La pubblicità tracciante non fa più paura?

Apprezzano i comunicati personalizzati, frutto del monitoraggio online. La privacy? A tutelarla pensano codici di condotta firmati da aziende sotto accusa per aver sconfinato nella vita di rete dei cittadini

Roma – Sanno di essere osservati, sono consapevoli del fatto che solcare la rete significa disseminare dati che possono ricostruire un quadro completo dei propri comportamenti e delle proprie relazioni. Ma non se ne preoccupano: la pubblicità comportamentale, personalizzata sulla base di rastrellamenti online, è accettata dalla metà dei cittadini della rete statunitensi.

A disegnare il panorama dell’atteggiamento dei netizen nei confronti del behavioral advertising è un’ indagine commissionata da TRUSTe , organizzazione a tutela della privacy che certifica l’affidabilità di servizi e siti web. Due cittadini della rete su tre ne sono pienamente consapevoli : sanno che esistono servizi che vigilano sulle loro abitudini, sanno che ci sono aziende che si incuneano nel rapporto con il provider che li serve, sanno che i dati racimolati vengono venduti agli inserzionisti, sanno che possono diventare target di pubblicità ad hoc.

Nel contempo, la diffidenza nei confronti del monitoraggio di rete operato dalla aziende si attenua progressivamente: i dati raccolti da TRUSTe lasciano emergere un affievolirsi delle apprensioni . Se nel 2008 il 57 per cento degli intervistati temeva di poter impersonare un bersaglio per inserzionisti che si affidassero a dati distillati dal tracciamento, sono ora meno del 51 per cento i netizen statunitensi a diffidare dei comunicati pubblicitari che si fondano sui loro percorsi di rete. La confidenza che gli utenti dimostrano di aver acquisito nei confronti della pubblicità comportamentale, spiega TRUSTe , si consolida di pari passo con le abitudini: sono sempre di più, il 72 per cento, coloro che gradiscono essere attorniati da pubblicità rilevante rispetto ai loro bisogni. In caso contrario, confermano numerose ricerche , trovano i comunicati invasivi e fastidiosi.

Ma a fronte dell’affermarsi della sensazione di fiducia nei confronti della pubblicità comportamentale, cresce il numero dei netizen che è a conoscenza di tattiche per tutelarsi dagli occhiuti intermediari che operano a favore degli inserzionisti: i tre quarti degli intervistati hanno dichiarato di sapersi difendere. Ma non tutti operano per innalzare queste difese: il 39 per cento dei netizen non agisce.

Laddove però non arriva la sensibilità dei netizen tentano di sopperire le istituzioni: è recente la presa di posizione della Federal Trade Commission statunitense, che ha sfornato un codice di condotta a cui dovrebbero aderire gli attori del behavioral advertising. Le organizzazioni di settore si muovono altresì per rassicurare i cittadini della rete che ancora diffidano: la divisione del Regno Unito di IAB ha stilato delle linee guida , direttrici sulla base delle quali bilanciare le spinte del mercato e i diritti alla riservatezza degli utenti. I pilastri su cui si fonda l’autoregolamentazione proposta da IAB sono la massima trasparenza da parte dell’operatore che draga le sessioni online dei netizen, la necessità di garantire l’opt-out e, qualora possibile, di ottenere da parte dell’utente un consenso informato.

Si tratta di principi che non soddisfano le associazioni a tutela dei cittadini della rete: Open Rights Group sottolinea le difficoltà nell’integrare nella contingenza delle linee guida che non sembrano dare conto dei dettagli tecnici di una reale implementazione. Affinché un operatore di behavioral advertising possa schivare l’utente che abbia deciso di non aderire, argomenta ad esempio l’associazione, sarà necessario che la sua macchina ospiti un cookie che attesti la sua scelta: un meccanismo che potrebbe rendere l’opt-out una pratica da ripetere numerosissime volte, in quanto limitata appunto alla macchina e alla scelta di conservare i cookie.

