La Guardia di Finanza parla del restyling del sito

Se la PA italiana stenta ci sono settori che si muovono con dinamismo: le Fiamme Gialle parlano con Punto Informatico delle novità attivate in rete con il redesign del sito istituzionale andato online nei giorni scorsi

Roma – Home page più ariosa; interventi sui canali di approfondimento per migliorare l’usabilità e la navigazione tra le oltre 2mila pagine del sito; nuovi servizi ai cittadini, dai formulari per denunce e querele a guide digitali per conoscere i propri diritti, realizzati per rendere più agevole la comunicazione. Sono le principali novità che caratterizzano il nuovo sito della Guardia di Finanza : ne abbiamo parlato con il colonnello Gaetano Scazzeri , capo ufficio centrale relazioni con il pubblico delle Fiamme Gialle .

Punto Informatico: Cominciamo con un aspetto di “colore”. Nel sito domina l’azzurro: è una scelta estetica o ci sono dietro altre motivazioni?
Gaetano Scazzeri: È stata una scelta di omogeneità con il colore dominante nei siti istituzionali del Ministero dell’Economia e delle Finanze, da Tesoro.it ad Agenziadogane.it, fino a Fiscoggi.it e Agenziadelterritorio.it. In questo modo miglioriamo l’impatto visivo della navigazione ponendo l’accento sull’identità della Guardia di Finanza all’interno della struttura statale.

PI: Cosa vi ha spinto a ripensare profondamente l’aspetto grafico e la strutturazione del sito?
GS: L’obiettivo principale era migliorare la fruibilità del sito, che nel tempo è cresciuto e oggi conta 2.362 pagine. Diventava perciò fondamentale rendere più snella la navigazione, per consentire a ciascuno – dai privati alle aziende, agli uffici della pubblica amministrazione – di arrivare con pochi passaggi alle informazioni desiderate. Siamo partiti dalle linee guida dettate in materia dal Dipartimento della funzione pubblica, per poi personalizzare il sito puntando sulla semplicità.

PI: Ad esempio?
GS: Abbiamo realizzato un motore di ricerca interno che consente di raggiungere documenti e informazioni presenti in una qualsiasi area in cui l’utente è abilitato ad accedere. È stata creata una sezione denominata GdF per il cittadino che consente di comunicare con l’Urp centrale e quelli periferici presenti a livello regionale, scaricare moduli per la presentazioni di denunce o querele concernenti l’autocertificazione, il diritto di accesso agli atti amministrativi e il trattamento dei dati personali. Vengono, inoltre, forniti consigli utili per evitare truffe e migliorare la conoscenza dei propri diritti.
Ampio spazio viene poi riservato alle modalità di reclutamento con informazioni su bandi di gara ed evoluzione delle fasi concorsuali. Inoltre è stato realizzato un percorso digitale per allenarsi ad affrontare i test preliminari.

PI: Che tecnologie avete utilizzato?
GS: Si tratta di una piattaforma dinamica che si avvale di tecnologie come Java, Jsp, XML -XSTL, XHTML, -css, Jboss,/Tomcat, IIS/ISA Server, MS SQL Server, Microsoft Index Server e Windows Media Service.

PI: Come avviene l’aggiornamento dei contenuti?
GS: Il Comitato di redazione si occupa delle informazioni sul portale a livello multidisciplinare per coprire tutte le competenze attribuite alla GdF. Abbiamo adottato una soluzione di content management per supportare l’organizzazione dei flussi redazionali e consentire l’automazione della produzione e pubblicazione dei contenuti.

PI:: Sono previste altre novità nel futuro prossimo?
GS: I sondaggi realizzati nei primi giorni dalla messa on-line (7 febbraio scorso) hanno indicato un diffuso gradimento sia della veste grafica, che dei contenuti. Tuttavia l’evoluzione del sito proseguirà. Sono allo studio nuove applicazioni che consentiranno all’utenza, mediante un percorso interattivo, di conoscere meglio i propri diritti e doveri nelle materie economiche e finanziarie di cui abbiamo competenza.

a cura di Luigi dell’Olio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    IO COMUNQUE UCCIDEREI
    TUTTI QUEI COJONI CHE USANO TOR PER IL PIRTUPIR.
  • freenetdreamer scrive:
    per aggirare l'analisi del traffico
    pensavo per ovviare l'analisi del traffico..bisognerebbe riuscire ad aggiungere alla fine di Tor un altro client tipo JAP o psiphon perchè se non sbaglio l'analisi del traffico sono statistiche end-to-end no?avete idea su come fare e se sia possibile?
    • freenetdreamer scrive:
      Re: per aggirare l'analisi del traffico
      non credo che sia impossibile basterebbe avere ad esempio un altro client con la possibilità di farlo passare per Privoxy e impostare 127.0.0.1ma ci sono client anonimizzatori simili?ad esempio se uno si connettesse con Tor il primo hop sarebbe di Tor nell'ISP e alla fine arriverebbe psiphon magaril'analisi statistiche del traffico sarebbero impossibilisembra un idea così strampalata che nessuno ha risposto bohforse difficile da realizzare..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 marzo 2007 19.42-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    W/KKO AL TAPPETO
    come da titolo
    • Anonimo scrive:
      Re: W/KKO AL TAPPETO
      Sveglia uTONTO, leggi la notizia e non solo il titolone.Ah, ma c'è anche uno, anzi cis sono DUE punti interrogativi nel titolone!A tontoooooooooo (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Ma Tor..
    .. non era il tizio che lavorava per l' enel, che se ne andava in giro con un martello in cerca di un altro tizio costantemente moroso chamato Loki? (newbie)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma Tor..
      - Scritto da:
      .. non era il tizio che lavorava per l' enel, che
      se ne andava in giro con un martello in cerca di
      un altro tizio costantemente moroso chamato Loki?
      (newbie)no questo è il nipote :D
  • Anonimo scrive:
    Ma in Italia è legale ?
    In pratica con Tor metto a disposizione degli altri tenti il mio computer come una specie di gateway da cui passano (solo una parte de)i dati degli altri utenti. Ma di costoro non tengo nessuna traccia e non ne conosco le identità.Questa pratica non è illegale in Italia ? Penso ad esempio alla legge contro il terrorismo e al fatto che gli internt point debbano chiedere i documenti di identità per far navigare la gente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma in Italia è legale ?
      - Scritto da:
      In pratica con Tor metto a disposizione degli
      altri tenti il mio computer come una specie di
      gateway da cui passano (solo una parte de)i dati
      degli altri utenti. Ma di costoro non tengo
      nessuna traccia e non ne conosco le
      identità.
      Questa pratica non è illegale in Italia ? Penso
      ad esempio alla legge contro il terrorismo e al
      fatto che gli internt point debbano chiedere i
      documenti di identità per far navigare la
      gente...Di sicuro non troverai TOR negli internet point.Per quanto riguarda il tuo uso privato, non è illegale a priori ma se anche un solo bit di comunicazioni che riguardano terroristi/criminali/pedofili e pervertiti di vario genere passa sul tuo PC, sono cazzi amari.Consiglio personale: invece di nascondersi come topi, perchè non uscire alla luce del sole e chiedere una rete più libera?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma in Italia è legale ?
        Topo, non mi sento proprio. Ma si, va, anche con uno come te che usa le parole a mo' di zappa, condivido il mio punto di vista.La privacy è un diritto, quindi non avrei bisogno di sistemi vari per proteggerla.Nessuna legge allo stato attuale però può effettivamente proteggerla.Forse non te ne sei reso conto, ma i dati personali vengono compreati e venduti come il pane ed il latteIn particolare alle aziende di marketing, nel migliore dei casi.Nel peggiore puoi essere derubato o ricattatoEcco, tutto qui, i dati sono i miei e me li gestisco io, la legge non basta? uso tor ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma in Italia è legale ?


        Consiglio personale: invece di nascondersi come
        topi, perchè non uscire alla luce del sole e
        chiedere una rete più
        libera?Condivido l'idea di chiedere una rete più libera e concordo ancor di più nell'uso di TOR fino a che questo non avvenga.Nel caso non avvenga (come molto lascia intendere) continuerò ad usare TOR.Non capisco perchè una cosa dovrebbe escludere l'altra
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma in Italia è legale ?
      - Scritto da:
      In pratica con Tor metto a disposizione degli
      altri tenti il mio computer come una specie di
      gateway da cui passano (solo una parte de)i dati
      degli altri utenti. Ma di costoro non tengo
      nessuna traccia e non ne conosco le
      identità.
      Questa pratica non è illegale in Italia ? Certo, infatti, chi usa TOR è soggetto ad una pena pecuniaria di 3.239.000 euro e ad una pena detentiva da 3 a 7 anni. Mentre, a chi a prestato falsa testimonianza sulla P2, a chi è accusato di corruzione, di tangenti alla guardia di finanza, di finanziamento illecito ai partiti, a chi é accusato di falso in bilancio, frode fiscale e corruzione giudiziaria nonchè concussione, beh a quello NON GLI FANNO UNA SEGA. Quindi smettila di fare il rubagalline ed INIZIA A FARE IL CRIMINALE SERIAMENTE.(parafrasi di una esilerante caricatura dell'avviso antipirateria di qualche tempo fa)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma in Italia è legale ?
      - Scritto da:
      In pratica con Tor metto a disposizione degli
      altri tenti il mio computer come una specie di
      gateway da cui passano (solo una parte de)i dati
      degli altri utenti. Ma di costoro non tengo
      nessuna traccia e non ne conosco le
      identità.Tor ha due modalità di funzionamento, exit node è quella a cui ti riferisci che in italia cozza col decreto Pisanu
      Questa pratica non è illegale in Italia ? Penso
      ad esempio alla legge contro il terrorismo e al
      fatto che gli internt point debbano chiedere i
      documenti di identità per far navigare la
      gente...Utilizzandolo non come exit node invece non ci sono leggi che ne vietino l'uso.
      • Wakko Warner scrive:
        Re: Ma in Italia è legale ?
        - Scritto da:
        Tor ha due modalità di funzionamento, exit node è
        quella a cui ti riferisci che in italia cozza col
        decreto
        PisanuIl (vergognoso) decreto Pisanu si riferisce solo ai luoghi pubblici (Internet Point, ecc), NON ai privati. Infatti è del tutto legale condividere la propria connessione Internet via per esempio FON (l'ISP potrebbe aver qualcosa da ridire su questo).In realtà poi Tor ne ha tre di modi di funzionamento:- solo client- nodo interno- exit node
        Utilizzandolo non come exit node invece non ci
        sono leggi che ne vietino
        l'uso.Nemmeno come exit node. L'unica rogna è che appunto essendo il tuo PC a generare il traffico potrebbero accusarti di qualcosa... per poi proscioglierti dopo aver verificato che tu non hai generato quel traffico. Sfortunatamente fra accusa e proscioglimento possono passare anni con anche (anzi... sicuramente) il sequestro della tua macchina.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma in Italia è legale ?
      vedo che c'è molta confusione.....la legge antiterrorismo vale per gli Internet point e per un motivo molto valido....un Internet point è un luogo pubblico, io vado e mi collego, il gestore non mi chiede nessun documento così io ne approfitto e crakko un pò di server del Defense Data Network....come potrà la polizia successivamente risalire a me, considerando che in un Internet Point passa ogni giorno un mare di gente?questa considerazione ha spinto il governo precedente a varare quella legge....nel caso di TOR, invece, gli exit node hanno un'identità ben definita, nel senso che se un terrorista passa attraverso il tuo exit node tu verrai tracciato, poi siccome tu sei collegato tramite un ISP riusciranno a tracciare anche il traffico in ingresso al tuo computer e così via...è chiaro che all'aumentare del numero di hop ( cioè di salti da un nodo TOR all'altro ) diventa sempre più difficile arrivare al terrorista, ma questo problema riguarda pure i normali ISP...in pratica tu possessore dell'exit node non hai gli obblighi di un Internet Point e nemmeno quelli di un ISP ( cioè conservare i log file )....questo perchè sei rintracciabile tramite il tuo ISP
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma in Italia è legale ?
        - Scritto da:
        vedo che c'è molta confusione.....

