La mia vita in un tape

di Saverio Manfredini - Prendono i tuoi dati e ci aprono conti e servizi, ci fanno acquisti e addebiti. Quando finisci nei guai ti dicono: era tutto scritto in un nastro perduto dalla maggiore banca d'America


Roma – Vista da qui sembra davvero un’enormità, un fatto di una tale gravità che ti aspetteresti di veder cadere teste blasonate, eppure quanto accaduto nei giorni scorsi a Bank of America non sembra proprio aver scosso gli americani, tuttal’più ha messo il turbo a qualche giornalista.

In quella banca, e parliamo del più potente istituto di credito statunitense, la banca delle banche, quella che effettua transazioni anche per conto del governo degli Stati Uniti, in quella banca dicevo qualcuno si è perso dei nastri di backup che contenevano dati personali e sensibili di 1,2 milioni di clienti.

Difficile immaginare cosa accadrebbe in Italia se da uno dei maggiori istituti sparisse una tale messe di informazione, lì negli States a quanto pare ci si limita ad un borbottìo generalizzato. Ogni manifestazione di indignazione è stata probabilmente mitigata con successo dalla dichiarazione della Bank secondo cui quei nastri non sono stati rubati, sono “solo” stati perduti. Come a dire, cioè, che nessuno sa dove siano ma, lì dove si trovano, non sono a disposizione di gente senza scrupoli. In una nota che ha diffuso sulla stampa, la banca sostiene che un’indagine condotta assieme all’FBI “non ha trovato indicazioni che suggeriscano che ai nastri o ai loro contenuti qualcuno sia acceduto e ne abbia abusato, e i nastri sono ora presumibilmente perduti”.

Che ci si potrebbe fare con quei nastri? Oltre a conoscere molte informazioni personali di cittadini americani, in particolare di dipendenti pubblici, una banda criminale potrebbe mettere in piedi frodi a non finire fondate sul furto d’identità, quella locuzione scomoda di cui in Italia si parla poco o pochissimo ma che rappresenta il vero fronte del nuovo crimine nell’era tecnologica. I “derubati” sono persone che nei prossimi mesi potrebbero ritrovarsi con debiti per spese mai compiute o con addebiti per servizi mai richiesti, oppure titolari di carte di credito, conti correnti e operazioni finanziarie destinati a metterli nei guai senza mai averli voluti o richiesti.

Il punto è che in quell’archivio si trovano dati di 1,2 milioni di persone. Non solo è impensabile monitorare per ognuno di quegli individui tutto ciò che di anomalo con quei dati potranno fare eventuali malfattori, ma è già assai impegnativo avvertirli tutti della potenziale minaccia.

Non è un caso che negli USA sia stata varata la prima legge contro il furto di identità, un obiettivo verso il quale si muove anche la UE, e non è un caso che l’agenda degli esperti di sicurezza e dei cybercop ponga il furto di identità tra le priorità. Ma non basta: gli USA sono in un’epoca in cui Choicepoint confessa di aver ceduto a dei malviventi per errore i dati sensibili su 250mila persone, in cui PayMaxx ammette un buco di sicurezza che può aver consentito di accedere ai dati finanziari e personali di 25mila persone, in cui il maggiore istituto di credito statunitense si fa scappare dei nastri con sopra vita morte e miracoli di più di un milione di persone. Certo, perdere i polverosi tomi d’un tempo sarebbe stato ben più arduo.

Sono incidenti gravi, e si ripeteranno. Per due ragioni. La prima è che un numero sempre maggiore di informazioni personali si concentra nelle mani di pochi: se uno sbaglia ci cadono dentro in tanti; la seconda è che il ricorso ai nuovi mezzi tecnologici per la gestione dei dati è inevitabile in un mondo che ne è ormai dipendente. Che a questa inevitabilità non corrisponda ancora una sufficiente attenzione alla sicurezza non deve stupire: è il frutto della difficoltà che incontra l’individuo dell’era della comunicazione a tutto tondo nel comprendere la rilevanza della riservatezza dei propri dati personali. Forse sarebbe ora di darsi una svegliata.

Saverio Manfredini

Gli ultimi interventi di S.M.:
Ma chi avrebbe capito Internet?
Un milione di domini.it? E i soldi?
Fotofonini, frontiera del pudore

