L'Africa chiede aiuto per l'hi-tech

Alcuni paesi del grande continente vogliono un Fondo per finanziare la diffusione di accesso ad internet e telefoni cellulari. Insieme ai consumatori del mondo ricco
Alcuni paesi del grande continente vogliono un Fondo per finanziare la diffusione di accesso ad internet e telefoni cellulari. Insieme ai consumatori del mondo ricco


New York (USA) – “Ci sono più linee telefoniche a Manhattan che in tutta l’Africa”. Così il presidente del Senegal Abdoulaye Wade ha introdotto in una conferenza stampa al Palazzo di Vetro dell’ONU un tema essenziale per il suo paese e per molti altri paesi africani: la necessità di non perdere le occasioni della rivoluzione tecnologica.

L’idea di Wade e di altri rappresentanti di alcuni paesi africani è quella di unire le forze e dar vita ad un Fondo di respiro internazionale che possa dare una mano ai cittadini dei paesi poveri per acquistare telefoni cellulari ed ottenere l’accesso ad Internet.

Secondo Wade e gli altri leader africani, riuscire ad introdurre le nuove tecnologie nelle proprie società in modo assai più diffuso e pervasivo di quanto oggi sia possibile è essenziale per la crescita economica e per non perdere la grande occasione della rivoluzione digitale.

L’idea è quella di consentire a chi acquista materiali hi-tech nel mondo ricco di contribuire facilmente al Fondo a partire da una iniziativa ad hoc che sarà lanciata ufficialmente a Ginevra il prossimo 17 novembre. I consumatori di tecnologia dei paesi più avanzati, dunque, potranno decidere di dare una mano a coloro che non dispongono di un reddito sufficiente per dotarsi di strumenti oggi dati per scontati nei paesi ricchi, come appunto il telefono, l’accesso ad internet o un telefono cellulare. L’uso della telefonia mobile viene ritenuto essenziale in molte aree africane, laddove mancano totalmente le infrastrutture di rete fissa.

Va detto che l’idea di contributi dal mondo ricco a quello povero è già stata rigettata nel corso del Summit internazionale sulla società dell’informazione che, come si ricorderà, si è tenuto a Ginevra alla fine dell’anno scorso. