia in questi giorni.quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI perchè è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle mie affermazioni (a parte ad essere in malafede)
    • Polemik scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      Non ho capito il nesso con l'alta finanza. Me lo spieghi? :D
      • pippo scrive:
        Re: Appunto, sono pirati

        Non ho capito il nesso con l'alta finanza. Me lo
        spieghi?
        :DSono pirati anche quelli :D
      • bubblesorte r scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        non ha parlato di finanza ma di "alta finanzia" cioe' le agenzie di credito con ufficio dal quinto piano in su...
    • unoduetre scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi
      vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI perchè
      è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle
      mie affermazioni (a parte ad essere in
      malafede)e chi non ha i soldi per vedere il film? ovviamente non lo paga, quindi chi l'ha prodotto di soldi non ne vede, da parte di chi soldi non ne ha.non comprato per non comprato, cosa cambia se lo scarica o meno?tanto i soldi per comprarlo non ce li ha e quindi mai comprerà.
      • Nathaniel Hornblower scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        - Scritto da: unoduetre
        e chi non ha i soldi per vedere il film?
        ovviamente non lo paga, quindi chi l'ha prodotto
        di soldi non ne vede, da parte di chi soldi non
        ne
        ha.Però ha i soldi per un ADSL flat. :D
        • GabryJ84 scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          certo, perchè spendere 29 euro per un film è una ladrata, spendere 29 euro per scaricare tutto il mondo gratuitamente direi che ne vale la pena.
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: GabryJ84
            certo, perchè spendere 29 euro per un film è una
            ladrata, spendere 29 euro per scaricare tutto il
            mondo gratuitamente direi che ne vale la
            pena.Vale la pena anche viaggiare gratis, entrare gratis ai concerti, negli stadi e nei musei. Tanto loro non vedrebbero comunque un centesimo.
          • eXce11ent scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: GabryJ84
            certo, perchè spendere 29 euro per un film è una
            ladrata, spendere 29 euro per scaricare tutto il
            mondo gratuitamente direi che ne vale la
            pena....e grazie al c....!Puoi sopravvivere anche senza vedere il film, nessuno ti obbliga a comprarlo.Il fatto che per te il prezzo sia alto non ti autorizza a scaricarlo illegalmente. Non c'è principio morale che tenga.
      • barra78 scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        Una volta la differenza tra chi aveva soldi e chi non ne aveva era proprio questa. I primi facevano tutto quello che gli pareva i secondi no.Oggi invece siamo nella situazione in cui i primi fanno tutto e pagano, i secondi rubano!Poi questa "cronica mancanza di soldi" ci sarà anche ma l'italia è uno dei paesi dove la tecnologia va alla grande. I negozi vendono valange di tv hd, gli iphone vanno via come il pane, ecc.Il punto imho è un altro: la pirateria danneggia le major? Il cinema è in uno dei momenti di maggiore successo della sua storia, record di incassi, record di pubblico (quindi i soldi non arrivano solo dall'aumento dei biglietti). La musica non se la passa male ecc.Sapete come (IMHO) andrà a finire? tempo 5 anni ci saranno leggi che consentiranno la censura di siti (anche ospitati in stati "sicuri"), saranno puniti fortemente i gestori di tali siti e probabilmente anche gli utenti. Dopo? grossa crisi x il cinema, x la discografia!
      • braincrash.it scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        - Scritto da: unoduetre
        e chi non ha i soldi per vedere il film?
        ovviamente non lo paga, quindi chi l'ha prodotto
        di soldi non ne vede, da parte di chi soldi non
        ne ha.Prima dell'era di internet chi non poteva permettersi di andare a vedere un film, stava a casa e aspettava qualche anno per poi vederlo in tv.Non mi sembra ci fosse una malattia collettiva per cui la gran parte delle persone rubava videocassette per poter vedere i film.
      • Io me scrive:
        Re: Appunto, sono pirati


        e chi non ha i soldi per vedere il film?
        ovviamente non lo paga, quindi chi l'ha prodotto
        di soldi non ne vede, da parte di chi soldi non
        ne
        ha.
        Bè, non é che DOVER vedere un film a tutti i costi sia un diritto inalienabile dell'umanità, non hai i soldi per andare al cine? non ci vai, e magari aspetti che lo facciano in TV. Posso concederti di aver ragione se non avessi soldi per comprarti IL PANE, cosa essenziale, (e mi sa che ci stiamo arrivando..) ma non averli per non poter andare al cinema...non mi fa nessuna compassione, ne fai semplicemente a meno.
      • MyrddinEmrys scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        - Scritto da: unoduetre
        - Scritto da: Giuseppe86


        quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi

        vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI
        perchè

        è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle

        mie affermazioni (a parte ad essere in

        malafede)

        e chi non ha i soldi per vedere il film?
        ovviamente non lo paga, quindi chi l'ha prodotto
        di soldi non ne vede, da parte di chi soldi non
        ne
        ha.

        non comprato per non comprato, cosa cambia se lo
        scarica o
        meno?
        tanto i soldi per comprarlo non ce li ha e quindi
        mai
        comprerà.Perchè.. qualcuno che puo' permettersi l'adsl non puo' permettersi 2 euro per il noleggio di un film? Inoltre direi che i film non sono un bene primario. Puoi anche vivere senza, cosi' come l'adsl i cd ecc.. Finiamola di fare demagogia a basso costo...La verità è che la stragrande maggioranza degli utenti del p2p scarica perchè si puo', non perchè non puo' permettersi un film o un cd. Lo fa perchè tanto nessuno viene mai sanzionato (se non pochi, rarissimi sporadici casi) e l'occasione fa l'uomo ladro.Tanto che gli costa? nulla.. non si rischia praticamente nulla, eccetto forse la propria coscienza civica. Ma tanto .. di quella non frega niente a nessuno (o quasi).Mediamente interessa piu' riempire il proprio ipod di gigabyte di musica, o riempire il proprio hd con centinaia di giga di film..salvo poi traverstirsi da robin hood che "lottano" contro l'ipocrisia del mercato.La verità? i primi e piu' grandi ipocriti sono loro. Abbiano almeno il coraggio di dire "scarico perchè non voglio pagare" e non "scarico perchè porto avanti una lotta contro l'ingiustizia".A me viene soltanto da ridere quando lo sento.. e guarda caso lo si sente praticamente da chiunque scarichi ... ma davvero l'italia è un paese di robin hood?
        • rockroll scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          Caro MyrrdinEmrys, ti darei ragione ma solo in parte: non siamo solo scaricatori a sbafo, ma anche e sopratutto insofferenti di imposizioni che castrano la nostra libertà, che saremmo ben contenti di pagarci a prezzo EQUO : sai cosa vuol dire equo?
    • topo gigio scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      Fanno benissimo a dare per scontato che sono
      pirati, anche perchè il sito come si chiama? la
      baia degli onesti? NO, è la baia dei pirati e
      questo dice
      tutto.

      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI
      DEVE PAGARE e gli artisti VANNO PAGATI. volere
      tutto e gratis è quello che manda a quel paese
      l'economia e basta vedere cosa succede nell'alta
      finanzia in questi
      giorni.

      quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi
      vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI perchè
      è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle
      mie affermazioni (a parte ad essere in
      malafede)Ma va la per dirne una l'ultimo film di batman è stato piratato quasi subito ed ha incassato un botto lo stesso come la spieghi sta cosa?????
      • ndr scrive:
        Re: Appunto, sono pirati

        Ma va la per dirne una l'ultimo film di batman è
        stato piratato quasi subito ed ha incassato un
        botto lo stesso come la spieghi sta
        cosa?????Dimostra semplicemente che la pirateria è sbagliata NON perchè danneggia le major, MA semplicemente perchè causa una disparità tra chi è disposto a delinquere e chi invece finanzia di tasca sua le comodità dei pirati.Se la pirateria non danneggia le major è solo perchè esistono ancora persone disposte a pagare per avere un servizio.Non per questo la pirateria è giusta.
    • Krammer scrive:
      Re: Appunto, sono pirati

