La libertà di Internet secondo Washington

Tutto è regolato meno che i contenuti, quelli devono essere liberi. La linea dell'amministrazione Bush nelle parole di Micheal Powell, capo della Commissione federale sulle comunicazioni


Las Vegas (USA) – “Il telefono che si usa quando si chiama è sottoposto a regole, le condizioni contrattuali tra provider e operatori sono regolamentate e l’infrastruttura è regolata da norme specifiche. Quello che non è regolamentato è il contenuto che, ritengo, dovrà sempre essere libero da regolamenti”. A ribadire la posizione dell’amministrazione americana sulla libertà di informazione e di opinione in Rete è stato nelle scorse ore Micheal Powell, boss della Commissione federale americana sulle comunicazioni.

Powell ha sottolineato come la Rete sia già, sul piano tecnico, sottoposta a molte norme che ne regolano non solo il funzionamento ma anche le operazioni per coloro che vi operano. Anche per questo, secondo Powell, non c’è alcun bisogno di garanzie che impongano il controllo dei contenuti.

Non solo, Powell ha segnato una linea netta di separazione tra i vecchi media e Internet: “Se volessi fare qualcosa contro NakedNews.com (il telegiornale in topless, ndr) probabilmente potrei tentare di dimostrare la violazione del Primo Emendamento. Sarebbe una battaglia dura se quelle news fossero diffuse in televisione, ma se si provasse a fermarle su Internet, si perderebbe”.

Le tesi di Powell, che rappresenta un “braccio” importante dell’amministrazione Bush, potrebbero servire da esempio ad altri paesi, come l’Italia, nei quali la tentazione di sottoporre a controlli l’informazione online continua a manifestarsi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • SBYORaiuyND scrive:
    tiRLgUdMNGEwEiQp
    In Fact http://www.watch-tv--online.com/ movies online the dangers of e-cigarettes were not http://www.stop-snoring--now.com/ snoring mouthpiece with no .
  • Anonimo scrive:
    Grande Manu Chao!!!!! No al caro cd!!!
    abbassate questi vergognosiprezzi!!
  • Anonimo scrive:
    Comprerò subito un suo CD!!!
    Se lo merita! Finalmente un artista che ragiona col cervello e non col portafogli. Complimenti davvero.
    • Anonimo scrive:
      Re: Comprerò subito un suo CD!!!
      BRAVO PISTOLA !!!- Scritto da: Lorenzo TAD

      Se lo merita! Finalmente un artista che
      ragiona col cervello e non col portafogli.
      Complimenti davvero.
  • Anonimo scrive:
    E ora vogliono chiudere anche i siti di testi!!
    Incontentabili sono queste major!! Non gli basta vendere la musica suonata, ma vogliono vendere a parte anche testi e accordi. Ora stanno tentando di far chiudere tutti i siti di testi, ho sentito che hanno bloccato per il momento anche Peppiniel, uno dei siti con più testi italia. E ora vogliono far pagare anche sulle suonerie... MA Alla fine, la composizione di un artista quanto DEVE COSTARE????????
    • Anonimo scrive:
      Re: E ora vogliono chiudere anche i siti di testi!!

      Incontentabili sono queste major!!Perché sono il componente della catena che incassa di più (circa l'80% negli USA, molto meno in eu) e perché hanno abbastanza soldi da pilotare i governi come vogliono e non perdono occasione di ribabire il loro arrogante potere.
    • Anonimo scrive:
      Re: E ora vogliono chiudere anche i siti di testi!!
      - Scritto da: Io
      Incontentabili sono queste major!! Non gli
      basta vendere la musica suonata, ma vogliono
      vendere a parte anche testi e accordi.Avanti di questo passo i CD costeranno 100.000 a copia, verranno venduti in involucri sigillati e opachi (per evitare che qualcuno copi la copertina) e si autodistruggeranno dopo il primo ascolto... Ovviamente la qualità sarà molto scarsa per evitare che durante il primo ascolto sia possibile tirare giù gli accordi o i testi o (sacrilegio) registrare una cassettina...Bah...
  • Anonimo scrive:
    Ecco quanto guadagna una major...
    Costo di produzione di un cd=3.000£Soldi che incassa l'artista sul cd= 7-8.000£Voglio rovinarmi e arrotondare: diciamo che un cd costi 5.000£ e che l'artista incassi 10.000£ (e non è così), considerato che il prezzo medio di un cd è poco meno di 40.000£ dove vanno a finire le altre 25.000£?Se non ci fossero multinazionali di mezzo e si adottasse ad esempio una vendita on-line un cd, compreso il prezzo di spedizione via posta prioritaria, costerebbe max 20.000£, e sarebbero solo spese + guadagno per l'artista, senza oboli da versare a ditte che niente fanno...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco quanto guadagna una major...
      - Scritto da: palomar29
      Costo di produzione di un cd=3.000£
      Soldi che incassa l'artista sul cd= 7-8.000£No.Il costo di produzione è di 1000/1500 £ a seconda dei volumi, e anche di meno, conprensivi dei costi di trasporto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco quanto guadagna una major...
      Non voglio difendere le major......ma non hai dimenticato le tasse da versare allo stato?RR
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco quanto guadagna una major...
        - Scritto da: RR

        Non voglio difendere le major...

