La seguiva con il GPS, condannato

Aveva piazzato un'unità di rilevazione GPS nell'automobile della sua ex fidanzata, per seguirla e incontrarla... per caso. Denunciato, passerà 9 mesi in carcere
Aveva piazzato un'unità di rilevazione GPS nell'automobile della sua ex fidanzata, per seguirla e incontrarla... per caso. Denunciato, passerà 9 mesi in carcere


Kenosha (USA) – Riportano le cronache che il 43enne Paul A. Seidler, residente in Wisconsin, aveva posto dentro l’automobile della sua fidanzata, dopo che avevano deciso di non vedersi più, un rilevatore GPS per seguirne i movimenti.

Questo avrebbe consentito all’uomo, stando a quanto riportato da alcuni giornali , di apparire alla donna “per caso” e in continuazione, anche quando quest’ultima si incontrava con amici e con l’attuale fidanzato.

Una situazione che è andata via via degenerando e ha portato alla denuncia a carico di Siedler. Un poliziotto ha poi scoperto il device GPS piazzato sotto la scocca dell’auto.

In tribunale l’uomo ha ammesso di aver utilizzato quel sistema per seguirla e il giudice ha deciso che, oltre ai nove mesi di carcere, Siedler dovrà sottostare anche a cinque anni di libertà vigilata.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 06 2003
Link copiato negli appunti