      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI
      DEVE PAGAREecco quindi chiudiamo le scuole pubbliche e teniamo solo quelle private!LOLquanta confusione tra cultura e intrattenimento...
    • Nathaniel Hornblower scrive:
      Re: Appunto, sono pirati


      quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi
      vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI perchè
      è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle
      mie affermazioni (a parte ad essere in
      malafede)
      L'altro ieri ho fatto un viaggio in autostrada in zona tutor. Tutte le macchine sembravano come spiritate, tutte alla stessa velocità sui 130 km/h... ...quasi tutte. Quelle che sfrecciavano a 180 minimo avevano la targa tedesca o svizzera. Spero tu riesca a leggere tra le righe! :D
      • barra78 scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        Adesso la multa lapagano anche tedeschi e crucchi....
        • Alessandro scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          Ma dove vivi ... i tedeschi e i crucchi sono la stessa cosa e la multa non la pagano
          • barra78 scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            Mi è scappato il tedeschi, volevo scrivere svizzeri. A parte questo ho amici nella polstrada, un paio fanno regolarmente controlli sulla A1 e dicono il contrario....
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: barra78
            Mi è scappato il tedeschi, volevo scrivere
            svizzeri. A parte questo ho amici nella
            polstrada, un paio fanno regolarmente controlli
            sulla A1 e dicono il
            contrario....http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=284098
        • Fra Martino scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          si? li vai a prendere tu?
          • barra78 scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            Ho giusto parlato con uno di questi 2 amici della polstrada. Stando a quanto afferma lui è vero che ci sono casi in cui le amministrazioni dei paesi stranieri nascondono queste info ma dire che gli stranieri vengono in italia e non pagano le multe è decisamente eccessivo e falso.
    • Mau scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      La cosa vergognosa delle case discografiche e affini è questo ragionamento.Un'opera vende 100Viene scaricata in 50 copieMorale: 50 copie non sono state vendute, c'è un mancato guadagno di 50 copie.Ma quando mai? Colui che scarica un qualcosa, sia una canzone o un telefilm, non è detto non è detto e NON E' AFFATTO DETTO che, se non potesse scaricarlo gratuitamente, pagherebbe per averlo. Chi di quelli che scrivono qui non ha mai scaricato ALMENO un file "illegalmente", vi sfido a dirlo senza timore di sparare menzogne. Tutti lo abbiamo fatto, inutile nascondersi deitro a un dito, lo fanno TUTTI, pure i finanzieri, pure i magistrati o i giudici, pure (eh vabbè sai che novità) i politici, TUTTI.Allora anzichè parlare del P2P come se fosse un mostro orrendo che tutti noi aborriamo, che la società non vuole, parliamo del fatto che la LEGGE è espressione del volere di un popolo, la legge è un insieme di regole che un popolo che forma uno stato sceglie come giuste, e vorrei proprio vedere se in un referendum del tipo "Vuoi rendere legale il P2P in ogni sua forma" vincesse il no, forse prenderebbe il 20% dei voti a dir tanto.Se la gente vuole il p2p legale deve esserlo, punto. Se questo non piace agli artisti liberissimi di cambiare paese, non si cambia il paese per gli artisti. E' troppo comoda così.
      • GabryJ84 scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        Straquoto in pieno al 1000%
      • GabryJ84 scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        Aggiungo solo che agli artisti non gliene frega di meno, a parte i matti tipo michael jackson, i village people che farebbero qualsiasi cosa pur di riprendere la popolarità perduta.Il vero motivo non è che gli artisti sono alla fame, ma che le case discografiche stanno vedendo distruggersi la loro lobby ogni giorno di più.
        • Nathaniel Hornblower scrive:
          Re: Appunto, sono pirati

          i village people che farebbero qualsiasi cosa pur
          di riprendere la popolarità
          perduta.Pensa a quanti disco-pub esistono in Italia. Pensa a quanti matrimoni al giorno si fanno in Italia. Pensa a quante volte viene suonata YMCA in italia al giorno. Quelli campano di rendita!
        • Mau scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          Guarda io non contesto che un cd possa costare anche 47.000 , sono liberi di vendere la loro merce al prezzo che gli pare. Ma non si lamentino poi che moltissime persone fruiscono gratuitamente della loro musica, e non venitemi a dire "eh ma tu le canzoni su internet le trovi anche a 99 centesimi l'una scarica quelle allora", perchè:1) Sono zeppe di DRM;2) I siti in genere fanno pena, pochissimi artisti;3) 99 centesimi per una singola canzone sono tanti, troppi.Concludo dicendo che io ho un gruppo preferito, nel mio cuore, gli Smashing Pumpkins, e compro regolarmente ogni loro cd, e vado ogni volta ai loro concerti in Italia, SEMPRE, questo per farvi capire che non sono contro la vendita di prodotti d'autore, ma a mio giudizio ognuno dovrebbe poter pagare chi gli pare quando gli pare, ad esempio scaricando gratuitamente 100 canzoni di artisti vari perchè li sente un attimo alla radio e gli piacciono ma comprando i cd e pagandi per i concerti del suo gruppo preferito, cosa che TUTTI fanno.Come dire che un fan di Ligabue non va, potendo, al suo concerto, o non compra isuoi cd. Ma sono certo che quello stesso fan scarica canzoni di altri artisti. Non ci trovo nulla di male, purtroppo le vecchissime leggi italiane (e non solo) si.
          • GabryJ84 scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            Io troverei giusta una legge anti pirateria se e SOLO SE:Per poter avanzare una denuncia, una casa discografica deve obbligatoriamente avere sul suo sito un catalogo contenente la sua discografia presente passata e futura in formato MP3 a 320kbit o in formato FLAC (lossless) ad un prezzo non superiore a 1 euro per traccia, completamente sprotetta.Solamente in questo caso potrei dire: ok, la legge antipirateria ci sta.P.S. Ho acquistato più volte su internet dei brani. Ho avuto un paio di system crash e di HD crash con perdita totale. Risultato? Ho buttato 100 euro per niente. Le licenze non le ho più e i brani non sono più scaricabili. Se pensano che acquisti ancora musica in drm protected stanno veramente male.
    • FDG scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI
      DEVE PAGARE e gli artisti VANNO PAGATI. volere
      tutto e gratis è quello che manda a quel paese
      l'economia e basta vedere cosa succede nell'alta
      finanzia in questi
      giorni.Il primo periodo non c'entra col secondo, che comunque è una minkiata. Ma non è che è meglio che tu vada a dormire?
      quindi la Baia dei pirati va sanzionata...Non sequitur. Premesse che non c'entrano con la conclusione. Come dire: "gli uccellini cantano, quindi tu sei biondo"Riprova.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 ottobre 2008 01.15-----------------------------------------------------------
    • GabryJ84 scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      Giuseppe, posso essere d'accordo con te sul principio, ma non sul come viene applicato.Che chi produce qualcosa (non tanto mentalmente, quanto fisicamente) debba ricevere un compenso per vivere, lo trovo giusto, ma che un cd costi 19 euro mi sembra un furto, così come un film 30 e un software 15.000 euro.Potrei capire che fosse giusto se fossero gli unici esistenti, ma dato che in commercio c'è produzione superiore alla domanda, in tutti i campi dell'intrattenimento, è ovvio che nascano dei problemi di questo tipo.Loro si lamentano che non guadagnano, ma non capiscono che non guadagnerebbero lo stesso perchè offrono troppo in relazione a quello che la gente si può permettere di comprare.Se per assurdo, la pirateria venisse estirpata al 100%, la situazione sarebbe ancor più terribile per le case di produzione, perchè ci sarebbero quintali di cd e dvd invenduti nei magazzini, ancora peggio di oggi.La gente non ascolterebbe più musica, non vedrebbe più film e non userebbe più computer perchè lo stesso windows è a pagamento e linux non è una reale alternativa per gli utenti home in quanto troppo complesso.Gli artisti finirebbero nel dimenticatoio, i cinema chiuderebbero, le software house come adobe fallirebbero.Per il momento campano solo per la popolarità dei loro software che essendo disponibili pirata, uno su 100 lo prendono come cliente.Pensi che un artista spenda 20.000 euro in software di produzione musicale (cubase, logic, native instruments) così perchè gli va?No. Se li scarica pirata, ci smanetta un po su, fa qualcosa di carino, la propone alle case discografiche e se gli stampano il cd allora se li compra originali, altrimenti butta via tutto e morta lì.Quello che non capiscono è che siamo in piena recessione e la gente non può + permettersi di comperare 20 cd al mese. Stanno facendo esattamente quel che fa l'eroina con un tossicodipendente.L'eroina sono i prodotti di intrattenimento e i tossici siamo noi tutti.E quando l'eroina costa troppo o vai a rubare per averla, oppure non la prendi.Ma in quel caso mandi in crisi gli spacciatori e tutte le organizzazioni criminali e così avverrà con le multinazionali dell'intrattenimento.Ripeto: se la gente scarica significa che stiamo raschiando il fondo del barile...SOLDI NON CE NE SONO PIU'. Quindi o se ne rendono conto e fanno qualcosa per farsi vedere ancora interessanti oppure la pirateria sono loro i primi a volerla.Vogliono risparmiare sulla produzione? Benissimo: di un cd cosa importa? LA M.U.S.I.C.A. Quindi iniziamo a levare via 10 copertine per cd.Iniziamo a smettere di pagare 8000 euro per master alla filiera di replicazione e iniziare a produrre da soli i cd in casa con un semplice masterizzatore da 30 euro.Vedi come crollano i costi...e quindi i prezzi...Alla gente interessa il succo, cioè il prodotto e non la cosmetica attorno. (riempire di foto, poster, contenuti extra cd e dvd per farli vendere di più ha il solo risultato di fare incazzare ancora di più la gente che si sente persa per il c**o).
    • LMC scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86

      quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi
      vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI perchè
      è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle
      mie affermazioni (a parte ad essere in
      malafede)Sfida raccolta.Gli 'artisti' e chi li gestisce (major, fimi, siae, riaa o chi per loro) guadagnano fantastiliardi.Tanti soldi che un umano normale non vedra' mai nemmeno sommando tutti gli introiti di 10 vite.Quindi se alla fine dell'anno manca qualche soldo ai loro incontabili fantastiliardi, non venissero a rompere troppo le palle.Mi sembra un dovere morale farsi bastare i soldi che hai quando sei oltraggiosamente ricco.Se ne vuoi altri, permettimi di mandarti a quel paese.Saluti
      • shado scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        - Scritto da: LMC
        - Scritto da: Giuseppe86



        quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi

        vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI
        perchè

        è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle

        mie affermazioni (a parte ad essere in

        malafede)

        Sfida raccolta.[snip]
        Mi sembra un dovere morale farsi bastare i soldi
        che hai quando sei oltraggiosamente
        ricco.... e tu hai il dovere morale di rispettare la proprietà altrui e quindi non rubare.
        Se ne vuoi altri, permettimi di mandarti a quel
        paese.Che tu rubi a un ricco o a un povero sempre furto è. Potrei capire che uno 'rubi' il pezzo di pane perché ha fame, ma sempre furto è. Se poi uno si mette a rubare musica, programmi o film che non sono beni di sopravvivenzabeh allora sei un ladro e come tale vai trattato.Il semplice fatto che alcuni possono comprare dei beni e tu no perché sei 'povero' non ti da il diritto di avere anche tu quei beni, ci si accontenta. Altrimenti sei un ladro.
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          Ladro proprio no, almeno secondo la definizione di furto del codice penale !
          • shado scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: Joe Tornado
            Ladro proprio no, almeno secondo la definizione
            di furto del codice penale !OK. Sempre un illecito fai.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 ottobre 2008 16.58-----------------------------------------------------------
        • LMC scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          - Scritto da: shado[cut]

          Il semplice fatto che alcuni possono comprare dei
          beni e tu no perché sei 'povero' non ti da il
          diritto di avere anche tu quei beni, ci si
          accontenta. Altrimenti sei un
          ladro.Anche no.Innanzi tutto non sottraggo nulla al "avente diritto" lui puo' benissimo continuare a venderlo.Sono un ladro se ti rubo la macchina poiche' come conseguenza tu non hai piu' la macchina e ti causo un danno.Mentre questa gente ha in ogni caso incalcolabili proventi a 10 zeri, quindi, effettivamente, non gli faccio danno.Poi, pago la multa sui supporti di memorizzazione e mi sorbisco le loropubblicita' "non ruberesti mai un auto" quando vado al cinema e quando acquisto (a caro prezzo) i miei originalissimi dvd. E fino a prova contraria le multe si pagano quando si infrange un regolamento. Mentre le pubblicita' me le sorbisco se ho un servizio in cambio.Per questo non mi sento di rubare nulla e la mia morale e' appostissimo cosi.Saluti
          • shado scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: LMC
            - Scritto da: shado
            [cut]



            Il semplice fatto che alcuni possono comprare
            dei

            beni e tu no perché sei 'povero' non ti da il

            diritto di avere anche tu quei beni, ci si

            accontenta. Altrimenti sei un

            ladro.

            Anche no.

            Innanzi tutto non sottraggo nulla al "avente
            diritto" lui puo' benissimo continuare a
            venderlo.
            Sono un ladro se ti rubo la macchina poiche' come
            conseguenza tu non hai piu' la macchina e ti
            causo un danno.
            Mentre questa gente ha in ogni caso incalcolabili
            proventi a 10 zeri, quindi, effettivamente, non
            gli faccio
            danno.E' vero straguadagnano e convengo con te che il 'loro sistema' è una porcheria, solo logiche di massimizzazione del profitto. Ad ogni modo offrono 'un qualcosa' in cambio di denaro. Se tu fruisci senza il corrispettivo pagamento, non sarai un ladro nel senso puro del termine, ma sempre un illecito fai.
            Poi, pago la multa sui supporti di memorizzazione
            e mi sorbisco le loropubblicita' "non ruberesti
            mai un auto" quando vado al cinema e quando
            acquisto (a caro prezzo) i miei originalissimi
            dvd. E fino a prova contraria le multe si pagano
            quando si infrange un regolamento. Mentre le
            pubblicita' me le sorbisco se ho un servizio in
            cambio.

            Per questo non mi sento di rubare nulla e la mia
            morale e' appostissimo
            cosi.Contento te, chi sono io ...Ma lo ripeto anche qui, convengo sulla schifezza dei preamboli che ti dei sorbire, che ti fanno sentire un delinquente. Ma questo non giustifica l'auto-giustizia del download a scrocco.
          • LMC scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: shado

            Ma lo ripeto anche qui, convengo sulla schifezza
            dei preamboli che ti dei sorbire, che ti fanno
            sentire un delinquente. Ma questo non giustifica
            l'auto-giustizia del download a
            scrocco.Dal punto di vista legale, non si puo' che convenire con te.Pero' anche tu mi dai atto che in un mondo un po' piu' giusto le cose non andrebbero cosi.
          • shado scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: LMC
            - Scritto da: shado

            Pero' anche tu mi dai atto che in un mondo un po'
            piu' giusto le cose non andrebbero
            cosi.Sono pienamente d'accordo con te, al 101%
        • Magpie scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          Questo è solo un contributo, voi fate le riflessioni che vi pare.E' vero, io lo stipendio c'è l'ho, però è tanto tempo che non vado al cinema, ogni tanto qualche noleggio; qualche Cd a casa l'ho ma ascolto soprattutto la radio (magari quelle americane via web).Eppure anch'io sono un "pirata", si lo ammetto e non ho giustificazioni...Avrò scaricato un centinaio di canzoni (che poi non acolto), e un 10/20 film (alcuni neanche guardati, sono ancora in qualce meandro di qualche mio Hd); più che altro per vedere come si faceva, una curiosità di cui avevo tanto sentito parlare.E' vero anche alcuni software da 10.000 euro che ho usato per formazione personale a casa, poi li ho usati dove lavoro (regolarmente pagati e registrati).Però per legge mi fanno pagare i diritti su ogni acquisto di: Cd, Dvd, videocassette, masterizzatori ecc.Si, però io non ci masterizzo sopra nessuna canzone o film illegalmente scaricato, in compenso ci masterizzo le foto e i filmini delle mie vacanze, oppure dei lavori/documenti della mia ragazza.Quindi più o meno sono in pari, anzi forse potrò scaricare ancora qualche film, non tanti, due o tre all'anno.Che ne dite? Un "pirata"
    • xiretsa scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      ti stai dimenticando un piccolissimo particolare: i server, i programmi di file sharing e la rete non servono solamente per scaricare e condividere file protetti dal diritto di autore, nel qual caso il tuo discorso non fa una piega. ma se mi permetti.. dire che un sito che si chiama la baia dei pirati debba essere chiuso solo per il nome che porta.. vorrebbe dire che tutti quelli che si chiamano Matteo dovrebbero essere incarcerati in nome del famoso bandito Sardo.Il tuo discorso non comprende la realtà ed è assolutamente privo di fondamento.io posso creare la mia musica, i miei cortometraggi, i miei libri e condividerli attraverso la baia degli assassini, avendone il sacrosanto diritto. questo piccolo particolare smonta ciò che dici. attento, il mondo è vario, non cercare di chiuderlo in categorie!
      • Nathaniel Hornblower scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        - Scritto da: xiretsa
        ti stai dimenticando un piccolissimo particolare:
        i server, i programmi di file sharing e la rete
        non servono solamente per scaricare e condividere
        file protetti dal diritto di autore, nel qual
        caso il tuo discorso non fa una piega. ma se mi
        permetti.. dire che un sito che si chiama la baia
        dei pirati debba essere chiuso solo per il nome
        che porta.. vorrebbe dire che tutti quelli che si
        chiamano Matteo dovrebbero essere incarcerati in
        nome del famoso bandito
        Sardo.
        Il tuo discorso non comprende la realtà ed è
        assolutamente privo di
        fondamento.

