La memoria dell'Olocausto si conserva in bit

Un colossale progetto di digitalizzazione durato dieci anni consente ora di dare alla luce un sito-museo il cui compito è ricordare molte delle vittime del nazismo
Un colossale progetto di digitalizzazione durato dieci anni consente ora di dare alla luce un sito-museo il cui compito è ricordare molte delle vittime del nazismo

Roma – Ci sono voluti dieci anni di lavoro e un insieme di 1.500 persone perché fosse possibile trasformare in contenuti digitali le testimonianze, i documenti e gli altri materiali disponibili in forma scritta, spesso appunti poco comprensibili. Eppure è proprio questa titanica opera di trasformazione in digitale che ieri ha consentito il varo ufficiale del museo Internet di Yad Vashem .

Sebbene le nuove tecnologie spesso vengano utilizzate da ricercatori e studiosi per condividere e pubblicare il proprio lavoro, quanto è stato realizzato dal museo dell’Olocausto israeliano non ha precedenti: in rete sono ora disponibili le biografie, talvolta complete talvolta frammentarie, di 3 milioni di ebrei uccisi sotto il regime nazista.

Il nuovo colossale database disponibile in inglese ed ebraico, nel quale si può facilmente navigare anche grazie a sofisticati sistemi di ricerca, è però soltanto una parte di quello che nel tempo i gestori del museo intendono realizzare, ossia arrivare al più presto ai dati di 6 milioni di persone.

La foto di una delle infinite deportazioni operate dai nazisti Ma occorre muoversi rapidamente. Esti Yaari, rappresentante del museo, ha spiegato che il lavoro ora è ancora più difficile perché molte sono le memorie che rischiano di perdersi e di non essere mai raccolte dai volontari. “Stiamo lanciando uno sforzo dell’ultimo minuto – ha spiegato ai reporter – per ottenere il massimo delle informazioni. Ci rendiamo conto che il tempo è sempre di meno”.

Sul sito del museo si legge che lo sforzo compiuto è quello di “raccogliere i nomi delle vittime ebree e preservarne la memoria. E’ un dovere morale del popolo ebraico, il nostro ultimo atto di rispetto per le vittime”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

22 11 2004
Link copiato negli appunti