        la legge antiterrorismo vale per gli Internet
        point e per un motivo molto valido....un Internet
        point è un luogo pubblico, io vado e mi collego,
        il gestore non mi chiede nessun documento così io
        ne approfitto e crakko un pò di server del
        Defense Data
        Network....Hai ragione. c'è un po' di confusione.Posso usare una cabina. Le BR ad esempio non le hanno mai usate per fare rivendicazioni.Posso andare in posta e spedire un pacco o una lettera. Nessuno ha mai spedito pacchi bomba o buste contenenti antrace.Bisognerebbe: - eliminare del tutto le cabine pubbliche ed obbligare chiunque abbia un telefono a tenere un log delle telefonate fatte, ivi inclusi i telefoni di casa. Anzi, dovrebbe essere obbligatori un PIN personale per ogni membro della famiglia da inserire prima di comporre il numero.- Eliminare le buche delle lettere e le cassette postali. Per spedire un lettera si deve andare in posta con una carta di indentità e per ricevere la posta il postino deve trascrivere il numero della carta d'identità del ricevente e raccogliere la sua firma.Solo così si vince il terrorismo: trattando chiunque, onesto o disonesto, come un terrorista.Così avremo creato un bellissimo mondo in cui solo i terroristi si troveranno a loro agio.Come disse uno dei relatori dell'ultima Security Conference di Milano, proprio parlando della crittografia e di Tor, "visto che chi usa queste tecnologie in modo sbagliato le sa già e le conosce benissimo, impariamole anche noi che le useremmo per scopi meno ignobili!"."Those who would give up essential Liberty, to purchase a little temporary Safety, deserve neither Liberty nor Safety."Benjamin Franklin, US Founding Father, at Pennsylvania Assembly, Tue, Nov 11, 1755."Coloro i quali sono disposti a barattare le loro liberta fondamentali con un po' di temporanea sicurezza, non meritano di avere né libertà né sicurezza".
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma in Italia è legale ?


          "Those who would give up essential Liberty, to
          purchase a little temporary Safety, deserve
          neither Liberty nor
          Safety."
          Benjamin Franklin, US Founding Father, at
          Pennsylvania Assembly, Tue, Nov 11,
          1755.

          "Coloro i quali sono disposti a barattare le loro
          liberta fondamentali con un po' di temporanea
          sicurezza, non meritano di avere né libertà né
          sicurezza".Piantatela di citare cente morta e sepolta da due secoli. Siamo nel 2007, non nel 1755: quel modo di pensare è obsoleto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma in Italia è legale ?


            "Coloro i quali sono disposti a barattare le
            loro

            liberta fondamentali con un po' di temporanea

            sicurezza, non meritano di avere né libertà né

            sicurezza".

            Piantatela di citare cente morta e sepolta da due
            secoli. Siamo nel 2007, non nel 1755: quel modo
            di pensare è
            obsoleto.Quoto. Le nostre libertà, piaccia o non piaccia, devono adattarsi al mondo in cui viviamo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma in Italia è legale ?
            - Scritto da:


            "Coloro i quali sono disposti a barattare le

            loro


            liberta fondamentali con un po' di temporanea


            sicurezza, non meritano di avere né libertà né


            sicurezza".



            Piantatela di citare cente morta e sepolta da
            due

            secoli. Siamo nel 2007, non nel 1755: quel modo

            di pensare è

            obsoleto.

            Quoto. Le nostre libertà, piaccia o non piaccia,
            devono adattarsi al mondo in cui
            viviamo.Siamo noi a costruire il mondo in cui viviamo, non un vecchio con la barba bianca e tanti pezzi di lego.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma in Italia è legale ?


            "Coloro i quali sono disposti a barattare le
            loro

            liberta fondamentali con un po' di temporanea

            sicurezza, non meritano di avere né libertà né

            sicurezza".

            Piantatela di citare cente morta e sepolta da due
            secoli. Siamo nel 2007, non nel 1755: quel modo
            di pensare è
            obsoleto.pinatala tu, di dire cazzate preistoriche...queste sono idee rivoluzionarie, valide ancora oggi...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma in Italia è legale ?
            - Scritto da:



            "Coloro i quali sono disposti a barattare le

            loro


            liberta fondamentali con un po' di temporanea


            sicurezza, non meritano di avere né libertà né


            sicurezza".



            Piantatela di citare cente morta e sepolta da
            due

            secoli. Siamo nel 2007, non nel 1755: quel modo

            di pensare è

            obsoleto.

            pinatala tu, di dire cazzate preistoriche...
            queste sono idee rivoluzionarie, valide ancora
            oggi...A lui non piacciono perché le ha dette un americano.A lui piace la democrazia in salsa cubana (che, stranamente, assomiglia molto a quella attuale degli Usa.... :s )
          • Epimenide scrive:
            Re: Ma in Italia è legale ?
            - Scritto da:
            Piantatela di citare cente morta e sepolta da due
            secoli. Siamo nel 2007, non nel 1755: quel modo
            di pensare è obsoleto.Eh sì, vero...Pensa, a quel tempo hanno anche detto:"Non sono d'accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla fine il tuo diritto di dirlo"Adesso, invece, va di moda:"Non sono d'accordo con quello che dici, quindi finiscila che non hai nessun diritto di dirlo"Applica tu quella che ti sembra giusta...
          • rockroll scrive:
            Re: Ma in Italia è legale ?
            - Scritto da: Epimenide

            - Scritto da:

            Piantatela di citare cente morta e sepolta da
            due

            secoli. Siamo nel 2007, non nel 1755: quel modo

            di pensare è obsoleto.
            Eh sì, vero...

