La sonda Opportunity perde pezzi

Il veicolo ha perso la capacità di sterzare, pur rimanendo operativo. Avrà dei problemi ad affrontare i terreni più impervi del pianeta rosso. Preoccupazione alla NASA


Houston (USA) – Il Mars rover Opportunity, durante l’esplorazione del cratere Voyager, ha perduto il controllo su una delle ruote anteriori. La notizia arriva dall’autorevole New Scientist . Il robot-geologo americano su Marte, atterrato nel gennaio del 2004 e costato oltre 800 milioni di dollari, nel corso di una manovra avrebbe urtato contro una roccia: adesso non è più in grado di sterzare .

La ruota danneggiata è infatti rimasta girata di sette gradi verso l’interno. Questo rende il futuro di Opportunity più incerto: secondo Jim Erickson, responsabile del progetto Mars rover al Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, le analisi geologiche condotte dalla sonda potrebbero fermarsi qui . Ultimamente, Opportunity presenta anche piccoli problemi ad alcuni sensori spettrometrici utilizzati per condurre test chimici.

Ad ogni modo, gli scienziati della NASA sperano di poter “spremere” fino all’ultimo ogni singolo istante di vita di Opportunity. Per quanto non possa essere in grado di sterzare, può comunque continuare ad esplorare. Questo grazie ad un software che ottimizza l’andatura del robot.

Spirit, l’altra sonda, è tuttavia ancora perfettamente funzionante. I due rover hanno ancora 18 mesi di tempo per fare luce sul passato e sul presente del pianeta rosso. Recentemente, come ha spiegato la NASA , la missione è stata prolungata ulteriormente: si tratta della terza proroga dall’atterraggio su Marte, legate alle ottime performance fin qui fornite dai due veicoli ipertecnologici.

Quanto ancora possano durare le due sonde, non è dato saperlo: “basta un piccolo errore e tutto potrebbe finire persino domani”, sostiene infatti il Dr. Erickson. I due automi lavorano infatti in condizioni ambientali sicuramente poco favorevoli e decisamente… aliene.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La conoscenza appartiene a Dio
    Come da titolo.
    • Anonimo scrive:
      Re: La conoscenza appartiene a Dio
      e nella tua demenza rimani nell'ignoranza, spero tu non faccia troppa strada non vorrei trovarmiti davanti un domani con la carica da onorevole o principe lateranenze, i presupposti già li hai...
      • Anonimo scrive:
        Re: La conoscenza appartiene a Dio
        E io sarei un demente perchè ho detto che la conoscenza appartiene a Dio?Forse ho esagerato. Meglio dire che la Conoscenza appartiene all'Uomo. Così va meglio?E se ti dico che per me Dio e l'Uomo sono la stessa cosa?Cosa mi dici? Sono da ricovero in manicomio?
        • Anonimo scrive:
          Re: La conoscenza appartiene a Dio
          - Scritto da: Anonimo
          E io sarei un demente perchè ho detto che la
          conoscenza appartiene a Dio?Penso che ha esagerato, la definizione esatta che avrebbe dovuto usare è un "bigotto arretrato".
          Forse ho esagerato. Meglio dire che la Conoscenza
          appartiene all'Uomo. Così va meglio?Così va meglio, ma sarebbe più corretto dire l'Umanità.
          E se ti dico che per me Dio e l'Uomo sono la
          stessa cosa?Non sono la stessa cosa, Dio è Dio, l'Uomo è l'Uomo, altrimenti non ci sarebbe motivo di avere due parole e due concetti.Io non credo in Dio, ma molta gente si, e per loro la differenza tra l'uno e l'altro è evidente. Per me dire che qualcosa appartiene a Dio non ha senso e per te invece vuol dire che appartiene all'Umanità.Direi che a questo punto l'unica cosa corretta da fare è usare il termine meno ambiguo e dire direttamente Umanità se è quello che intendi. Dal momento che usi un termine religioso introduci nel discorso tutte le connotazioni negative legate alla religione.
          Cosa mi dici? Sono da ricovero in manicomio?
          • Anonimo scrive:
            Re: La conoscenza appartiene a Dio
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            E io sarei un demente perchè ho detto che la

            conoscenza appartiene a Dio?
            Penso che ha esagerato, la definizione esatta che
            avrebbe dovuto usare è un "bigotto arretrato".

            Forse ho esagerato. Meglio dire che la

            Conoscenza

            appartiene all'Uomo. Così va meglio?
            Così va meglio, ma sarebbe più corretto dire
            l'Umanità.

            E se ti dico che per me Dio e l'Uomo sono la

            stessa cosa?
            Non sono la stessa cosa, Dio è Dio, l'Uomo è
            l'Uomo, altrimenti non ci sarebbe motivo di avere
            due parole e due concetti.
            Io non credo in Dio, ma molta gente si, e per
            loro la differenza tra l'uno e l'altro è
            evidente. Per me dire che qualcosa appartiene a
            Dio non ha senso e per te invece vuol dire che
            appartiene all'Umanità.Andiamo... E' notorio che "Dio" e' un modo che ha inventato l'uomo per dio "io"; sara' per quello che c'e' cosi' poca differenza tra le 2 parole.
            Direi che a questo punto l'unica cosa corretta da
            fare è usare il termine meno ambiguo e dire
            direttamente Umanità se è quello che intendi. Dal
            momento che usi un termine religioso introduci
            nel discorso tutte le connotazioni negative
            legate alla religione.A parte gli scherzi sono daccordo.

            Cosa mi dici? Sono da ricovero in manicomio?
    • Anonimo scrive:
      Re: La conoscenza appartiene a Dio
      e magari è tutta contenuta nella bibbia vero?
  • Anonimo scrive:
    Sono d'accordo
    Bell'articolo. La proprietà intellettuale deve avere un limite. L'accesso alla conoscenza deve essere garantito per tutti. Tuttavia si deve riconoscere la possibilità di sfruttamento commerciale delle opere frutto della conoscenza per dare impulso e stimolare la ricerca e nuove conoscenze.Le scoperte scientifiche secondo me non andrebbero brevettate, non si puo' brevettare E=mc2 o le leggi di Maxwell.Posso brevettare un particolare motore a scoppio, ma non il motore a scoppio.Chi non capisce queste cose è un marpione che si dà la zappa sui piedi. Dimostra solo tanta miopia e poca intelligenza da non capire che l'ingnoranza porta solo miseria, povertà, malttie, epidemie, pandemie, MORTE per tutti.ATTENZIONE! L'albero della conoscenza insegna.
  • Anonimo scrive:
    Spunti dalla rete.
    Raccolgo alcune tensioni e speranze lette negli altri thread per segnalare alcune iniziative d'interesse, nel remoto caso non ne foste già a conoscenza:http://it.wikipedia.org Enciclopedia libera, tutta sotto FDL. E' un wiki, come potete intuire dal nome, perciò è costruito dai suoi stessi visitatori.Esistono diversi progetti collaterali appena nati (non ke wikipedia sia nata da moltissimo, sebbene sia già enorme) tra cui wikibooks (per libri di testo liberi) e wikiversity (scambio di appunti, tesi, relazioni etc...). (e molti altri!)http://plos.org Public Library Of Science. Articoli scientifici a disposizione di tutti, liberamente. Al momento è molto attiva la sezione di Biologia, la prima a partire. Altre sezioni sono ai blocchi di partenza.Esistono poi diversi progetti di database scientifici pubblici.Se i ricercatori ed i prof pubblicassero i loro articoli su PLoS, inserissero i loro risultati nei database pubblici, rendessero disponibili appunti e lucidi su WikiMedia, nel giro di pochissimi anni la cultura e la ricerca scientifica credo che avrebbero un'accelerazione mai osservata prima. Questa è una rivoluzione dal basso, attuata da persone dotate di forte senso di giustizia. Non si tratta di eccessi di generosità: dietro ci sono persone che hanno una chiara e sana idea di come dovrebbe funzionare la cultura e che si comportano di conseguenza. Non sono utopisti: basta guardare ai risultati! Un'utopia per definizione è irraggiungibile, perciò ogni tentativo si risolve in un fallimento più o meno totale. Ma qui abbiamo esempi concreti di progetti che stanno riuscendo estremamente bene: anche se terminassero domani, avrebbero comunque un valore inestimabile. ps: Suggerite link ad altri progetti del genere!
  • radel scrive:
    Bravissimi!
    E' ora di smetterla!Le tesi sono di pubblico dominio per darle ai prof che le ripubblicano a nome loro.Ma i prof scrivono libri che pretendono di usare nei corsi e se li fanno pagare caro...C'è anche chi li firma quando dai l'esame, così non puoi nemmeno prestarlo ad un amico...A quando una bella biblioteca online (testi compresi, non solo gli indici) su cui poter studiare?Internet dovrebbe servire a diffondere informazioni, non fatture da pagare...
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravissimi!
      - Scritto da: radel
      E' ora di smetterla!