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    consiglio...
    chi sa se posso portare il numero telefonico fisso su un telefonino?
  • ladythedark scrive:
    nè spendacciona nè disinteressata
    sono una utente telecom e non mi ritengo nè spendacciona nè disinteressata, anzi ...ho provato 2 anni fa fastweb, dsl xkè la zona in cui stavo non era raggiunta dalla fibra; risultato: dopo 3 giorni ho dato la disdetta xkè o scaricavo o telefonavo, il tutto condito dalle arrabbiature conseguenti alla difficoltà di contattare l' assistenza e di ottenere risposte dopo aver letto commenti entusiastici su skype, la settimana scorsa ho provato anche questo; risultato: la comunicazione è possibile solo con utenti skype al pc, ma se uso il telefono non mi sentono !!!!!!!!!!!!Così ho buttato 10 ? ho letto con interesse, proprio sul punto informatico, del VoIP ed ero quasi tentata, poi sono stata presa dal panico di ricadere nel solito problema: o scarico o telefonomorale: continuo ad essere una utente telecom non x amore, disinteresse o altro , ma x necessità
  • Anonimo scrive:
    Non era meglio fare...
    una publicità a tele2 invece della notizia ?
  • redox scrive:
    Non e' una novita'...
    A onor del vero nel regno unito dopo la liberalizzazione della telefonia occorsa gia' molti anni or sono, successe esattamente la stessa cosa. Perche in Italia dovrebbe essere diverso?I vari operatori lo sanno bene e ne approfittano!Personalmente penso che nella nostra quotidianita' abbiamo tutti davvero cosi' poco tempo libero, e spesso gia' preso da altre incombenze, che non si pensi a sprecarlo per la ricerca di un operatore migliore per la telefonia in un oceano di offerte, spesso come dire... non molto chiare, (guardate ad es. quanto e' lo scatto alla risposta di tele2, cosa affatto pubblicizzata) alla ricerca della migliore per le proprie esigenze.
  • Anonimo scrive:
    Spendaccioni
    O forse fanno troppe chiamate dal fisso al cellurare ?8-)
  • Anonimo scrive:
    Provato TELE2 : sempre andato bene
    Personalmente ho utilizzato TELE2 per anni risparmiando notevolmente e con una trasparenza aziendale e di tariffe che pochi operatori offrono. :)Per quanto riguardo quello che scriveva l'altro lettore di PI gli faccio notare che ho provato anche WIND e concordo sul fatto che i pagamenti con bollettino postale, visti i costi, riducano di molto la convenienza, ma questo vale per TUTTI gli operatori telefonici.Per i guasti alla linea si deve sempre rivolgere a Telecom, TELE2 non c'entra nulla.
  • Anonimo scrive:
    Uso Skype
    Uso Skype per le chiamate internazionali risparmiando una quantità veramente notevole di denaro, però ogni volta che lo dico a un fanatico dell'open source vengo subito duramente attaccato perché Skype è closed-source e perché, per ora, non aderisce a uno standard per la telefonia, questo integralismo non è solo inutile ma è dannoso perché se io non potessi usare Skype dovrei versare un bell'obolo al cartello delle compagnie telefoniche per ogni minuto di conversazione, evidentemente, come si evince dall'articolo, gli italiani preferiscono farlo.
  • Anonimo scrive:
    provato TELE2: una boiata
    in realta' si risparmia quasi nulla, anzi, se paghi con bollettino postale, hai pure un bollettino in piu' da pagare.Probabilmente dipende dal tipo di utilizzo, ma io ho l'impressione che i veri costi siano dati dal canone fisso e dai noleggi piuttosto che da traffico.Comunque durante il periodo che ho avuto tele2 (adesso l'ho disattivato ripassando a telecom) ho avuto 2 guasti sulla linea, cosa prima mai successa in 12 anni.Una combinazione ???? mi sembra strana.
    • Anonimo scrive:
      Re: provato TELE2: una boiata
      - Scritto da: Anonimo
      in realta' si risparmia quasi nulla, anzi, se
      paghi con bollettino postale, hai pure un
      bollettino in piu' da pagare.
      Probabilmente dipende dal tipo di utilizzo, ma io
      ho l'impressione che i veri costi siano dati dal
      canone fisso e dai noleggi piuttosto che da
      traffico.
      Comunque durante il periodo che ho avuto tele2
      (adesso l'ho disattivato ripassando a telecom) ho
      avuto 2 guasti sulla linea, cosa prima mai
      successa in 12 anni.
      Una combinazione ???? mi sembra strana.scusa ma data la fatturazione al sec e non al minuto e dati i prezzi di fatturazione + bassi in funzione delle destinazioni....per gli stessi minuti di chiamata sia con telecom sia con tele2...avrai delle differenze di costo.Inoltre il risparmio "lo vedi" sulla quantità di chiamate che fai.2 guasti sulla linea e tu trai questa conclusione? mah.....se li avessi avuti con telecom in quel periodo avresti tratto la stessa conclusione?mah
      • Anonimo scrive:
        Re: provato TELE2: una boiata
        tele2 e' solo un gestore, la linea e' sempre a carico di telecom, infatti il canone a telecom si continua a pagarlo.I guasti alla linea sono quindi da imputare sempre a Telecom
    • Anonimo scrive:
      Re: provato TELE2: una boiata
      i gusti sulla linea dipendono da telecom non da tele2, il risparmio lo vedi confrontanto i costi al minuto, non guardando la bolletta, dipendono da scatto alla risposta, durata e altro.E poi cosa vuol dire "sono tornato a telecom", puoi tenere tele2 in alternativa anche senza usarlo, secondo me parli a caso.
      • Anonimo scrive:
        Re: provato TELE2: una boiata
        - Scritto da: Anonimo
        secondo me parli a caso.o magari è sul libro paga di Telecom, e allora non sarebbe più un caso.
        • Anonimo scrive:
          Re: provato TELE2: una boiata
          Falso, se confronti le tariffe vedi che con Tele2 risparmi. E' chiaro che hai sempre il canone Telecom ma se telefoni almeno per 20-30?/mese ti accorgi della differenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: provato TELE2: una boiata
            - Scritto da: Anonimo
            Falso, se confronti le tariffe vedi che con Tele2
            risparmi. E' chiaro che hai sempre il canone
            Telecom ma se telefoni almeno per 20-30?/mese ti
            accorgi della differenza.si, risparmi i decimi sui centesimi, al minuto.può darsi che se passi 24h/di al telefono qualche euro lo risparmi, non lo metto in dubbio, è matematico.ma nel mio caso era più quello che pagavo con il doppio bollettino postale che quello che risparmiavo sulle chiamate.Quello che volevo dire è che nel mio caso, non vedevo proprio il risparmio, perchè il grosso della bolletta lo fanno canone e noleggi, e quelli non cambiano.
          • Anonimo scrive:
            Re: provato TELE2: una boiata
            tele2 è una grande boiata, te lo quoto in pieno, se non una truffa, mi hanno fatto addirittura pagare una bolletta "fantasma" dopo aver disdetto. Maledetti
  • Anonimo scrive:
    Canone altro che tariffe.....
    E' questa bieca usanza italica ad infestare le bollette degli utenti di telefonia...il canone...che a questo punto nn ha piu' senso visto che ai tempi della sip (telefonia di stato) veniva pagato il canone come dazio per l'ampliamento e il mantenimento della struttura. Ora che Sip e' privata non ha piu' il diritto di pretendere il canone da parte dell'utenza anche perche' do 50 anni di dazi penso che la rete ormai sia piu' che pagata.E' come se io per prendere l'autobus dovessi pagare un abbonamento mensile standard e poi le singole corse....non ha senso..ci vorrebbe l'intervento dell'antitrust...ma non penso che abbia l'interesse di pestare i piedi a tronchetti provera.Altro punto interessante e' che da qualsiasi parte di rivolgi c'e' una stadardizzazione delle tariffe...altresi' detta cartello.....Cosi' funziona la telefonia in italia.Martin
    • Anonimo scrive:
      Re: Canone altro che tariffe.....
      ...
      E' come se io per prendere l'autobus dovessi
      pagare un abbonamento mensile standard e poi le
      singole corse....non ha senso...Come pagare 99? alla rai, di questi tempi, e poi sorbirsi bruno vespa o la pubblicita', oppure pagare le tasse ad uno che non le vuole pagare e incita anche chi puo' a non pagarle. Vorrei che l'europa ci bandisse dall'unione a favore della turchia. Viva l'alleanza per la nazionale!
      • Anonimo scrive:
        Re: Canone altro che tariffe.....