        io posso creare la mia musica, i miei
        cortometraggi, i miei libri e condividerli
        attraverso la baia degli assassini, avendone il
        sacrosanto diritto. questo piccolo particolare
        smonta ciò che dici. attento, il mondo è vario,
        non cercare di chiuderlo in
        categorie!Quindi solo per il fatto che sulla Baia c'è l'1% di materiale CC o amatoriale dobbiamo farne un sito legale?Come se avessi un bar pieno di videopoker taroccati, e poi mi appellassi contro il sequestro solo perché ho il videogioco di Bubble Bobble.
        • jacky scrive:
          Re: Appunto, sono pirati

          Come se avessi un bar pieno di videopoker
          taroccati, e poi mi appellassi contro il
          sequestro solo perché ho il videogioco di Bubble
          Bobble.Infatti, *è così*. Dovrebbero sequestrarti i videopoker e lasciarti Bubble Bobble.O no?
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: jacky

            Come se avessi un bar pieno di videopoker

            taroccati, e poi mi appellassi contro il

            sequestro solo perché ho il videogioco di Bubble

            Bobble.

            Infatti, *è così*. Dovrebbero sequestrarti i
            videopoker e lasciarti Bubble
            Bobble.
            O no?Chiudono tutto e te levano la licenza.
        • Gabriele scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          - Scritto da: Nathaniel Hornblower

          Quindi solo per il fatto che sulla Baia c'è l'1%
          di materiale CC o amatoriale dobbiamo farne un
          sito
          legale?Ah ho capito, tu sei come quei giudici convinti che il materiale scaricabile si trovi sui server dove è ospitato il dominio della Baia.ROTFLImpara come funziona internet, va...
          Come se avessi un bar pieno di videopoker
          taroccati, e poi mi appellassi contro il
          sequestro solo perché ho il videogioco di Bubble
          Bobble.La Baia non possiede materialmente nulla.Blocchiamo anche i motori di ricerca tradizionali allora :)E pure i sw di P2P eh !G.
        • Massi cadenti scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          - Scritto da: Nathaniel Hornblower
          Quindi solo per il fatto che sulla Baia c'è l'1%
          di materiale CC o amatoriale dobbiamo farne un
          sito legale?Se non fosse così, youtube avrebbe chiuso da un pezzo.
      • Fra Martino scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        e tu non fare la morale.
    • gino tavera. scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI
      DEVE PAGARE e gli artisti VANNO PAGATI. volere
      tutto e gratis è quello che manda a quel paese
      l'economia Intanto lo sta facendo per gli sprechi, i privilegi. le speculazioni, le buoneuscite alle stelle, i compensi sovradimensionati, ...Può bastare?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      contenuto non disponibile
    • pabloski scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      veramente la crisi economica è stata creata dai pirati di Wall Street, dalle collusioni del congresso con le banche d'affari e dalla completa deregulation del mercato finanziarioquindi non spariamo cazzate
    • Fra Martino scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      ma dai, che nessuno vuol togliere nulla agli artisti! perfino gli editori. quelli proprio agli artisti non vogliono dar nulla. hehehe
    • E. Purator scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      La cultura deve essere GRATIS e gli artisti devono guadagnarsi i soldi con altri mezzi.Scaricare non dovrebbe essere reato, anzi è l'espressione della condivisione fra la gente, una delle cose più ALTE dell'umanità!Quindi taci e non rompere la uallera.- Scritto da: Giuseppe86
      Fanno benissimo a dare per scontato che sono
      pirati, anche perchè il sito come si chiama? la
      baia degli onesti? NO, è la baia dei pirati e
      questo dice
      tutto.

      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI
      DEVE PAGARE e gli artisti VANNO PAGATI. volere
      tutto e gratis è quello che manda a quel paese
      l'economia e basta vedere cosa succede nell'alta
      finanzia in questi
      giorni.

      quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi
      vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI perchè
      è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle
      mie affermazioni (a parte ad essere in
      malafede)
      • shado scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        - Scritto da: E. Purator
        La cultura deve essere GRATIS e gli artisti
        devono guadagnarsi i soldi con altri
        mezzi.Chi sei da imporre un simile dogma. Un artista è libero di dare gratis ciò che fa come lo è di dare a pagamento quello che produce. Sta a te scegliere ...
        Scaricare non dovrebbe essere reato, anzi è
        l'espressione della condivisione fra la gente,
        una delle cose più ALTE dell'umanità!Forse bello come ideale ma ... in contrasto con il mondo reale.
        Quindi taci e non rompere la uallera.... solo perché ha espresso la sua opinione? Dove sta la libertà? Solo per te?
        • Massi cadenti scrive:
          Re: Appunto, sono pirati
          - Scritto da: shado
          - Scritto da: E. Purator

          La cultura deve essere GRATIS e gli artisti

          devono guadagnarsi i soldi con altri

          mezzi.

          Chi sei da imporre un simile dogma. Un artista è
          libero di dare gratis ciò che fa come lo è di
          dare a pagamento quello che produce. Sta a te
          scegliereSe lui dà a pagamento ha appunto DATO e quindi chi RICEVE dall'artista, al prezzo che l'artista ha imposto, può e soprattutto DEVE poter fare quello che vuole con quello che compra, a cominciare dalla possibilità di copiarlo fino alla possibilità di rivenderlo al prezzo che decide lui (chi ha comprato, mica l'artista).All'artista non sta bene? Non venda e se la tenga chiusa in un cassetto.VENDERE presuppone il NON ACCAMPARE PIU' DIRITTI su qualcosa che NON E' PIU' TUO (visto che l'hai venduta).Vuoi farci soldi sopra, hai tutto il diritto, vendi al prezzo che ti pare. Ma la vendita la puoi fare una volta sola, se vuoi vendere ancora devi fare un'altra cosa. Troppo comodo creare una canzone, un album, un software, e poi rivenderlo milioni di volte. Il lavoro che hai fatto è uno, e una volta puoi venderlo. Stop. A meno che non vogliamo considerare il fare quattro clic per copiare CD/DVD un lavoro degno di remunerazione.Ma allora, se fosse così, anche il pirata che vende la copia (visto che fa esattamente questo, visto che gli si paga la duplicazione) deve essere remunerato.L'artista, o chi per loro, hanno una possibilità:- Vendere, una volta per ogni opera, al prezzo che decide lui, ma una volta per ogni opera e basta perché il lavoro è uno. Vuole venderla a 800.000 euro? Bene. Non riesce a venderla a 800.000 euro perché il prezzo è alto e nessuno compra? O abbassa il prezzo o sono cavolacci suoi. Regole di mercato.- Dare gratis (il cd è un supporto ridicolo perché suonerà sempre allo stesso modo, quindi altro non dovrebbe essere che una promozione di un tour e come tutte le cose promozionali dovrebbe essere data gratis se non addirittura con dei buoni sconto di qualche centesimo per il concerto) e guadagnare volta per volta con un lavoro fatto sul momento, ad esempio coi concerti dal vivo- Tenersi per sé l'opera e non venderla né distribuirla: è un suo diritto anche questo, sicuramente.Vendere COPIE dell'opera (o "licenze d'uso", che è uguale), come vedi, non va assolutamente contemplata. E sai perché? Perché nessuno dovrebbe mai pagare per una copia, specie se la copia non è frutto della mano di una persona (un quadro che è una copia di un altro quadro lo è, e anche se è una copia è un lavoro unico che ha richiesto tempo e lavoro, e se se ne vuole un altro richiede altrettanto tempo e lavoro e non è che è il tempo di una fotocopia o poco più come invece succede nel caso di software musica e film) ma è frutto di un mero processo casalingo o industriale che si limita, nel migliore dei casi, alla pressione di un paio di pulsanti o a qualche clic (non più di due) su un monitor col tasto sinistro del mouse E BASTA. E' chiaro che un lavoro simile non può essere remunerato, in nessuna forma, perché non c'è nessun ragionamento profondo che ha portato alla creazione di qualcosa. Certamente cliccare "Copia" su Nero (o qualunque altro software di masterizzazione) non comporta alcuno sforzo mnemonico così elevato da presupporre una creazione per OGNI SINGOLA copia che viene venduta.Se uno vuole guadagnare 800.000 euro con il suo album, può benissimo provare a venderlo (l'ORIGINALE, mica la copia) a quel prezzo. Così come chi glielo compra può farne quello che vuole, compreso specularci e rivenderlo al doppio. E in fondo, fin qui è quello che fanno le stesse case discografiche. La cosa sbagliate è che queste per guadagnarci sopra non si mettono a vendere l'originale a 1.600.000 ma pretendono di vendere milioni di copie (copie in quanto tali di valore artistico pari a ZERO ASSOLUTO) a 15 euro.L'inceppamento della logica è qui.Motivo per cui non bisogna in nessun caso favorire chi agevola questo allucinante mercato della "COPIA ORIGINALE", che è un ossimoro, cioè due parole messe vicine che si contraddicono l'una con l'altra: una cosa o è una copia o è un originale. Non può essere contemporaneamente copia e originale. Se è l'una, non è l'altra.

