La Francia punirà l'obsolescenza programmata?

Una proposta dei Verdi intende ricondurre l'obsolescenza indotta alla questione alle pratiche commerciali scorrette. Le pene sono severe, sempre che il consumatore riesca a dimostrare l'effettiva malafede del produttore

Roma – Costringere l’utente all’aggiornamento tecnologico potrebbe presto rappresentare una pratica commerciale scorretta: il Parlamento francese sta discutendo della possibilità di rendere illegale la pratica dell’obsolescenza programmata per i prodotti immessi sul mercato .

L'”obsolescenza programmata”, pratica comune a molti produttori di tecnologia, prevede il concepimento e la realizzazione di un nuovo prodotto che soddisfi le esigenze del consumatore per un intervallo di tempo limitato, di modo che questi debba poi acquistarne uno nuovo , migliore o, semplicemente, più moderno.

Il dibattito in Francia ferve da tempo: già nel 2012 la candidata verde alle europee Éva Joly aveva fatto della battaglia all’obsolescenza indotta la bandiera della sua campagna elettorale; nel 2013, poi, sempre i verdi avevano presentato un’altra proposta di legge sul tema.

Nei giorni scorsi, poi, la questione ha visto registrare una sorprendente accelerazione: è stato presentato al Parlamento di Parigi ed ha passato la prima votazione un emendamento che collegherebbe tale programmazione commerciale alle pratiche commerciali scorrette , legandolo in particolare alla pubblicità ingannevole.

Questo aprirebbe alla possibilità da parte del consumatore di agire contro il produttore reo di aver volontariamente progettato un determinato prodotto per durare meno di quanto fosse lecito aspettarsi .

In tutto ciò resta poco chiaro come il consumatore possa dimostrare che il produttore operi con l’intenzione programmatica di commercializzare prodotti con scadenza: difficilmente il cittadino potrà raccogliere prove che sembrano avvicinarsi molto ai segreti industriali.

Inoltre, spesso l’obsolescenza non è una questione squisitamente tecnica o che fa leva sulla mancata interoperabilità, quanto piuttosto una una convinzione indotta negli utenti dal marketing: il discorso particolarmente significativo per il settore dell’ICT dove il tempo viene scandito dalla continua presentazione di nuovi device ed aggiornamenti.

Se dovesse effettivamente entrare in vigore, in ogni caso, la nuova normativa prevederebbe anche pene severe : fino a due anni e 300mila euro di multa, con la possibilità di raggiungere il 10 per cento del fatturato medio annuo dell’azienda eventualmente riconosciuta colpevole.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gabriele caminita scrive:
    under XXXXXXX
    se parliamo di gta parliamo di XXXXX
  • ... scrive:
    Inutilità
    Ma a cosa servono Second Life e questo Home?? A nulla!Molto meglio una bella partita a GTA
    • Pasta alla Pirateria scrive:
      Re: Inutilità
      - Scritto da: ...
      Ma a cosa servono Second Life e questo Home?? A
      nulla!
      Molto meglio una bella partita a GTAo un giro su pornhub
      • gabriele caminita scrive:
        Re: Inutilità
        gta e' una XXXXX ......almeno su home si conoscono persone reali .....su gta le persone sono del tutto programmate per il gioco
    • ... scrive:
      Re: Inutilità
      - Scritto da: ...
      Ma a cosa servono Second Life e questo Home?? A
      nulla!
      Molto meglio una bella partita a GTAE se GTA a qualcuno facesse XXXXXX ?
    • Fogin Laied scrive:
      Re: Inutilità
      Una volta ho visto un servizio nel quale parlavano di un quadro virtuale venduto su second life... lo ricordo bene perché la cosa mi impressionò, ai tempi non capivo la follia degli adulti...
Chiudi i commenti