        Come pagare 99? alla rai, di questi tempi, e poi:D Ma perchè lo pagate ancora il canone rai.
        sorbirsi bruno vespa o la pubblicita',Nessuno ti dice di guardare la rai, o scusa mi ero dimenticato che la paghi :D tanto vale subbirsela pure
        pagare le tasse ad uno che non le vuole pagare e
        incita anche chi puo' a non pagarle. Vorrei che
        l'europa ci bandisse dall'unione a favore della
        turchia. Sta succedendo e non te ne rendi conto, non ora ma fra na decina di anni ne riparliamo :D
        Viva l'alleanza per la nazionale!MHA...... w le tasse :D
        • Anonimo scrive:
          Canone RAI
          - Scritto da: Anonimo

          Come pagare 99? alla rai, di questi tempi, e poi
          :D
          Ma perchè lo pagate ancora il canone rai.


          sorbirsi bruno vespa o la pubblicita',
          Nessuno ti dice di guardare la rai, o scusa mi
          ero dimenticato che la paghi :D tanto vale
          subbirsela pure


          pagare le tasse ad uno che non le vuole pagare e

          incita anche chi puo' a non pagarle. Vorrei che

          l'europa ci bandisse dall'unione a favore della

          turchia.
          Sta succedendo e non te ne rendi conto, non ora
          ma fra na decina di anni ne riparliamo :D


          Viva l'alleanza per la nazionale!

          MHA...... w le tasse :D-----------------------------------------------------------------------------Non è, da diversi anni, un CANONE di ABBONAMENTO, bensì una TASSA di POSSESSO di un apparecchio atto alla ricezione dei segnali televisivi trasmessi. Lo paragonerei al ex "bollo" di circolazione, convertito, successivamente in "Tassa di possesso" sul bene (autoveicolo, in questo caso..).Non scappi dal cappio!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Canone altro che tariffe.....
      Mi pare che in tutto il mondo si paghi un canone per il telefono fisso (tutt'al più sono gratuite le chiamate locali o altre) perché, a differenza della rete cellulare, il gestore deve tenere a disposizione 24h/24 del singolo cliente la scheda in centrale ed il doppino.Andrea- Scritto da: Anonimo
      E' questa bieca usanza italica ad infestare le
      bollette degli utenti di telefonia...il
      canone...
  • Anonimo scrive:
    In Germania...
    Un esempio di come si potrebbero fare le cose (non necessariamente meglio - ma certamente piu' facili per il consumatore).In Germania, con un regolare contratto D-Telekom, uno alza la cornetta, digita il codice del proprio operatore preferito, e...finita li'. Si parla poi semplicemente al telefono senza problemi.La prima volta che l'ho fatto sono rimasto allibito - "come? cosi' semplice? tutto qua?" mi sono chiesto.Gli addebiti sono tutti gestiti da D-Telekom anche per gli altri operatori (unica bolletta - come fanno e che accordi hanno, non lo so!).Per usare i codici non e' necessaria alcuna registrazione, fornire i propri dati, codici fiscali, etc. etc. etc.Nessuna attivazione, nessun canone (a parte D-Telekom per la linea telefonica), nessun call-center.Utilizzo continuo per 4 anni consecutivi - 1 solo errore di tariffazione per una sola telefonata.Concorrenza? - 1,9 cent al minuto 24h/24 7gg/7 per telefonare dalla Germania all'Italia fisso-fisso; fisso-cellulare 16,1cent/min.Germania-USA 1,78 cent/min.Mi pare che i prezzi in Italia siano leggermente piu' alti...Unico "difetto" - raramente non si trova la linea (si riprova o si utilizza un operatore magara 0,1-0,2 cent piu' caro') oppure e' disturbata e con echo - basta richiamare.NOTA: non esiste scatto alla risposta, la tariffazione e' a secondi, minuti interi, o a 3/5 min. interi - le tariffe sono pubblicate CHIARAMENTE su i vari siti degli operatori ed annunciati da una voce all'inizio di ogni conversazione.Come fanno - non lo so. Di certo non fanno come in Italia. Perche loro si' ed in Italia no?Saluti,P-
  • Anonimo scrive:
    SONO SOLO ITALIOTI
    Telocom lo sa che ha a che fare co ITALIOTI, ed è questo su cui punta.Quindi, non sono spendaccioni certuni Italiani, ma sono ITALIOTI!
  • Anonimo scrive:
    no telecom? no adsl!
    un mio amico si è staccato da telecom, e ora ha solo wind-infostrada per il telefono fisso, e non paga più la bolletta telecom.grazie a ciò, non riesce ad attivare la linea adsl per internet, dato che gli hanno detto che questi servizi li offre solo telecom...
    • Anonimo scrive:
      Re: no telecom? no adsl!
      Ma figurati. l'adsl la hai anche senza Telecom. Non fare terrorismo psicologicoAlex
    • Anonimo scrive:
      Re: no telecom? no adsl!
      Per piacere, le boiate tienitele per te... Ci fai più bella figura.....
    • Cromwell scrive:
      Re: no telecom? no adsl!
      Cmq si può avere anche l'adsl, l'unico problema è che se hai cambiato operatore (in questo caso infostrada) i tempi sono molto + lunghi perchè ti fanno aspettare finche non attivano la loro rete
      • Anonimo scrive:
        Re: no telecom? no adsl!
        - Scritto da: Cromwell
        Cmq si può avere anche l'adsl, l'unico problema è
        che se hai cambiato operatore (in questo caso
        infostrada) i tempi sono molto + lunghi perchè ti
        fanno aspettare finche non attivano la loro reteTutto vero...Ma quando la Telekom attiva l'ADSL in tutt'Italia???Lo sapete che ci sono ancora "cittadini di serie A" e "cittadini di serie B" per la Telekom??? E siamo nel terzo millennio...Esempio:Chi è in possesso dell'ADSL paga circa 29 ?uro al mese e può esser connesso 24 ore su 24...Invece chi non ha questa possibilità (e credo che in Italia ancora siamo in tanti)...paga "ANCORA" la connessione Internet a minuti...Questo vale per tutti gli operatori telefonici...Come si fa a dire cavolate del genere "TELEFONO FISSO, ITALIANI SPENDACCIONI"???Cludid
  • Anonimo scrive:
    Concorrenza assente
    Secondo voi, le compagnie telefoniche qui in Italia sono veramente concorrenziali ? A partire dall' ex-monopolista (??) a tutte le altre aziende, cosa offrono di più o in meno ? Io sono in commercio da 10 anni ed ogni volta che mi chiamano per propormi di sganciarmi dalla "mamma" la vocina al telefono dice che si risparmia......ma quello che non dice è il "come". Le telefonate potranno costare anche meno oppure ti fanno pagare un canone flat ma, alla fine, tra una telefonata al cellulare in più od un fax all'estero quanto veramente si risparmierebbe rispetto ad altre ?Sinceramente tra operatori che si appoggiano a T.I. ed altre che ti promettono di "non pagare il canone" lasciandoti 10 giorni senza linea (e quindi altre telefonate inutili) oltretutto facendoti arrivare una bolletta di colore differente ma di uguale pagamento, dove è scritto che "si risparmia" ?Come al solito il "business" funziona bene per fregare le persone......
  • Anonimo scrive:
    Togliere il telefono fisso...
    Togliere canoni ed utilizzare solo in cellulare, cercando l'operatore che costa meno.
    • Trotty scrive:
      Re: Togliere il telefono fisso...
      una chiamata di cellulare costa 15cent al minuto+scattocon tele2 (per dirne una) in fascia alta 6cent al minuto + metà scatto e 32? a bimestre di costi fissi da ammortizzare.Fate bene i conti, dovremmo metterci tutti daccordo per chiamarci solo al cellulare