          Scaricare non dovrebbe essere reato, anzi è

          l'espressione della condivisione fra la gente,

          una delle cose più ALTE dell'umanità!

          Forse bello come ideale ma ... in contrasto con
          il mondo reale.Il mondo reale che vende copie spacciandole per originali dove ci sono milioni di cretini che ci cascano dicendo "ho l'originale" pagando a peso d'oro delle copie fatte a costi artistici nulli? Cos'ha messo quel cantante in QUELLO specifico dischetto argentato? Te lo dico io nulla, lui QUEL dischetto argentato non l'ha mai nemmeno toccato.

          Quindi taci e non rompere la uallera.

          ... solo perché ha espresso la sua opinione? Dove
          sta la libertà? Solo per te?La libertà di vendere copie spacciandole per cose uniche e irripetibili, con un grosso lavoro artistico dietro, tale da giustificarne il prezzo? Mi diresti come si chiama? "Libertà di essere presi per il culo"?Se non vogliono che il loro disco venga piratato, che non lo facciano. Nessuno li ha costretti. Che si mettano a fare i muratori in un cantiere, forse così capiranno che per costruire 100 case uguali non basta farne una e metterla in una macchina duplicatrice che faccia uscire fuori le altre 99 (e se anche si potesse, si verrebbe pagati solo per la prima casa, mica per le altre 99), ma per fare 100 case uguali bisogna lavorare 100 volte (e si verrà pagati per 100 lavori diversi).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 ottobre 2008 22.40-----------------------------------------------------------
          • shado scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: Massi cadenti
            - Scritto da: shado

            - Scritto da: E. Purator


            La cultura deve essere GRATIS e gli artisti


            devono guadagnarsi i soldi con altri


            mezzi.



            Chi sei da imporre un simile dogma. Un artista è

            libero di dare gratis ciò che fa come lo è di

            dare a pagamento quello che produce. Sta a te

            scegliere

            Se lui dà a pagamento ha appunto DATO e quindi
            chi RICEVE dall'artista, al prezzo che l'artista
            ha imposto, può e soprattutto DEVE poter fare
            quello che vuole con quello che compra, a
            cominciare dalla possibilità di copiarlo fino
            alla possibilità di rivenderlo al prezzo che
            decide lui (chi ha comprato, mica l'artista).Ma l'artista o chi per esso non ti ha ceduto la copia dell'opera come fosse uno stereo ... ti ha detto è solo per te. Gli altri se la devono comperare. Non ti sta bene. Non concludi il contratto.
            All'artista non sta bene? [snip]Infatti a lui non sta bene e ti dice che ti da una copia alle sue condizioni, altrimenti niente.
            ... devi fare un'altra cosa. Troppo comodo creare una
            canzone, un album, un software, e poi rivenderlo
            milioni di volte. Il lavoro che hai fatto è uno, ...Nessuno è obbligato a comperarlo e nessuna legge impedisce all'artista o chi per esso a farlo ... libero mercato.
            Ma allora, se fosse così, anche il pirata che
            vende la copia (visto che fa esattamente questo,
            visto che gli si paga la duplicazione) deve
            essere remunerato.Direi di si, solo che non era autorizzato ...
            L'artista, o chi per loro, hanno una possibilità:
            - Vendere, una volta per ogni opera, al prezzo
            che decide lui, ma una volta per ogni opera e... suoi. Regole di mercato.Non esiste solo questo mercato.
            - Dare gratis (il cd è un supporto ridicoloe una possibilità, non l'unica.
            concerto) e guadagnare volta per volta con un
            lavoro fatto sul momento, ad esempio coi concerti
            dal vivoTanto di cappello ad un artista che lavorasse così.
            - Tenersi per sé l'opera e non venderla né
            distribuirla: è un suo diritto anche questo,
            sicuramente.Forse qualcuno lo ha anche fatto.
            Vendere COPIE dell'opera (o "licenze d'uso", che
            è uguale), come vedi, non va assolutamente
            contemplata. E sai perché? Perché nessuno
            dovrebbe mai pagare per una copia, specie se la
            copia non è frutto della mano di una persona (un... [snip non per importanza di ciò che dici]Non sei tu a decidere la leicità di un contratto. Possiamo essere d'accordo che il sistema così come è fa ca..re, iniquo, ingiusto, ... ma è il mercato. Ma se un artista o chi per esso dice se voui e così altrimenti pomì, sei di fronte ad una scelta, non sei obbligato a comperare. Anche se questo non ti può piacere, anche me non piace.
            Se uno vuole guadagnare 800.000 euro con il suo... [snip] ...
            L'inceppamento della logica è qui.Concordo che tutto ciò è vomitevole.[snip]
            originale. Non può essere contemporaneamente
            copia e originale. Se è l'una, non è
            l'altra.Che io sappia è sempre una copia fornita a certe condizione che non sei obbligato ad accettare. Ma se accetti o sei di parola o sei un 'quaqquaraqua'


            Scaricare non dovrebbe essere reato, anzi è


            l'espressione della condivisione fra la gente,


            una delle cose più ALTE dell'umanità!



            Forse bello come ideale ma ... in contrasto con

            il mondo reale.

            Il mondo reale che vende copie spacciandole per
            originali dove ci sono milioni di cretini che ci
            cascano dicendo "ho l'originale" pagando a peso...chi ha detto che è un originale, fruisci di un contenuto digitale che non si deteriora con la copia ... in quanto a qualità è uguale all'originale, non perdi nulla tra l'una o l'altra.


            Quindi taci e non rompere la uallera.



            ... solo perché ha espresso la sua opinione?
            Dove sta la libertà? Solo per te?

            La libertà di vendere copie spacciandole per cose
            uniche e irripetibili, con un grosso lavoro
            artistico dietro, tale da giustificarne il
            prezzo? Mi diresti come si chiama? "Libertà di
            essere presi per il culo"?Perché no. Sei libero di pensarlo. Ma non pensare al posto degli altri.
            Se non vogliono che il loro disco venga piratato,
            che non lo facciano. Nessuno li ha costretti. Che ragione c'é di piratarlo, nessuno ti costringe a comprarlo. Se ti piace l'autore o chi per esso ti ha dettato le condizioni, alle quali puoi aderire o meno.Ma ciò non ti da il diritto di piratare solo perché non contempli/ti va giu le loro condizioni per la fruizione.
            Che si mettano a fare i muratori in un cantiere,
            forse così capiranno che per costruire 100 case
            uguali non basta farne una e metterla in una
            macchina duplicatrice che faccia uscire fuori le
            altre 99 (e se anche si potesse, si verrebbe
            pagati solo per la prima casa, mica per le altre
            99), ma per fare 100 case uguali bisogna lavorare
            100 volte (e si verrà pagati per 100 lavori
            diversi).Finché ci sarranno coloro che pagano alle loro condizioni, loro sono contenti e continueranno a fare così. Quando più nessuno pagherà alle loro condizioni, forse qualcosa cambierà. Ma fare il pirata non ti porta dalla parte della ragione o dell'onesto (in termini contrattuali).
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: shado
            Ma l'artista o chi per esso non ti ha ceduto la
            copia dell'opera come fosse uno stereo ... ti ha
            detto è solo per te. Gli altri se la devono
            comperare.E' assurdo. Se appunto ti vendessero uno stereo con queste condizioni tu manderesti a quel paese il negoziante.
            Non ti sta bene. Non concludi il contratto.Già, peccato che non ci sia nessun contratto :) e inoltre quelle che gli artisti impongono sono clausole vessatorie (cioè clausole nettamente a sfavore di una delle parti e non si può negare che sia così), che senza una firma VERA (o quantomeno uno spazio dove apporla) annullano l'INTERO CONTRATTO per la legge italiana. Quindi quello che dicono le major sono legalmente non valide per le leggi della Repubblica che regolano il codice civile e le clausole vessatorie per i contratti commerciali, sia di beni sia di servizi

            All'artista non sta bene? [snip]

            Infatti a lui non sta bene e ti dice che ti da
            una copia alle sue condizioni, altrimenti
            niente.La famosa "copia originale"... (rotfl)Anche io dò sui p2p una copia (è pur sempre una copia) alle mie condizioni: gratis.
            Nessuno è obbligato a comperarlo e nessuna legge
            impedisce all'artista o chi per esso a farlo ...
            libero mercato.Spacciare una cosa (copia) per quello che non è (originale) si chiama truffa.

            Ma allora, se fosse così, anche il pirata che

            vende la copia (visto che fa esattamente questo,

            visto che gli si paga la duplicazione) deve

            essere remunerato.

            Direi di si, solo che non era autorizzato ...Autorizzato da chi? Da un contratto falso e nullo (senza spazi dove firmare) con clausole vessatorie? La compravendita funziona così: tu paghi e entri in possesso di quello che compri, e ci puoi fare quello che ti pare.
            Tanto di cappello ad un artista che lavorasse
            così.Allora ti ringrazio visto che io lavoro proprio così e come lo faccio io potrebbero farlo i vari Dalla Venditti eccetera invece di truffare la gente vendendo copie (con costo artistico per copia pari a zero) al prezzo di un originale (che ne giustificherebbe il costo artistico).

            - Tenersi per sé l'opera e non venderla né

            distribuirla: è un suo diritto anche questo,

            sicuramente.

            Forse qualcuno lo ha anche fatto.Sicuramente.

            Vendere COPIE dell'opera (o "licenze d'uso", che

            è uguale), come vedi, non va assolutamente

            contemplata. E sai perché? Perché nessuno

            dovrebbe mai pagare per una copia, specie se la

            copia non è frutto della mano di una persona (un
            ... [snip non per importanza di ciò che dici]

            Non sei tu a decidere la leicità di un contratto.Infatti è il codice civile a farlo. Articolo 1341. Vedi questo mio post precedente dove spiego chiaramente tutta la storia dell'illegalità del sistema delle licenze:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2419470&m=2419758#p2419758
            Possiamo essere d'accordo che il sistema così
            come è fa ca..re, iniquo, ingiusto, ... ma è il
            mercato. Ma se un artista o chi per esso dice se
            voui e così altrimenti pomì, sei di fronte ad una
            scelta, non sei obbligato a comperare. Anche se
            questo non ti può piacere, anche me non
            piace.Vendere all'infinito un'unica cosa (nessuno può negare che sia unica) pretendendo di guadagnarci dei soldi ogni volta che viene venduta è una truffa. Una truffa peraltro piuttosto vecchia, si vede già in "Totò cerca casa" quando un truffatore vende (o affitta non ricordo) la stessa casa a Totò e ad altre 6-7 gruppi di persone (indimenticabile la scena del cinese che va a dormire nella vasca da bagno) guadagnandoci 6-7 volte il valore reale della stessa.Si chiama truffa, appunto. Una cosa si vende una volta, poi chi l'ha venduta non ce l'ha più, e non può più farne ciò che vuole quando e come vuole: questo diritto passa automaticamente all'acquirente, che ha pagato il venditore proprio per averlo e che comunque non può rinunciarvi, in ogni caso non senza un contratto scritto e firmato due volte. Senza il contratto firmato, la compravendita è nulla. L'acquirente può restituire il bene al venditore e riavere tutti i suoi soldi, o in alternativa tenersi il bene acquistato avendo tutti i diritti su di esso. Per la legge italiana è così, e più specificamente per l'art.1341 del Codice Civile, creato dopo la legge sul diritto d'autore e che quindi ne modifica/annulla eventuali discordanze.
          • shado scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: Massi cadenti
            - Scritto da: shado

            Ma l'artista o chi per esso non ti ha ceduto la

            copia dell'opera come fosse uno stereo ... ti ha

            detto è solo per te. Gli altri se la devono

            comperare.

            E' assurdo. Se appunto ti vendessero uno stereo
            con queste condizioni tu manderesti a quel paese
            il
            negoziante.


            Non ti sta bene. Non concludi il contratto.

            Già, peccato che non ci sia nessun contratto :) e
            inoltre quelle che gli artisti impongono sono
            clausole vessatorie (cioè clausole nettamente a
            sfavore di una delle parti e non si può negare
            che sia così), che senza una firma VERA (o
            quantomeno uno spazio dove apporla) annullano
            l'INTERO CONTRATTO per la legge italiana. Quindi
            quello che dicono le major sono legalmente non
            valide per le leggi della Repubblica che regolano
            il codice civile e le clausole vessatorie per i
            contratti commerciali, sia di beni sia di
            servizi[snip, senza offesa]Non sono un giurista, non sono un studente di legge, ne avvocato o altro equipollente ... ma il tuo discorso 'a naso' non mi quaglia.Se le cose stanno come tu dici perché le varie associazioni di consumatori non si sono mosse con in mano il fatidico CC 1341? Non credo si sarebbero perse un occasione csoì ghiotta, hanno in passato rotto le palle per molto meno.Non ho niente contro di te, credo (bada bene non voglio offenderti, è capitato anche a me) solo che la tua 'visione' sia solo sulla foglia e non sull'albero o la foresta o quello che c'è dopo.Ad ogni modo non concordo affato con queste politiche commerciali di queste major, quando offrono qualcosa ad un prezzo accetabile allora lo compero (fruisco alle loro condizioni, cioè solo per me o famiglia) altrimenti faccio a meno. Se tutti facessero così vedresti subito come cambiano polita di distribuzione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2008 23.25-----------------------------------------------------------
          • Massi cadenti scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: shado
            Che io sappia è sempre una copia fornita a certe
            condizione che non sei obbligato ad accettare. Ma
            se accetti o sei di parola o sei un
            'quaqquaraqua'Non si può accettare automaticamente aprendo una confezione o cliccando con un tasto del mouse. O prevedono la firma di un contratto al momento dell'acquisto (che in realtà non sarebbe più un acquisto, ma una specie di comodato o simile dove il consumatore in cambio di denaro ottiene un'autorizzazione all'utilizzo in ambito personale o al massimo familiare) oppure non sono in regola con la legge. Ma per farlo devono prevedere un contratto, appunto. Come giustamente nessuno accetta che una compagnia telefonica concorrente operi il distacco dall'operatore attuale (con cui ti trovi bene) con una telefonata e senza uno straccio di firma, così le case discografiche, di software, di editoria e cinematografiche devono prevedere, se vogliono davvero mantenere dei diritti su quello che uno sta comprando, la firma di un contratto, in mancanza del quale, essendo una normale compravendita, l'acquirente entra in possesso di tutti i dirritti sul bene acquistato così come per tutte le normali compravendite. Oppure il salumiere ti può impedire di usare il prosciutto che ti ha venduto in modi diversi da come lui ha pensato?A parte questo, l'acquirente potrebbe non dover conoscere l'inglese (non sempre le scritte riguardanti i diritti sono in italiano), e visto che fino a prova contraria non è un reato non conoscere l'inglese, una scritta in lingua straniera non ha valore in Italia. Se così non fosse, sarebbe ammessa la vendita di prodotti pericolosi (potenzialmente nocivi) come insetticidi e medicinali con istruzioni d'uso in lingua straniera. Invece ne è vietata la vendita per legge, perché il consumatore non è tenuto a consocere una lingua straniera e le avvertenze devono essere (almeno *anche*) in italiano.

            Il mondo reale che vende copie spacciandole per

            originali dove ci sono milioni di cretini che ci

            cascano dicendo "ho l'originale" pagando a peso

            chi ha detto che è un originale,Ehm, lo dicono loro... :)
            fruisci di un
            contenuto digitale che non si deteriora con la
            copia ... in quanto a qualità è uguale
            all'originale, non perdi nulla tra l'una o
            l'altra.Anche la copia pirata (se fatta bene) in quanto a qualità è uguale all'originale. Anzi certe volte è persino meglio: senza DRM o protezioni varie (CD); senza CSS, e volendo neanche macrovision, codici regionali e blocchi di navigazione/attese inutili degli spot antipirateria (DVD).

            La libertà di vendere copie spacciandole per
            cose

            uniche e irripetibili, con un grosso lavoro

            artistico dietro, tale da giustificarne il

            prezzo? Mi diresti come si chiama? "Libertà di

            essere presi per il culo"?

            Perché no. Sei libero di pensarlo. Ma non pensare
            al posto degli altri.Però il mio è un ragionamento che segue un filo logico. Il loro no, perché di artistico dietro a una "copia originale" non c'è nulla (forse all'originale inteso come master unico sì, ma non certo dietro alla sua copia), e c'è un lavoro analogo a quello fatto per creare la copia pirata (anzi la copia pirata impiega più tempo per essere fatta, quindi avrebbe più senso pagare il pirata che non il negozio che vende la "copia originale").

            Se non vogliono che il loro disco venga
            piratato,

            che non lo facciano. Nessuno li ha costretti.

            Che ragione c'é di piratarlo, nessuno ti
            costringe a comprarlo.Se è per questo niente impedisce di piratarlo, tranne una legge risalente ad un Paese che non esiste più: il regno d'Italia, il governo fascista, le leggi razziali e un'Italia entrata (o in procinto di entrare, non voglio stare a guardare le date) nella seconda guerra mondiale.La legge ha subito qualche modifica o aggiunta ma comunque mai cancellazioni, tant'è che a tutt'oggi ci si riferisce ancora a una legge del 1941 per indicare la legge italiana sul diritto d'autore.La Costituzione Repubblicana (del 1948, quindi dopo) ripudia la guerra, vieta il fascismo, inibisce la monarchia e proclama l'uguaglianza di tutti i cittadini. Una legge creata in un periodo che ha ben 4 cose che contrastano con la Costituzione andava abolita a pié pari, così come tutte le leggi create prima della Repubblica. Purtroppo i nostri padri fondatori, pur scrivendo una buona (buona, non ottima) Costituzione, non hanno pensato a rimuovere obbrobri giuridici come la legge sul diritto d'autore e come, in generale, l'intero codice Rocco (il codice penale tuttora in vigore).
            Se ti piace l'autore o chi
            per esso ti ha dettato le condizioni, alle quali
            puoi aderire o meno.Se mi piace l'autore vado al concerto (pagando) dove posso sentirlo suonare o cantare da vicino, lavorando in quel momento e per quello specifico pubblico che ha pagato (e quindi meritandosi un costo), non mi metto a comprare una registrazione artefatta in studio dove gli hanno corretto gli errori (che invece dal vivo ne dimostrano la genuinità e il fatto che sia un essere umano e non un computer a cantare/suonare).Come ti sentiresti se andando ad un concerto di chessò Lucio Dalla non ci sia Lucio Dalla a cantare ma ti mettano il CD e te lo facciano ascoltare così? Non ti verrebbe voglia di tornare indietro e farti ridare i soldi? Eppure quello che fanno le major è proprio questo: farsi pagare per far sentire (a te e solo a te che li paghi) una registrazione artefatta e corretta in studio. E il problema è che il mondo è pieno di idioti che pagano per sentire registrazioni artefatte e corrette in studio. E sono tutti così, da almeno 50 anni (più o meno da quando han tolto i 78 giri). Con l'arrivo del digitale ovviamente le tecnologie si sono evolute e ci ritroviamo con cantantucoli da strapazzo che a volte anche al concerto gli correggono al volo le stonature.A fare eccezione a questo obbrobrio sono pochissimi, quasi tutti nella musica classica e quasi nessuno nella musica leggera.
            Ma ciò non ti da il diritto di piratare solo
            perché non contempli/ti va giu le loro condizioni
            per la fruizione.Le loro condizioni non sono legalmente valide finché non mi faranno firmare un contratto...
            Finché ci sarranno coloro che pagano alle loro
            condizioni, loro sono contenti e continueranno a
            fare così. Quando più nessuno pagherà alle loro
            condizioni, forse qualcosa cambierà. Ma fare il
            pirata non ti porta dalla parte della ragione o
            dell'onesto (in termini contrattuali).Dar fuoco alle sedi delle major non la trovo una soluzione moralmente accettabile. Credo che prenderli per fame togliendogli i soldi che rubano agli allocchi sia invece un sistema moralmente giusto e condivisibile.Gli artisti, se meritano, da parte mia vengono sempre premiati economicamente andando ai loro concerti (dove possono dimostrarmi di meritarsi davvero i miei soldi).
          • shado scrive:
            Re: Appunto, sono pirati
            - Scritto da: Massi cadenti
            - Scritto da: shado

            Che io sappia è sempre una copia fornita a certe

            condizione che non sei obbligato ad accettare.
            Ma

            se accetti o sei di parola o sei un

            'quaqquaraqua'

            Non si può accettare automaticamente aprendo una
            confezione o cliccando con un tasto del mouse. O
            prevedono la firma di un contratto al momento
            dell'acquisto (che in realtà non sarebbe più un
            acquisto, ma una specie di comodato o simile dove
            il consumatore in cambio di denaro ottiene
            un'autorizzazione all'utilizzo in ambito
            personale o al massimo familiare) oppure non sono
            in regola con la legge. Ma per farlo devono
            prevedere un contratto, appunto. [snip, senza offesa]vedi mia risposata nel precedene post, poco sopra.(Chiedo scusa ma non so come si linka, forse qualcuno mi spiegherà come, senza ricevere troppi epiteti, ingiur... ops complimenti alla mia scarsa intelligenza)


            uniche e irripetibili, con un grosso lavoro


            artistico dietro, tale da giustificarne il


            prezzo? Mi diresti come si chiama? "Libertà di


            essere presi per il culo"?



            Perché no. Sei libero di pensarlo. Ma non
            pensare

            al posto degli altri.

            Però il mio è un ragionamento che segue un filo
            logico. Il loro no, perché di artistico dietro a
            una "copia originale" non c'è nulla (forse
            all'originale inteso come master unico sì, ma non
            certo dietro alla sua copia), e c'è un lavoro
            analogo a quello fatto per creare la copia pirata
            (anzi la copia pirata impiega più tempo per
            essere fatta, quindi avrebbe più senso pagare il
            pirata che non il negozio che vende la "copia
            originale").Leggendoti così, quasi quasi mi convinci. Ma sento che ti sfugge qualcosa a livello di normativa. Tu la vedi così e voglio rispettare la tua opinione. Nel senso che non ti do del cretino ... ma ha, come dici tu un filo logico (purtroppo io non lo vedo).Io credo che se uno ti dice lo vuoi vedere (esempio) il film? Bene dammi x. Sappi però che è solo per te non puoi fare copie per distribuirlo a terzi, ne gratis ne a pagamento. Se x gli sta bene, paga x e se lo gode. Ma non farà copie per terzi. Se x non gli sta bene, non se lo gode ma non vada nemmeno a scaricarlo.[snip ...]Se rispodo mi ripeto.
    • The Mind withCake scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      Fanno benissimo a dare per scontato che sono
      pirati, anche perchè il sito come si chiama? la
      baia degli onesti? NO, è la baia dei pirati e
      questo dice
      tutto.Allora i System of a Down dovrebbero essere accusati di istigazione a delinquere perché hanno fatto un disco intitolato "Steal this album"?La baia si chiama così come provocazione all'uso del termine "pirati" riferito a chi scarica, e se non eri in malafede quando hai scritto allora sei solo stolto...
    • CCC scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      Fanno benissimo a dare per scontato che sono
      pirati, anche perchè il sito come si chiama? la
      baia degli onesti? NO, è la baia dei pirati e
      questo dice
      tutto.

