La mailing list dell'attivismo artistico

Il progetto AHA: ACTIVISM-HACKING-ARTIVISM ha dato vita alla sua mailing list, per seguire e partecipare al dibattito sulla creatività tecnologica no-copyright anti-censura


Roma – Il progetto italiano AHA: ACTIVISM-HACKING-ARTIVISM, che da tempo sta concentrando attorno a sé forze ed energie creative in un quadro di attivismo artistico di primo piano, ha annunciato in questi giorni la nascita della mailing list dedicata, una conferenza elettronica non moderata ad accesso pubblico.

“AHA – si legge in una nota – vuole evidenziare ogni forma di espressione creativa di origine individuale o collettiva non vincolata dalle logiche di profitto, no-copyright, orientata a stimolare la reale sperimentazione sui linguaggi espressivi al di fuori di ogni censura, per una libera riflessione sull’uso delle nuove tecnologie”.

Dopo la prima mostra-evento di AHA l’anno scorso, che era stata presentata anche da Punto Informatico, e il progetto AHA: Activism, Hacking, Artivism v.2 qui annunciato , gli attivisti AHA aprono finalmente quello che definiscono “un luogo di scambio collettivo sulle forme di attivismo che propongono un uso libero dell’arte e della tecnologia, uno spazio di riflessione e di informazione sull’ACTIVISM (attivismo sociale), HACKING (attivismo tecnologico), ARTIVISM (attivismo artistico), tre forme d’arte interconnesse”. In un contesto nel quale per “arte” si intende “una forma di apertura, come la capacità di intervenire personalmente nella produzione di informazione, espressione e comunicazione, partecipando in prima persona nella costruzione dell’immaginario collettivo”.

“AHA – continua la nota – invita tutti a partecipare contribuendo a scuotere e ri-combinare i nostri simboli culturali, per un’arte che non sia più una definizione ma una forma di attivismo”.

Altre informazioni sulla lista, ospitata dai server dell’associazione Isole nella Rete, si trovano qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Scettico, LCD non adatti
    A parte che le telecom non saranno molto contente...Credo che con le attuali tecnologie LCD sarà un po difficile riuscire a leggere gli schermi LCD in spiaggia.E poi chi è quel pazzo che si porta un portatile/palmare da svariati euro in spiaggia ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Scettico, LCD non adatti
      - Scritto da: Anonimo
      A parte che le telecom non saranno molto
      contente...Chi se ne frega.Piuttosto quello che mi domando è quale sia il vantaggio del Wi-Fi rispetto all'UMTS.Ci hanno già provato anni fa con DECT (standard dei telefoni cordless) a creare una rete "alternativa" a quella dei cellulari e con i risultati che tutti hanno visto.
      Credo che con le attuali tecnologie LCD sarà
      un po difficile riuscire a leggere gli
      schermi LCD in spiaggia.Non so, non ho mai provato un monitor LCD in spiaggia, qualcuno l'ha fatto e può dirci i risultati?Ovviamente non valgono le prove fatte durante le giornate nuvolose :-)
      E poi chi è quel pazzo che si porta un
      portatile/palmare da svariati euro in
      spiaggia ?Già ora portiamo in spiaggia i cellulari da centinaia di euro, non vedo la differenza.
      • Anonimo scrive:
        Re: Scettico, LCD non adatti
        Le reti wireless esploderanno anche in italia ad opera di grossi operatori. Le sciocchezzuole fatte in spiaggia non avranno ragione di esistere.Se tu sapessi quello che so io rimarresti di stucco...
        • Anonimo scrive:
          Re: Scettico, LCD non adatti
          - Scritto da: Anonimo
          Le reti wireless esploderanno anche in
          italia ad opera di grossi operatori. Le
          sciocchezzuole fatte in spiaggia non avranno
          ragione di esistere.Anche il DECT era supportato da Telecom Italia (come si chiamava, non mi ricordo più, un nome curioso tipo "pluto" o roba simile) ma non è mai decollato.A cosa serve una rete alternativa a quella dei cellulari che con l'UMTS dispone anche della banda larga?
          Se tu sapessi quello che so io rimarresti di
          stucco...Eh no, non puoi lanciare il sasso e nascondere la mano :-)Su, su, dacci un piccolo indizio ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Scettico, LCD non adatti
            Devo purtroppo... ;-)Comunque non far l'errore di paragonare il dect all'ieee802.11b/g (non chiamiamolo wi-fi che più che uno standard è un balzello)...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scettico, LCD non adatti

