Ladro tradito dal trillo

Tenta di svaligiare un appartamento nel cuore della notte. Ma la suoneria del suo cellulare sveglia il padrone di casa. Che lo fa arrestare

Milano – Meglio spegnere il cellulare mentre si lavora. Di questo suggerimento, d’ora in poi, farà sicuramente tesoro Rida Sadiki, un 30enne di origine marocchina che l’altra notte si è introdotto in un appartamento di Milano con l’intento di svaligiarlo. Ma il suo cellulare, che ha pensato bene di svegliare il padrone di casa, ha mandato a monte il furto.

Una storia di ordinaria sf…ortuna: alle tre di notte il rapinatore, con il favore del buio, si era introdotto in un appartamento del quartiere di Cimiano. Probabilmente ha preso tutte le precauzioni del caso: abiti scuri per non essere visto, passo felpato per non essere udito. Ma non ha pensato di spegnere il cellulare, o almeno azzerare il volume della suoneria. E così, all’improvviso, l’apparecchio si è messo a squillare, rompendo il silenzio della notte e svegliando il padrone di casa che dormiva placidamente nel suo letto.

Il ladro ha tentato di minacciarlo con un coltello e una pistola giocattolo, ma si è trovato davanti un rivale tutt’altro che spaurito, che nella colluttazione è riuscito a difendersi prontamente con un altro coltello, colpendolo ad un fianco e costringendolo alla fuga. Nel suo percorso è però inciampato in una guardia giurata, che lo ha placcato e reso inoffensivo fino all’arrivo della polizia.

Attualmente, per le ferite subite, Sadiki si trova ricoverato (e piantonato) all’ospedale San Raffaele. Le accuse per lui sono tentata rapina e lesioni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti