La Cina gioca col sistema dei domini

Dopo anni di censure ora il regime apre la registrazione dei .cn anche agli stranieri. Questi, naturalmente, non avranno alcuna garanzia su alcunché


Roma – Giunge da Pechino una notizia inattesa che dimostra ancora una volta come il regime cinese non abbia mai smesso di giocare con i domini internet. Dopo due anni di contenzioso con le autorità internazionali sulla gestione autarchica dei domini.cn, l’ente di gestione cinese ha deciso che i.cn d’ora in poi potranno essere registrati anche da soggetti di diritto internazionale.

Il CNNIC , che fino ad oggi ha registrato poco meno di 150mila domini, spera con questa nuova mossa di incamerare un certo quantitativo di denaro fresco, dollari in particolare, da quelle aziende straniere che sono interessate ad operare sul promettente e sempre più ricco mercato cinese.

Le nuove regole di registrazione, destinate a rimpiazzare le vecchie , includeranno dunque questa nuova possibilità. Un’operazione, quella del CNNIC, che si inquadra nel boom delle telecomunicazioni cinesi, una vera e propria esplosione di mercato che anche presso il Nasdaq americano, dove sono quotati alcuni importanti player cinesi internazionali del settore, ha ripercussioni clamorose sull’ascesa dei relativi titoli.

Va detto, però, che la gestione dei domini.cn e qualsiasi disputa in materia saranno gestite dal CNNIC. Questo, sommato ad una quantità elevata di restrizioni, vincoli e doveri, impedirà ai soggetti stranieri di godere dei domini.cn con la stessa tranquillità offerta da “country domains” dei paesi democratici.

A breve, comunque, sui mercati internazionali si affacceranno le circa venti aziende che il CNNIC ha selezionato per l’offerta dei.cn all’estero.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    avranno solo scoperto un nuovo modo
    di trasmettere su frequenze utilizzate da wi-fi...e vogliono chiedere ai produttori di modificare le frequenze...per me e questo...by: blah
  • Anonimo scrive:
    Diciamo che ci vogliono marciare!
    Adesso negli States tutto ciò che si può limitare passa com la scusa della sicurezza nazionale...oppure ci vogliono marciare ed utilizzare i sistemi che condanno per poi attaccare altri paesi?
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione:
    Direi che è arrivato il momento di mettere ordine in questi forum: il precedente messaggio "avevano proprio ragione i sovietici" andrebbe nascosto con la "X" perché contravviene oggettivamente le policy. Basta politica e insulti...
  • Anonimo scrive:
    Avevano proprio ragione i Sovietici...
    ... a chiamarli cani imperialisti... ;)Ma non diciamo minchiate, se riesco a sniffare la connessione della persona che abita nel palazzo davanti al mio con un tubo di Pringles, dove vuoi che sia tutta quest'impedenza che gli provoca le onde radio del Wi-Fi? Ma non li hanno sistemi di pulizia del segnale??? :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Avevano proprio ragione i Sovietici...
      E soprattutto, non era una loro tecnologia prima che divenisse di dominio pubblico?Mah...Ciao, Matteo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Avevano proprio ragione i Sovietici...
      Vorrei ricordarti che i "cani imperialisti", come li definisci tu, hanno ideato Arpanet (per la difesa delle comunicazioni tra computers in caso di conflitto nucleare), diventato poi... ops! Internet, mezzo attraverso il quale tu adesso esprimi liberamente e senza censura le tue idee...The Dog - Scritto da: Anonimo
      ... a chiamarli cani imperialisti... ;)

      Ma non diciamo minchiate, se riesco a
      sniffare la connessione della persona che
      abita nel palazzo davanti al mio con un tubo
      di Pringles, dove vuoi che sia tutta
      quest'impedenza che gli provoca le onde
      radio del Wi-Fi? Ma non li hanno sistemi di
      pulizia del segnale??? :P
Chiudi i commenti