Numerosi attori della rete hanno però manifestato il proprio consenso nei confronti del codice di condotta di IAB: Google e Microsoft hanno aderito, hanno aderito Phorm e NebuAd . Le stesse Phorm e NebuAd che sono ora nel mirino delle autorità, sospettate, così come un numero sempre maggiore di attori del behavioral advertising, di aver sconfinato nella vita di rete dei netizen.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fsdfs scrive:
    fsdfs
    [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-datejust-c-2]Rolex DateJust watches[/url], Rolex DateJust watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-day-date-c-3]Rolex Day Date watches[/url], Rolex Day Date watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-daytona-c-4]olex Daytona watches[/url], Rolex Daytona watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-explorer-c-5]Rolex Explorer watches[/url], Rolex Explorer watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-gmt-c-6]Rolex GMT watches[/url], Rolex GMT watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-masterpiece-c-7]Rolex Masterpiece watches[/url], Rolex Masterpiece watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-milgauss-c-8]Rolex Milgauss watches[/url], Rolex Milgauss watches
  • ACAD scrive:
    Funzionerà con elisa mediacenter?
    Come da titolo...
  • ciocia scrive:
    Ho i miei dubbi per il 1080p
    Questo pc punta sulla vga, ma non ci sono software che sfruttino a dovere la vga nella riproduzioni di file HD .mkv, mentre vengono sfruttate meglio le cpu multicore.Il mio pc da salotto monta un X2 3800@2300mhz e vga 8800gt eppure con alcuni filmati 1080p fa quasi fatica pur sfruttando KMplayer con core AVC pro per sfruttare il dualcore.Con un Atom si va poco avanti!Se si vuole fare un HTPC con la certezza che tutti i filmati 1080p siano fluidi, meglio puntare su un bel core2 duo.
    • pabloski scrive:
      Re: Ho i miei dubbi per il 1080p
      così però rimarrebbe il problema dei consumise proprio vogliono salvare capra e cavolo, devono piuttosto puntare su ARM che garantisce performance e consumi bassissimi.....
    • robynhub scrive:
      Re: Ho i miei dubbi per il 1080p
      Approvo su tutta la linea. Il vero hd e' pesante anche per il mio quad core... un atom non ce la fara' mai.
    • eprot scrive:
      Re: Ho i miei dubbi per il 1080p
      Con tutte le schede va abilitata l'accelerazione, che sia uvd per le ati o purevideo per le nvidia.Ovviamente è necessario anche un software compatibile (powerdvd 7/8, mpc-hc) e un video compatibile (un buon 90% con le ati, 95% con le nvidia).Il più pesante dei h264 anche a 1080p non arriva al 10% di un qualsiasi dual core
  • Wofthel scrive:
    Ma non c'èra già il modello NOVA LITE?
    ASUS Nova Lite PX24-AP001 Intel Celeron 220 (1.20GHz, 512KB L2, 533MHz FSB)HD 250GB - RAM 2048MB - SO: Windows Vista Home PremiumGigabit Ethernet - S/PDIF - HDMIScheda video ATI Radeon 3450HD 256MB dedicataIn vendita da MEDIA WORLD a 399 .
  • The Punisher scrive:
    L'unica cosa che non capisco
    E' perche' non gli hanno messo un lettore DVD.(si, lo so c'e' quello esterno).
    • melamarcia scrive:
      Re: L'unica cosa che non capisco
      ma che servono ancora sti aggeggi tondi di plastica? io più che altro mi chiedo come mai un disco così ridicolmente insufficiente a fare da media storage
      • The Punisher scrive:
        Re: L'unica cosa che non capisco
        - Scritto da: melamarcia
        ma che servono ancora sti aggeggi tondi di
