La Naming Authority tradita

di The Observer. Cosa sta accadendo nell'autorità di naming? Che fine hanno fatto le proposte sul tappeto? E le iniziative della Registration Authority. Ecco cosa accade là dove si governano i domini .it


Roma – Son passati appena 9 mesi da quando l’assemblea della Naming Authority tenutasi il 16 marzo 2001 a Roma aveva eletto un nuovo Comitato esecutivo, che aveva, fra le altre cose, il compito di predisporre le modifiche allo statuto e difendere la Naming Authority dagli attacchi di chi ne voleva un’ingloriosa fine.

Grandi progetti, roboanti proclami avevano accompagnato quelle elezioni, quasi si fosse trattato di un’assemblea costituente. E c’era da ben sperare. Il primo Comitato esecutivo si era riunito appena cinque giorni dopo, mettendo sul tappeto voto elettronico e statuto. Dai verbali risultavano anche in attesa di discussione altre importanti proposte, quali l’abolizione della lettera di assunzione di responsabilità o le norme antispam.

L’entusiasmo è stato di breve durata. Il CE si è riunito due o tre volte, ha discusso sui massimi sistemi, ha espresso grandi auspici per grandi cose, ma in concreto non ha concluso nulla. Alla fine, a rischiarare il fosco quadro e spazzare via tanta fumosa inconcludenza, si è presentata la Registration Authority con la sua soluzione finale : ossia la creazione di un policy board interno alla RA stessa, nominato dal direttore dello IAT, che avrebbe assunto i compiti regolamentari sinora affidati alla NA. In pratica, la fine della Naming Authority.

Che la Registration Authority puntasse da tempo a riassumere la sua posizione di “arbiter dominiorum” era noto da tempo, e non ha stupito nessuno. Quello che invece ha lasciato estremamente perplessi è che tale posizione non abbia trovato alcuna seria reazione nè da parte del presidente della NA, nè da parte del CE. A parte qualche posizione contraria isolata, la sensazione che si è avuta è stata che nel CE si ritenga generalmente che la NA abbia fatto il suo tempo, che per come è fatta non sia in grado di andare avanti e produrre norme adeguate, e che quindi, tutto sommato, la soluzione proposta dalla RA sia l’unica praticabile.

E quasi a conferma che la Naming Authority è in uno stato comatoso che impone alla RA di intervenire, il CE in parte si è dissolto, in parte è caduto in letargo. Bertola e Guerrieri hanno pensato bene di dare le dimissioni dal CE, motivandole con il fatto che esso non funzionava come doveva (e loro dov’erano? Non rappresentavano il 20% dei membri eletti dall’assemblea?). Anche Monti ha lasciato poco dopo il CE, più onestamente evitando sdegnosi quanto improduttivi atteggiamenti aventiniani.

A questo punto il direttore del CE, che già aveva rallentato al massimo il metabolismo del Comitato esecutivo, visto l’approssimarsi dell’inverno ha pensato bene di cadere in letargo. Un letargo che emerge evidente dai soli numeri delle riunioni del Comitato esecutivo da lui diretto: 5 riunioni in 10 mesi, di cui 3 effettuate nei primi tre mesi; il che significa che negli ultimi sette mesi il CE è stato convocato solo due volte!! (Per avere un metro di paragone, il Comitato esecutivo diretto da Codogno si era riunito 11 volte in un anno).

Eppure, lavoro ce ne sarebbe da fare, e tanto. A prescindere dalle modifiche allo statuto, su cui ci sarebbe ancora molto da discutere, ci sono ancora sul tavolo la questione del voto elettronico, le proposte di abolizione della lettera di AR, le proposte di ampliare la registrabilità dei domini eliminando il limite per le persone fisiche, la discussione sullo spam, e, non meno importante, l’amministrazione corrente.

Ma tant’è. I vertici di NA e CE sembrano i primi ad essere convinti che la NA sia finita, e non vale quindi la pena sprecarsi in nuove riunioni. Nelle alte sfere della NA ci si è allineati ai concetti espressi dalla RA alla scorsa riunione dei maintainer. E’ molto di moda ripetere che la NA non funziona e che così com’è non può andare avanti: perché non è rappresentativa, perché è “caciarona”, perché non ha legittimazione, etc. etc.

Così nel CE ci si pongono dubbi amletici sulla sua legittimazione e perfino sulla sua esistenza giuridica, e qualcuno scopre che la NA non ha le basi, è illegittima. Primo fra tutti lo stesso direttore del CE: “Bini ritiene che la posizione attuale di NA e CE sia troppo debole in termini di legittimazione giuridica per imporre alcunché, soprattutto in un ambito di competenze quantomeno incerto” , si legge nel verbale della riunione del CE del 27 aprile 2001. Niente male per una persona che non solo è sempre stato eletto nel CE, ma ha anche fatto parte del gruppo che ha scritto l’oggi tanto vituperato statuto! Dobbiamo quindi dedurre che per anni di Internet in Italia è vissuta nella illegalità? E che dire del CNR, alias la RA, che per 4 anni ha registrato centinaia migliaia di domini seguendo le norme fatte da qualcuno che non esisterebbe? E di tutti gli avvocati, membri della NA e del CE, che non si sono resi conto di una tale situazione?

Meglio dunque affidare tutto alla RA, che forse non ha più legittimazione della NA ma indubbiamente ha molti, ma molti più soldi, che da soli legittimano tutto quello che si vuole.

Nell’attacco dall’interno e dal vertice al cuore della NA si è anche puntato ad una sua presunta mancanza di rappresentatività. Nella NA ci sono “solo” oltre 340 persone di ogni estrazione e professione che si interessano ai problemi di internet; ma ovviamente ne rimangono fuori milioni di utenti, per la maggioranza dei quali il sito è un dominio, e un dominio è un www. Anche qui la soluzione, neanche a dirlo, è la proposta della RA, il cui direttore, nella sua illuminata sapienza, saprà ben scegliere chi nominare e chi no nel nuovo policy board della RA, in rappresentanza delle grandi masse che tanto si appassionano alle regole di naming da non conoscerne neppure l’esistenza. (Scommettiamo che gran parte dei vertici della NA e dell’attuale CE vi finiranno dentro? Ah, dimenticavamo di specificare che i membri del policy board della RA non dovranno più lavorare gratis come il CE attuale, ma avranno a disposizione generosi rimborsi spese da parte della RA, come del resto tutti i comitati consultivi del CNR…).

Altri ancora ritengono che la NA, così come è strutturata, non possa funzionare. Alla scorsa riunione dei contributori si dice che la RA abbia sparato a zero sulla inefficienza della NA, sulla sua incapacità di svolgere le sue funzioni, etc.; senza peraltro specificare quali sarebbero queste inefficienze, quali le istanze che il CE non avrebbe accolto, e via dicendo.


In realtà, se ci sono inefficienze nel processo regolamentare, queste sembrano imputabili proprio alla RA stessa. I verbali del CE sono pieni di questioni su cui si attendono pareri di fattibilità, studi sull’impatto operativo, risposte che la RA doveva dare e sembra non abbia mai dato. Alcuni esempi? E’ dalla riunione del 14 luglio 2000 che il CE ha deliberato “di perseguire un’evoluzione delle regole di naming e dell’attuale LAR cartacea verso un modello in cui rimanga comunque intatta l’identificabilità del richiedente del nome a dominio, eventualmente per mezzo di un mandatario che invii i dati rilevanti in maniera elettronica certificata” , e CE e RA si sono impegnati, “ciascuno per la parte di propria competenza, a preparare regole e procedure tecniche a tale proposito.” Ma mentre un articolato di norme senza lettera di AR è circolato in lista NA da gennaio 2001, nulla è mai arrivato dalla RA. Un altro esempio? La riunione del 21 marzo 2001 si era conclusa con l’impegno della RA di valutare “l”impatto organizzativo-logistico delle diverse soluzioni di gestione del voto elettronico” . A quel che risulta dai verbali delle riunioni, il CE aspetta ancora tale valutazione; esattamente come aspetta ancora dalla RA “una relazione sugli aspetti operativi legati ad una possibile liberalizzazione della registrazione per le persone fisiche UE, o in alternativa per un contingentamento delle registrazioni stesse” (riunione del 27 aprile 2001), o aspetta ancora “l’approfondimento sotto il profilo attuativo e contrattuale” delle proposte contro lo spam (idem).

Eppure, sono le norme prodotte dalla oggi tanto vituperata Naming Authority, fatte con l’attuale statuto, quelle che hanno consentito il boom dei domini in Italia e lo sviluppo di Internet in Italia. Gli odierni critici della funzionalità del sistema NA dimenticano che i primi due comitati esecutivi, diretti rispettivamente da Fogliani e Codogno, sono riusciti nel primo anno a riformare le regole di naming e a liberalizzare il ccTLD.it, nel secondo anno a introdurre le MAP e debellare il cybersquatting.

Se il sistema è lo stesso, evidentemente sono le persone di oggi che non vanno. La cosa sospetta è però che gran parte dei vertici che oggi si schierano contro la NA, che li ha eletti a loro rappresentanti, sono gli stessi che hanno vissuto e governato la NA in quei primi due anni, e sanno quindi benissimo che il sistema, se qualcuno lo vuole far funzionare, funziona, e molto bene. I vari Allocchio, Trumpy, Bini, Fogliani, Mazzucchi, Vannozzi, hanno ininterrottamente ricoperto cariche nella NA sin dalla sua fondazione. Critiche distruttive da parte loro sulla legittimazione e sulla funzionalità di quella NA che essi stessi hanno contribuito fattivamente a creare non possono non creare il sospetto che almeno alcuni di essi siano pronti a saltare su altre poltrone, più comode e meglio remunerate, lasciando alle spalle la scomoda e rumorosa democrazia della NA.

