La scatola nera di Julian Assange

Il founder di Wikileaks in attesa della sentenza che potrebbe estradarlo in terra svedese. Il suo avvocato ha paventato un nuovo processo a porte chiuse. Mentre l'imputato Assange si è raccontato ad AgoraVox Italia

Roma – “Negli ultimi cinque mesi e mezzo una scatola nera è stata applicata alla mia vita. E sull’esterno di questa stessa scatola nera è stata scritta la parola stupro . Questa scatola è ora stata aperta grazie ad un processo aperto al pubblico. Spero che domani tutti possano vedere una scatola vuota, totalmente estranea a quella parola scritta al suo esterno”.

Così parlava ieri pomeriggio Julian Assange, al termine della sua prima giornata presso la Belmarsh Magistrates’ Court . Il fondatore di Wikileaks è ora tornato in aula, in attesa di affrontare il suo destino dopo le accuse di molestie e violenza sessuale da parte di due donne svedesi. Un processo che ha ormai attirato le attenzioni dei media di tutto il mondo, costantemente in aggiornamento sulla decisione del giudice britannico.

“C’è il 40 per cento di possibilità di vincere – ha spiegato Assange nel corso di una lunga intervista pubblicata in due parti dal sito di giornalismo partecipativo Agoravox Italia – ma in ogni caso, sia in caso di vittoria, sia in caso di sconfitta, si andrà in appello. Siamo intenzionati a chiederlo e, ovviamente, in caso contrario, sarà l’accusa a farlo. Ma tra la sentenza e la richiesta passerà circa una settimana”.

A prendere la parola è stato anche il suo avvocato Geoffrey Robertson, visibilmente preoccupato dell’eventuale estradizione in terra svedese. Il rischio principale sarebbe legato alle modalità processuali adottate dalla giustizia locale, che si discosterebbero dai comuni standard internazionali. Assange verrebbe giudicato a porte chiuse e in gran segreto , come previsto dalla giustizia svedese per la tutela delle vittime di molestie e violenza sessuale. Lo stesso Robertson ha sottolineato come il suo assistito possa essere tranquillamente interrogato dalla giustizia svedese in diretta video.

“Se perdiamo sarò arrestato e dovrò di nuovo andare in prigione – ha continuato Assange nel corso dell’intervista rilasciata in esclusiva ad AgoraVox Italia – Cercheremo di dimostrare che non è corretto che io vada in prigione, non essendo un soggetto pericoloso. Probabilmente capiterà che andrò in carcere per qualche giorno e successivamente mi daranno gli arresti domiciliari”.

Il founder è andato poi oltre le sue vicissitudini giudiziarie, parlando innanzitutto delle sorti future del sito delle soffiate Wikileaks. “Fino al mio arresto, siamo riusciti a raccogliere anche 110mila dollari in tre giorni e mezzo . Ma è durato poco. Abbiamo perso quello che avremmo potuto guadagnare da questa popolarità, poiché ci sono state bloccate le donazioni. Avremmo potuto usare questa popolarità proprio per finanziarci e migliorarci”.

Assange ha quindi rivelato di aver proposto i cable a due grandi quotidiani del Belpaese, prima di incassare un doppio rifiuto. Perché il New York Times ? “Oggi posso dire perché un giornale statunitense: le nostre fonti erano statunitensi, così avremmo potuto tutelarle meglio. Nel caso fossero state fermate avrebbero avuto un editore pronto a tutelarle in tribunale ed è per questo che abbiamo scelto un giornale statunitense”.

“Nonostante le persone ruotino molto nelle sedi diplomatiche, se a qualcuno dovesse succedere qualsiasi cosa, verremmo subito accusati – ha continuato Assange – E quindi abbiamo deciso di controllare tutto ciò prima di pubblicare direttamente sul sito i cable . E anche se una persona fosse uccisa per una ragione per la quale noi non siamo assolutamente colpevoli, verremmo accusati in ogni caso. Ed è per questo che abbiamo rallentato la pubblicazione dei cable “.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti