La IETF boccia le intercettazioni dell'FBI

Dopo quattro mesi le richieste della polizia federale americana sono state finalmente bocciate dall'organizzazione. Non ci saranno protocolli di intercettazione online
Dopo quattro mesi le richieste della polizia federale americana sono state finalmente bocciate dall'organizzazione. Non ci saranno protocolli di intercettazione online


Washington (USA) – Dopo quattro mesi la IETF ha finalmente deciso: non verranno promossi protocolli internet comprensivi di sistemi che consentano all’ FBI di compiere più comode e facili intercettazioni cyber. Una proposta in questo senso era pervenuta proprio dall’FBI l’anno scorso.

In questi quattro mesi, in cui anche alcuni politici si sono mossi contro l’idea, la IETF è stata sottoposta a pressioni di vario genere. Il suo sì sarebbe stato molto significativo, anche se probabilmente, come dicono alcuni, più dal punto di vista simbolico che altro. Non è la mancanza dei protocolli richiesti dall’FBI, infatti, che può fermare i “cybercops” dall’introdursi nella comunicazione digitale.

Va detto che quella della IETF non è una decisione definitiva perché, come nota Wired, ogni statement dell’organizzazione per gli standard internet può essere soggetto a modifiche anche se appare improbabile che queste potranno “ribaltare” l’impostazione della IETF.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 02 2000
Link copiato negli appunti