La NSA: non ci danno abbastanza tecnologie

Il boss della National Security Agency sostiene che Osama bin Laden dispone di tecnologie più avanzate di quelle dei servizi americani. L'impegno è serio: occorre convincere il Congresso a svenarsi ulteriormente
Il boss della National Security Agency sostiene che Osama bin Laden dispone di tecnologie più avanzate di quelle dei servizi americani. L'impegno è serio: occorre convincere il Congresso a svenarsi ulteriormente

Washington (USA) – Quanto è credibile che il terrorista islamico Osama bin Laden, ricercato numero uno dalle polizie di mezzo mondo, abbia a sua disposizione tecnologie più avanzate di quelle della National Security Agency americana (NSA)?

Secondo il boss della NSA – l’agenzia che governa il sistemone di intercettazione Echelon – non solo è credibile ma è proprio così. Mike Hayden , capo della NSA da tempo impegnato a convincere il Congresso che ogni dollaro speso nei servizi segreti militari è un dollaro guadagnato, sostiene infatti che “Osama bin Laden ha a sua disposizione la ricchezza di una industria di telecomunicazioni da 3mila miliardi di dollari all’anno sulla quale può appoggiarsi. Noi rimaniamo indietro con la rivoluzione delle telecomunicazioni”.

Hayden è convinto che proprio la superiorità tecnologica consenta a bin Laden di compiere i propri attentati come quelli alle ambasciate americane di Kenya e Tanzania nel 1998 che hanno provocato la morte di 224 persone.

Il boss della NSA, in una intervista appena rilasciata, ha anche sottolineato le difficoltà che l’agenzia incontra nel dover aggiornare i propri sistemi adattandoli alle soluzioni tecnologiche precedenti. Difficoltà tali che all’inizio dell’anno scorso provocarono un “arresto temporaneo” di molte operazioni NSA.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 02 2001
Link copiato negli appunti