La dieta del morphing video

MovieReshape è un software pensato per Hollywood: consentirà di modificare senza sforzi la morfologia degli attori, in base alle esigenze di scena

Roma – Tempi duri per i modelli palestrati in cerca di provini e gli attori trasformisti a caccia di Oscar. I ricercatori tedeschi del Max Planck Institute stanno mettendo a punto un rivoluzionario software incentrato sul morphing dei video che potrebbe sostituire le diete a zona, il metodo Stanislavskij e gli special FX basati sul ritocco frame-by-frame.

Partendo da una scansione 3D del corpo usata come riferimento, MovieReshape è in grado di modificare qualsiasi tratto dell’aspetto fisico del soggetto, senza compromettere assolutamente il fotorealismo della scena. Altezza, massa muscolare, giro vita ed estensione toracica possono variare a piacimento e queste modifiche vengono applicate automaticamente, a tutti i fotogrammi della sequenza girata.

<div align="center

In campo pubblicitario, uno strumento simile potrebbe consentire agli inserzionisti di risparmiare sul budget, evitando riprese multiple degli spot che devono tener conto dei diversi canoni di bellezza nelle differenti culture. Messo al servizio dell’industria cinematografica, sempre in cerca di nuovi e stupefacenti effetti digitali, un ritocco video così performante avrebbe potuto evitare i sacrifici compiuti dagli attori, in tutte quelle storie che richiedono trasformazioni fisiche estreme tra il primo e il secondo tempo del film.

La prima demo pubblicata online mostra l’efficacia degli algoritmi di MovieReshape, che sfrutta un database di 120 scansioni tridimensionali, tra corpi maschili e silhouette femminili, per modificare il corpo umano in maniera estremamente naturale. Il software verrà presentato in anteprima il 16 dicembre, al Siggraph 2010 , conferenza mondiale sulla computergrafica che si terrà a Seul.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Microsoft, la sorgente del male
    II fatto che in Acacia, patent troll, lavorino ex manager Microsoft è l'ulteriore prova che Microsoft è un'azienda del XXXXX, scuola delle pratiche commerciali più squallide e monopolistiche del mondo.Ci si dovrebbe vergognare anche solo ad utilizzare i loro prodotti in forma pirata.
    • panda rossa scrive:
      Re: Microsoft, la sorgente del male
      - Scritto da: ruppolo
      II fatto che in Acacia, patent troll, lavorino ex
      manager Microsoft è l'ulteriore prova che
      Microsoft è un'azienda del XXXXX, scuola delle
      pratiche commerciali più squallide e
      monopolistiche del
      mondo.

      Ci si dovrebbe vergognare anche solo ad
      utilizzare i loro prodotti in forma
      pirata.Ci si dovrebbe pure vergognare a pronunciarne il nome senza sputare per terra!
      • Fiber scrive:
        Re: Microsoft, la sorgente del male
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: ruppolo

        II fatto che in Acacia, patent troll, lavorino
        ex

        manager Microsoft è l'ulteriore prova che

        Microsoft è un'azienda del XXXXX, scuola delle

        pratiche commerciali più squallide e

        monopolistiche del

        mondo.



        Ci si dovrebbe vergognare anche solo ad

        utilizzare i loro prodotti in forma

        pirata.

        Ci si dovrebbe pure vergognare a pronunciarne il
        nome senza sputare per
        terra!il primno accordo coi Troll che ha fatto Microsft e' quello fatto con Panda Rossa su forum di PuntoInformatico SU OGNI NOTIZIA Microsoft salta fuori il troll numero 1 di turno alias Panda Rossa a spara azzate a rafficaauhaauauah
  • collione scrive:
    i due troll
    si sono fusi :Dadesso è nato Super-Trolleta? (rotfl)magari è Super-Trolleku :D
Chiudi i commenti