La Regina di DARPA passa a Google

Regina Dugan, a capo dell'agenzia dal 2009, saluta tutti e trasloca a Mountain View. In tre anni tanti cambiamenti e qualche scandalo

Roma – La direttrice della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), Regina Dugan, approderà presto a Google. Dugan, 49 anni, è stata la prima donna nominata a capo dell’agenzia del Pentagono e, nonostante il periodo di crisi, è riuscita a mantenere invariata la quota di finanziamenti con cui ogni anno lo stato federale sovvenziona DARPA.

Nei tre anni di permanenza ai vertici del Pentagono, Dugan si è concentrata sull’innovazione e sullo sviluppo tecnologico e ha spostato le ricerche su problemi più pratici come il crowdsourcing e la lotta al terrorismo. In particolare, lo scorso novembre fece un appello agli hacker di tutto il mondo per lo sviluppo di un sistema di sicurezza delle reti militari, una mossa assai insolita per la première dame di un’agenzia governativa.

Questi anni di lavoro sono stati però anche molto controversi. Dugan si ritrovò al centro delle polemiche quando, lo scorso anno, venne a galla che DARPA aveva stipulato diversi contratti da centinaia di migliaia di dollari con RedX Defense , un’azienda co-fondata dalla stessa Dugan e ancora parzialmente in suo possesso. Sul caso, l’ Office of Inspector General (OIG) del Pentagono aprì un’inchiesta, di cui non sono ancora stati resi noti i risultati.

“La partenza della direttrice Dugan non è legata all’indagine dell’OIG – ha dichiarato il tenente colonnello Melinda Morgan, portavoce dell’Ufficio del Segretario alla Difesa – L’OIG effettua controlli regolari sui contratti stipulati da tutte le agenzie della Difesa, inclusa DARPA”. Secondo il portavoce di DARPA, Eric Mazzacone, Dugan ha accettato una proposta più che allettante. Parole di elogio sono venute anche da BigG: “Sarà una vera e propria risorsa e siamo felici che si unirà alla nostra squadra”. A quanto sembra, Dugan ha accettato un posto da dirigente , anche se Google, per il momento, non ha specificato le deleghe.

E intanto a DARPA è partito il toto-nomina su chi prenderà il posto della ormai “ex”. Il più quotato sembra essere il vicedirettore Kaigham “Ken” Gabriel, ma non è da escludere che Lisa Porter, capo dell’ Intelligence Advanced Research Projects Activity
(IARPA), una sorta di cugino del DARPA che però si occupa di intelligence, possa dargli del filo da torcere.

Gabriella Tesoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sandro kensan scrive:
    Concorrenza
    Sarebbe una cosa positiva il fatto che google checkout faccia concorrenza a paypal però sono due servizi americani e non uno americano e uno russo.
    • Marco Perna scrive:
      Re: Concorrenza
      Ma quale concorrenza, pare che usare google wallet comporti una commissione del 30 (TRENTA!) percento sui pagamenti delle applicazioni Android.Paypal si prende il 4 e molti si lamentano già di quello.
      • Francesco_Holy87 scrive:
        Re: Concorrenza
        Un pò difficile che si prenda il 30% di commissione.
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Concorrenza
          - Scritto da: Francesco_Holy87
          Un pò difficile che si prenda il 30% di
          commissione.A parte la confusione, è vero che Apple e Android facciano pagare molto caro le "commissioni" sulle app. A dire la verità anche gli editori hanno "commissioni" molto alte, agli scrittori o ai musicisti non va molto.Poi se vogliamo dirla tutta tutti i negozianti fanno pagare "commissioni" piuttosto salate e molto superiori al 4% (dichiarate dal poster) di paypal.Che paypal sia Babbo natale travestito?
          • Francesco_Holy87 scrive:
            Re: Concorrenza
            Aspetta. Stai confondendo il metodo di pagamento di CheckOut e Paypal con lla percentuale di guadagno sul market.
          • Sandro kensan scrive:
            Re: Concorrenza
            - Scritto da: Francesco_Holy87
            Aspetta. Stai confondendo il metodo di pagamento
            di CheckOut e Paypal con lla percentuale di
            guadagno sul
            market.O anche l'euro o i zero euro che spendo per fare un bonifico on line e il guadagno del negoziante (30%? 50%?). Ma era solo per proseguire il discordo dell'anonimo in questo 3ad.
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Concorrenza
        - Scritto da: Marco Perna
        Ma quale concorrenza, pare che usare google
        wallet comporti una commissione del 30 (TRENTA!)
        percento sui pagamenti delle applicazioni
        Android.

        Paypal si prende il 4 e molti si lamentano già di
        quello.Apple mi pare faccia pagare lo stesso per le app.
Chiudi i commenti