      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI
      DEVE PAGARE e gli artisti VANNO PAGATI. volere
      tutto e gratis è quello che manda a quel paese
      l'economia e basta vedere cosa succede nell'alta
      finanzia in questi
      giorni.

      quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi
      vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI perchè
      è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle
      mie affermazioni (a parte ad essere in
      malafede)ragionamento illogico, con premesse false e confuse (oltre che a "minestrone") e conclusioni non consequenziali...a rispondere a tante e tali sciocchezze non ci penso nemmeno lontanamente...
    • scutmai scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      complimentoni per i paragoni;la finanza mondiale che va a catafascio per i download di materiale protetto!Ok,ti nomino mio guru personale!conosci fitna?è un filmato realizzato da un parlamentare olandese,per contestare la violenza di una certa fede.è libero da copiright e l'ho scaricato dalla baia.sono pirata per aver scaricato qualcosa di FREE-GRATUITO?la rai rende disponibile sul suo sito dei programmi andati in onda,A GRATIS.se TPB lo linka e qualcuno lo scarica,stiamo parlando di pirati?concludo dicendo che la mancanza di buonsenso è la fonte principale della battaglia major-pirati.se posso videoregistrarmi un film che passa per la 10ma volta in tv,non posso scaricarlo dalla rete,perchè violo il copyright.lo chiami buonsenso?ultima nota;come suggeriva un articolo qui su PI,lo sai che paghiamo la siae,e quindi il diritto d'autore,sui lettori cd-dvd anche se ci faccio girare solo materiale originale?e sai che paghiamo pure i supporti cd-dvd dove archivio le mie foto e i miei video della vacanza?chi è il pirata?
    • daysleeper scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      Comunque se ho comprato un film e me lo sono rippato sul hd del mio pc quello l'ho già pagato e se voglio scambiarlo con qualcuno che ha un altro film(che ha già pagato) che vorrei vedere? I due film in questione sono stati pagati e quindi se uno vuole scambiarli(senza guadagnarci soldi) perchè non può farlo?!? Io non ci vedo nulla di male!!!
      • Nathaniel Hornblower scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        - Scritto da: daysleeper
        Comunque se ho comprato un film e me lo sono
        rippato sul hd del mio pc quello l'ho già pagato
        e se voglio scambiarlo con qualcuno che ha un
        altro film(che ha già pagato) che vorrei vedere?
        I due film in questione sono stati pagati e
        quindi se uno vuole scambiarli(senza guadagnarci
        soldi) perchè non può farlo?!? Io non ci vedo
        nulla di
        male!!!Scambiatevi direttamente i supporti.
    • Daniel Jackson scrive:
      Re: Appunto, sono pirati

      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SILa citazione ci fa capire la tua posizione politica.Post ininfluente e provocatorio.
    • io si scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&rd=1&item=260296926646
    • Giambo scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      Fanno benissimo a dare per scontato che sono
      pirati, anche perchè il sito come si chiama? la
      baia degli onesti? NO, è la baia dei pirati e
      questo dice
      tutto.Meeeenghia ! Tu a me gli occhi apristi ! Basta con il nome "cosa nostra", chi chiameremo "cosa onesta", e questo tutto dice !
    • rockroll scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      Caro Giuseppe86, il tuo discorso teoricamente non farebbe una grinza (a parte il riferimento alla finanza, che non c'entra proprio); dico non farebbe, come non lo farebbe mandare in galera un poveraccio affamato che ruba una mela (e per una cosa del genere è stato recentemente ucciso a bastonate un povero senegalese, fai tu che sai!) Peccato che a prendere alla lettera certe "regole" fatte a favore di chi è potente, si tornerebbe al Medio Evo, e francamente siamo tutti stufi di fare i servi della gleba e comcedere ai signorotti anche lo jus primae noctis...
      • Ilpiccolo scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        E se tutti fossero degli affamati ladri di mele e tu fossi quello che si fa il culo per venderle come la penseresti ?
    • arrigo scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      Ma dai... ora la crisi delle banche è dovuta agli "scrocconi" del web: incarceriamoli tutti!
    • Ilpiccolo scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      Ci sono tutti ragazzini qui, non possono capire queste argomentazioni
    • lufo88 scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      Secondo te "la baia dei pirati" è un ammissione di colpevolezza?Non significa nulla invece, è un nome come un altro.ciao :)
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      Fanno benissimo a dare per scontato che sono
      pirati, anche perchè il sito come si chiama? la
      baia degli onesti? NO, è la baia dei pirati e
      questo dice
      tutto.Senza parole...
      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI
      DEVE PAGARE e gli artisti VANNO PAGATI. volere
      tutto e gratis è quello che manda a quel paese
      l'economia e basta vedere cosa succede nell'alta
      finanzia in questi
      giorni.Cioè il crack delle banche sarebbe colpa dello scambio di files illegali? O di siti come Pirate Bay?
      quindi la Baia dei pirati va sanzionata e chi
      vuole vedere un film o sentire un cd PAGHI perchè
      è giusto così e sfido chiunque a rispondere alle
      mie affermazioni (a parte ad essere in
      malafede)Dimmi una cosa. Come tutti sanno anche tramite Google è facilissimo trovare files protetti da diritto d'autore, tanto che molte volte è + veloce cercarli e scaricarli in questo modo piuttosto che, ad es, con il bittorrent; infatti si evitano code ed intasamenti vari, basta fare click sul file che vuoi scaricare e immediatamente inizia il download. Che facciamo allora, prendiamo provvedimenti anche con Google?
    • Massi cadenti scrive:
      Re: Appunto, sono pirati
      - Scritto da: Giuseppe86
      purtroppo per certi libertari 68ini la cultura SI
      DEVE PAGARE e gli artisti VANNO PAGATI.Come no, la famosa COPIA ORIGINALE (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)Come ha detto qualcuno, allora pagate le COPIE ORIGINALI con dei soldi fotocopiati (bianco e nero, così non è un reato). Se il negoziante dice che non li accetta, dite che le copie le pagate coi soldi copiati. Se vuole soldi originali deve darvi un originale, che è per definizione un unico esemplare e non è che se ne trovano a migliaia tutti uguali.
      • Furetto scrive:
        Re: Appunto, sono pirati
        E' lo stato a permetterlo,la tassa sui dispositivi vergini permette appunto di copiare a nastro quello che ti pare...Se scarico un dvd e poi lo copio su un supporto di cui ho gia' pagato l'"equo compenso" sono legittimato a farlo.A quelle volpi che non fanno altro che scrivere baggianate sul chi ruba e chi scarica.Quanto guadagnate di vendita su un singolo DVD?Il ladro è che vi prende la differenza non chi non vi compra quel dvd...
        Lo Stato...Che la piantino i noleggiatori di rompere i marroni se lo stato non se li fila x l'iva (che è nettamente inferiore nelle edicole)... perchè non è per il p2p che non vendete.Chi invece perde con il p2p è chi fa PUBBLICITA' a prodotti scadenti investendo in pubblicita' x reclamizzare un aborto che come tale viene bollato. Vendete solo aborti o tirate solo pacchi? Mi auguro di no...Esempio del perchè non acquistare un prodotto originale:DVDBOX telefilm "STREGA x AMORE" (1°parte),sistema protezione arcos (non ricordo la sigla identificativa)...ME LE SONO DOVUTO DECRITTARE ORIGINALE (x vederlo non x farne copia) che non andava sul lettore region free/lettore decente (inchiodato all'avvio)... quindi:ANDAVELO a pija ner culem... voi e chi dice che è meglio comprare prodotti originali in generale.... e scavatevi da soli la fossa suffragando i vari Drm / protezioni inutili con cui molti sperano solo di far cambiare anche i dispositivi hardware... ^_^
Chiudi i commenti