La Cina nega Internet

Il governo cinese blocca i social network in tutta la nazione. Le aree in rivolta sono disconnesse

Roma – Il governo cinese non smette i panni del censore e, dopo aver bloccato Google, nega ai suoi cittadini l’accesso a Twitter e Facebook.

La notizia è stata confermata sia dagli utenti di Herdict che da Websitepulse , che monitorano lo status della Rete nelle aree notoriamente a rischio censura.

L’intenzione delle autorità di Pechino sarebbe quella di celare alla vista del popolo cinese le terribili immagini delle proteste attualmente in corso nelle provincia di Xinjiang, in occasione della quali la polizia locale ha arrestato più di 1.500 persone ed il governo è intervenuto costringendo i provider locali a cessare la loro attività, lasciando la regione senza connettività.

La Cina non è certo nuova ad atteggiamenti del genere, ma stavolta si è spinta oltre i limiti entro cui era solita rimanere. L’obiettivo dell’esecutivo di Hu Jintao sarebbe quello di nascondere i fatti al resto della popolazione, impedendo ai locali di diffondere notizie differenti da quelle diffuse dai network di stato. (G.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Er Puntaro scrive:
    Non sarà che ...
    ... forse la gente ha anche altre cose da fare nella vita e che l'offerta di intrattenimento e informazione (in cui sta eccedendo anche PI) è diventata un tantinino troppo elevata?[yt]CXFEBbPIEOI[/yt]
  • Sterone Aldo scrive:
    meglio vimeo
    vimeo è il migliore!
    • TheGynius scrive:
      Re: meglio vimeo
      Ma scusa, che c'entra?Qui si parlava di siti di sharing video con contenuti televisivi.Vimeo è un grandioso canale, ma è pensato per produzioni amatoriali e professionali, ma comunque non televisive.http://www.vimeo.com/guidelines#uploading_guidelines
Chiudi i commenti