La RIAA online brucia anche le copertine

Cdcovers.cc annuncia che causa minacce legali ha dovuto cancellare le migliaia di copertine di CD dal proprio database. A questo punto a rischio anche Mega-Search e gli altri
Cdcovers.cc annuncia che causa minacce legali ha dovuto cancellare le migliaia di copertine di CD dal proprio database. A questo punto a rischio anche Mega-Search e gli altri


Roma – Brutta sorpresa, ieri, per gli occhi delle migliaia di utenti che da tutto il mondo sono soliti visitare il celebre sito CdCovers.cc , spazio web che tra l’altro distribuisce migliaia di copertine di album musicali.

Con un breve post intitolato “La fine della Sezione Audio”, il sito ha avvisato gli utenti di aver provveduto alla cancellazione dell’intero database di copertine relative a materiali musicali. Una mossa che secondo quanto scritto da Cdcovers.cc si deve alle nuove minacce legali provenienti dai discografici della RIAA e della IFPI .

“La gente affamata di soldi in RIAA e IFPI – scrivono senza nascondere la rabbia gli autori del sito – ci ha chiaramente detto che non vogliono più che noi si ospiti le copertine musicali. Tutto questo riguarda i soldi, ragazzi; e sebbene noi siamo una organizzazione senza scopo di lucro che funziona grazie ai volontari, quei sacchi di m**** non si fermano e vogliono farci chiudere minacciando il nostro provider”.

Sebbene non sia certo nuova ad iniziative legali in rete, l’ultima azione della RIAA, a guardare i newsgroup, ha decisamente agitato gli animi di tanti utenti che non capiscono le ragioni della difesa a spada tratta anche dei diritti sulle “grafiche” collegate alla produzione musicale. Ma è facile immaginare che i discografici vedano nella possibilità di scaricare facilmente le copertine degli album un incentivo anche alla duplicazione illegale di musica.

“E’ stata una grande avventura – scrivono ancora quelli di Cdcovers – ma non ce lo possiamo più permettere. Quindi abbiamo deciso di mettere offline la sezione audio. Grazie a tutti per il sostegno degli ultimi tre anni”.

A questo punto sembrano decisamente a rischio le web engine dedicate alle copertine, come Mega-Search , il cui lavoro non solo era strettamente legato a Cdcovers.cc ma è certamente destinato a finire anch’esso nel mirino del fucile legale della RIAA.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 11 2002
Link copiato negli appunti