            Pensa, a quel tempo hanno anche detto:
            "Non sono d'accordo con quello che dici, ma
            difenderò fino alla fine il tuo diritto di
            dirlo"

            Adesso, invece, va di moda:
            "Non sono d'accordo con quello che dici, quindi
            finiscila che non hai nessun diritto di
            dirlo"

            Applica tu quella che ti sembra giusta... Buona la prima!
      • Gatto Selvaggio scrive:
        WAAAAKKOOO...!
        Serve un chiarimento!
        verrai tracciato, poi siccome tu sei collegato
        tramite un ISP riusciranno a tracciare anche il
        traffico in ingresso al tuo computer e così
        via...Ma i collegamenti interni alla rete TOR non sono cifrati - e quindi non rintracciabili, SE la cifratura DES/RSA/GPG etc. è davvero inviolabile come si dice - anche per quanto riguarda mittente e destinatario, dallo schema a cipolla?
        • rockroll scrive:
          Re: WAAAAKKOOO...!
          - Scritto da: Gatto Selvaggio
          Serve un chiarimento!


          verrai tracciato, poi siccome tu sei collegato

          tramite un ISP riusciranno a tracciare anche il

          traffico in ingresso al tuo computer e così

          via...

          Ma i collegamenti interni alla rete TOR non sono
          cifrati - e quindi non rintracciabili, SE la
          cifratura DES/RSA/GPG etc. è davvero inviolabile
          come si dice - anche per quanto riguarda mittente
          e destinatario, dallo schema a
          cipolla?Non so risponderti, ma posso fare una considerazione: anche di Vista si diceva che è stato studiato 5 anni proprio per essere inviolabile...
  • Anonimo scrive:
    TOR
    TOR in combinazione con PRIVOXY e Gnu-Linux Debian è un' ottimo viatico per la privacy.Poi con MIXMASTER il coctail migliora ancora.Certo che vanno usati con accortezza assieme ai NYM Server magari.
    • Anonimo scrive:
      Re: TOR
      Io però non ho ancora capito se Tor ti protegge soltanto dai siti che raggiungi oppure anche dal tuo Provider, che è tenuto ad archiviare per Legge tutto ciò che visiti. (newbie)
      • Wakko Warner scrive:
        Re: TOR
        - Scritto da:
        Io però non ho ancora capito se Tor ti protegge
        soltanto dai siti che raggiungi oppure anche dal
        tuo Provider, che è tenuto ad archiviare per
        Legge tutto ciò che visiti.
        (newbie)Il tuo ISP non può registrare proprio nulla visto che la comunicazione fra te e il primo host tor è crittata. Inoltre l'ISP è tenuto a registrare solo gli indirizzi dei siti che visiti e gli header delle email che mandi/ricevi, non altro traffico (e il traffico tor rientra nell'"altro traffico".
        • Anonimo scrive:
          Re: TOR
          - Scritto da: Wakko Warner

          Il tuo ISP non può registrare proprio nulla visto
          che la comunicazione fra te e il primo host tor è
          crittata.

          Inoltre l'ISP è tenuto a registrare solo gli
          indirizzi dei siti che visiti e gli header delle
          email che mandi/ricevi, non altro traffico (e il
          traffico tor rientra nell'"altro traffico".Davvero? Allora è un anonimato a 360°... grande!Trovo curioso che questa importante caratteristica non sia scritta da nessuna parte, nemmeno sul sito ufficiale.
          • Wakko Warner scrive:
            Re: TOR
            - Scritto da:
            - Scritto da: Wakko Warner



            Il tuo ISP non può registrare proprio nulla
            visto

            che la comunicazione fra te e il primo host tor
            è

            crittata.



            Inoltre l'ISP è tenuto a registrare solo gli

            indirizzi dei siti che visiti e gli header delle

            email che mandi/ricevi, non altro traffico (e il

            traffico tor rientra nell'"altro traffico".

            Davvero? Allora è un anonimato a 360°... grande!

            Trovo curioso che questa importante
            caratteristica non sia scritta da nessuna parte,
            nemmeno sul sito
            ufficiale.Guardati le figure in questa pagina http://tor.eff.org/overview.html.enLe connessioni in verde sono crittate e dunque nessuno sa cosa ci passa nel mezzo, è solo l'ultimo nodo da cui esce _anche_ il tuo traffico in chiaro.
          • Anonimo scrive:
            Re: TOR
            - Scritto da:
            - Scritto da: Wakko Warner



            Il tuo ISP non può registrare proprio nulla
            visto

            che la comunicazione fra te e il primo host tor
            è

            crittata.



            Inoltre l'ISP è tenuto a registrare solo gli

            indirizzi dei siti che visiti e gli header delle

            email che mandi/ricevi, non altro traffico (e il

            traffico tor rientra nell'"altro traffico".

            Davvero? Allora è un anonimato a 360°... grande!

            Trovo curioso che questa importante
            caratteristica non sia scritta da nessuna parte,
            nemmeno sul sito
            ufficiale.Basterebbe che tu capissi a che serve un PROXY nelle sue varie sfaccettature e per lo specifico uso di firewall, se lo capissi, capiresti molto meglio TOR.
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Non nascondiamoci dietro un dito
          Non contiamo troppo su eventuali buchi nelle leggi.
          Il tuo ISP non può registrare proprio nulla visto
          che la comunicazione fra te e il primo host tor è
          crittata.Registra che ti sei connesso a un nodo TOR, e il tuo nome verrà inserito in un database di tipi loschi e sospetti.Usando TOR in tanti, però, quel database perde di valore.
          Inoltre l'ISP è tenuto a registrare solo gli
          indirizzi dei siti che visiti e gli header delle
          email che mandi/ricevi, non altro traffico (e il
          traffico tor rientra nell'"altro traffico".Probabilmente l'ISP registra precauzionalmente tutto il registrabile, soprattutto se la polizia gli chiede in via riservata di farlo.Anni fa ero socio in un ISP. I carabinieri ci chiedono l'elenco di tutti gli indirizzi di posta elettronica. Non presentano un mandato - ci voleva? boh? - li chiedono e basta.Dopo breve discussione - a me non andava giù l'idea di dare gli indirizzi di TUTTI gli utenti perché alle indagini ne serve qualcuno, ma d'altra parte i carabinieri non ti dicono ciò a cui sono interessati, perché rivelerebbero un dettaglio su un'indagine in corso - glieli abbiamo dati.Un internet point - anche quelli all'estero che non ti chiedono la carta d'identità - probabilmente opera in accordo con le forze dell'ordine e quando ti colleghi al tuo conto alle isole Cayman la tua password viene registrata.Se è gestito da extracomunitari la usano pure per svuotarti il conto :)La sola soluzione IMHO è usarlo in tanti come client, e che università e istituzioni che possono permettersi gli avvocati tengano anche nodi, anche in uscita. Ma figuriamoci. -----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 marzo 2007 14.50-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Registra che ti sei connesso a un nodo TOR, e il
            tuo nome verrà inserito in un database di tipi
            loschi e
            sospetti.Eh?Fonte?
            Usando TOR in tanti, però, quel database perde di
            valore.Quale database?
            Probabilmente l'ISP registra precauzionalmente
            tutto il registrabileper quale precauzione?Se la legge prevede di registrare le intestazioni (costo 1), perchè dovrebbero registrare tutto il contenuto (costo 1000 , hai idea di quanti giga scarichino gli italiani? i provider dovrebbero avere tanti HD quanto quelli degli italiani)?Non è responsabilità loro, dacchè la legge dice di registrare le intestazioni e non altro.
            soprattutto se la polizia
            gli chiede in via riservata di
            farlo.Questo è un altro discorso.Non c'entra nulla su ciò che il provider fa normalmente.Se ti vuoi mettere nel caso peggiore, la portinaia farà entrare un omino a casa tua mentre lavori e l'omino ti metterà un keylogger hardware nella tastiera, una microspia rivolta verso il monitor e tante altre fantastiche cose.
            Anni fa ero socio in un ISP. I carabinieri ci
            chiedono l'elenco di tutti gli indirizzi di posta
            elettronica.Se vi avessero chiesto i contenuti di un'email spedita 10 anni prima voi glieli avreste dati?Domanda retorica, ovviamente *NON CE L'AVEVATE*
            Un internet point - anche quelli all'estero che
            non ti chiedono la carta d'identità -
            probabilmente opera in accordo con le forze
            dell'ordine e quando ti colleghi al tuo conto
            alle isole Cayman la tua password viene
            registrata.
            Se è gestito da extracomunitari la usano pure per
            svuotarti il conto
            :)ovviamente sai giustificare il tuo probabilmente , nonchè darmi la probabilità esatta.p.s. io Tor lo usa(vo) solo per scaricare con due sessioni contemporaneamente da rapidshare (rotfl), adesso mi sa che lo fanno tutti e devi beccare il ticket di culo.Certo, potrei usare un qualsiasi proxy anche non anonimo per fare ciò, ma so che nelle varie proxy lists ci sono proxy 'involontari' e non voglio usare servizi di gente ignara.detto ciò, adios...
          • rockroll scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Non contiamo troppo su eventuali buchi nelle
            leggi.


            Il tuo ISP non può registrare proprio nulla
            visto

            che la comunicazione fra te e il primo host tor
            è

            crittata.

            Registra che ti sei connesso a un nodo TOR, e il
            tuo nome verrà inserito in un database di tipi
            loschi e
            sospetti.

            Usando TOR in tanti, però, quel database perde di
            valore.


            Inoltre l'ISP è tenuto a registrare solo gli

            indirizzi dei siti che visiti e gli header delle

            email che mandi/ricevi, non altro traffico (e il

            traffico tor rientra nell'"altro traffico".

            Probabilmente l'ISP registra precauzionalmente
            tutto il registrabile, soprattutto se la polizia
            gli chiede in via riservata di
            farlo.

            Anni fa ero socio in un ISP. I carabinieri ci
            chiedono l'elenco di tutti gli indirizzi di posta
            elettronica. Non presentano un mandato - ci
            voleva? boh? - li chiedono e
            basta.
            Dopo breve discussione - a me non andava giù
            l'idea di dare gli indirizzi di TUTTI gli utenti
            perché alle indagini ne serve qualcuno, ma
            d'altra parte i carabinieri non ti dicono ciò a
            cui sono interessati, perché rivelerebbero un
            dettaglio su un'indagine in corso - glieli
            abbiamo
            dati.

            Un internet point - anche quelli all'estero che
            non ti chiedono la carta d'identità -
            probabilmente opera in accordo con le forze
            dell'ordine e quando ti colleghi al tuo conto
            alle isole Cayman la tua password viene
            registrata.
            Se è gestito da extracomunitari la usano pure per
            svuotarti il conto
            :)

            La sola soluzione IMHO è usarlo in tanti come
            client, e che università e istituzioni che
            possono permettersi gli avvocati tengano anche
            nodi, anche in uscita. Ma
            figuriamoci.
             
            Quoto tutto quel che dici, e che conferma quanto ho affermato in altra discussione sull'operato degli emissari del potere e su relative più o meno "virtuali" autorizzazioni. Ho ricevuto un mare di critiche, ma le cose stanno così, e non volersele sentir dire equivale a nascondere la testa sotto terra come fanno gli struzzi in caso di pericolo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: rockroll

            Quoto tutto quel che dici, e che conferma quanto
            ho affermato in altra discussione sull'operato
            degli emissari del potere e su relative più o
            meno "virtuali" autorizzazioni.
            ROTFL.Ma vi rendete conto di quello che dite? "Emissari del potere". Magari ci credete anche.Piantatela di giocare a Guerre Stellari e andate a cercarvi un lavoro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            :-o :-o :-o
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: rockroll
            Quoto tutto quel che dici, e che conferma quanto
            ho affermato in altra discussione sull'operato
            degli emissari del potere e su relative più o
            meno "virtuali" autorizzazioni.

            Ho ricevuto un mare di critiche, ma le cose
            stanno così, e non volersele sentir dire equivale
            a nascondere la testa sotto terra come fanno gli
            struzzi in caso di
            pericolo.quindi anche tu sostieni che i provider *preventivamente* *per evitare rogne* registrano migiaia tutto ciò che non sono tenuti a registrare su tutti indistintamente?Hai provato a quantificare i costi dei dischi/unità nastro e i relativi backup?o forse intendevi dire sotto richiesta delle forze dell'ordine registrano tutto ciò che alcuni precisi utenti fanno?Perchè in tal caso non puoi dire *Quoto tutto*, visto che il tizio afferma l'ipotesi inverosimile che ho descritto.
          • rockroll scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da:
            - Scritto da: rockroll


            Quoto tutto quel che dici, e che conferma quanto

            ho affermato in altra discussione sull'operato

            degli emissari del potere e su relative più o

            meno "virtuali" autorizzazioni.



            Ho ricevuto un mare di critiche, ma le cose

            stanno così, e non volersele sentir dire
            equivale

            a nascondere la testa sotto terra come fanno gli

            struzzi in caso di

            pericolo.

            quindi anche tu sostieni che i provider
            *preventivamente* *per evitare rogne* registrano
            migiaia tutto ciò che non sono tenuti a
            registrare su tutti
            indistintamente?

            Hai provato a quantificare i costi dei
            dischi/unità nastro e i relativi
            backup?


            o forse intendevi dire sotto richiesta delle
            forze dell'ordine registrano tutto ciò che alcuni
            precisi utenti
            fanno?
            Perchè in tal caso non puoi dire *Quoto tutto*,
            visto che il tizio afferma l'ipotesi inverosimile
            che ho
            descritto.

            Ti ripeto le parole di Gatto Selvaggio: Probabilmente l'ISP registra precauzionalmente tutto il registrabile, soprattutto se la polizia gli chiede in via riservata di farlo Questa frase suona diversamente da come l'hai tu interpretata: è una cosa che pensiamo probabile non una certezza; tutto il registrabile significa tutto quel che si è in grado di registrare ((magari in wrap-around") con normali risorse a disposizione, visto che ci sono tanto vale usarle e premunirsi; la polizia può benissimo chiedere in via riservata di farlo, tanto se ci si rifiuta arriva apposito mandato, ma solitamente non ci si oppone fino a questo punto, ed in caso di riscontro positivo il mandato sarà emesso postumo per sbatterlo in faccia ad eventuali avvocati della difesa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            Non è auspicabile che gli isp spendano 2, 3, 10, 100 volte rispetto a quanto dovrebbero epr *PRECAUZIONE* o *GIà che ci sono*.Lo fanno se hanno un ingiunzione diretta.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito

            Ti ripeto le parole di Gatto Selvaggio:
            Probabilmente l'ISP registra precauzionalmente
            tutto il registrabile, soprattutto se la polizia
            gli chiede in via riservata di farlo


            Questa frase suona diversamente da come l'hai tu
            interpretata: è una cosa che pensiamo probabile
            non una certezza; tutto il registrabile significa
            tutto quel che si è in grado di registrare
            ((magari in wrap-around") con normali risorse a
            disposizione, visto che ci sono tanto vale usarle
            e premunirsi; la polizia può benissimo chiedere
            in via riservata di farlo, tanto se ci si rifiuta
            arriva apposito mandato, ma solitamente non ci si
            oppone fino a questo punto, ed in caso di
            riscontro positivo il mandato sarà emesso postumo
            per sbatterlo in faccia ad eventuali avvocati
            della difesa.Esatto.Mi riferivo anche al celebre caso Aruba.Non capisco come mai se affermi, presumi o ipotizzi che non si giochi secondo le regole ci sia chi si sconcerta tanto.Mi ricorda una barzelletta. Un tedesco viene investito da un'auto in una zona dove il traffico è vietato, ma non riesce a capacitarsene: ach, se il traffico è vietato, non può essere stata un'automobile!Negli USA il primo emendamento garantisce la libertà di espressione, per il cui esercizio la giurisprudenza riconosce il diritto all'anonimato.Ciononostante, le varie agenzie governativi spiano tutto e tutti. Il diritto all'anonimato devi implementarlo. -----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 marzo 2007 19.48-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Non capisco come mai se affermi, presumi o
            ipotizzi che non si giochi secondo le regole ci
            sia chi si sconcerta
            tanto.perchè loggare tutto ciò che scaricano/caricano gli italiani significa doversi comprare tanti HD quanti sono quelli acquistati dagli italiani (anzi, il doppio, visto che devono avere il backup).E' chiaro che gli ISP possono fare quello che vogliono (leggittimamente o meno), ma finchè non mi dimostri che cosa hanno in cambio al costo di 50 milioni di HD, stai dicendo solo idiozie
            Mi ricorda una barzelletta. Non la leggo nemmeno.Argomenta con argomenti tangibili e non con barzellette, o finirai per essere tu una barzelletta.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito


            Mi ricorda una barzelletta.
            Non la leggo nemmeno.Riderai quando ti pinzeranno per aver commesso chissà quale quisquilia sottovalutando la loro capacità di loggare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Riderai quando ti pinzeranno per aver commesso
            chissà quale quisquilia sottovalutando la loro
            capacità di
            loggare.Ottima argomentazione.plonk.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito

            plonk.Plonkare non ti servirà a nulla quando ti trascineranno nel cellulare in manette, sotto gli sguardi dei vicini che parlottando fra loro diranno "io l'ho sempre detto che quel ragazzo non era normale!".
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Plonkare non ti servirà a nulla quando ti
            trascineranno nel cellulare in manette, sotto gli
            sguardi dei vicini che parlottando fra loro
            diranno "io l'ho sempre detto che quel ragazzo
            non era
            normale!".Io non uso TOR da quando si fa fatica a prendere i ticket per rapidshare, unica ragione che ho personalmente per usare un cammuffamento di ip.Il *FATTO* caro mio, è che al posto di spiegarmi quale ritorno economico o agevolazioni politiche di pari entità avrebbero i provider a comprare 50 milioni di HD, ti sei messo a piagnucolare barzellette o a minacciare scenari inverosimili sulla mia persona (al limite della denuncia, aggiungo).Con tanto di moderatori amici che valutano 'divertente' quella cazzata inimmaginabile che è il messaggio a cui sto perdendo tempo a rispondere.*SE HAI LE PALLE* rispondi agli argomenti.Se non le hai, come hai dimostrato finora continua a scrivere *ED ESSERE* una barzelletta 'che i tuoi amici moderatori ti faranno sentire eccitato valutandoti 'divertente' invece di 'troll' (giacchè fai solo provocazione senza argomento alcuno) o 'off-topic' (giacchè non avendo argomenti non puoi essere in topic).
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Plonk?
            Ma non mi avevi plonkato?Se mi avessi davvero plonkato non risponderesti a questo messaggio.Chi mi ha votato divertente l'avrà fatto perché si è divertito.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito

            *SE HAI LE PALLE* rispondi agli argomenti.Ho sul mio computer un file compresso di 15 MB contenente la mia posta elettronica di un anno. L'ISP dove lavoravo aveva circa un centinaio di clienti.15 MB x 100 = 1500 MB = 1,5 GB.Supponiamo di registrare 100 volte tanto per comprendere indirizzi IP eccetera: 150 GB.Non è che comprando due dischi da 200 GB all'anno un provider si rovina.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Ho sul mio computer...Ritenta.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito


            Ho sul mio computer...
            Ritenta.Confesso che non ho capito.Con tutto quel che l'ho pagato, legalmente il computer è mio.Se poi da un punto di vista di fatto un tale ne prende il controllo da remoto installando chissà che cosa, il suo possesso dura fino al prossimodd if=/mnt/hdb1/hda.img of=/dev/hda
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio


            Ho sul mio computer...


            Ritenta.

            Confesso che non ho capito.beh, allora lascio perdere.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito

            beh, allora lascio perdere."*SE HAI LE PALLE* rispondi agli argomenti."
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio

            beh, allora lascio perdere.

            "*SE HAI LE PALLE* rispondi agli argomenti." 1) Il 'tuo' utilizzo di internet annuale è inferiore a quello di qualsiasi 56k in una settimana.15Mb li si scaricava con un 400baud nel 1990 in 5 o 6 sessioni.2) Dal tuo uso totalmente anomalo del PC hai voluto trarre conseguenza per *TUTTI GLI ITALIANI*ritenta, sei ridicolo.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            Guarda che non devi registrare tutto, solo ciò che è importante. In base a criteri di scelta che implementi in un software filtro.Ad esempio cerchi di individuare gli utenti con profili di comportamento sospetti, e privilegi quelli.E poi non dirmi che tu fai più di 15 MB di posta all'anno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Guarda che non devi registrare tuttoTu nel primo post hai scritto TUTTO.NON RITRATTARE ADESSO.
            solo ciò
            che è importante.Oh, adesso 'solo ciò che è importante'.Mi dai una definizione informatica di traffico importante?il P2P è importante?Se Sì è il 90% del traffico inet.Se No, allora è meglio che rivedi la tua definizione di traffico importante.
            Ad esempio cerchi di individuare gli utenti con
            profili di comportamento sospetti, e privilegi
            quelli.Il provider "cerca di individuare gli utenti con profili di comportamento sospetti"?Ma chi sono? I giustizieri mascherati???????????
            E poi non dirmi che tu fai più di 15 MB di posta
            all'anno.Ma non fare domande idiote, vah...
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito

            Tu nel primo post hai scritto TUTTO.
            NON RITRATTARE ADESSO.Intendevo dire registrare tutto, sul momento, e un apposito software vaglia e memorizza ciò che ritiene importante.
            Mi dai una definizione informatica di traffico
            importante?
            Il provider "cerca di individuare gli utenti con
            profili di comportamento
            sospetti"?
            Ma chi sono? I giustizieri mascherati???????????Il provider installa un software fornito/suggerito dalle forze dell'orfine, ad esempio, o se ne procura uno.Tu non lo faresti se rifiutarsi potesse prospettare un'attenzione particolare della Guardia di Finanza?

            E poi non dirmi che tu fai più di 15 MB di posta

            all'anno.

            Ma non fare domande idiote, vah...E che ci metti in tutta quella posta? Invii DVD in allegato agli amici?Scrivo diversi messaggi al giorno e ne ricevo molti di più, e la mia posta di un anno continua a stare su quel livello.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio

            Tu nel primo post hai scritto TUTTO.

            NON RITRATTARE ADESSO.

            Intendevo dire registrare tutto, sul momento, e
            un apposito software vaglia e memorizza ciò che
            ritiene
            importante.non hai definito 'importante'non hai risposto alla domanda diretta: 'il traffico p2p è importante?'detto ciò addio, se svincoli gli argomenti fondamentali è inutile che stiamo a perdere tempo.
            E che ci metti in tutta quella posta? chiedi al mio provider, genio.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito

            non hai definito 'importante'
            non hai risposto alla domanda diretta: 'il
            traffico p2p è importante?'Non lo so. 'Importante' è ciò che viene indicato al programma di considerare importante. Non ho idea di come configurino questi programmi.Cercando di immaginare, supponi che i carabinieri creino un sito civetta (o un utente P2P civetta) con materiali illegali, inserendo nei file un'impronta identificativa (tipo ciò che permette agli antivirus di identificare i virus): importante a questo punto sarebbe registrare che il tale utente ha scaricato il file contenente la tale impronta.
            detto ciò addio, se svincoli gli argomenti
            fondamentali è inutile che stiamo a perdere
            tempo.Sei tu che consideri fondamentali dettagli che non lo sono.

            E che ci metti in tutta quella posta?

            chiedi al mio provider, genio.Non ho l'autorità per farlo né, devo dire, mi consumo dalla curiosità. -----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 marzo 2007 13.35-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            - Scritto da: Gatto Selvaggio

            non hai definito 'importante'

            non hai risposto alla domanda diretta: 'il

            traffico p2p è importante?'

            Non lo so. appunto
            'Importante' è ciò che viene indicato
            al programma di considerare importante.se non lo specifichi, non sparemo mai se bisogna loggare 15mb o 15 miliardi di petabyte (prot)
            Non ho
            idea di come configurino questi
            programmi.vedo.
            Cercando di immaginaresalto volentieri la tua immaginazione.
            Sei tu che consideri fondamentali dettagli che
            non lo
            sono.è fondamentale che prima dicevi che loggano tutto, poi hai abbassato il tiro a 'ciò che è impoertante', adesso scopriamo che non sai cosa è importante.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito

            è fondamentale che prima dicevi che loggano
            tutto, poi hai abbassato il tiro a 'ciò che è
            impoertante', adesso scopriamo che non sai cosa è
            importante.Ho scritto "tutto il registrabile". Ovvio che se tutto in senso assoluto è troppo, allora non è registrabile e il registrabile diviene una frazione del tutto, quella appunto che è possibile registrare.Quanto a ciò che è importante, non occorre che lo sappia. Lo sanno le forze dell'ordine. Ciò che è importante per loro probabilmente non è per me, e viceversa.Comunque il succo del discorso era un altro. Non credere di essere al sicuro perché la legge non permette alla polizia di fare determinate cose. Se le fanno senza dirlo, un altro modo per incastrarti lo trovano.Altrimenti è come credere che se metti giù entro sessanta secondi non possono sapere da dove telefoni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito
            Guarda, giunti al ventesimo messaggio hai ritrattato praticamente tutto ciò che hai detto nel primo.Ora parli di log intelligente, e parli di polizia che può richiederlo illecitamente.Prima parlavi di registrazione totale del traffico e parlavi di *PROVIDER* che lo applicavano 'per evitare guai'...S-E-I R-I-D-I-C-O-L-OADDIO
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Non nascondiamoci dietro un dito

            Guarda, giunti al ventesimo messaggio hai
            ritrattato praticamente tutto ciò che hai detto
            nel primo.Allora, giusto per non dare quell'impressione, qui lo riconfermo.È possibile, e probabilmente viene fatto su richiesta informale delle forze dell'ordine, che i provider registrino tutto il registrabile dei loro clienti. Di tutti o di una parte; tutti i dati o alcuni soltanto, in base a ciò che è registrabile, a ciò che viene richiesto, al supporto fornito da parte del richiedente.Quando ero in un provider e i carabinieri ci hanno chiesto l'elenco degli indirizzi di posta elettronica sul server, non abbiamo pagato una consulenza legale per sapere se qualche legge prevedesse esplicitamente l'obbligo di fornire quei dati. Ne abbiamo brevemente discusso e glieli abbiamo dati.Non avevamo così tanti soldi per poterci ergere a paladini dei diritti civili. Quindi, nella discussione, le mie perplessità sono rapidamente finite in minoranza.Da allora la capacità media degli hard disk è aumentata di almeno dieci volte.Aruba probabilmente aveva abbastanza soldi per consultare un legale, ma le aziende nascono per lavorare e guadagnare per cui, quando le forze dell'ordine han chiesto di accedere - presumo illecitamente - al server di Autistici-Inventati, han concesso l'accesso senza avvertire il cliente. -----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2007 16.39-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: TOR
        Ma Tor ti protegge anche dai log del proxy attraverso il quale devi passare per uscire in Internet?Mi spiego; usando TorPark, Firefox usa il proxySocks di Tor installato sul PC, ma Tor poi deve uscire attraverso un proxy. Cosa "vede" quel proxy? La destinazione dei pacchetti? Il contenuto?
    • Anonimo scrive:
      Re: TOR
      - Scritto da:
      TOR in combinazione con PRIVOXY e Gnu-Linux
      Debian è un' ottimo viatico per la
      privacy.
      Poi con MIXMASTER il coctail migliora ancora.
      Certo che vanno usati con accortezza assieme ai
      NYM Server
      magari.Già................TERIBILEeeeeeEEEE!!!
Chiudi i commenti