        plastica?Uhmmm... Fammi pensare...A vedersi un film forse?! :-)Pero' in effetti forse hai ragione, visto che e' esterno al posto del DVD ci si potra' attaccare un BD esterno (nel momento in cui saranno accessibili a prezzi decenti).
        • gino scrive:
          Re: L'unica cosa che non capisco
          Vedersi un film su un supporto plastico inaffidabile come il DVD/BluRay è roba del secolo scorso. Oggi è molto più conveniente avere un piccolo NAS da svariati gigabytes dove tenere tutto e usare un player che veda un file server in rete. Come praticità non c'è confronto.
          • tiscalino scrive:
            Re: L'unica cosa che non capisco
            - Scritto da: gino
            Vedersi un film su un supporto plastico
            inaffidabile come il DVD/BluRay è roba del secolo
            scorso. Oggi è molto più conveniente avere un
            piccolo NAS da svariati gigabytes dove tenere
            tutto e usare un player che veda un file server
            in rete. Come praticità non c'è
            confronto.Sottoscrivo. Io ho fatto ESATTAMENTE cosi', gia' da vari mesi e recentemente ho preso un bel NAS (non cito la marca ne' da dove l'ho acquistato per non fare pubblicita', ma e' una marca nota per lo storage anche economico, e l'ho preso da un rivenditore nazionale notissimo di hardware professionale) a 270 Euro IVA inclusa, con 2 dischi da mezzo Tera messi in RAID 1 (quindi mirrorati), sistema operativo basato su kernel Linux, controllo accessi per utente per risorse, FTP integrato. Il tutto attualmente utilizzato in casa (e via FTP anche da fuori), e per musica, foto e video uso per ora un PC Vista Home Premium (collegato ovviamente alla TV via sVHS) il cui catalogo multimediale punta al NAS. Se trovo un box "decente" (qualsiasi sistema operativo va bene) per farne una unita' multimediale e' perfetto cosi', magari la Xbox360 (chissa' perche' la 360 vuole per forza un PC in rete con Media Center, e non gli basta un'unita' condivisa...) anche l'EeeBox va bene secondo me.
          • The Punisher scrive:
            Re: L'unica cosa che non capisco
            E chi ti ha detto che io non faccia ANCHE quello? ;-)
          • LaBirra scrive:
            Re: L'unica cosa che non capisco
            - Scritto da: gino
            Vedersi un film su un supporto plastico
            inaffidabile come il DVD/BluRay è roba del secolo
            scorso. Oggi è molto più conveniente avere un
            piccolo NAS da svariati gigabytes dove tenere
            tutto e usare un player che veda un file server
            in rete. Come praticità non c'è
            confronto.Chiaramente tutti questi svariati GB arrivano in forma legale nel piccolo NAS :DI film si vendono in DVD, per quanto non possa piacere è la forma legare per avere un film ... poi chiaro, siam tutti più comodi con gli avi ma i DVD sonq quelli che si vendono, per cui il lettore DVD doveva esserci.
  • melamarcia scrive:
    mi tengo il popcorn
    almeno il 1080p me lo tira come si deve, anche a datarate importanti, l'eee alla fine fa una gran fatica a lavorare in fullHD, non ha le flessibilità di uscita e la qualtà dell'audio non è gran ché
    • nome e cognome scrive:
      Re: mi tengo il popcorn
      - Scritto da: melamarcia
      almeno il 1080p me lo tira come si deve, anche a
      datarate importanti, l'eee alla fine fa una gran
      fatica a lavorare in fullHD, non ha le
      flessibilità di uscita e la qualtà dell'audio non
      è gran
      chéma che l'avete gia comprato sto eee nuovo?
      • melamarcia scrive:
        Re: mi tengo il popcorn
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: melamarcia