Facendo con ciò contenti, oltre a loro, tutti quelli che contano. La RA, che con il suo policy board interno potrà fare e disfare le norme a suo piacimento, senza avere il noioso controllo esterno degli oltre 300 chiassosi membri della NA; i grandi maintainer, che potranno trattare direttamente con la NA facendo valere il proprio peso economico e contrattuale senza doversi confrontare con quelli più piccoli e con gli interessi di altre categorie di utenti; i politici, che avranno un punto di riferimento certo senza dover fare i conti con un’assemblea democratica sempre difficile da manovrare.

La manovra pare essere a buon punto, e permanendo lo stato di torpore della lista NA difficilmente sembra possa essere bloccata, visto che il maggiore attacco all’autonomia e all’esistenza della NA viene proprio dal suo interno, e proprio da coloro che invece avrebbero dovuto esserne garanti.

Mentre Bini mantiene il CE in letargo e lo costringe alla più assoluta inattività senza che il presidente Allocchio abbia nulla da ridire, quest’ultimo si dà da fare con i politici. A chi chiede in lista cosa stia succedendo dietro il muro di silenzio alzato da presidenza e direttore del CE, risponde affermando che il “dialogo” con il governo prosegue bene. Ma cosa il presidente stia dicendo, a chi lo stia dicendo e a cosa punti è un mistero che ancora non è stato e probabilmente non sarà mai svelato; il tutto, alla faccia della trasparenza di cui il presidente, secondo lo statuto della NA, dovrebbe essere garante.

E la NA, nel frattempo, cosa fa? Ben poco. I suoi componenti sembrano essere stati contagiati dal torpore del direttore del CE. Qualcuno ogni tanto si sveglia, chiede lumi, poi tutti – salvo i soliti pochi noti battaglieri – si riaddormentano, occupati nel loro lavoro. Dimenticando che le regole che abbiamo oggi sono regole create nella democrazia, e che proprio grazie a quelle regole democraticamente create si è sviluppata Internet ed il lavoro da essa creato in Italia.

Ma si sa, la libertà e la democrazia sono beni che ci si rende conto di aver avuto solo quando si sono persi. Vedremo se la NA riuscirà a svegliarsi del letargo, o se passerà direttamente dal sonno alla morte senza ulteriori sussulti.

The Observer

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
    Cito dal dizionario enciclopedico UTET:Libera concorrenza: situazione economica nella quale nessuno scambista è in grado di determinare i prezzi del mercato, dal momento che l'operatore stesso non è in grado di comprare o di vendere la maggior parte di tutta la merce esistente.Concorrenza sleale: ogni atto con cui un imprenditore cerca di diffondere i propri prodotti (sfruttando la posizione dominante nei S.O. per imporre IE, OE, MSN WMP ecc.) o accaparrarsi clienti usando mezzi professionalmente scorretti che danneggiano i suoi concorrenti come uso di marchi che possono essere confusi con quelli dei concorrenti (ti dice niente che il 24.03.2001 esce MacOS X e subito dopo quello che doveva chiamarsi Wisthler si chiama XP?), imitazione servile dei loro prodotti (cito il MacOS con Win, QT con WMP, iMovie con WMM ecc. naturalmente sai benissimo che tutti i prodotti MS vengono sempre dopo almeno 2 anni quelli Apple), diffusione di notizie e apprezzamenti che gettano discredito su di essi (citiamo il caso del DR-Dos degli anni '80, la versione 6 di tale prodotto introduceva notevoli miglioramenti, la MS annunciò il giorno dopo che la loro versione era pronta con le stesse caratteristiche e anche di più, ma passò un anno prima di rilasciarla ed il danno per il DR-Dos era già stato fatto chiuse i battenti. Altro caso i loro giudizi sul movimento Opensouce e LInux di qualche tempo fa letti anche su P.I.).Innovazione: introduzione di nuove idee, ordinamenti o sistema nell'ambito politico, giuridico, religioso, artistico, scientifico, economico o tecnico. In senso concreto: nuova idea, nuovo ordinamento o sistema o riforma.Mi citi un solo prodotto della MS che abbia introdotto qualcosa di nuovo e che non preessisteva al prodotto MS?Farai cosa gradita a tutti se non citassi più queste due parole, in bocca a te ed a un qualunque dirigente MS perdono il loro significato.Ciao e buona giornata con il tuo XP.Oggi quante volte hai riavviato?
    • Anonimo scrive:
      Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
      cito da dizionario di chi fa i soldi vedi un opportunita e ci entri il concorrente fa una cosa che va e io la replico (E LA FACCIO MEGLIO) ecc..Certe persona pensano di essere ancora ai tempi dei cavallieri dove gli scontri erano leali e quando l'avversario perdeva la spada ,l'altro buttava la sua e si combatteva con il pugnale ecc...A RAGA SVEGLIATEVI quando vedi un buco ci entri e lo allarghi per farti strada e questo il mondo reale, non delle favolette a cui ancora pensi.ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader

        Certe persona pensano di essere ancora ai
        tempi dei cavallieri dove gli scontri erano
        leali e quando l'avversario perdeva la spada
        ,l'altro buttava la sua e si combatteva con
        il pugnale ecc...che c'e di sbagliato ??? io lo farei tu forse no...
        A RAGA SVEGLIATEVI quando vedi un buco ci
        entri e lo allarghi per farti strada e
        questo il mondo reale, non delle favolette a
        cui ancora pensi.e ti piace il mondo in cui viviamo ???
        • Anonimo scrive:
          Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
          - Scritto da: blah

          leali e quando l'avversario perdeva la
          spada

          ,l'altro buttava la sua e si combatteva
          con

          il pugnale ecc...
          che c'e di sbagliato ??? io lo farei tu
          forse no...beh, io non so: se quella spada gliel'ho appena fatta volar via io, credo proprio che non getterei la mia. Se invece gli è appena finito addosso un cavallo che gliel'ha fatta perdere, allora si (almeno se penso che lui lo farebbe per me).Esiste un confine tra lealtà e stupidità, e di solito chi lo oltrepassa finisce male.


          A RAGA SVEGLIATEVI quando vedi un buco ci

          entri e lo allarghi per farti strada e

          questo il mondo reale, non delle
          favolette a

          cui ancora pensi.
          e ti piace il mondo in cui viviamo ???
        • Anonimo scrive:
          Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
          peccato che il buco che il tipo ha allargato è quello di tutti coloro che credono ciecamente in ciò che propina loro....
      • Anonimo scrive:
        Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
        - Scritto da: favolette
        A RAGA SVEGLIATEVI quando vedi un buco ci
        entri e lo allarghi per farti strada e
        questo il mondo reale, non delle favolette a
        cui ancora pensi.Sara`, ma gli americani di una volta sapevano divendere la liberta` di mercato, con l'antitrust. Il mercato e` PIU` libero se e` regolato, almeno quando arriva ad un punto di eccesso. Senno` degenera. I monopoli sono una di queste forme di degenerazione.Il liberismo puro falli` alla fine del 1800, se non ricordo male. Ci vuole coraggio a difendere un monopolio, oggi.E ricorda che Guglielmino Cancelli vuole il monopolio del Web, da trasformare in una specie di televisione: l'individuo ritorna nella massa di gente che riceve passivamente un servizio. Non mi pare una cosa di cui essere contenti.Ciao!
        • Anonimo scrive:
          Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
          - Scritto da: S.L.
          E ricorda che Guglielmino Cancelli vuole il
          monopolio del Web, ---------------------------------------------------------------Quello stesso web che solo nel 1996 lui sosteneva fosse una moda passeggera e che la vera rete sarebbe stata MicroSoft Network. Dopo anni di blocco all'innovazione degli altri vedi netscape, realplayer ed il linguaggio java, sfruttando il monopolio ed abusando della posizione dominante raggiunta con windows sta riuscendo a trasformare internet nella depandance di casa sua.
          ...Non mi pare una cosa di cui essere contenti.---------------------------------------------------------------No sono d'accordo, ma a questo mondo in generale e su questo forum in particolare c'é gente che da guglielmino si farebbe pure sodomizzare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader

      Cito dal dizionario enciclopedico UTET:
      Libera concorrenza: situazione economica
      nella quale nessuno scambista è in grado di
      determinare i prezzi del mercato, dal
      momento che l'operatore stesso non è in
      grado di comprare o di vendere la maggior
      parte di tutta la merce esistente.

      Concorrenza sleale: ogni atto con cui un
      imprenditore cerca di diffondere i propri
      prodotti (sfruttando la posizione dominante
      nei S.O. per imporre IE, OE, MSN WMP ecc.) o
      accaparrarsi clienti usando mezzi
      professionalmente scorretti che danneggiano
      i suoi concorrenti come uso di marchi che
      possono essere confusi con quelli dei
      concorrenti (ti dice niente che il
      24.03.2001 esce MacOS X e subito dopo quello
      che doveva chiamarsi Wisthler si chiama
      XP?), imitazione servile dei loro prodotti
      (cito il MacOS con Win, QT con WMP, iMovie
      con WMM ecc. naturalmente sai benissimo che
      tutti i prodotti MS vengono sempre dopo
      almeno 2 anni quelli Apple), diffusione di
      notizie e apprezzamenti che gettano
      discredito su di essi (citiamo il caso del
      DR-Dos degli anni '80, la versione 6 di tale
      prodotto introduceva notevoli miglioramenti,
      la MS annunciò il giorno dopo che la loro
      versione era pronta con le stesse
      caratteristiche e anche di più, ma passò un
      anno prima di rilasciarla ed il danno per il
      DR-Dos era già stato fatto chiuse i
      battenti. Altro caso i loro giudizi sul
      movimento Opensouce e LInux di qualche tempo
      fa letti anche su P.I.).