        ...ma non hai dimenticato le tasse da
        versare allo stato?E il costo di sviluppo, la sala di incisione, i costi pubblicitari, gli uffici, ecc.Forse e' come per le assicurazioni e le banche, i costi sono alti perche' non vogliono diventare efficenti, tanto basta aumentare i costi.Salve Dbg
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco quanto guadagna una major...
      - Scritto da: palomar29
      Costo di produzione di un cd=3.000£
      Soldi che incassa l'artista sul cd= 7-8.000£7-8mila? Ma MAGARI! Forse gli U2 o Madonna (che ha una casa discografica SUA) riescono a guadagnare quella somma su ogni CD! Gli altri se la sognano! L'incasso medio è sulle 3mila lire, per quanto ne so io! Ricordo ancora la sensazione che sucitarono i Take That anni fa quando riuscirono a strappare la "strabiliante" cifra di ben 2 sterline (che allora valevano 2500 lire l'una) per CD venduto, al massimo della loro popolarità! Vedi te...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco quanto guadagna una major...
        mediamenteun artista spunta fra le mille e le duemila lirese è famososennò non vede una liraventimilalire se ne vanno in distribuzionesette-ottomilalire la casa discograficail resto è il guadagno del rivenditore...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco quanto guadagna una major...
        MA DOVE LO HAI VISTO STO' FILM..STORDITO !- Scritto da: Upanisad


        - Scritto da: palomar29

        Costo di produzione di un cd=3.000£

        Soldi che incassa l'artista sul cd=
        7-8.000£

        7-8mila? Ma MAGARI! Forse gli U2 o Madonna
        (che ha una casa discografica SUA) riescono
        a guadagnare quella somma su ogni CD! Gli
        altri se la sognano! L'incasso medio è sulle
        3mila lire, per quanto ne so io! Ricordo
        ancora la sensazione che sucitarono i Take
        That anni fa quando riuscirono a strappare
        la "strabiliante" cifra di ben 2 sterline
        (che allora valevano 2500 lire l'una) per CD
        venduto, al massimo della loro popolarità!
        Vedi te...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco quanto guadagna una major...
      UN CD DA MASTERIZZARE COSTA COME SUPPORTO A LIVELLO DI PRODUZIONE 100/200 LIRETTE, NON DI PIU'.VENDUTE 10O00 COPIE DI UN CD L'ARTISTA SI è RIPAGATO I COSTI PRODUZIONE E HA COMINCIATO A GUADAGNARE( 45.000 C.A. A CD PER 10000).SE VOLETE CHE I PREZZI SCENDANO...NON COMPRATE PIU NULLA, MA VERAMENTE NULLA...PER UN ANNO.POI...STATE A VEDERE COSA ACCADE..PROVATE..NON MORITE MICA SENZA MUSICA O CD... PROVATE PROVATE PROVATE E NON SOLO CON I CD... CON TUTTO...BENZINA, SIGARETTE, CELLULARI, TELEFONO, FERIE ETC ETC, LI FACCIAMO TORNARE TUTTI A MITI CONSIGLI O DIVERSAMENTE VANNO ...A LAVURA' !!!@#@- Scritto da: palomar29
      Costo di produzione di un cd=3.000£
      Soldi che incassa l'artista sul cd= 7-8.000£

      Voglio rovinarmi e arrotondare: diciamo che
      un cd costi 5.000£ e che l'artista incassi
      10.000£ (e non è così), considerato che il
      prezzo medio di un cd è poco meno di 40.000£
      dove vanno a finire le altre 25.000£?
      Se non ci fossero multinazionali di mezzo e
      si adottasse ad esempio una vendita on-line
      un cd, compreso il prezzo di spedizione via
      posta prioritaria, costerebbe max 20.000£, e
      sarebbero solo spese + guadagno per
      l'artista, senza oboli da versare a ditte
      che niente fanno...
  • Anonimo scrive:
    Complimenti sinceri
    Complimenti sinceri a Manu Chao, sono poche le persone che la pensano come lui, e che dicono quello che pensano. Sono da apprezzare perchè non è facile oggi trovarle.
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti sinceri
      Cavolo... io sconosco totalmente questa persona, ma mia ha molto colpito...mentre britney spears & company rincorrono miliardi di dollari fino all'ultimo dollaro... lui pensa ancora alle cose veramente essenziali della vita... ed anche 1 analisi ogettiva e obiettivacomplimenti vivissimi- Scritto da: pr
      Complimenti sinceri a Manu Chao, sono poche
      le persone che la pensano come lui, e che
      dicono quello che pensano. Sono da
      apprezzare perchè non è facile oggi
      trovarle.
Chiudi i commenti