  • Anonimo scrive:
    concorrenza a danno degli utenti
    E' scandalosa la pratica di molte compagnie telefoniche di far concorrenza ma a danno dell'utente finale. Esempi? Le tariffe spesso non sono chiare oppure estremamente articolate e complicate (occorre districarsi tra orari a tariffa piena e ridotta, scatto alla risposta, piani tariffari speciali ma con canone aggiuntivo, canone per il telefono e gli accessori, tariffe diverse sulla distanza, ...) e non tutti hanno tempo e voglia di districarsi tra le varie offerte per ottenere un risparmio le più volte marginale. Ogni compagnia telefonica cerca di convincerti che la loro offerta è migliore anche quando non lo è, gli utenti finali sono letteralmente "predati" da consulenti che tentano di affibbiarti un contratto con la compagnia che li paga: utenti che ricevono tre telefonate alla settimana da parte di operatori di compagnie telefoniche, persone anziane che vengono raggirate da consulenti che girano porta a porta a volte facendosi passare per altri (l'ultima che ho sentito è di una persona che si è presentata come un operatore dell'azienda del gas e alla fine ha fatto firmare un contratto di telefonia fissa Infostrada/Wind al povero utente sprovveduto e inconsapevole). Trovo disgustosa e incivile l'aggressività con cui queste compagnie cercano di conquistarsi il mercato. Non potrebbero le compagnie telefoniche ridimensionare le loro mire e ciascuna accontentarsi di ritagliarsi una nicchia di mercato calibrando le offerte, con maggiore soddisfazione degli utenti? Utopico?
  • Anonimo scrive:
    ma vi sembra strano ????
    e normale visto che paghiamo un canone "abuso secondo me" alla telecom infostrada 7 euro e rottitelecom con 100 euro di abbonamento internet tot 147 e nn ci sono telefonatefate voi
  • Anonimo scrive:
    L' UTONTO ...
    Non esiste solo in informatica.Il problema è che utilizzare il cervello è difficile e complesso, quindi in tanti lo tengono perennemente in standby ......
    • swann scrive:
      Re: L' UTONTO ...
      E' che in realtà conviene ben poco a meno di avere un traffico intorno ai 100 euro a bimestre: infatti in % il risparmio può essere elevato (tra il 15 ed il 20%), ma se non generi volumi...Io con i miei 18 euro monooperatore sono passato ai 16,75 con 4...più tutte le rotture di avere 4 bollette (a volte anche il vantaggio, nel senso che gli altri operatori fatturano random), di dover fare 4 codici... eccetera. Non conosco nessuno che abbia tanto traffico da avere un vantaggio (secondo me vantaggio c' è sui 30 euro annuali).E' il canone la vera mazzata (tolta l'IVA è sempre l'80%-90% della bolletta): queste indagini non servono assolutamente a niente
      • Anonimo scrive:
        Re: L' UTONTO ...
        swan ha perfettamente ragionequoto pienamente
      • Anonimo scrive:
        Re: L' UTONTO ...
        - Scritto da: swann
        E' che in realtà conviene ben poco a meno di
        avere un traffico intorno ai 100 euro a bimestre:
        infatti in % il risparmio può essere elevato (tra
        il 15 ed il 20%), ma se non generi volumi...
        Io con i miei 18 euro monooperatore sono passato
        ai 16,75 con 4...più tutte le rotture di avere 4
        bollette (a volte anche il vantaggio, nel senso
        che gli altri operatori fatturano random), di
        dover fare 4 codici... eccetera. Non conosco
        nessuno che abbia tanto traffico da avere un
        vantaggio (secondo me vantaggio c' è sui 30 euro
        annuali).
        E' il canone la vera mazzata (tolta l'IVA è
        sempre l'80%-90% della bolletta): queste indagini
        non servono assolutamente a nienteHai raggione il problema è il canone.
    • mARCOs scrive:
      Re: L' UTONTO ...
      - Scritto da: Anonimo
      Non esiste solo in informatica.
      Il problema è che utilizzare il cervello è
      difficile e complesso, quindi in tanti lo tengono
      perennemente in standby ......Anche se non fosse in standby, diventerebbe cmq problematico risparmiare sfruttando le offerte dei vari operatori.Primo, perché occorre essere sempre informati sulle tariffe ed una persona credo che abbia di meglio da fare che spluciare siti web e tabelle per risparmiare quattro soldi.Secondo, perché i costi dipendono dal tipo di telefonata e dalla durata. Ad esempio, io con Wind pago un costo fisso per le chiamate nazionali ai numeri fissi: 10 centesimi , indipentemente dalla durata e dalla distanza. Questo fa sì che le chiamate con Wind sono molto convenienti sotto alcuni punti di vista (ad esempio, se sono interurbane o se sono lunghe...) ma sono meno convenienti da altri (ad esempio, se sono urbane e se durano meno di 5-6 minuti). Anche se mi sono fatto delle tabelle con Excel con tanto di grafici (per notare la convenienza delle varia tariffe), è difficile stabilire a priori il costo della telefonata (perché dipende, come detto prima, da una serie di fattori a cui va aggiunta anche la fascia oraria!) e quindi quale operatore scegliere.Il risparmio che ho ora, guardando le precedenti bollette di Telecom Italia, non è assolutamente degno di nota. Quindi mi chiedo onestamente se serva davvero stare appresso a tre-quattro operatori differenti per spendere qualche euro in meno al mese.mARCOs==================================Modificato dall'autore il 02/03/2005 11.47.47
      • Anonimo scrive:
        Re: L' UTONTO ...