      Innovazione: introduzione di nuove idee,
      ordinamenti o sistema nell'ambito politico,
      giuridico, religioso, artistico,
      scientifico, economico o tecnico. In senso
      concreto: nuova idea, nuovo ordinamento o
      sistema o riforma.
      Mi citi un solo prodotto della MS che abbia
      introdotto qualcosa di nuovo e che non
      preessisteva al prodotto MS?

      Farai cosa gradita a tutti se non citassi
      più queste due parole, in bocca a te ed a un
      qualunque dirigente MS perdono il loro
      significato.

      Ciao e buona giornata con il tuo XP.

      Oggi quante volte hai riavviato?post inutileperche' concorrenza sleale la fanno tutti ogni giorno, perche' se avessi studiato POCO economia sapresti che il mercato di concorrenza perfetta e' irrealizzabile, funziona (male) solo nelle borse, in cui il prezzo viene davvero formato dall'incontro di domanda e offerta (ma poi bisogna vedere chi e come pilota domanda e offerta) e dove i prodotti sono tutti sostituibili, ovvero un'azione e' uguale ad un'altra azione (anche se il loro valore cambiada titolo a titolo).detto questo, nel mondo ITC esiste un oligopolio, che cerca in ogni modo di non farsi troppo la guerra.Ognuno cerca di conquistare la sua fetta e di mantenerla.Tutti pensano che la fetta MS sia troppo grande.Ma se ognuno di questi ne avesse l'opportunita', non esiterebbe un secondo a mettersi al suo posto.E a quel punto si farebbe chiamare leader del settore, e non monopolista, come in realta' e'(sarebbe).Il piu' pulito c'ha la rogna nelle big corporation dell'economia di scala...ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
        post inutileperche' concorrenza sleale la fanno tutti ogni giorno, perche' se avessi studiato POCO economia sapresti che il mercato di concorrenza perfetta e' irrealizzabile, funziona (male) solo nelle borse, in cui il prezzo viene davvero formato dall'incontro di domanda e offerta (ma poi bisogna vedere chi e come pilota domanda e offerta) e dove i prodotti sono tutti sostituibili, ovvero un'azione e' uguale ad un'altra azione (anche se il loro valore cambiada titolo a titolo).---
        no le condizioni di realizzazione della concorrenza pefetta sono talmente restrittive che non trovi in pratica un mercato del genere. Ciò non toglie che si possano avere dei gradi di concorrenza....(un second best)detto questo, nel mondo ITC esiste un oligopolio, che cerca in ogni modo di non farsi troppo la guerra.Ognuno cerca di conquistare la sua fetta e di mantenerla.Tutti pensano che la fetta MS sia troppo grande.Ma se ognuno di questi ne avesse l'opportunita', non esiterebbe un secondo a mettersi al suo posto.E a quel punto si farebbe chiamare leader del settore, e non monopolista, come in realta' e'(sarebbe).---
        non è questo il problema...non è la questione che anche un altro farebbe la stessa cosa. Il fatto è che data la posizione di M$ i prodotti che vende sono + cari di quello che potrebbero costare in un mercato più aperto. E questo in barba a tutti coloro che pagano per comperarselo. ---
        le economie di scala tenta di averle qualisiasi impresa indipendentemente dalla forma di mercato...I prodotti M$ - per chi se li paga - costerebbero sicuramente meno se ci fosse una situazione concorrenziale più aperta e con ogni probabilità M$ per mantenere la propria quota di mercato dovrebbe impegnarsi per migliorarne la qualitàCiao
        • Anonimo scrive:
          Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
          - Scritto da: Cryos
          post inutile
          perche' concorrenza sleale la fanno tutti
          ogni giorno, perche' se avessi studiato POCO
          economia sapresti che il mercato di
          concorrenza perfetta e' irrealizzabile,
          funziona (male) solo nelle borse, in cui il
          prezzo viene davvero formato dall'incontro
          di domanda e offerta (ma poi bisogna vedere
          chi e come pilota domanda e offerta) e dove
          i prodotti sono tutti sostituibili, ovvero
          un'azione e' uguale ad un'altra azione
          (anche se il loro valore cambia
          da titolo a titolo).
          ---
          no le condizioni di realizzazione della
          concorrenza pefetta sono talmente
          restrittive che non trovi in pratica un
          mercato del genere. Ciò non toglie che si
          possano avere dei gradi di
          concorrenza....(un second best)
          ovvio, ma non convengono a nessunoguarda in Italia la "concorrenza" fra Tim e Omnitel...Purtroppo spesso poi si mischiano interessi economici e politici.E questo frena molto la possibilita' di imporre sanzioni ad un'azienda "amica" del governo

          detto questo, nel mondo ITC esiste un
          oligopolio, che cerca in ogni modo di non
          farsi troppo la guerra.
          Ognuno cerca di conquistare la sua fetta e
          di mantenerla.
          Tutti pensano che la fetta MS sia troppo
          grande.
          Ma se ognuno di questi ne avesse
          l'opportunita', non esiterebbe un secondo a
          mettersi al suo posto.
          E a quel punto si farebbe chiamare leader
          del settore, e non monopolista, come in
          realta' e'
          (sarebbe).
          ---
          non è questo il problema...non è la
          questione che anche un altro farebbe la
          stessa cosa. Il fatto è che data la
          posizione di M$ i prodotti che vende sono +
          cari di quello che potrebbero costare in un
          mercato più aperto. E questo in barba a
          tutti coloro che pagano per comperarselo.
          Mi chiedo perche', se gli altri prodotti sono piu' convenienti, si continua a comprare robaMS.Ci deve essere un altro motivo.Perche' un'azienda, una famiglia, non dico uno stato, perche' li' rientra in gioco la politica, si fanno i conti in tasca prima di tirare fuori dei soldi inutilmente.
          ---
          le economie di scala tenta di averle
          qualisiasi impresa indipendentemente dalla
          forma di mercato...


          I prodotti M$ - per chi se li paga -
          costerebbero sicuramente meno se ci fosse
          una situazione concorrenziale più aperta e
          con ogni probabilità M$ per mantenere la
          propria quota di mercato dovrebbe impegnarsi
          per migliorarne la qualità
          E questo e' quello che auspico.Ho sempre detto che la soluzione migliore era lo smembramento di MS, e la pubblicazione dei sorgenti per fugare dubbi di copia illecita.Ma il giudice, per ora, ha deciso diversamente.Pero', guardandomi intorno, non vedo prodottitroppo piu' concorrenti rispetto a windows, che sembri una strunzata comprare prodotti MS.I concorrenti, o sbagliano pubblicita', o sbagliano target, o non sanno proporre le proprieiniziative nel modo giusto.Se ci fosse sentore di sola intorno a MS, sicuramente la percentuale di afficionados dellefinestre diminuirebbe.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
            ovvio, ma non convengono a nessunoguarda in Italia la "concorrenza" fra Tim e Omnitel...---
            nel caso della telefonia ti assicuro che in CH da quando l'operatore pubblico non è più in monopolio e sono apparsi dei concorrenti le tariffe telefoniche sono scese di molto.Purtroppo spesso poi si mischiano interessi economici e politici.E questo frena molto la possibilita' di imporre sanzioni ad un'azienda "amica" del governo---
            beh è ovvio se la ditta è protetta da qualcuno difficilmente ciò potrà avvenireMi chiedo perche', se gli altri prodotti sono piu' convenienti, si continua a comprare robaMS.--
            xchè volento o dolenti (come dice il Trap) ce li ha inculcati a tutti. E altresi vero che molti utenti non hanno ampie conoscienze informatiche, non solo tecniche ma anche generali, quindi non sono al corrente di alternative ai prodotti M$ (e di sicuro non è M$ che ne fa la pubblicità). Altro fattore è che l'utente normale (quello che usa office, IE e poche altre cose) che deve comperare un computer o si fa aiutare da qualcuno che ne ha uno (e quindi gli viene consigliato di comprare un pc come quello dell'amico) oppure ricorre ai consigli del venditore che di sicuro tira l'acqua al mulino del proprio negozio...oppure ne sa ancora meno del cliente.Non mi stupisco di sapere che c'è gente che associa il computer esclusivamente al marchio M$.Ci deve essere un altro motivo.Perche' un'azienda, una famiglia, non dico uno stato, perche' li' rientra in gioco la politica, si fanno i conti in tasca prima di tirare fuori dei soldi inutilmente.---
            ho l'impressione che alla base vi sia una mancanza di trasmissione dell'informazione....più se ne ha e maggiormente si è in grado di valutare e scegliere...E questo e' quello che auspico.Ho sempre detto che la soluzione migliore era lo smembramento di MS, e la pubblicazione dei sorgenti per fugare dubbi di copia illecita.Ma il giudice, per ora, ha deciso diversamente.Pero', guardandomi intorno, non vedo prodottitroppo piu' concorrenti rispetto a windows, che sembri una strunzata comprare prodotti MS.I concorrenti, o sbagliano pubblicita', o sbagliano target, o non sanno proporre le proprieiniziative nel modo giusto.Se ci fosse sentore di sola intorno a MS, sicuramente la percentuale di afficionados dellefinestre diminuirebbe.---
            a mio avviso il problema della mancanza di concorrenti ai prodotti è dovuta al fatto che se c'erano M$ si è sicuramente impegnata per metterli fuori gioco. Office forse è un caso a parte perchè effettivamente trovargli un sostituto non è facile...anche se a dipendenza dell'uso che se ne fa le alternative ci sono...e meno care. Se però il cd di office te lo ritrovi gratis (copia) tra le mani è ovvio che non ti metti a cercare oltre e lo usi.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
          - Scritto da: Cryos
          ---
          non è questo il problema...non è la
          questione che anche un altro farebbe la
          stessa cosa. Il fatto è che data la
          posizione di M$ i prodotti che vende sono +
          cari di quello che potrebbero costare in un
          mercato più aperto. E questo in barba a
          tutti coloro che pagano per comperarselo. Scusa ma quanti anni è che ti interessi di informatica?Forse pochi, altrimenti ti ricorderesti di quanto costava il software per VAX, MVS, SUN OS, Ultrix, HP-UX, etc. etc. prima che Windows cominciasse ad insidiare le fette di mercato di questi altri OS.Ti garantisco che ancora oggi Office costa moooolto meno di quanto costasse una licenza DECWrite e che tuttora SQL Server 2000 costa moooolto meno di Oracle.
          • Anonimo scrive:
            Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
            Forse pochi, altrimenti ti ricorderesti di quanto costava il software per VAX, MVS, SUN OS, Ultrix, HP-UX, etc. etc. prima che Windows cominciasse ad insidiare le fette di mercato di questi altri OS.Ti garantisco che ancora oggi Office costa moooolto meno di quanto costasse una licenza DECWrite e che tuttora SQL Server 2000 costa moooolto meno di Oracle.---
            ci fossero alternative valide ad office ti assicuro che office costerebbe molto ma molto meno di quanto lo paghi ora. Dato che non ve ne sono te lo paghi non quanto vale ma quanto ha deciso Bill.Oggi con la diffusione capillare dell'informatica i prezzi dovrebbero essere più alla mano....è la concorrenza tra i produttori che di permette di spendere meno...
          • Anonimo scrive:
            Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader

            Scusa ma quanti anni è che ti interessi di
            informatica?

            Forse pochi, altrimenti ti ricorderesti di
            quanto costava il software per VAX, MVS, SUN
            OS, Ultrix, HP-UX, etc. etc. prima che
            Windows cominciasse ad insidiare le fette di
            mercato di questi altri OS.Ai tempi la percentuale di applicativi venduti era di un paio di ordini di grandezza inferiore. I prezzi non mi pare abbiano seguito la medesima evoluzione.
            Ti garantisco che ancora oggi Office costa
            moooolto meno di quanto costasse una licenza
            DECWrite e che tuttora SQL Server 2000 costa
            moooolto meno di Oracle.SQL Server mangia la polvere di Oracle
            :-
          • Anonimo scrive:
            Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
            - Scritto da: maks
            detto questo, nel mondo ITC esiste un oligopolio,
            che cerca in ogni modo di non farsi troppo la guerra.
            Ognuno cerca di conquistare la sua fetta e di mantenerla.
            Tutti pensano che la fetta MS sia troppo grande.
            Ma se ognuno di questi ne avesse l'opportunita',
            non esiterebbe un secondo a mettersi al suo posto.E poi c'è l'open source (da non confondere con linux,che ne è solo una parte), che non ha nessuno dietro ein cui, perciò, non c'è nessuno che fa la guerra anessuno. Eppure è l'unico che sta facendo vedere i sorciverdi alla MS.
            Mi chiedo perche', se gli altri prodotti sono piu' convenienti,
            si continua a comprare roba MS.
            Ci deve essere un altro motivo.
            Perche' un'azienda, una famiglia, non dico uno stato, perche' li'
            rientra in gioco la politica, si fanno i conti in tasca prima di
            tirare fuori dei soldi inutilmente.1) Perché il negozio di PC guadagna + sulla vendita di Win, che nonsulle distribuzioni opensource.2) Perché la MS va dal responsabile informatico dell'azienda e gli da20 milioni se fa adottare Win+MSOffice all'azienda (che se di mediedimensioni un centinaio di licenze le deve prendere, per un totale dicentinaia di ML)3) Perché i politici italiani sono i più corruttibili; e infatti l'Italiaè stata la prima in Europa a mettere tutti i veti del mondo sulla copiadel SW (anche quello che produco io... ca**o, è roba mia, ne portò purfare quello che mi pare!!!)Tanto alla fine paga, nel caso1) L'utente finale che è sempre poco informato (chi sa qualcosa di PCla maggior parte delle volte non si sogna di comprare un computerpreassemblato, ma si sceglie i pezzi)2) paga l'azienda3) paga Pantalone (cioè lo stato, cioè noi)- Scritto da: Darth Vader
            Forse pochi, altrimenti ti ricorderesti di quanto costava il
            software per VAX, MVS, SUN OS, Ultrix, HP-UX, etc. etc. prima
            che Windows cominciasse ad insidiare le fette di mercato di
            questi altri OS.Stai parlando di segmenti di mercato che non hanno nulla a che fare l'unocon l'altro. Lo stesso HW era una cosa completamente diversa, non solocome costi, ma proprio a partire dalla progettazione: i microprocessorierano inseriti nel progetto di tutta la macchina come prodotto unico, nonc'era il concetto distinto di micro da una parte, sk madre dall'altra,controller dall'altra, ecc. Tutto veniva progettato in un unico insieme.Infatti la Sun aveva i suoi micro, la HP i suoi PA-RISC, la DEC i suoiALPHA, la Silicon Graphics i suoi MIPS (a suo tempo ha addiritturaacquisito la ditta che le produceva i micro per stare tranquilli), ecc.
            Ti garantisco che ancora oggi Office costa moooolto meno di quanto
            costasse una licenza DECWrite e che tuttora SQL Server 2000 costa
            moooolto meno di Oracle.Anche qui stai prendendo segmenti di mercato diversi. L'SQL server va bene(quando va) per un'azienda di dimensioni medie. L'Oracle è bene usarlo perun sistema di DB che deve servire aziende grandi quanto tutta la FIAT.E poi, ribadisco c'è il gratis: la NASA (x ex.) è passata a MySQL, allostesso livello c'è anche PostgreSQL, Informix e Interbase, tutti poco sottoOracle o IBM DB2.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
            - Scritto da: Darth Vader
            Forse pochi, altrimenti ti ricorderesti di
            quanto costava il software per VAX, MVS, SUN
            OS, Ultrix, HP-UX, etc. etc. prima che
            Windows cominciasse ad insidiare le fette di
            mercato di questi altri OS.Il mercato principale di Windows non ha niente a che vedere con il mercato che avevano gli altri SO che citi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Concorrenza, Innovazione e Darth Vader
      Io credo che il vero problema piu' che le idee' che MS prende in prestito sia l'imposizione di protocolli proprietari, che costringono tante persone ad usare loro malgrado i prodotti MS, a me non interessa se MS copia da tizio o no io dico solo che se tutti usassero protocolli aperti (e quindi non ci fossero persone costrette ad usare ad es. word perche' altrimenti non possono leggere dei documenti o altro che serve loro per lavoro) alla fine vincerebbe il software migliore.
  • Anonimo scrive:
    RealNetworks come Netscape
    Siamo alle solite!!!Di questo passo RealNetworks, azienda realmente innovativa, farà la fine della Netscape.BrowserMicrosoft con la sua generosità ha regalato Internet Explorer integrandolo con il sistema operativo, di conseguenza IE è diventato il browser più usato, a danno di Netscape che occorreva comprare - una volta si pagava - e installarlo. E' un'abuso di posizione dominante: io guadagno sul Sistema Operativo, e regalo Explorer tanto guadagno lo stesso e faccio fuori Netscape.StremingDue giorni fa ho installato sul un web server (mi vergogno ad ammettarlo ma usa W2K) i servizi Windows Media e scaricando l'Encoder da Microsoft ho configurato un servizio di streaming discreto a costo zero (Windows Media Services è già pagato con il costo delle licenza di Windows 2000) . Se mettevo RealPlayer Server avrei dovuto sganciare ben 2-3 mila dollari. Invece non ho speso una lira. Se non fosse dipeso dal budget e avremmo avuto più soldi avrei messo il prodotto Real, che è migliore.Ora Microsoft stà facendo lo stesso sul lato dei servizi streaming regalando un prodotto (Windows Media Server), che altrimenti si dovrebbe pagare, che appartiene a un prodotto (W2K) che è stato ben pagato. Risultato: molti amministratori di server sceglieranno il prodotto Microsoft perchè standard (perchè quello trovano già bello così) e gli streaming Real diminuiranno.Chi ci ha guadagnato: io - risparmiando -, voi - con poca rottura di palle e in nome di uno standard, tutti, ma l'innovazione no...... perchè facendo fuori la concorrenza viene a mancare l'innovazione.Vorrei vedere quale sarà la prossima vittima: gli antivirus forse.... Symantec tremate.... o forse la Macromedia mettendoci un bel formato proprietario per l'animazione delle pagine...Poi Microsoft ti mette tutto gratis e il prodotto che pagi (il sistema operativo) fa schifo....Che mondo di merda!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: RealNetworks come Netscape

