La FIFA sperimenta il pallone al chip

Ai mondiali di calcio under17 sarà testato il primo pallone che dialoga con le porte e con l'arbitro, segnalando quando la palla è andata in goal. Ecco di che si tratta
Ai mondiali di calcio under17 sarà testato il primo pallone che dialoga con le porte e con l'arbitro, segnalando quando la palla è andata in goal. Ecco di che si tratta


Cardiff – Al meeting annuale della FIFA è stato dato il via libera alla sperimentazione del primo pallone intelligente , una palla per il calcio dotata di un piccolo ma utilissimo chippetto, forse destinato a mettere fine ad alcune polemiche che talvolta si scatenano sui campi di calcio.

In particolare il chip nel nuovo pallone Adidas è in grado di determinare quando supera la linea di porta: quando questo avviene un segnale acustico o una vibrazione vengono trasmessi ad un rilevatore che l’arbitro indossa al polso e che segnala l’avvenuto goal. Una prima partita di test è già stata svolta a Norimberga dalla squadra locale.

La sperimentazione avrà luogo tra il 16 settembre e il 2 ottobre, periodo in cui in Perù si terranno i mondiali di calcio 2005 under17.

Il pallone è stato sviluppato da Adidas in collaborazione con la tedesca Cairos AG e il Fraunhofer Institute .

Secondo Joseph S. Blatter , presidente FIFA, “abbiamo il dovere almeno di esaminare se nuove tecnologie possano essere applicate al calcio. Il Consiglio aveva già deciso di collaudare una tecnologia per il controllo del goal se fossero state individuate le tecnologie. Il punto fondamentale, ad ogni modo, sarà garantire che queste tecnologie non cozzino contro le normative né contro l’autorità degli arbitri”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 02 2005
Link copiato negli appunti