        E' vero... dipende dal tipo di telefonate che fai... però risparmiare é possibile basta aprire gli occhi e svegliarsi...Ad esempio io lavoro tutto il giorno, e le uniche telefonate da rete fissa a casa le faccio la sera...Con Wind l'anno scorso ho attivato "happy night", con cui puoi parlare "gratis" dalle 8 di sera alle 8 di mattina a 2,5 euro al mese... e senza scatto alla risposta.Per tutto l'anno scorso addirittura non si pagavano nemmeno quei 2,5 euro...La mia ragazza sta attaccata al telefono per delle ore... e sapete quanto ho speso l'anno scorso per il traffico telefonico...0 (ZERO) euro o poco più...Aggiungo questo, due settimane fa una ragazza del call center di wind mi ha chiamato e mi ha detto che per premiarmi di aver scelto "Happy night", wind mi regala 500 minuti di chiamate al mese verso un numero di cellulare (sempre wind) a mia scelta... E se una cosa é gratis non si rifiuta mai :-)E infine sempre un paio di settimane fa ho scelto di non farmi pià recapitare la bolletta telefonica via posta ordinaria ma solo via e-mail. In questo modo si risparmiano anche i soldi di invio estratto conto.E la wind per premiarmi di questa ultima scelta mi ha dato un altro bonus di 5 euro una tantum sulla bolletta.Se non é risparmio questo cosa dovrebbe esserlo ?Fra un po la wind mi paga per telefonare :-)
  • Anonimo scrive:
    Problemi per il cambio operatore
    Come già segnalato in altri messaggi, il problema vero è che, al di là del fatto che forse non tutti sono al corrente delle tariffe dei singoli operatori, il cambio di linea da un operatore all'altro può essere fatale. L'esperienza da me fatta per passare da Telecom a Fastweb a raccontarla ci vorrebbe un film. Credo che questo sia il vero freno al cambio operatore. Quando poi, nel caso di Telecom, a fronte di richieste di informazioni precise l'operatore, che si qualifica con il solo nome, ti attacca il telefono in faccia o magari rimane, ingenuamente con il microfono attivo, e ti fa sentire, mentre è al telefono con qualche suo conoscente, un intenso scambio di indirizzi di siti pornografici, il caso diventa disperato.
    • Sparrow scrive:
      Re: Problemi per il cambio operatore
      Secondo me si,ci sono svariate testimonianze sulla vera e propria ODISSEA di chi decide di lasciare Telecozz e poi semmai cerca di ritornarci.Per questo molti italiani rinunciano a cambiare del tutto (distacco totale da Telecozz) e i più attivi si fanno Tele2 o Wind per risparmiare sulla bolletta, con o senza preselezione automatica. Lo stesso dicasi per l'ADSL, quando si disdetta un contratto (annuale) e poi la portante ti rimane occupata per mesi dal vecchio gestore che fai ?Resti senza linea ???Se l'Authority non risolve questi problemi con una CARTA SERVIZI decente, la vera concorrenza NON ci sarà mai.
    • Anonimo scrive:
      re:"Customer satisfaction"
      Prima di aver fatto "il salto della quaglia" da un operatore all'altro, ci dovrebbe essere un "accertamento delle condizioni" proposte , accettate ed accertate sul nuovo servizio sottoscritto con l'operatore prescelto in alternativa al fornitore precedente. I CONTRATTI SI FANNO IN DUE !!!!Soprattutto, è indispensabile la certificazione dell'accettazione delle clausole proposte: o lo si fa per iscritto legale certificato, con tanto di firma autografa ed identità accertata (===
      raccomandata, asscurata, et similia cartacei) oppure ( e sarebbe pure ORA !!!!!!!!!) con la firma digitale certificata MA..... a prova di raggiro, HI!saluti da Taranto.Giorgio
  • Masque scrive:
    Telecom già lo sa.
    Suppongo che questa cosa Telecom la sappia da un pezzo. Non a caso, sono sempre i primi a proporti l'adsl gratis in prova e a telefonarti con le nuove offerte.Se più sembrare complicato passare da un operatore all'altro per quanto riguarda le telefonate, per l'adsl è ancora peggio (e se ne sentono di cotte).In quel caso, è ancora più frequente che un cliente rimanga ancorato alla compagnia con cui ha fatto il primo contratto, per paura di trovarsi senza linea per un mese.
  • Anonimo scrive:
    La colpa e' di nessuno
    Del telefono fisso ormai se ne fregano tutti, un feticcio degli anni andati. Oggi trovi un telefono che genera un minimo di traffico solo dove ci sono gli anziani (e parliamo di vecchi), il resto della popolazione, a partire dalla mia nipotina di 6 anni, per finire ai miei genitori che i 50 li hanno passati da un pezzo, utilizza il cellulare... in pratica si paga solo il canone (chi ha Telecom Italia). Pensare che fino a qualche anno fa erano guai restare senza "linea", adesso ci si passa accanto e qualche volta si alza la cornetta per riprovare quella senzione ormai dimenticata. :)Se ci fosse qualcosa su cui indagare (e bastonare gli italiani) bisognerebbe cercarla nella telefonia mobile... li arrivano le vere stangate, altro che telefono fisso.
    • Anonimo scrive:
      E i FAX ? re: "La colpa e' di nessuno"
      E i fax, come li mandi? Con il terminale sono un patema....Allega questo, metti quest'altra copertina, copia cartace x archivio, ricevuta stampata.....
  • Anonimo scrive:
    Fosse facile!
    Ho mandato una raccomandata AR a Wind/Infostrada nel novembre 2002. Ho telefonato due volte. Ho sentito anche un funzionario della ditta di riscossione crediti a cui si appoggia. Niente, continuano a mandarmi le minacce che se non pago da novembre 2002 ad oggi mi portano in tribunale.Non so più che fare: aspetterò che mi chiami il giudice a cui porterò la ricevuta di ritorno con la lettera e la ricevuta di spedizione.Altro che pigrizia!Ma che paese delle banane siamo, se anche le grosse compagnie di telecomunicazione cercano di truffarti?Tit.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fosse facile!
      - Scritto da: Anonimo
      Ho mandato una raccomandata AR a Wind/Infostrada
      nel novembre 2002. Ho telefonato due volte. Ho
      sentito anche un funzionario della ditta di
      riscossione crediti a cui si appoggia. Niente,
      continuano a mandarmi le minacce che se non pago
      da novembre 2002 ad oggi mi portano in tribunale.
      Non so più che fare: aspetterò che mi chiami il
      giudice a cui porterò la ricevuta di ritorno con
      la lettera e la ricevuta di spedizione.
      Altro che pigrizia!
      Ma che paese delle banane siamo, se anche le
      grosse compagnie di telecomunicazione cercano di
      truffarti?