      mettevo RealPlayer Server avrei dovuto
      sganciare ben 2-3 mila dollari. Invece non
      ho speso una lira. Se non fosse dipeso dalAdesso nn conosco le tue esigenze, ma realserver fino a 25 stream in contemporanea è gratuito... ;o)
      • Anonimo scrive:
        Re: RealNetworks come Netscape
        Non lo sapevo che g'era il Real Server Basic Basic fino a 25 connessioni simultanee però dura un anno..... insomma non è proprio gratuito....Grazie per il suggerimento..Ciao Michele
        Adesso nn conosco le tue esigenze, ma
        realserver fino a 25 stream in contemporanea
        è gratuito... ;o)
    • Anonimo scrive:
      Re: RealNetworks come Netscape
      fa solo ridere chi sputa nel piatto in cui mangia.- Scritto da: Michele76
      Siamo alle solite!!!
      Di questo passo RealNetworks, azienda
      realmente innovativa, far?la fine della
      Netscape.innovativa significa anche tenersi al passo con i tempi e la concorrenza, se non ci riesci che innovativo sei. bisogna piantarla di credere al buono che vince e il cattivo riccone che perde queste sono favolette per bambini se ci credi ancora sei un bambino e mi raccomando non accettare caramelle dal bill$
      Browser
      Microsoft con la sua generosit?ha regalato
      Internet Explorer integrandolo con il
      sistema operativo, di conseguenza IE ?
      diventato il browser pi?usato, a danno di
      Netscape che occorreva comprare - una volta
      si pagava - e installarlo. E' un'abuso di
      posizione dominante: io guadagno sul Sistema
      Operativo, e regalo Explorer tanto guadagno
      lo stesso e faccio fuori Netscape.ok ma rifletti stiamo facendo beneficenza o affari.
      Streming
      Due giorni fa ho installato sul un web
      server (mi vergogno ad ammettarlo ma usa
      W2K) i servizi Windows Media e scaricando
      l'Encoder da Microsoft ho configurato un
      servizio di streaming discreto a costo zero
      (Windows Media Services ?gi?pagato con il
      costo delle licenza di Windows 2000) . Se
      mettevo RealPlayer Server avrei dovuto
      sganciare ben 2-3 mila dollari. Invece non
      ho speso una lira. Se non fosse dipeso dal
      budget e avremmo avuto pi?soldi avrei messo
      il prodotto Real, che ?migliore.
      Ora Microsoft st?facendo lo stesso sul lato
      dei servizi streaming regalando un prodotto
      (Windows Media Server), che altrimenti si
      dovrebbe pagare, che appartiene a un
      prodotto (W2K) che ?stato ben pagato.
      Risultato: molti amministratori di server
      sceglieranno il prodotto Microsoft perch?
      standard (perch?quello trovano gi?bello
      cos? e gli streaming Real diminuiranno.
      Chi ci ha guadagnato: io - risparmiando -,
      voi - con poca rottura di palle e in nome di
      uno standard, tutti, ma l'innovazione
      no...... perch?facendo fuori la concorrenza
      viene a mancare l'innovazione.

      Vorrei vedere quale sar?la prossima
      vittima: gli antivirus forse.... Symantec
      tremate.... o forse la Macromedia mettendoci
      un bel formato proprietario per l'animazione
      delle pagine...

      Poi Microsoft ti mette tutto gratis e il
      prodotto che pagi (il sistema operativo) fa
      schifo....

      Che mondo di merda!!!!!
      ma ti rendi conto che scrivi una serie di idiozie una dietro l'altra tu ai il libero arbitrio se MS nun te piace non ci sono badget che regano scegli altro, se ai fatto la scelta che hai fatto non è solo per soldi ma anche per mancanza di capacità tecniche di la verità altrimentri nessuno ti costringe.ED infine win 2000 e il miglior SO che esista e se a te ti si impianta e perche non lo sai usare, studia un po e vedrai che ti dara sodisfazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: RealNetworks come Netscape
        - Scritto da: studia..........
        ma ti rendi conto che scrivi una serie di
        idiozie una dietro l'altra tu ai il libero
        arbitrio se MS nun te piace non ci sono
        badget che regano scegli altro, se ai fatto
        la scelta che hai fatto non è solo per soldi
        ma anche per mancanza di capacità tecniche
        di la verità altrimentri nessuno ti
        costringe.Ammesso che ci siano altre scelte....

        ED infine win 2000 e il miglior SO che
        esista e se a te ti si impianta e perche non
        lo sai usare, studia un po e vedrai che ti
        dara sodisfazione. Certo. Windows si pianta sempre per colpa dell'utente. E' facilissimo da utilizzare. Anche le nonne possono lavorarci sopra. Ma se si pianta è colpa dell'utente.P.S.1) "tu ai il"2) "non ci sono badget" (Bozzo ?)3) "che regano"4) "se ai fatto"5) "altrimentri"6) "a te ti"7) "si impianta e"8) "perche"9) "ti dara"10) "sodisfazione"E poi dici agli altri di studiare ????
      • Anonimo scrive:
        Re: RealNetworks come Netscape
        - Scritto da: studia
        fa solo ridere chi sputa nel piatto in cui
        mangia.
        Studia te piuttosto che scrivi come parli.... a burino...Non sputo nel piatto in cui mangio e te lo spiegato il perchè.. questione di budget....

        innovativa significa anche tenersi al passo
        con i tempi e la concorrenza, se non ci
        riesci che innovativo sei.
        bisogna piantarla di credere al buono che
        vince e il cattivo riccone che perde queste
        sono favolette per bambini se ci credi
        ancora sei un bambino e mi raccomando non
        accettare caramelle dal bill$
        Parlavo di abuso di posizione dominante e dal vantaggio che Bill ha il SO (su cui guadagna) e può metterci gratis e di mera tutto quello che vuole...

        ok ma rifletti stiamo facendo beneficenza o
        affari.
        Affari ma anche negli affari (specie negli States) ci sono delle regole.... ma che te lo dico a fare


        ma ti rendi conto che scrivi una serie di
        idiozie una dietro l'altra tu ai il libero
        arbitrio se MS nun te piace non ci sono
        badget che regano scegli altro, se ai fatto
        la scelta che hai fatto non è solo per soldi
        ma anche per mancanza di capacità tecniche
        di la verità altrimentri nessuno ti
        costringe.E' solo questione di budget - hai capito come si scrive. Le capacità tecniche non mi mancano presuntuosello brufoloso

        ED infine win 2000 e il miglior SO che
        esista e se a te ti si impianta e perche non
        lo sai usare, studia un po e vedrai che ti
        dara sodisfazione. Da luglio ad oggi non si è mai piantato con W2K, nè mai riavviato Nymda mi ha fatto i baffi, e forse la differenza è l'hardware... utilizzo server IBM....
    • Anonimo scrive:
      Re: RealNetworks come Netscape

      Vorrei vedere quale sarà la prossima
      vittima: gli antivirus forse.... Symantec
      tremate.... o forse la Macromedia mettendoci
      un bel formato proprietario per l'animazione
      delle pagine...'Azz... è vero... quanto tempo avra' ancora il formato flash prima che subentri qualcosa tipo Uindows Media X?L'antivirus l'hanno gia' provato a "fare" all'epoca (DOS 5 o 6) del Central Point Antivirus, comprando quest'ultimo e chiamandolo MSAV... una schifezza incredibile che lasciava persino la RAM "sporca" delle firme dei virus (creando potenziali falsi allarmi da parte degli av piu' seri).
  • Anonimo scrive:
    Siamo alle solite.
    Se vogliamo trasportare i contenuti da pc a home system, caro Bill, siamo già in grado di creare i VideoCD, che sono GIA' compatibili con i lettori DVD in commercio.L'unica soddisfazione è che, cmq andrà il futuro, almeno per andare al cesso non mi servirà XP.Ma rilasciassero il SP3 per win2k invece di fare ste boiate.Non sono contro lo sviluppo. Ma sono contro lo sviluppo alla cazzo di cane.
  • Anonimo scrive:
    piuttosto un expanium!
    piuttosto di un lettore DVD che mi legge i WMA preferisco un bell'expanium2 che mi legge gli Mp3 e non permette a quei cani di fare quello che vogliono con la roba che noi comperiamo
  • Anonimo scrive:
    il buffering cmq non mi evita gli scatti
    comprendo che il buffering serva a questo (un po' come l'antischock nei lettori CD ...)ma comunque io vedo a scatti lo stesso!(pIII a 800, 128 Mb ram, scheda video decente, hard disk semivuoto e decentemente veloce)... per vedere quattro cavolate in streaming mi sembra che qualcosa non vada"Il buffering evita che il playback on-line subisca scatti o rallentamenti, tuttavia spesso richiede l'attesa di diversi secondi, da parte dell'utente, prima dell'inizio della riproduzione."
    • Anonimo scrive:
      Re: il buffering cmq non mi evita gli scatti

      ma comunque io vedo a scatti lo stesso!
      (pIII a 800, 128 Mb ram, scheda video
      decente, hard disk semivuoto e decentemente
      veloce)
      ... per vedere quattro cavolate in streaming
      mi sembra che qualcosa non vada
      con un pentium 200 e 32 Mb di ram MA su una linea adsl vedresti uno straming da paura.di fronte al doppino telefonico non c'è pentium4 che tenga
      • Anonimo scrive:
        Re: il buffering cmq non mi evita gli scatti
        Ma come... dal P3 in poi gli intel non aumentano la velocita' di navigazione? :DDDDBye
        • Anonimo scrive:
          Re: il buffering cmq non mi evita gli scatti :-)
          - Scritto da: WarfoX
          Ma come... dal P3 in poi gli intel non
          aumentano la velocita' di navigazione? :DDDDCerto. Con il PII 350 MHz + modem che uso a casa scarico i dati a 52000 bps.Con il PIV a 1.7 GHz + Ethernet che sto usando adesso scarico i dati MOOOOOLTO più velocemente.Vedi che differenza fa la CPU ?
    • Anonimo scrive:
      Re: il buffering cmq non mi evita gli scatti
      ma prima di scrivere perche non vi informate si il buffering serve a quello che ai detto ma se per alcuni secondi non arriva niente dalla linea (per congestione del server, problemi di instradamento momentanei ecc.. non prevedibili) vedrai a scatti su qualunque tipo di PC e Lettore di striming.Ma dimmi la verità tu ai creduta alla pubblicita della intel che ti diceva di comprareun pentium 3 per navigare veloce in internet.Bravo in internet l'unico modo per navigare veloce e avere una linea di accesso veloce (e un buon provider).ciao
  • Anonimo scrive:
    Rimuovere il buffering?!?!?!?
    Mi sembra una grande cretinata...A meno che un formato video non riesca anche a prevenire le congestionidella rete...Questa si' che sarebbe innovazione... Sarebbe come comprare deipneumatici che ti assicurano che non torverai coda sulle strade...
  • Anonimo scrive:
    Win4Lin
    Quando su Linux potranno girare tutti i programmi per Windows, Mirco$oft non sarà più un problema. Anzi, sarà nei guai! Aspetto ansioso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Win4Lin
      - Scritto da: Suskis
      Quando su Linux potranno girare tutti i
      programmi per Windows, Mirco$oft non sarà
      più un problema. Anzi, sarà nei guai!Beh esiste davvero un progetto che si chiama Win4Lin e serve ad istallare Windows dentro Linux. Stessa cosa con Vmware. Sono prodotti commerciali (ma non carissimi) e comunque richiedono Windows.Invece Wine (www.winehq.org mi pare) fa girare molte applicazioni Windows direttamente in una finestra di X (GUI di Linux). Non sono moltissimi i programmi che girano bene, ma wine migliora continuamente! Le applicazioni piu` semplici funzionano e pare che qualcuno sia riuscito a farci girare Word. Credo che uno dei problemi sia una corretta configurazione.E poi la Transgaming sta cercando di far si che si possano usare con wine applicazioni che usano DirectX, come i giochi.Speriamo che Wine migliori ancora!Ciao!
  • Anonimo scrive:
    aiutooo......
    ho installato RealPlayer 8 e fa schifo!!!non mi consente di spostare avanti/indietro (moviola) la riproduzione è moltooo + lento di quello di prima è si ciuccia un m uchhio di risorse.Qualcuno sa come disistallarlo e sopratutto installare qualcosa di valido (che supporti molti formati)? Grazie
  • Anonimo scrive:
    Direi che la cosa non mi tange....
    Lo streaming mi ha sempre lasciata indifferente: se voglio contenuti multimediali, li scarico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Direi che la cosa non mi tange....
      - Scritto da: Ansia
      Lo streaming mi ha sempre lasciata
      indifferente: se voglio contenuti
      multimediali, li scarico.Si. Ma se li scarichi si verificano due condizioni:1) Non accedi più al sito (magari a pagamento) che pubblica i contenuti.2) Utilizzi programmi che hai già e non ne devi acquistare di altri.Magari a te va anche bene cosi.... :-)Evidentemente a qualcun'altro no !
  • Anonimo scrive:
    wmp: l'antichita' fatta player
    Fatalita', subito dopo l'annuncio di Apple che riguarda QuickTime.O forse dovrei dire "Come sempre"?BEURK!!!Carlo S.
    • Anonimo scrive:
      Re: wmp: l'antichita' fatta player
      Mi sembri abbastanza ingenuo.E' come sempre, in qualunque mercato: le aziende si fanno concorrenza.- Scritto da: Carlo S.
      Fatalita', subito dopo l'annuncio di Apple
      che riguarda QuickTime.
      O forse dovrei dire "Come sempre"?

      BEURK!!!

      Carlo S.
      • Anonimo scrive:
        Re: wmp: l'antichita' fatta player
        dovrebbero essere in situazione di concorrenza...ma non sempre è il caso!
        • Anonimo scrive:
          Re: wmp: l'antichita' fatta player
          Cioè? Fammi capire. Chiunque può fare concorrenza tranne Microsoft? Non ti sembra una visione un po' aprioristica?- Scritto da: Cryos
          dovrebbero essere in situazione di
          concorrenza...ma non sempre è il caso!
          • Anonimo scrive:
            Re: wmp: l'antichita' fatta player
            ...mi pare che stai difendendo a spada tratta M$....io parlo che in generale mercati dovrebbero essere concorrenziali..e ciò gioverebbe ai consumatori...in taluni segmenti del mercato dell'informatica (come in altri ambiti) non è il caso...e ciò va a svantaggio dei consumatori di prodotti informatici. Nella situazione specifica...non sto negando il diritto alla concorrenza per la M$...dico solo che si può già vedere come possono andare a finire le cose. Con l'entrata sul mercato per far concorrenza, grazie alla sua potenza finanziaria e non, imporrà il proprio prodotto, non xchè è migliore di altri, ma semplicemente xchè farà in modo che non si abbia bisogno delle alternative o che le alternative spariscano....per me la M$ può far quello che vuole...però poi non ci si deve lamentare se si pagano prezzi superiori con una qualità che non sempre vale tutti quei soldi...
          • Anonimo scrive:
            Re: wmp: l'antichita' fatta player

            Cioè? Fammi capire. Chiunque può fare
            concorrenza tranne Microsoft?"Abuso di posizione dominante", mi pare stia scritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: wmp: l'antichita' fatta player
            E questo secondo te significa che Microsoft non può più fare concorrenza a nessuno?- Scritto da: Giambo


            Cioè? Fammi capire. Chiunque può fare

            concorrenza tranne Microsoft?

            "Abuso di posizione dominante", mi pare stia
            scritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: wmp: l'antichita' fatta player


            "Abuso di posizione dominante", mi pare

            stia scritto.[Potresti PF quotare come si e' sempre fatto e non come Outlook insgna ?]
            E questo secondo te significa che Microsoft
            non può più fare concorrenza a nessuno?No, significa esattamente quello che ho detto: Che non puo' abusare della sua posizione dominante per imporsi ulteriormente sul mercato.
          • Anonimo scrive:
            Re: wmp: l'antichita' fatta player
            - Scritto da: Giambo

            No, significa esattamente quello che ho
            detto: Che non puo' abusare della sua
            posizione dominante per imporsi
            ulteriormente sul mercato.E infatti non fa null'altro che aggiornare il suo Media Player e renderlo disponibile su Internet.
          • Anonimo scrive:
            Re: wmp: l'antichita' fatta player


            No, significa esattamente quello che ho

            detto: Che non puo' abusare della sua

            posizione dominante per imporsi

            ulteriormente sul mercato.

            E infatti non fa null'altro che aggiornare
            il suo Media Player e renderlo disponibile
            su Internet. Renderlo integrato nel suo SO e ora pure nei lettori DVD. Ricordiamo inolrte che WMP ha sofferto di un grave BUG per diverse versioni ...Grazie per aver quotato in maniera standard :)
      • Anonimo scrive:
        Re: wmp: l'antichita' fatta player
        - Scritto da: Darth Vader
        Mi sembri abbastanza ingenuo.

        E' come sempre, in qualunque mercato: le
        aziende si fanno concorrenza.Si ma chissa` perche` "la piu` grande azienda di software" arriva SEMPRE seconda e spesso con anni di ritardo. Sono solo dei copioni..
    • Anonimo scrive:
      Re: wmp: l'antichita' fatta player

      Fatalita', subito dopo l'annuncio di Apple
      che riguarda QuickTime.
      O forse dovrei dire "Come sempre"?

      BEURK!!!

