La cintura che salva la vita

Se l'auto finisce a contatto con l'acqua si sgancia automaticamente

Le cinture di sicurezza delle automobili non sempre sono un “salva-vita”. A volte, infatti, impediscono o comunque rallentano le azioni di salvataggio da parte dei servizi di emergenza o la possibilità per il passegero nel panico di fuggire dall’automobile.

Ad esempio, ogni anno negli USA circa 400 persone muoiono annegate, trascinate sui fondali dalla pesantezza dei veicoli caduti in acqua. In queste occasioni le cinture di sicurezza sono delle vere e proprie trappole. Per questo che sono state costruite le Escape Belt.

Waterbelt

Queste cinture di sicurezza, progettate dall’olandese Fijen TMLS , sono pensate per sganciarsi in autonomia quando il meccanismo entra in contatto con l’acqua. Il sistema è composto da una cintura con aggancio tradizionale, a cui è affiancata una cartuccia contenente una pillola di sale. Questa pillola a contatto con l’acqua si scioglie e lascia cadere un martelletto che sgancia il connettore della cintura dalla sua sede.

In realtà, questo sistema è così banale da chiedersi come mai nessuno ci avesse pensato prima, visto e considerato che un metodo simile è implementato anche nei giubotti salvagente degli aerei.

Il produttore fa presente che una cartuccia dura circa un anno, in quanto il sale contenuto potrebbe con il tempo inumidirsi. Questo non è comunque un problema, visto il costo irrisorio di circa 40 dollari per l’intero meccanismo, che comunque non scatta qualora si rovesci per sbaglio dell’acqua o qualora giungano a contatto con la pillola alcuni schizzi di liquido.

Il basso prezzo e la facilità di produzione dovrebbero portare il mercato dell’automotive ad un’adozione universale del prodotto, per una maggiore sicurezza degli automobilisti.

(via Wired )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • UnIForM scrive:
    Ghostbuster x Mac ?
    Lo uso da parecchio tempo e questo programma e' quello che mancava su Windows: prima dovevi fare tutto a mano.Qualcuno sa se esiste un programma simile anche per Mac ?
    • sardonico scrive:
      Re: Ghostbuster x Mac ?
      OK, forse allora tu puoi riferire qualche risultato.Hai notato miglioramenti sensibili nella velocita' di avvio del sistema dopo avere eliminato un numero importante di ghost device?Io ne ho eliminati qualche decina, per prova, non cronometrando alcuna differenza.
      • Ultraman82 scrive:
        Re: Ghostbuster x Mac ?

        In primis sulle cosiddette periferiche doppie: il
        classico esempio e' la chiavetta x internet
        inserita in due usb differenti e che poi non
        viene piu' riconosciuta dal suo programma e dal
        sistema.Il motivo per la quale credevo morto uno dei miei adattatori di pad console
        usb. Provavo a giocare con il cavo credendo avesse dei falsi contatti... e ho finito per creparne i cavi :(Una mia richiesta: esiste un programma simile per Win98?
  • sardonico scrive:
    Concretamente
    In che modo eliminare informazioni su periferiche non attualmente in uso dovrebbe velocizzare il sistema operativo?Si astengano dalla risposta tutti quanti non hanno una conoscenza approfondita dei sistemi operativi Microsoft.Chi vuole invece faccia dei benchmark prima e dopo. Sono curioso. Chissa' che non si impari qualcosa sul software "snake oil" e su come funziona il registro di Windows.
    • panda rossa scrive:
      Re: Concretamente
      - Scritto da: sardonico
      In che modo eliminare informazioni su periferiche
      non attualmente in uso dovrebbe velocizzare il
      sistema
      operativo?Non sai che differenza passa tra un registry semivuoto e un registry stracolmo di tonnellate di sterco?
      Si astengano dalla risposta tutti quanti non
      hanno una conoscenza approfondita dei sistemi
      operativi
      Microsoft.Ha parlato bill gates!
      Chi vuole invece faccia dei benchmark prima e
      dopo. Sono curioso. Fallo tu se sei curioso.Io non ho bisogno di mangiare XXXXX di cammello per sapere che fa schifo.
      Chissa' che non si impari
      qualcosa sul software "snake oil" e su come
      funziona il registro di
      Windows.Il registro di windows funziona da schifo.Da sempre e' una delle principali cause di incasinamento del sistema fino ad arrivare al collasso e al conseguente irrimediabile blocco.
    • anverone99 scrive:
      Re: Concretamente
      Smanettare nel registro di Windows e' una delle mie piu' gustose soddisfazioni :) Se sai dove mettere le mani puoi fare cose utili come aggiungere voci nei menu', modificare opzioni e comportamenti dei software ecc.Ripeto: SE sai dove mettere le mani
      • Egidio Fusco scrive:
        Re: Concretamente
        Mi piacerebbe saperne di più.Dove e come posso fare?Grazie per le risposte pertinenti.
        • anverone99 scrive:
          Re: Concretamente
          - Scritto da: Egidio Fusco
          Mi piacerebbe saperne di più.
          Dove e come posso fare?
          Grazie per le risposte pertinenti.ciao! Il primo consiglio e' cercare su Google siti e forum di "tips and tricks" di Windows, e magari anche seguire qualche rivista tipo "Windows Magazine" :) Si imparano un mucchio di cose :)
    • boh scrive:
      Re: Concretamente
      - Scritto da: sardonico
      In che modo eliminare informazioni su periferiche
      non attualmente in uso dovrebbe velocizzare il
      sistema
      operativo?
      Si astengano dalla risposta tutti quanti non
      hanno una conoscenza approfondita dei sistemi
      operativi
      Microsoft.
      Chi vuole invece faccia dei benchmark prima e
      dopo. Sono curioso. Chissa' che non si impari
      qualcosa sul software "snake oil" e su come
      funziona il registro di
      Windows.Non mi risultano prestazioni migliori nell'avvio, tuttavia eliminare periferiche non più presenti potrebbe dare altri vantaggi. Io ad esempio lo utilizzo quando cambio scheda madre ad un pc per avere un sistema più pulito. Tipico problema poi è il fatto che windows si "ricorda" gli ip assegnati ad una scheda non più presente nel sistema.
Chiudi i commenti