La Svezia cancella la Baia

Un tribunale di Stoccolma ha imposto ai provider di sospendere il servizio. I pirati sono ricomparsi altrove. Le major chiedono i soldi del processo ma restano a bocca asciutta

Roma – La corte distrettuale di Stoccolma ha assestato quello che sembra essere il colpo finale a The Pirate Bay: Black Internet , ISP svedese su cui si appoggiava TPB, davanti alla minaccia di una multa da più di 70mila euro, è stato costretto a metterlo offline .

La Baia non è raggiungibile al momento ma pare che sia riapparsa sulla Rete grazie a un host non meglio precisato. Tuttavia è ben lontana dal funzionare appieno: con la poca banda disponibile gli operatori di TPB hanno redatto un articolo in cui accoglievano il provvedimento come l’ennesimo atto caldeggiato e spinto dalle major.

Il presidente dei PiratPartiet svedese, Rick Falkvinge ha definito ridicola la decisione del tribunale: “La corte sembra considerarsi al di sopra della Costituzione – ha sentenziato Falkvinge – e ciò dimostra quanto siano diventate insostenibili le leggi sul copyright”.

La chiusura di TPB è arrivata dopo mesi travagliati in cui, tra processi e multe, un’azienda svedese si era proposta di comprare e ripulire la Baia. Global Gaming Factory, questo il nome della società, avrebbe però incontrato dei problemi economici che ne hanno ritardato l’acquisizione.

Non è chiaro quindi come l’azienda deciderà di procedere, visto l’operato della giustizia svedese, che deve anche far fronte alle richieste di risarcimento avanzate da alcune major in seguito al processo che ad aprile aveva ritenuto Brokep e compagni colpevoli di aver agevolato la violazione del diritto d’autore.

L’organo statale svedese preposto al sequestro dei beni personali , dopo aver svolto alcune ricerche in modo da mettere insieme il risarcimento milionario, ha fatto sapere che Peter Sunde Kolmisoppi, Fredrik Neij e Gottfrid Svartholm Warg non hanno proprietà rilevanti , almeno in Svezia. Dunque almeno per il momento le major dovranno accontentarsi di aver affondato i pirati.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bastard Inside scrive:
    Continuo a fregarmene...
    ...Se riesco a tollerare i difetti di Facebook grazie ad alcuni suoi pregi, continuo a non avere alcun interesse in un sito come Twitter che impone di essere più brevi che in un SMS.A volte la brevità può essere un pregio, ma se è imposta in ogni caso, anche a sproposito, no.E se come effetto collaterale incentiva l'uso di abbreviazioni da SMS e bimbiminkia, bocciatura totale.
Chiudi i commenti