      Carlo S.scusama gamecube e' uscito pochi giorni dopo xboxa me sembra normalec'e' chi fa la prima mossa, c'e' chi l'aspetta per fare la contromossaNon ci vedo nulla di stranoQueste cose si pianificano per mesi (se non anni)poi, il momento di dare l'annuncio si decide in base alla situazione del mercato.mi sembra tutto nella norma...Apple gioca in attacco, MS in contropiede...ciao
  • Anonimo scrive:
    e la storia continua
    Siamo alle solite quando c'è un mercato sviluppato da altri che comincia ha tirareM$ ci salta dentro poi siccome é potentefa piazza pulita di tutti gli altri con isoliti medodi che tutti conosciamo, ma io michiedo come faccia la gente a sopportare tuttoquesto a me sinceramente questa M$ mi fa schifoe dal sottoscritto lo giuro non si beccheràpiu neanche una lira o(euro)
    • Anonimo scrive:
      Re: e la storia continua
      Si chiama diversificazione.Cosa dovrebbe fare MS secondo te? Dire: "siccome guadagno molto, non cerco di crescere e mi accontento di fare quest'anno lo stesso fatturato dell'anno scorso."Sei un sognatore! Tutte le aziende, compresi i concorrenti di Microsoft, in tutti i settori cercano di crescere ogni anno. La diversificazione è un modo per inserirsi in mercati nei quali non si è ancora presenti. Ci sono aziende giapponesi come la Yamaha che fanno dalle moto alle chitarre. La stessa FIAT vende dalle macchine ai treni ai servizi finanziari.Poi se non vuoi più dare soldi a MS libero di farlo, ma per favore non cercare scuse puerili. Chiamala com'è: faziosità.- Scritto da: nob_#
      Siamo alle solite quando c'è un mercato
      sviluppato da altri che comincia ha tirare
      M$ ci salta dentro poi siccome é potente
      fa piazza pulita di tutti gli altri con i
      soliti medodi che tutti conosciamo, ma io mi
      chiedo come faccia la gente a sopportare
      tutto
      questo a me sinceramente questa M$ mi fa
      schifo
      e dal sottoscritto lo giuro non si beccherà
      piu neanche una lira o(euro)
      • Anonimo scrive:
        Re: e la storia continua
        nah..la diversificazione si riferisce a prodotti facenti parte in settori di mercato differenti onde evitare i rischi finanziari qualora uno di queste andasse in crisi.....che voglia entrare prepotentemente su questo mercato si..ma che in questo modo diversifichi l'attività attuale...mi sembra un po tirata per i capelli...analizzerei in altro modo... il settore dello streaming offre potenzialità...M$ l'ha capito e non vuole perdersi l'occasione. Ma sappiamo tutti quali saranno gli obiettivi...dominare il settore di mercato con le "tecniche" che ha sempre adottato fino ad ora e fare in maniera che i gli utenti dipendano dagli standard M$....massimizando i propri utili alla faccia degli utenti.Il tempo svelerà le intenzioni dei signori di Redmon...
        • Anonimo scrive:
          Re: e la storia continua
          - Scritto da: Cryos
          nah..la diversificazione si riferisce a
          prodotti facenti parte in settori di mercato
          differenti onde evitare i rischi finanziari
          qualora uno di queste andasse in crisi.....E infatti è quello che sta facendo per non fare la fine di Digital. E non mi dire che non capisci che il tentativo di entrare nel mercato dello stream video è parte del tentativo di entrare nel mercato dei servizi su internet, perché tanto non ci credo.
          analizzerei in altro modo... il settore
          dello streaming offre potenzialità...M$ l'ha
          capito e non vuole perdersi l'occasione. Ma
          sappiamo tutti quali saranno gli
          obiettivi...dominare il settore di mercatoScusa mi citi il nome di un'azienda che entra sul mercato con l'obiettivo di restare relegata a una nicchia?
          con le "tecniche" che ha sempre adottato
          fino ad ora e fare in maniera che i gli
          utenti dipendano dagli standard
          M$....massimizando i propri utili alla
          faccia degli utenti.Leggila in modo diverso: MS integra le funzionalità che i clienti chiedono nel suo prodotto di punta (Windows) offrendo quindi la comodità al cliente di avere una funzionalità già presente e lasciandogli la libertà di scaricare altri prodotti simili con funzionalità analoghe. Questo consente a MS di offrire un SO più completo lasciando comunque all'utente la libertà di scelta. Ti ricordo che nessuno ha ancora mai sancito che integrare nuove funzionalità in un prodotto sia vietato. Altrimenti tutti i produttori software sarebbero fuorilegge. Tieni conto che nemmeno il giudice più parziale d'America (Jackson) ha mai affermeto che l'utente Windows è stato leso nella sua libertà di scaricarsi Netscape. Anche dopo l'integrazione di IE in Windows, dal sito Netscape i download non sono diminuiti. Cioè la gente continuava a scaricarselo e poi lo buttava perché IE è migliore.

          Il tempo svelerà le intenzioni dei signori
          di Redmon...
          • Anonimo scrive:
            Re: e la storia continua
            - Scritto da: Darth Vader

            con le "tecniche" che ha sempre adottato

            fino ad ora e fare in maniera che i gli

            utenti dipendano dagli standard

            M$....massimizando i propri utili alla

            faccia degli utenti.

            Leggila in modo diverso: MS integra le
            funzionalità che i clienti chiedono nel suo
            prodotto di punta (Windows) offrendo quindi
            la comodità al cliente di avere una
            funzionalità già presentedifficilmente removibile, gia' precaricata a forza in ram, usando API non documentate che velocizzano le prestazioni ai danni delle applicazioni competitrici che invece sono piu' lente perche' non usano queste API.
            e lasciandogli la
            libertà di scaricare altri prodotti simili
            con funzionalità analoghe.serve a molto, quando il resto dell'utenza usa il loro prodotto perche' quello ha trovato, che te ne fai di scaricare un prodotto analogo, se i formati sono di loro proprieta'? Se tutto il mondo web fornisse solo filmati in wma, che me ne faccio di un lettore mpeg ?
            Questo consente a
            MS di offrire un SO più completo lasciando
            comunque all'utente la libertà di scelta.liberta' di scelta ?come le ford di un post di alcuni giorni fa. Potete avere la vostra ford modello T nera del colore che volete.
            Ti
            ricordo che nessuno ha ancora mai sancito
            che integrare nuove funzionalità in un
            prodotto sia vietato. Altrimenti tutti i
            produttori software sarebbero fuorilegge.
            Tieni conto che nemmeno il giudice più
            parziale d'America (Jackson) ha mai
            affermeto che l'utente Windows è stato leso
            nella sua libertà di scaricarsi Netscape.
            Anche dopo l'integrazione di IE in Windows,
            dal sito Netscape i download non sono
            diminuiti. Cioè la gente continuava a
            scaricarselo e poi lo buttava perché IE è
            migliore.non direi proprio... puoi dirmi che IE 3 era meglio di netscape ? Il problema e' che quando ti installavi il cd del provider per il primo collegamento a internet, ti rifilava IE, non netscape. L'utente smaliziato installava netscape. tutti gli altri usavano IE. Accordi di microsoft con i provider (telecom, VideoOnLine... ) ? beh... i soldi per stringere accordi di questo tipo li hanno, e la diffusione capillare sul territorio mondiale anche...al contrario di netscape.Poi venne il w98, in cui IE te lo trovavi per forza... e dato che la gente usa quello che trova senza farsi domande, tutti usarono quello... i siti ottimizzarono per IE perche' si era ormai capito chi avrebbe vinto la guerra dei browser e giu' nella solita spirale.E questo giochetto possono farlo con qualsiasi altro software. Tanto loro possono rifilarti un programma fin dalla prima installazione. Nessuna altra ditta puo'. E quello che rifilano loro sui loro desktop diventa lo "standard" semplicemente perche' la gente usa quello che trova.
          • Anonimo scrive:
            Re: e la storia continua
            Le tue spiegazioni sono giuste e sacrosante, ma è inutile che continui a discutere con un'azionista e beta tester della Microsoft, ti risponderà sempre che Microsoft occupa la posizione che ha solo perché è innovativa, perché Bill Gates è bravo. Che c'é un giudice parziale che non capisce cos'é l'innovazione che voleva smembrare l'azienda e bla bla bla. Invece è un uomo libero l'attuale segretario del dipartimento della giustizia. E' un uomo libero lui, intendo Darth Vader, e tutti gli altri siamo solo dei cazzoni che non riescono a comprendere quanto sia gratificante usare Windows XP, Office XP, WMP, IE, OE, MSN Messenger, usare i suoi mouse e le sue tastiere, i suoi joistick per giocare, la sua X-Box e presto anche la sua TV interattiva che ti controlla pure quanti peli hai nel culo vedi pag. 22 del Corriere della Sera di oggi. Ma vuoi mettere l'eXPerience che ne trai da tutto questo con quelle cazzate da comunisti e anarchici che sono Linux, MacOS X, OpenOffice, Realplayer, quicktime e via dicendo?
          • Anonimo scrive:
            Re: e la storia continua
            E infatti è quello che sta facendo per non fare la fine di Digital. E non mi dire che non capisci che il tentativo di entrare nel mercato dello stream video è parte del tentativo di entrare nel mercato dei servizi su internet, perché tanto non ci credo.---
            M$ è già da tempo sul mercato dei servizi internet...sta solo tentando di completare la panoplia di segmenti dello stesso mercato su cui estendere la sua presenza egemonica...
            analizzerei in altro modo... il settore
            dello streaming offre potenzialità...M$ l'ha
            capito e non vuole perdersi l'occasione. Ma
            sappiamo tutti quali saranno gli
            obiettivi...dominare il settore di mercatoScusa mi citi il nome di un'azienda che entra sul mercato con l'obiettivo di restare relegata a una nicchia?---
            non è quello il problema....ogni azienda vuole ritagliarsi la propria quota di mercato...M$ la vuole tutta e fa di tutto per ridurre a zero quella della concorrenza.
            con le "tecniche" che ha sempre adottato
            fino ad ora e fare in maniera che i gli
            utenti dipendano dagli standard
            M$....massimizando i propri utili alla
            faccia degli utenti.Leggila in modo diverso: MS integra le funzionalità che i clienti chiedono nel suo prodotto di punta (Windows)offrendo quindi la comodità al cliente di avere una funzionalità già presente e lasciandogli la libertà di scaricare altri prodotti simili con funzionalità analoghe. Questo consente a MS di offrire un SO più completo lasciando comunque all'utente la libertà di scelta. Ti ricordo che nessuno ha ancora mai sancito che integrare nuove funzionalità in un prodotto sia vietato. Altrimenti tutti i produttori software sarebbero fuorilegge. Tieni conto che nemmeno il giudice più parziale d'America (Jackson) ha mai affermeto che l'utente Windows è stato leso nella sua libertà di scaricarsi Netscape. Anche dopo l'integrazione di IE in Windows, dal sito Netscape i download non sono diminuiti. Cioè la gente continuava a scaricarselo e poi lo buttava perché IE è migliore.--
            sorry ma condivido maggiormente la visione di Munehiro...mi sembra più realistica...
          • Anonimo scrive:
            Re: e la storia continua

            Leggila in modo diverso: MS integra le
            funzionalità che i clienti chiedono nel suo
            prodotto di punta (Windows)Vorei proprio conoscere i clienti che hanno chiesto Clippy :-)
            offrendo quindi
            la comodità al cliente di avere una
            funzionalità già presente e lasciandogli la
            libertà di scaricare altri prodotti simili
            con funzionalità analoghe.La Kodak la pensa in modo diverso. Pure i messaggi subliminali nascosti nelle .dll (Segui bugtraq ?) e che discreditano i programmatori ella Nestcape non sono da meno.
          • Anonimo scrive:
            Re: e la storia continua

            Leggila in modo diverso: MS integra le funzionalità che i clienti chiedono nel suo prodotto di punta (Windows) offrendo quindi la comodità al cliente di avere una funzionalità già presente e lasciandogli la libertà di scaricare altri prodotti simili con funzionalità analoghe. Questo consente a MS di offrire un SO più completo lasciando comunque all'utente la libertà di scelta. Ti ricordo che nessuno ha ancora mai sancito che integrare nuove funzionalità in un prodotto sia vietato. Altrimenti tutti i produttori software sarebbero fuorilegge. Tieni conto che nemmeno il giudice più parziale d'America (Jackson) ha mai affermeto che l'utente Windows è stato leso nella sua libertà di scaricarsi Netscape. Anche dopo l'integrazione di IE in Windows, dal sito Netscape i download non sono diminuiti. Cioè la gente continuava a scaricarselo e poi lo buttava perché IE è miglioreE poi accusi gli altri di faziosita'?Ti autorizzo a smetterla di farci ridere.Carlo S.
  • Anonimo scrive:
    Notizia ambigua
    Non riesco a capire se l'autore volesse informare di una mossa futura della MS, o dare risalto a un possibile futuro del net streaming.Nel primo caso, ringrazio, prendo atto e invito gli utenti a non usare nessun formato proprietario per non intraprendere un percorso che ci vedrebbe incatenati al volere di uno solo. E la libertà è impagabile.Nel secondo caso, invece, devo dire che la MS arriva bene in ritardo, visto che nel mondo opensource il net streaming semplice e funzionante è una realtà già da tempo.La MS fra progetti, idee e prodotti ormai assume un aspetto retrò. Ma il mondo si evolve.
    • Anonimo scrive:
      Reazione scontata :-)
      "assume un aspetto retrò. Ma il mondo si evolve"Tutti a installare Linus Opensurs, dai dai! ;-) E poi tutti a dare addosso al "dragasaccocce", dai dai!"Eravamo 4 amici al bar... [cut] ... Son rimasto solo io al bar..." (G. Paoli);-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Reazione scontata :-)
        - Scritto da: freelOSophy
        "assume un aspetto retrò. Ma il mondo si
        evolve"

        Tutti a installare Linus Opensurs, dai dai!
        ;-) E poi tutti a dare addosso al
        "dragasaccocce", dai dai!

        "Eravamo 4 amici al bar... [cut] ... Son
        rimasto solo io al bar..." (G. Paoli)si ma dopo dice:gli altri sono tutti quanti a casa,ma quest'oggi, verso le tre, son venuti quattro ragazzinison seduti qui vicino a me con davanti due coche e due caffe'li sentivo chiacchierare han deciso di cambiare tuttoquesto mondo che non vasono qui con 4 amici al bar, che hanno voglia di cambiare il mondocome vedi, il mondo si evolve, ma c'e' sempre qualcuno a cui la liberta' sta a cuore.peccato che i menefreghisti siano sempre troppi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Reazione scontata :-)
          Giusta citazione. Ma dopo la frase da te citata, G.Paoli conclude la canzone. Più che "evoluzione" parlerei di "speranza". E intanto il mondo (Micro$oft) si evolve ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Reazione scontata :-)
            - Scritto da: freelOSophy
            Giusta citazione. Ma dopo la frase da te
            citata, G.Paoli conclude la canzone. Più che
            "evoluzione" parlerei di "speranza". E
            intanto il mondo (Micro$oft) si evolve ;-)"Evoluzione" è una parola grossa .....
          • Anonimo scrive:
            Re: Reazione scontata :-)
            E' vero, per questo l'ho usata :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Reazione scontata :-)
            1) Io ho parlato di mondo opensource... avrei fatto meglio a chiamarlo universo, perché l'opensourse non è solo linux, è un'infinità di cose. E difatti non c'è nessun riferimento al pinguino. Libertà.2) Se ti piace che qualcuno ti possa dragare per bene le saccocce, se ti avanzano dei ghelli, be'... fammelo sapere.3) Non è elegante prendere le espressioni degli altri e ripeterle per farne trappole per chi non sa. Il mondo si evolve, MS ha tutto vecchio, a cominciare dal filesystem... la base.4) La canzone di Paoli inizia con 4 amici, torna a essere solo, poi sono in 4 ecc. Il mondo opensource invece è in continua espansione, non si sta fermando, anzi, la MS sta facendo l'ira di Dio per fermarlo. E con tutti i soldi che ha non riesce a bloccare un sistema che non è prezzolato da nessuno. Ti sei chiesto come mai non ci riesce?
          • Anonimo scrive:
            Re: Reazione scontata :-)
            Scusate l'intromissione. Dal canto mio odio chi aggira impunemente tutto ciò che riguarda l'antitrust, ma devo ammettereche sul mio disco ho una bella suddivisione, unaparte della quale è riservata al pinguino e l'altra ai Redmond's Guys. Sono soddisfatto di Xpin quanto non mi è ancora riuscito di crasharlo1volta1, e lo tratto anche parecchio male, èvoloce, stabile e integrato con tutte le solitemenate M$, che purtroppo, mi ritrovo ad usare.Ma allo stesso tempo mi fa incazzare a morte ilfatto che non esista il supporto Mp3 per fare inmodo che gli ignari utenti si buttino anima ecorpo nel .wma, ma so anche risolvermi i problemida solo, ho cercato quà e la e ho trovato il carofile .reg da installare per abilitare Windows Media Player a convertire in Mp3. Combattiamo quando è giusto, non diamo addossosenza motivo, si alla libera concorrenza, NO albuonismo senza freni.Prendete un sistema operativo M$, se vi piace velo adattate alla vostre esigenze.Tutti danno addosso alla M$ perchè non ha inclusonel setup di Xp la Java Machine? Colpa di Bill.Forse, o forse ci andiamo a leggere la lettera aperta alla Sun sul sito M$ e ci chiariamo le idee, per favore usiamo la testa, per non diventare schiavi di Bill Gates ma anche per nonfare ostruzionismo finanziario, che è roba che non ci compete.
          • Anonimo scrive:
            Re: Reazione scontata :-)
            - Scritto da: wtb
            Scusate l'intromissione.
            Dal canto mio odio chi aggira impunemente
            tutto
            ciò che riguarda l'antitrust, ma devo
            ammettere
            che sul mio disco ho una bella suddivisione,
            una
            parte della quale è riservata al pinguino e
            l'altra ai Redmond's Guys. Sono soddisfatto
            di Xp
            in quanto non mi è ancora riuscito di
            crasharlo
            1volta1beato te ... io l'ho usato 10 minuti e mi e' crashato explorer.exe
            , e lo tratto anche parecchio male, è
            voloce, stabile e integrato con tutte le
            solite
            menate M$, che purtroppo, mi ritrovo ad
            usare.
            Ma allo stesso tempo mi fa incazzare a morte
            il
            fatto che non esista il supporto Mp3 per
            fare in
            modo che gli ignari utenti si buttino anima e
            corpo nel .wma, ma so anche risolvermi i
            problemi
            da solo, ho cercato quà e la e ho trovato il
            caro
            file .reg da installare per abilitare
            Windows Media Player a convertire in Mp3. questo lo fai tu... ma se non lo fa tutto il resto del mondo mp3 non lo usa piu' nessuno, idem per oggMicrosoft e' l'unica entita' che decide cosa ci deve essere sul desktop di milioni di persone e cosa non ci deve essere. Ergo pilota la mente e le azioni di tutti quelli che usano il computer come una console... e dato che sono i piu' anche chi vorrebbe usarlo con un po' piu' di consapevolezza non puo' fare altro che seguire e subire.
            Tutti danno addosso alla M$ perchè non ha
            incluso
            nel setup di Xp la Java Machine? Colpa di
            Bill.
            Forse, o forse ci andiamo a leggere la
            lettera
            aperta alla Sun sul sito M$ e ci chiariamo
            le ideejava e' una schifezza, ma siamo sempre al solito punto. Microsoft rifiuta l'inclusione di software di terze parti su un desktop nativo. Questo implica che qualsiasi concorrente (e anche non concorrente, dato che la tecnologia java non aveva un analogo microsoft) e' svantaggiato rispetto a lei nell'imposizione di un software o di un formato.Microsoft e' il grande dominatore: guarda le tecnologie emergenti che stanno fuori dal proprio desktop, valuta quelle che hanno successo, muove capitali (anche in perdita, tanto e' sicura che rientrera') per sviluppare una tecnologia concorrente e la piazza gia' installata. risultato, il concorrente muore, la vecchia tecnologia (magari migliore) sparisce e chi ci guadagna e' solo microsoft, che poi diventa anche quella che ha inventato le finestre, il mouse, i sistemi operativi stabili, internet.piu' o meno non c'e' molta differenza con il tizio che aspetta i vecchietti fuori dalla posta per dargli una bastonata e fregargli la pensione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Reazione scontata :-)

            piu' o meno non c'e' molta differenza con il
            tizio che aspetta i vecchietti fuori dalla
            posta per dargli una bastonata e fregargli
            la pensione.hahahahhaavedi che non hai capito ???lo fa a fin di bene...da loro solo un paio di bastonate, cosi non rischiano di prenderle di piu da un'altro ;-0)
Chiudi i commenti