La coppia Athlon/Linux scala le classifiche

Linux su AMD mangia posizioni nella TOP500 con due supercomputer che, in Europa e Asia, hanno conquistato la palma dei cluster x86 più veloci
Linux su AMD mangia posizioni nella TOP500 con due supercomputer che, in Europa e Asia, hanno conquistato la palma dei cluster x86 più veloci


Ginevra (Svizzera) – Zitta zitta la “piccola” AMD ha conquistato la lista dei più potenti calcolatori al mondo equipaggiati con CPU x86. La famosa lista TOP500 mostra infatti che i supercomputer basati sul processore Athlon MP dell?Università di Heidelberg (HELICS) in Germania e dell?Institute of Technology di Tokyo (TITECH) sono i cluster x86 con le prestazioni più elevate in Europa e in Asia.

Con il supercomputer HELICS al 35esimo posto nella nuova lista TOP500 e il Presto III Cluster del TITECH al 47esimo, per la prima volta sistemi basati sui processori AMD si classificano fra i primi 50 della classifica TOP500.

Entrambi i sistemi adottano il software di clustering open source Beowulf e il sistema operativo Linux, un connubio che fino al momento è stato scelto come soluzione per tutti gli attuali supercomputer x86 (circa una decina) basati sulle CPU di AMD.

Il supercalcolatore di HELICS è utilizzato per la ricerca scientifica nell?Interdisciplinary Center for Scientific Computing (ICSC). Il centro ICSC – spiega AMD – è leader nel campo dei flussi reattivi, della mappatura del genoma umano, del calcolo applicato alle scienze biologiche e della fisica applicata.

?I supercomputer cluster sono sempre più riconosciuti come il modo più efficace e più economicamente vantaggioso di generare elaborazioni ad elevate prestazioni?, ha affermato Dr. Satoshi Matsuoka, Professor of Global Scientific Information and Computing Center di TITECH. ?E, come si può notare dalle ultime classifiche TOP500, i processori AMD Athlon MP forniscono il livello di prestazioni necessario per applicazioni scientifiche molto intense?.

?Queste classifiche sono significative soprattutto perché hanno dimostrato che un solo laboratorio universitario può raggiungere prestazioni Terascale?, ha affermato Matsuoka, riferendosi a sistemi in grado di elaborare un teraflop, ossia un trilione di operazioni in virgola mobile al secondo. ?In un prossimo futuro, mi aspetto di vedere vari laboratori raggiungere una potenza di elaborazione da dieci a cento teraflop, rendendo possibili nuove scoperte scientifiche?.

Soltanto lo scorso anno AMD ha fatto il suo primo, timido ingresso sul mercato dei server, un settore a cui ha recentemente dedicato la sua famiglia di Athlon MP , capaci di supportare il dual-processing e rivaleggiare con gli Xeon di Intel sul mercato workstation e dei server low-end.

Due volte all?anno, a partire dal 1993, l?organizzazione TOP500 Supercomputer pubblica la propria lista dei 500 sistemi di calcolo più potenti al mondo basandosi sul benchmark LinPack che misura le prestazioni di tutte le classi di supercomputer.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 06 2002
Link copiato negli appunti