      Le tesi sono di pubblico dominio per darle ai
      prof che le ripubblicano a nome loro.

      Ma i prof scrivono libri che pretendono di usare
      nei corsi e se li fanno pagare caro...

      C'è anche chi li firma quando dai l'esame, così
      non puoi nemmeno prestarlo ad un amico...

      A quando una bella biblioteca online (testi
      compresi, non solo gli indici) su cui poter
      studiare?

      Internet dovrebbe servire a diffondere
      informazioni, non fatture da pagare...Ma non vi è mai capitato di vedere a le Iene lo scandalo di quel prof. universitario che ti permetteva di scaricare dal suo sito il libro su cui studiare solo dopo che ti eri autenticato ed avevi pagato, mettendola in quel posto a Siae ed editori, con il 100% di guadagno senza neanche uno straccio di fattura???? Se avevi il libro senza che risultasse il pagamento venivi automaticamente bocciato!!!!!CHE SCHIFO!!!!!!:s :s
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravissimi!

      A quando una bella biblioteca online (testi
      compresi, non solo gli indici) su cui poter
      studiare?gratuitamente a disposizione di tutti? La sto aspettando.
  • Anonimo scrive:
    Studenti svegliatevi
    Non otterrete mai di poter copiare i libri di testo liberamente perché ci girano troppi soldi e la proprietà intellettuale è stata dichiarata sacra e inviolabile.Quello che potete fare, però, è di scrivere voi i libri e rilasciarli sotto licenza libera, come succede con il software e anche con molti degli articoli di P.I.Non aspettatevi però vita facile. Se l'idea avrà successo non è improbabile che per rappresaglia gli editori facciamo una legge che richieda di apporre un bollino su ogni copia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Studenti svegliatevi
      - Scritto da: Anonimo
      non è improbabile che per rappresaglia
      gli editori facciamo una legge che richieda di
      apporre un bollino su ogni copia...Veramente è già così da quando riesco a ricordarlo... i bollini siae c'erano anche sui libretti da colorare che usavo da bambino (ho 30 anni)
  • Anonimo scrive:
    Ma va la banditi
    "copiare un libro [..] è diventato un reato penale, nonostante sia un'azione naturale per tutti"Non tutti i terrestri sono terroni, pagliacci
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma va la banditi
      peccato che di musica e film qualcuno può anche fare a meno, dei libri di testo per sostenere un esame no. e quando devi dare un esame al mese per tre libri (3*40=120), pagare l'affitto (minimo 200) e le bollette (altri 50) spostarti (abbonamento 30) e mangiare (diciamo 200) e ogni tanto anche fare quelle cose comuni agli esseri viventi come bersi na birra, comprarsi le cicche o i preservativi, capirai che le cose sono due, o hai i tuoi che hanno i soldoni oppure ti fai furbo. e se vedi che c'è una casa vuota da anni ci entri. se puoi copiarti un libro lo fai. se trovi le cicche di contrabbando le compri. se hai una connessione impari che si può evitare di comprare i cd audio. se vai al super market quando prendi la verdura o la frutta tieni il ditino sotto la bilancia...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma va la banditi
        complimenti, bel delinquente hai descritto!!! E passi l'uso della casa abbandonata (anche se non so come possa avere luce e gas in una casa abbandonata, per non parlare della connessione internet), ma per il resto siamo a livelli di delinquenza. Senza contare che i libri universitari costano dai 40 ai 100 euro l'uno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma va la banditi
          - Scritto da: Anonimo
          complimenti, bel delinquente hai descritto!!! E
          passi l'uso della casa abbandonata (anche se non
          so come possa avere luce e gas in una casa
          abbandonata, per non parlare della connessione
          internet), ma per il resto siamo a livelli di
          delinquenza. Senza contare che i libri
          universitari costano dai 40 ai 100 euro l'uno.Ehm....la violazione di domicilio è un reato decisamente grave...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma va la banditi
        se ... "riposto"http://www.rai.it/TGRrubriche/pub/tgrArticolo/1,8268,,00.html?id_obj=34113&sezione=22&stato=&larg=&alt=
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma va la banditi
      ehmmm attento a forgiare questo appellativo "terrone", da ieri la Cassazione lo riconosce come offesa risarcibile, quindi se tutti i ragazzi del sud oggi richiedessero il tuo IP a P.I. dovrai andare a lavorare e guadagnar palanche per darle ad altri...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma va la banditi
        - Scritto da: Anonimo
        ehmmm attento a forgiare questo appellativo
        "terrone", da ieri la Cassazione lo riconosce
        come offesa risarcibile, quindi se tutti i
        ragazzi del sud oggi richiedessero il tuo IP a
        P.I. dovrai andare a lavorare e guadagnar
        palanche per darle ad altri...O a dar via il (o) che è meglio, perchè se uno offende così è un gran TESTA DI C..ZO!!!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma va la banditi
          - Scritto da: Anonimo

          O a dar via il (o) che è meglio, perchè se uno
          offende così è un gran TESTA DI C..ZO!!!!!!Uno che scrive così è un gran.. gentiluomo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma va la banditi
        - Scritto da: Anonimo
        ehmmm attento a forgiare questo appellativo
        "terrone", da ieri la Cassazione lo riconosce
        come offesa risarcibile, quindi se tutti i
        ragazzi del sud oggi richiedessero il tuo IP a
        P.I. dovrai andare a lavorare e guadagnar
        palanche per darle ad altri...che pagliacciata. il suo terrone non era rivolto a nessuno in particolare. poi se qui volete continuare con le sottili minaccie, fate pure, ma fate ridere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma va la banditi
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          ehmmm attento a forgiare questo appellativo

          "terrone", da ieri la Cassazione lo riconosce

          come offesa risarcibile, quindi se tutti i

          ragazzi del sud oggi richiedessero il tuo IP a

          P.I. dovrai andare a lavorare e guadagnar

          palanche per darle ad altri...

          che pagliacciata. il suo terrone non era rivolto
          a nessuno in particolare. poi se qui volete
          continuare con le sottili minaccie, fate pure, ma
          fate ridere.ALLORA COSA LO HA DETTO A FARE???
    • Anonimo scrive:
      dai del "Terrone"? allora leggiti
      questo articolohttp://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/rep_nazionale_n_913754.html
    • gattosiamese scrive:
      Re: Ma va la banditi
      - Scritto da: Anonimo
      "copiare un libro [..] è diventato un reato
      penale, nonostante sia un'azione naturale per
      tutti"

      Non tutti i terrestri sono terroni, pagliacciritornatene in Padaniapolentone!!!!!!!!
    • cla scrive:
      Re: Ma va la banditi
      Hai ragione, in quinta elementare (l'unico titolo che sei riuscito a conseguire) i libri te li comprava il papy, ma in università, in cui tu sicuramente non avrai mai messo piede (sennò non si capirebbero certe tue informazioni) è prassi, soprattutto perché i libri sono a prezzi spropositatiSalutiCla!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma va la banditi
        - Scritto da: cla
        Hai ragione, in quinta elementare (l'unico titolo
        che sei riuscito a conseguire) i libri te li
        comprava il papy, Ai miei tempi i libri delle elementari (2 in tutto) te li passava lo stato...
        • cla scrive:
          Re: Ma va la banditi
          Ai miei no :-( Tant'é che ho ancora il mio sussidiario ;-)A mia sorella venivano invece prestati per un anno, e poi andavano restituiti ..SalutiCla!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma va la banditi
        - Scritto da: cla
        Hai ragione, in quinta elementare (l'unico titolo
        che sei riuscito a conseguire) UN DEFICENTE COSI????MANCO QUELLO!!!!
        i libri te li
        comprava il papy, ma in università, in cui tu
        sicuramente non avrai mai messo piede (sennò non
        si capirebbero certe tue informazioni) è prassi,
        soprattutto perché i libri sono a prezzi
        spropositati

