La tastiera si conferma nido dello sporco

Dopo quasi due anni un nuovo studio conferma che la tastiera del computer è un vero e proprio raccoglitore di batteri. Molto più di un bagno pubblico


Roma – La tastiera del computer finisce ancora una volta al centro dell’attenzione e non per le sue qualità di “interfaccia hardware” con una macchina sofisticata ma per il suo ruolo di compagna di milioni e milioni di utenti. Un ruolo che porta con sé sporcizia e batteri.

Ad affermare che la tastiera dev’essere guardata con un a certa attenzione è uno studio pubblicato in Arizona da docenti dell’Università locale. Secondo costoro, la tastiera è un oggetto molto più pericoloso sul piano batteriologico di quanto possa essere la tavoletta del gabinetto di un bagno pubblico. Il numero di batteri sulle keyboard supererebbe di 400 volte quello di una tavoletta.

Sebbene in un ufficio è il telefono, anche quello cellulare, a rappresentare un elemento di sporcizia tradizionalmente colmo di batteri, la tastiera stando allo studio non ha paragoni.

Va detto che i risultati della ricerca, voluta da un’azienda produttrice di prodotti per la pulizia, sono stati basati sull’analisi di 7mila diversi oggetti utilizzati negli uffici.

A conclusioni simili era giunta a settembre 2000 anche la divisione britannica di America Online.

Secondo AOL UK ogni anno nelle tastiere britanniche si depositerebbe sporcizia per più di 300 quintali. L’azienda aveva rilevato per un mese la “produzione” di un ufficio londinese. Mettendo in luce che gran parte dei “rifiuti” che si accumulano nella tastiera sotto i tasti deriva da snack, crackers, merendine che gli impiegati mangiano e sgranocchiano durante il lavoro. Una percentuale molto minore di “elementi” contiene invece capelli, ciglia e polvere di pelle.

In particolare, nell’ufficio monitorato da AOL UK erano stati trovati: Corn Flakes (15 per cento); caramelle (15 per cento); spaghetti (7 per cento) e vegetali (4 per cento). Percentuali dell’1 per cento, invece, comprendevano: foglie, rivestimenti di matite, punti per spillatrice, scotch, insetti, lamine, capelli. Le microparticelle recuperate, analizzate da un laboratorio scientifico, avrebbero evidenziato resti di pane, cereali, cioccolatini.

Una stima dell’azienda parlava di 300 quintali l’anno di sporcizia da tastiera prodotti in Gran Bretagna.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    mercato telefonia
    Non penso d'inventare l'acqua calda dicendo che il mercato della telefonia è già "cartellizzato" e saturo da mesi.Blu e altri nuovi operatori Umts sono strutture complesse, costose che dovrebbero entrare in un mercato dominato da Telecom-Tim e Opi. Wind, grazie soprattutto ad Infostrada è l'unica alternativa.Le Pmi sono stufe di nuove proposte, di alternative che non propongono nulla di nuovo. C'è mancanza di chiarezza nelle offerte e quasi totale assenza di vere e utili innovazioni.Rispetto per i dipendenti Blu e speriamo che non si verifichino simili destini.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Bufale Blu
    IMHO, Blu e` stata creata per buggerare la "gara" delle licenze UMTS.
  • Anonimo scrive:
    "L'acerbo vero"
    Vi ha fatto capire la situazione come davvero sta. Che c'e' di male? Avete scoperto che era un illusione? Lo sapevate anche prima. Beata ignoranza (fasulla).
  • Anonimo scrive:
    per la redazione
    TORNI FORTI?
    • Anonimo scrive:
      Re: per la redazione
      - Scritto da: edc
      numerosissime le email di replica giunte a
      Casini in queste ore, email i cui contenuti
      sono spesso improntati a "torni forti"



      TORNI FORTI? Nel senso che vorrebbero che Casini andasse a lavorare dietro un tornio suppongo ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: per la redazione
        dietro il tornio farebbe forse ancora più danni...
        • Anonimo scrive:
          Re:
          Vabbè ma non diamo la colpa ad un amministratore delegato se qualcuno ha avuto la brillante idea di creare una società di telefonia mobile in un paese già saturo di telefonini e altri tre operatori di telefonia.
          • Anonimo scrive:
            Re:
            - Scritto da: Dario
            Vabbè ma non diamo la colpa ad un
            amministratore delegato se qualcuno ha avuto
            la brillante idea di creare una società di
            telefonia mobile in un paese già saturo di
            telefonini e altri tre operatori di
            telefonia. Beh, qualche responsabilità ce l'avra avuta, se guardandao i prezzi delle società concorrenti già attive sul mercato e confrontandole con le proprie non si è accorto che i prezzi Blu erano più alti! Scusa, se esordisci in un mercato, devi per forza proporre prezzi più bassi degli operatori già presenti, altrimenti è il suicidio sicuro.
          • Anonimo scrive:
            Ma pigila la calcolatrice
            e prova a fare qualche calcolo e scoprirai che le tariffe Blu sono le tariffe più basse, voi non ve ne accorgete ma intanto Tim vi frega con taiffine, tariffone con la fregatura incorporata: io sono cliente Blu fino dalla nascita, conosco trenta persone che hanno Blu e si trovano benissimo.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re:

            Vabbè ma non diamo la colpa ad un
            amministratore delegato se qualcuno ha avuto
            la brillante idea di creare una società di
            telefonia mobile in un paese già saturo di
            telefonini e altri tre operatori di
            telefonia. no, guarda la colpa è dei lavoratori invece...Guardiamo la realtà, Blu ha puntato tutto sul risparmio a scapito dei suoi dipendenti, utilizzando contributi per l'assunzione di giovani al sud e poi lasciandoli a casa tutti, una società di aguzzini simili che se ne approfitta della disperazione altrui deve per forza cadere, e il primo che deve pagare è colui che ha permesso che tutto questo accadesse.Prova ad andare a sentire i 2000 giovani assunti con 1000 promesse da Blu e tutti licenziati, sentiamo cosa ne pensano loro...
    • Anonimo scrive:
      Re: per la redazione
      Sistemato!Era "toni forti"...Grazie, ciao.
Chiudi i commenti