        almeno il 1080p me lo tira come si deve, anche a

        datarate importanti, l'eee alla fine fa una
        gran

        fatica a lavorare in fullHD, non ha le

        flessibilità di uscita e la qualtà dell'audio
        non

        è gran

        ché

        ma che l'avete gia comprato sto eee nuovo?ho provato sul b 202 il parco hardware è quello
        • Alessandro Del Rosso scrive:
          Re: mi tengo il popcorn


          ma che l'avete gia comprato sto eee nuovo?

          ho provato sul b 202 il parco hardware è quelloSì, a parte una piccolissima differenza: la GeForce 3450... ;-) Ma proprio piccola eh :)
          • melamarcia scrive:
            Re: mi tengo il popcorn
            - Scritto da: Alessandro Del Rosso


            ma che l'avete gia comprato sto eee nuovo?



            ho provato sul b 202 il parco hardware è quello

            Sì, a parte una piccolissima differenza: la
            GeForce 3450... ;-) Ma proprio piccola eh
            :)a parte che è una ATI, comunque ho voglia di vederla all'opera con h264 a 30fps in full hd con datarate di 35-40 Mbps, poi se il gestisce fluidi, cappello alla Ati, sia chiaro
          • Goya scrive:
            Re: mi tengo il popcorn
            Si perchè col popcorn li vedi fluidi a quel bitrate
          • melamarcia scrive:
            Re: mi tengo il popcorn
            si, l'ho preso apposta perché gestisce bene questo tipo di materiale video con cui ho a che fare spesso
          • carlofuxas scrive:
            Re: mi tengo il popcorn
            La scheda ATI 3450 integra l'Unified Video Decoder (UVD) il cui compito è quello di gestire tutti i flussi video, sia in standard che in high definition, sgravando il proXXXXXre di sistema dall'esecuzione di queste operazioni.
          • caterpillar scrive:
            Re: mi tengo il popcorn

            a parte che è una ATI, comunque ho voglia di
            vederla all'opera con h264 a 30fps in full hd con
            datarate di 35-40 Mbps, poi se il gestisce
            fluidi, cappello alla Ati, sia
            chiaroanche con i video F571 47,5 FPS in stretch HD e full bitrate a 5 Ghz sec. A me ha dato problemi con le risoluzioni megamagic in estensione direttiva. Bha! Forse è un problema dell'operatore anecoico
          • Geordi La Forge scrive:
            Re: mi tengo il popcorn
            - Scritto da: caterpillar
            anche con i video F571 47,5 FPS in stretch HD e
            full bitrate a 5 Ghz sec. A me ha dato problemi
            con le risoluzioni megamagic in estensione
            direttiva. Bha! Forse è un problema
            dell'operatore
            anecoicoDevi ricalibrare gli invertitori di fase perchè altrimenti ti si genera un flusso polarizzato che va ad impattare sulla decodifica del segnale laterale.Ti consiglio di provare con una matrice di controllo isolineare: basta collegarla al giunto ottico di derivazione.
          • pippo scrive:
            Re: mi tengo il popcorn
            Grande Ian Solo...
          • Mauro Cagliari scrive:
            Re: mi tengo il popcorn
            eddai non e' mica cosi' fantascientifico, qui stiamo parlando di tecnologie da 300 euri
  • anonimo codardo scrive:
    Il prezzo...
    Avevano annunciato che il b202 (la modello precedente) sarebbe costato 200$, ma non è mai sceso sotto i 250, ora hanno alzato ancora di più il prezzo... boh. Non capisco la strategia commerciale. Se costasse meno di 200 (magari i 170 che avevano annunciato...) l' avrei già comprato da mesi.
    • uente scrive:
      Re: Il prezzo...
      E poi non è che i 1080p le tiri cosi' bene... scattano ogni tanto... non mi sembra una grande novità... mi tengo il mio baloccobox per il salotto...
      • Andrea S scrive:
        Re: Il prezzo...
        Ma sul serio?Anche io ho un pc dentro la scatola (di latta) della Balocco!!Hai delle foto? And
      • pentolino scrive:
        Re: Il prezzo...
        in effetti con quel prezzo lì ti ci scappa un baloccobox (o popcorn hour che è istess...) + un telvisorino LCD... misteri...
  • pizza margherita scrive:
    download server
    finalmente un truscolino piccolo e poco esoso, da tenere 24/7 a scaricare i torrent! :-)
    • Nome e cognome scrive:
      Re: download server
      Per quello c'era già il primo modello e altre alternative, anche italiane.La verà novità è la grafica un po' più decente.
    • melamarcia scrive:
      Re: download server
      - Scritto da: pizza margherita
      finalmente un truscolino piccolo e poco esoso, da
      tenere 24/7 a scaricare i torrent!
      :-)i torrent li puoi scaricare direttamente dal popcorn con prestazioni e consumi decisamente migliori
    • MegaJock scrive:
      Re: download server
      - Scritto da: pizza margherita
      finalmente un truscolino piccolo e poco esoso, da
      tenere 24/7 a scaricare i torrent!
      :-)C'è qualcosa di ancora più piccolo e ancora meno esoso: http://www.videogame.ch/index.php?cPath=115_242
Chiudi i commenti