La porno-gaffe di Google Base

All'inizio della settimana Google ha dovuto rimediare ad un problema nel filtro anti-porno di Base, il cui motore di ricerca riversava contenuti osé d'ogni tipo


Mountain View (USA) – Un problema piuttosto imbarazzante quello che all’inizio della settimana ha interessato Google Base . Per alcune ore, infatti, il neonato servizio di Google ha “perso il controllo” sui contenuti a luce rossa presenti nel proprio archivio, lasciandosi sfuggire testi e foto anche molto espliciti.

Le policy di Google Base prevedono la possibilità di inserire nel database contenuti per adulti, ma normalmente le inserzioni più “piccanti”, e soprattutto le immagini che le corredano, vengono filtrate dalla funzione SafeSearch : questa può essere configurata nella sezione Preferences del servizio e, di default, è impostata su livello “moderate”. Per un problema tecnico, lo scorso martedì questo filtro ha smesso di funzionare svelando a tutti un underground pornografico di proporzioni inaspettate, soprattutto se si considera che il servizio ha poco più di una settimana di vita.

Un portavoce americano di Google ha spiegato che il problema “è stato risolto velocemente”, mancando tuttavia di fornire dettagli sulla sua durata e natura.

Ma Google non sembra essersi limitata a sistemare il bug. C’è infatti chi fa notare come le ricerche relative ai materiali pornografici, rispetto a pochi giorni fa, forniscano un numero assai minore di risultati. Ad esempio, News.com afferma che lo scorso martedì la ricerca della parola chiave “xxx” vomitava oltre 14.000 link: oggi, con la funzione SafeSearch disattivata, la stessa ricerca genera meno di 500 risultati. Evidentemente la società di Mountain View ha voluto rispondere alle critiche di chi, dopo la gaffe di pochi giorni fa, già marchiava Base come “il quartiere a luci rosse di Google”.

Attualmente Google Base si trova ancora in fase di beta testing, tuttavia il suo archivio contiene già milioni di inserzioni: tra queste vi sono annunci di compravendita, pubblicità, articoli, blog, recensioni, fumetti ed altro ancora.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • EverythingYouKn scrive:
    5 --
    Intercettate questa scoreggia: pppppprrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Ovviamente
    le intercettazioni non servono per indagare i soliti potenti ma per fare abluzioni intime con la vita di un innocente che sta a marcire in carcere senza uno straccio di prova credibile.http://www.lapadania.com/PadaniaOnLine/Articolo.aspx?pDesc=50050,1,1Cosi' e' la vita:in carcere ci finiscono solo gli sfigati con buona pace delle coscienze di tutti (sopratutto dei cornuti e delle vecchie *uttane velenose di Brescia).E Buon Natale a G.Gatti.
  • Anonimo scrive:
    Con la scusa del terrorismo ......
    Cavoli questa scusa del terrorismo è peggio di un troiano per computer perchè questo è "un troiano mentale " che nasconde sicuramente altre scuse !   :s
    • AnyFile scrive:
      Re: Con la scusa del terrorismo ......
      do sempre piu' ragione a Francesco Bacone
    • Anonimo scrive:
      Re: Con la scusa del terrorismo ......
      - Scritto da: Anonimo
      Cavoli questa scusa del terrorismo è peggio di
      un troiano per computer perchè questo è "un
      troiano mentale " che nasconde sicuramente altre
      scuse ! :s...gia', perche' anche se il terrorismo uccide delle persone, non crea danni alle multinazionali (quindi se ne fregano). Ben piu' importante quando qualcuno puo' danneggiare i lauti guadagni delle majors ...e infatti...http://news.scotsman.com/entertainment.cfm?id=2310512005
  • gimuz scrive:
    garanzie di impugnazione
    L'importante mi sembra garantire che a fronte dell'autorizzazione del giudice al controllo, ci siano adeguati meccanismi di opposizione, di verifica e eventualmente di impugnazione di questo provvedimento e che questi meccanismi possano avvenire PRIMA dell'intercettazione.
  • Anonimo scrive:
    Buon senso.
    Se a iniziare a tracciare i movimenti di un sospetto terrorista ci mettono più di sei mesi, tanto vale che non ci provino nemmeno... questo iperzelo di faciata unito all'inefficienza di fondo avrà come uniche conseguenze di infastidire i cittadini e limitarne la libertà e nuocerà alle indagini ingolfando gli archivi con una quantità ingestibile e quindi inutile di dati.
    • Riot scrive:
      Re: Buon senso.
      - Scritto da: Anonimo
      Se a iniziare a tracciare i movimenti di un
      sospetto terrorista ci mettono più di sei mesi,
      tanto vale che non ci provino nemmeno... questo
      iperzelo di faciata unito all'inefficienza di
      fondo avrà come uniche conseguenze di infastidire
      i cittadini e limitarne la libertà e nuocerà alle
      indagini ingolfando gli archivi con una quantità
      ingestibile e quindi inutile di dati.Concordo, l'ennesima mossa liberticida che con la presunta "guerra al terrorismo" ha poco a che fare.
  • Anonimo scrive:
    quanto costa
    quanto mi costa sta cosa?
Chiudi i commenti