        Piuttosto quello che mi domando è quale sia
        il vantaggio del Wi-Fi rispetto all'UMTS.che i costi sono infinitamente inferiori, con umts saresti costretto a pagare ogni kb che scarichi, grazie al Wi-Fi potresti farlo senza pagare nulla come nel caso dell'articolo proprio perchè i costi per chi offre il servizio sono minimi.
  • Anonimo scrive:
    Anche in ITalia
    Troveremmo tutti gli impiegati comunali spaparnzati sulle spiagge con il loro bel portatilino su cui ogni tanto pigiano enter per fa vedere che sono "al lavoro". :-DDAltro che ritorno turistico!!!!
  • AdessoBasta scrive:
    A pensarci bene ...
    mi sa che quest'anno mi metto il filtro solare ad alta protezione per le radiazioni UV-A, UV-B, Wi-Fi e Bluetooth. ^_^Scherzi a parte, sono perplesso, passo già 10-11 mesi all'anno qui davanti. Sigh! Bello sì, ma con moderazione!Viva il mare senza navigare!
    • Whishper scrive:
      Re: A pensarci bene ...

      Viva il mare senza navigare!
      Se permetti, al mare ho una barchettina.... e vorrei usarla ; )
  • Anonimo scrive:
    Evvai con l'hacking selvaggio
    • Anonimo scrive:
      Re: Evvai con l'hacking selvaggio
      L'accesso e' pubblico che devi hakkare stokazzo? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Evvai con l'hacking selvag [di Takx]
        Sigh!La tua risposta fa un pò cadere le p4lle :(E' chiaro che si riferiva al fatto che, con quel sistema, non solo navighi in anonimo, ma puoi anche spostarti fisicamente.Quindi hacking selvaggio!A proposito, qualcuno mi sa dire se ci sono già dei modi per triangolarizzare la posizione di un utente di una rete wi-fi?Ciao Takx
        • Anonimo scrive:
          Re: Evvai con l'hacking selvag [di Takx]
          Con i metodi classici, una bella antenna wave guide (antenna "Pringles" per il popolo) e tre postazioni per effettuare la triangolazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Evvai con l'hacking selvaggio
        - Scritto da: Anonimo
        L'accesso e' pubblico che devi hakkare
        stokazzo? :)Sono l'autore del messaggio. 1° l'hack al coso fattelo da solo se ci arrivi con la bocca2° quando vai in bagno ricordati di lasciare il joy vicino al pc, cosi non ti sbagli quando devi ur1nar3.3° per tua info durante lo SM@U sono stati hakkati i server WINZOZ di M$. Hanno chiamato la Polizia Postale a "sniffare" l'aria. Risultato NESSUNO e' stato pinzato quindi immagina cosa vuol dire accesso da una rete pubblica WIFI e con accesso completamente anonimo.......Bravo in fatto di sikurezza 6 un drago.....
  • Anonimo scrive:
    Un sogno...
    E' già e proprio il mio sogno: passeggiare per Long Beach, ammirare le bellezze del luogo e avere a tracollo lo zainetto con dentro il portatile per farmi una navigatina in internet??? (sommerso dalla pubblicità immagino). ...
  • Anonimo scrive:
    Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
    Magari in Grecia, ma non in Italia, qui c'è ancora troppa diffidenza verso i cittadini e troppa burocrazia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
      Meno male!!! ;-)Non e' meglio navigare con il pattino?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non aspettatevi la stessa cosa in It
      Aspettatevela invece, anzi, tiratevi su le maniche questa è un'occasione per gli utenti di riprendersi in mano una fetta della torta... aspettatevi qualcosa presto, molti sono già in azione... le spese sono irrisorie e non ci sono scuse per non costruire un undernet...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
      - Scritto da: Anonimo
      Magari in Grecia, ma non in Italia, qui c'è
      ancora troppa diffidenza verso i cittadini e
      troppa burocrazia.http://www.airgate.it/messages.php?mid=2E smettetela, una buona volta, di vedere l'Italia come l'ultima ruota del carro...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
        Certo, peccato che erano fuori legge. Prima di fare certe cose è meglio studiarsi un pochettino i decreti del Presidente della Repubblica non credi?Non è bello incitare in questo modo l'illegalità. Facciamogli i complimenti!
        • DPY scrive:
          Re: Non aspettatevi la stessa cosa in It

          Certo, peccato che erano fuori legge. Prima
          di fare certe cose è meglio studiarsi un
          pochettino i decreti del Presidente della
          Repubblica non credi?
          Non è bello incitare in questo modo
          l'illegalità. Facciamogli i complimenti!Nel caso specifico citato sopra, sei in grado di dire con precisione, leggi alla mano, come dici tu, il perché è fuorilegge? Leggi alla mano, possibilmente, non vale riportare affermazioni per sentito dire o pareri presunti della Polizia postale. Due precisazioni: da come è scritto il servizio non è venduto, ma dato in uso gratuito alla clientela. Seconda cosa, se l'accesso alla spiaggia è libero, è possibile utilizzare il servizio senza neanche avere 'pagato' per l'accesso in questione, il che non configura la vendita del servizio. In base a queste precisazioni, la cosa è ancora illegale?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non aspettatevi la stessa cosa in It
            Ma sei fuori? Se quest'estate qualcuno dell'escopost arrivava in spieggetta gli facevano un mazzo come una casa! Ma cosa dici? Ma andiamo! Qui siamo arrivati alla fantasia allo stato puro!!!
          • DPY scrive:
            Re: Non aspettatevi la stessa cosa in It
            - Scritto da: Anonimo
            Ma sei fuori? Se quest'estate qualcuno
            dell'escopost arrivava in spieggetta gli
            facevano un mazzo come una casa! Ma cosa
            dici?Io ho fatto una domanda, ho portato qualche elemento e ho chiesto risposte concrete. Tu ti sei limitato a chiedere se sono pazzo. Questo non fa altro che accreditare l'ipotesi che tu non sappia di cosa stai parlando, e stai andando solo per partito preso. Hai una risposta chiara, motivata e sensata o no?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non aspettatevi la stessa cosa in It
            Bè, consiglio prima all'anonimo che scrive di leggere bene la tavola di allocazione delle frequenze ed il suo utilizzo.Se poi è così ingenuo da pensare che prima di esporsi non fosse stato chiesto un parere legale ad un avvocato esperto in telecomunicazioni...Gli elementi di riflessione te li ha espressi correttamente DPYLa connessione era gratuita al pubblico e pagata dal proprietario dello stabilimento balneare su terreno dato in concessione.Se poi qualcuno non avesse lanciato una provocazione e smosso le acque forse oggi non avresti neanche la sperimentazione wi-fi aperta nei locali pubblici.Sarebbe educato firmarsi quando si utilizzano i forumSimone Branchiniwww.airgate.it- Scritto da: DPY
            - Scritto da: Anonimo

            Ma sei fuori? Se quest'estate qualcuno

            dell'escopost arrivava in spieggetta gli

            facevano un mazzo come una casa! Ma cosa

            dici?

            Io ho fatto una domanda, ho portato qualche
            elemento e ho chiesto risposte concrete. Tu
            ti sei limitato a chiedere se sono pazzo.
            Questo non fa altro che accreditare
            l'ipotesi che tu non sappia di cosa stai
            parlando, e stai andando solo per partito
            preso. Hai una risposta chiara, motivata e
            sensata o no?
      • Anonimo scrive:
        Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
        Scusa ma quello sarebbe un sito che fa testo?ROTFL!
        • Anonimo scrive:
          Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
          E perchè? Quella iniziativa ha smosso molte più acque di quanto crediate. Ed ha dimostrato che si poteva fare con pochi mezzi.Oltre tutto non era a scopo di lucro.Io il sito lo trovo ben fatto invece. Forse è un po' troppo tecnico, ma se hai difficoltà puoi trovare informazioni più alla mano su altri siti web.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
      - Scritto da: Anonimo
      Magari in Grecia, ma non in Italia, qui c'è
      ancora troppa diffidenza verso i cittadini e
      troppa burocrazia.e poi alla fine salta fuori sempre qualche legge o regolamento che blocca tutto in modo diretto o indiretto.Tra l'altro l'esempio del comune americano non funzionerebbe in italia, dove l'imposta sul reddito la percepisce lo Stato, senza alcun vantaggio diretto per le casse comunali (la cui unica entrata propria di rilievo è l'ICI cioè l'imposta sul mattone!!)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
        Da noi c'è troppa gente che si mette a fare tante belle cose abusive senza neppure rendersene conto.Mi piacerebbe sapere se per esempio l'ADSL che quelli di quel situncolo condividevano sulla spiaggia era quella di BBB o se avevano tutti i permessi necessari e come si regolavano con quelli che si connettevano dagli alberghi/strade/spiagge/mare ecc. adiacenti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
          Su qualche spiaggia di Rimini secondo me lo faranno.... Quelli sono dei furboni e molto attenti a queste cose. In Liguria dubito assai.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non aspettatevi la stessa cosa in Italia
          Due frasi e molte imprecisioni, complimenti.Ti consiglio di leggere o ... rileggere l'articolo sul situncolo, come lo chiami tu.Spesso le persone, senza rendersene conto parlano e diconole cose senza saperle.Era un SERVIZIO e GRATUITO che copriva la sola area della spiaggia.Francesco- Scritto da: Anonimo
          Da noi c'è troppa gente che si mette a fare
          tante belle cose abusive senza neppure
          rendersene conto.
          Mi piacerebbe sapere se per esempio l'ADSL
          che quelli di quel situncolo condividevano
          sulla spiaggia era quella di BBB o se
          avevano tutti i permessi necessari e come si
          regolavano con quelli che si connettevano
          dagli alberghi/strade/spiagge/mare ecc.
          adiacenti.
Chiudi i commenti