        Saluti
        Cla!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma va la banditi
        - Scritto da: cla
        ma in università, in cui tu
        sicuramente non avrai mai messo piedeOppure sicuramente non sono un terrone. Dove vado io è una pratica diffusa, ma non certo tanto da essere "un'azione naturale".
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma va la banditi
          rispondo al tipo che sostiene che non è possibile occupare una casa vuota da anni. io abito in una casa dell'atter (ex iacp) occupata ormai da due anni. questa casa aveva dei problemi agli impianto elettrico e idrico. quindi siccome ritenevano troppo costoso rimetterla in sesto l'hanno lasciata vuota. dopo aver parlato con i vicini ho apetro la porta, e grazie all'aiuto di un pò di amici ho provveduto alla riparazione degli impianti. per quello che riguarda gli allacci essendo tutte società private non fanno problemi per l'allaccio (basta che paghi). per quello che riguarda la parte "giudiziaria", il mio gesto mi è costato una denuncia per occupazione che cmq è una causa civile e che quindi, nel caso venissi condannato, si risolverà con una multa pecunaria da sborsare. dico nel caso perche in friuli ci sono già stati due casi di assoluzione piena in quanto il giudice ha riconosciuto lo stato di necessità. niente è impossibile. basta non precludersi a priori nessuna strada.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma va la banditi
            - Scritto da: Anonimo
            rispondo al tipo che sostiene che non è possibile
            occupare una casa vuota da anni.E allora perchè non fai una replica al suo messaggio? 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma va la banditi
      - Scritto da: Anonimo
      "copiare un libro [..] è diventato un reato
      penale, nonostante sia un'azione naturale per
      tutti"

      Non tutti i terrestri sono terroni, pagliacciMazza, ancora qui????RAUS!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11(troll) (troll1) (troll2) (troll3) (troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma va la banditi
      - Scritto da: Anonimo

      Non tutti i terrestri sono terroni, pagliacciScusa ma devo correggerti: "non tutti i terroni sono terroni".
  • Anonimo scrive:
    Ci vuole una legge che
    Impedisca di brevettare le scoperte fatte in ambito universitario. Perchè altrimenti è inutile pensare ad uno stato che incentivi la scuola e la ricerca se poi chi ne beneficia non è lo stato ma delle aziende private.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci vuole una legge che
      - Scritto da: Anonimo
      Impedisca di brevettare le scoperte fatte in
      ambito universitario. Perchè altrimenti è inutile
      pensare ad uno stato che incentivi la scuola e la
      ricerca se poi chi ne beneficia non è lo stato ma
      delle aziende private.Intanto sarebbe meglio ribellarsi e combattera la brevettazione dei SW in Europa, poi continuare con il resto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci vuole una legge che
        ... e magari che proibisca ai professori universitari di mettere anche solo come "consigliato" tra i libri di testo della materia che insegnano qualunque libro scritto da loro. Così forse avremmo meno persecuzioni per gli studenti (e forse anche molta meno spazzatura pubblicata e contrabbandata come "libro di testo").
        • Anonimo scrive:
          Re: Ci vuole una legge che
          Giustissimo, e magari anche pubblicare qualche testo sotto i 30? (60.000 £!!!), che poi i libri fatti apposta per l'università sono spesso quelli scritti peggio (anche per il fatto citato da te, probabilmente)
          • tiro scrive:
            Re: Ci vuole una legge che
            se le leggi fossero fatte dai cittadini sfiorerebbero la perfezione...cosa aspettiamo a scriverle noi??
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci vuole una legge che
            - Scritto da: tiro
            se le leggi fossero fatte dai cittadini
            sfiorerebbero la perfezione...cosa aspettiamo a
            scriverle noi??Le leggi le scrivono quei bei signori che mandiamo in parlamento.....Cosa pretendiamo se siamo costretti a scegliere tra il Nano di Arcore e Mortazza?Bisognerebbe non andare a votare....un bel 98% di non votanti!!!E manifestare in un milione sotto Montecitorio....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci vuole una legge che

            Cosa pretendiamo se siamo costretti a scegliere
            tra il Nano di Arcore e Mortazza?prodi puo' essere preso in giro ma tra i due e' preferibile di molto e puo' approfittare, solo in questo caso, per fare la sua figura anche esteticamente. :D
            Bisognerebbe non andare a votare....un bel 98% di
            non votanti!!!
            E manifestare in un milione sotto Montecitorio....Io voto i verdi, a meno che i ds non si diano un po' piu' da fare con il soft libero. La tua non e' male come idea ma preferiscocercare di cambiare la cultura per migliorarla e farla crescere in tutti i modi, poi si potra' ragionare meglio, forse, ma ragionare e' la cosa importante.(linux)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci vuole una legge che
            - Scritto da: Anonimo

            Cosa pretendiamo se siamo costretti a scegliere

            tra il Nano di Arcore e Mortazza?

            prodi puo' essere preso in giro ma tra i due e'
            preferibile di molto e puo' approfittare, solo in
            questo caso, per fare la sua figura anche
            esteticamente. :D


            Bisognerebbe non andare a votare....un bel 98%
            di

            non votanti!!!

            E manifestare in un milione sotto
            Montecitorio....

            Io voto i verdi, a meno che i ds non si diano un
            po' piu' da fare con il soft libero. La tua non
            e' male come idea ma preferiscocercare di
            cambiare la cultura per migliorarla e farla
            crescere in tutti i modi, poi si potra' ragionare
            meglio, forse, ma ragionare e' la cosa
            importante.Giusto, ma ragionare non è una cosa che piace alla maggioranza, preferiscono basarsi sul sentimento e i politici lo sanno benissimo e sfruttano questo sentimento per fare quello che cavolo vogliono loro.E quei pochi che ragionano o restano in minoranza o si danno alla politica per cercare di sfruttarla a proprio vantaggio.
            (linux)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci vuole una legge che
            - Scritto da: Anonimo
            Bisognerebbe non andare a votare....un bel 98% di
            non votanti!!!Tranquillo che alle prossime votazioni ci andiamo vicino... :(
        • Anonimo scrive:
          Re: Ci vuole una legge che
          e magari che proibisca ai professori universitari di farsi i cazzi propri utilizzando le infrastrutture pubbliche per dare consulenze private.Lo so, è OT, ma non ho resistito, è troppo una mafia legalizzata l'università italiana (come del resto la sanità, che si muove a braccetto di pari passo)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci vuole una legge che
            - Scritto da: Anonimo
            e magari che proibisca ai professori universitari
            di farsi i cazzi propri utilizzando le
            infrastrutture pubbliche per dare consulenze
            private.Giustissimo, se sapeste i prezzi delle loro consulenze poi... :|
        • Anonimo scrive:
          Re: Ci vuole una legge che
          - Scritto da: Anonimo
          ... e magari che proibisca ai professori
          universitari di mettere anche solo come
          "consigliato" tra i libri di testo della materia
          che insegnano qualunque libro scritto da loro.Ma guarda che questo non succede !!!I libri che "consigliano" non affatto sono scritti da loro !!!...ma dai loro studenti con la scusa delle tesine...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci vuole una legge che
            - Scritto da: Anonimo
            I libri che "consigliano" non affatto sono
            scritti da loro !!!

            ...ma dai loro studenti con la scusa delle
            tesine...lol spesso vero :)
  • Anonimo scrive:
    BRAVI! FINALMENTE!
    E' proprio dalla scuola e dalle UNIVERSITà che dovrebbe nascere la rivoluzione della riappropriazione della scienza e del sapere condivisi x un futuro migliore x tutti.Finalmente, era ora che se ne accorgessero dopo decenni di buio totale a accettazione anche di tutto il corpo docente e degli studenti delle stupide e supine imposizioni proprietarie dei brevetti che han precluso x tutti lo sviluppo ingrassando solo poche multinazionali che si sono appropriate di tutto anche del sapere soffocando progresso e innovazione vera.Il futuro x i giovani sta nella condivisione del sapere che porterà loro lavoro e opportunità invece della chiusura e disperazione attuale x il futuro.
    • Anonimo scrive:
      Re: BRAVI! FINALMENTE!
      Bravi, c'è ancora speranza nella sapienza. (linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: BRAVI! FINALMENTE!
      - Scritto da: Anonimo
      E' proprio dalla scuola e dalle UNIVERSITà che
      dovrebbe nascere la rivoluzione della
      riappropriazione della scienza e del sapere
      condivisi x un futuro migliore x tutti.
      Finalmente, era ora che se ne accorgessero dopo
      decenni di buio totale a accettazione anche di
      tutto il corpo docente e degli studenti delle
      stupide e supine imposizioni proprietarie dei
      brevetti che han precluso x tutti lo sviluppo
      ingrassando solo poche multinazionali che si sono
      appropriate di tutto anche del sapere soffocando
      progresso e innovazione vera.
      Il futuro x i giovani sta nella condivisione del
      sapere che porterà loro lavoro e opportunità
      invece della chiusura e disperazione attuale x il
      futuro.non è certo un grande passo avanti ma si sa anche i viaggi più lunghi iniziano con piccoli passi...finalmente qualcuno che almeno cerca di sensibilizzare la gente
      • Anonimo scrive:
        Re: BRAVI! FINALMENTE!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E' proprio dalla scuola e dalle UNIVERSITà che

        dovrebbe nascere la rivoluzione della

        riappropriazione della scienza e del sapere

        condivisi x un futuro migliore x tutti.

        Finalmente, era ora che se ne accorgessero dopo

        decenni di buio totale a accettazione anche di

        tutto il corpo docente e degli studenti delle

        stupide e supine imposizioni proprietarie dei

        brevetti che han precluso x tutti lo sviluppo

        ingrassando solo poche multinazionali che si
        sono

        appropriate di tutto anche del sapere soffocando

        progresso e innovazione vera.

        Il futuro x i giovani sta nella condivisione del

        sapere che porterà loro lavoro e opportunità

        invece della chiusura e disperazione attuale x
        il

        futuro.

        non è certo un grande passo avanti ma si sa anche
        i viaggi più lunghi iniziano con piccoli
        passi...finalmente qualcuno che almeno cerca di
        sensibilizzare la genteUn pò tardi, ma forse almeno gli universitari Italiani e le Università Italiane si stanno finalmente svegliando.Si saranno accorti che non avevano + futuro e che li stavano soffocando con il loro stupido consenso (di studenti e di docenti).
      • Anonimo scrive:
        Re: BRAVI! FINALMENTE!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E' proprio dalla scuola e dalle UNIVERSITà che

        dovrebbe nascere la rivoluzione della

        riappropriazione della scienza e del sapere

        condivisi x un futuro migliore x tutti.

        Finalmente, era ora che se ne accorgessero dopo

        decenni di buio totale a accettazione anche di

        tutto il corpo docente e degli studenti delle

        stupide e supine imposizioni proprietarie dei

        brevetti che han precluso x tutti lo sviluppo

        ingrassando solo poche multinazionali che si
        sono

        appropriate di tutto anche del sapere soffocando

        progresso e innovazione vera.

        Il futuro x i giovani sta nella condivisione del

        sapere che porterà loro lavoro e opportunità

        invece della chiusura e disperazione attuale x
        il

        futuro.

        non è certo un grande passo avanti ma si sa anche
        i viaggi più lunghi iniziano con piccoli
        passi...finalmente qualcuno che almeno cerca di
        sensibilizzare la genteFinalmente gli universitari hanno scoperto che i PARRUCCONI MASTERIZZATI annidati dentro le Università li stanno rovinando e togliendo il futuro.
    • francescor82 scrive:
      Re: BRAVI! FINALMENTE!

      Il futuro x i giovani sta nella condivisione del
      sapere che porterà loro lavoro e opportunità
      invece della chiusura e disperazione attuale x il
      futuro.Quoto!
    • gattosiamese scrive:
      Re: BRAVI! FINALMENTE!
      PIENA solidarietà ai ragazzi della Sapienza
Chiudi i commenti