      Tit.Siamo in due. Interruzione dell' ADSL a agosto 2003, mai ripristinata, infinite telefonate, due raccomandate e ancora mi mandano le bollette. Invece io quelli dell' agenzia ( ben nota in internet per le minacce che usa per tentare di farsi pagare addebiti inesistenti ) non la ho nemmeno cagaxa ......Pensa che io, addirittura, non ho più la linea telefonica da Novembre 2003 ( uso l'adsl senza abbonamento telefonico ....), ma LORO insistono lo stesso .......Wind è una VERA truffxtrice .....Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Fosse facile!
        Dimenticavo .... Se non arriva una richiesta con raccomandata ( con ricevuta di ritorno ), per la legge non è mai arrivato nulla ....Per cui, fregatevene.....
  • Anonimo scrive:
    masochismo e ignoranza
    A molti piace stare "tranquilli" e preferiscono pagare x una sorta di sudditanza verso le autorità.altri sono ignoranti e pigri.Io rimango a telecom perchè x ora non ci sono reali alternative: perchè pagare il "canone" e poi l'abbonamento ad altri.E in caso di guasti?Poi l'elevata frequenza di offerte è rischiosa.alla fine se ci si muove troppo si finisce come al gioco dell'oca:si torna al punto di partenza.Hasta la (tele)vista......;)
  • Anonimo scrive:
    La colpa è mia.
    Scusate.
  • Anonimo scrive:
    è anche l'esperienza
    negli ultimi anni ho provato 5 ditte che promettevano apparenti risparmi sulla telefonia.ho avuto vari problemi:1) con una di queste 5 avevo un contratto di sconto del 50% su un numero di telefono. dopo qualche mese aggiungero la clausola che non poteva essere di un provider diverso da quello a loro collegato2) per ben 4 volte la bolletta non risultava pagata, per cui avevo la possibilità di telefonare un mese si e due no3) qualità pessima4) forse è fallita, non mi è arrivata neanche l'ultima bolletta.5) le tariffe sono state variate senza preavvisoa questo bisogna aggiungere il fastidio di dover pagare 1 bolletta in più, quindi 1 ora di fila, 2 euri di benzina e 1 di bollo alla posta (non ho e non desidero conti correnti ed in ogni caso non autorizzerei mai nessuno a prelevarvi soldi) per poi alla fine dover bestemmiare con 2 centralini di assistenza agli utenti? no, grazie, preferisco avere solo i disservizi di telecom o comunque di qualcun altro che sia l'unico fornitore sia della telefonia che della linea
    • Anonimo scrive:
      Re: è anche l'esperienza
      scusa la domanda.. ma se non hai conti correnti i soldi li tieni sotto il materasso?
      • Anonimo scrive:
        Re: è anche l'esperienza
        - Scritto da: Anonimo
        scusa la domanda.. ma se non hai conti correnti i
        soldi li tieni sotto il materasso?Hai mai sentito parlare di libretti postali nominativi?
        • Anonimo scrive:
          Re: è anche l'esperienza

          Hai mai sentito parlare di libretti postali
          nominativi?su ciò che scrivi hai ragione.Però potresti farti la domiciliazionebancaria o postale x evitare disguidi. Ma se vuoi evitare pure le spese dei c/corr, ti capisco.Poi passare ad altri operatori non converrà finchè ci sarà il canone telecom.
  • Anonimo scrive:
    La colpa è di mia suocera!
    ;) (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    La colpa è del popolo bue
    mite bestiame che non attende altro che farsi mungere.
    • Anonimo scrive:
      Re: La colpa è del popolo bue
      - Scritto da: Anonimo
      mite bestiame che non attende altro che farsi
      mungere.
      Meno male ci sono le volpi come te.
      • Anonimo scrive:
        Re: La colpa è del popolo bue
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        mite bestiame che non attende altro che farsi

        mungere.


        Meno male ci sono le volpi come te.Infatti. Se ci fossero più volpi, le compagnie non potrebbero fare i lupi.
  • Anonimo scrive:
    La colpa e' di telecom
    Come si fa a ridurre i costi se non distruggono prima la telecom ?
    • Anonimo scrive:
      Re: La colpa e' di telecom
      - Scritto da: Anonimo
      Come si fa a ridurre i costi se non distruggono
      prima la telecom ?Forse basta dividere la unita' infrastutture da quella dei servizi
      • Anonimo scrive:
        Re: La colpa e' di telecom
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Come si fa a ridurre i costi se non distruggono

        prima la telecom ?
        Forse basta dividere la unita' infrastutture da
        quella dei serviziChe con la privatizzazione selvaggia, Telecom si è ritrovata in eredità un'infrastruttura pagata con le tasse degli italiani...
  • Anonimo scrive:
    La colpa è delle compagnie...
    Che spesso nascondono con clausole, cavilli e righe piccole cose che non ci piacerebbe leggere. Le cose non sono sempre così trasparenti.L'italiano medio quando sente la pubblicita' di Tele2, per esempio, non cambia perchè ha paura di essere fregato. Forse potrebbe risparmiare, ma conoscendo i suoi simili (italioti, per di più markettari) ha paura della fregatura.E non ha tutti i torti, secondo me.
    • Anonimo scrive:
      Re: La colpa è delle compagnie...
      e invece sbaglia perchè Tele2 è quanto di più onesto si possa avere.. siamo idioti due volte..
    • Anonimo scrive:
      Re: La colpa è delle compagnie...
      Io ero passato a tele2... poi visto che per la tipologia di telefonate risparmiavo pochissimo e nelle ore di punta era quasi impossibile prendere la linea ho lasciato perdere... ora magari hanno migliorato ma i dubbi sulla qualità restano sempre
    • Anonimo scrive:
      Re: La colpa è delle compagnie...
      la colpa è della burocrazia e della poca trasparenza, hanno l'abitudine malvagia di non pubblicizzare alcuni aspetti negativi delle offerte che poi si ripercuotono sulla fiducia dei cittadini che poi la diffondono a macchia d'olio e che poi fanno fallire la ditta che poi cambia nome e ricomincia a truffare di nuovo e così all'infinito secula seculorum amen.
      • MissMarple scrive:
        Re: La colpa è delle compagnie...
        Hai ragione: è colpa della poca "glastnost". Io ho paura a passare ad un'altra Compagnia, perché temo "ritorsioni" da parte di Telecom. Ho l'ADSL con un provider non Telecom: a questa Società (+ che seria) ho pagato l'attivazione da fine luglio 2004, perché in tale data Telecom aveva notificato loro l'attivazione della mia linea. Poi le ferie, ed al ritorno provo a connettermi: nisba. Mi aprono una richiesta di intervento tecnico (a Telecom, al suo ultimo miglio del cavolo!!!) ed il tecnico (Telecom), mi dice che la mia linea non era ADSL, e che l'attivazione ADSL me l'ha fatta lui (16 settembre). Chiedo al provider il rimborso di un mese pagato a uffa, ma a lui risulta l'attivazione di luglio. Chiedo a Telecom prova della data in cui mi è stata attivata la linea, e copia del rapporto del tecnico: indovinate chi mi ha risposto???Ulisse nella grotta del Ciclope = NESSUNO!!!! E se per un altro guasto non dovessero mandarmi nemmeno il tecnico?
        • Anonimo scrive:
          Re: La colpa è delle compagnie...
          - Scritto da: MissMarple
          Hai ragione: è colpa della poca "glastnost".uau che eruditose dicevi trasparenza non era la stessa cosa?=/
Chiudi i commenti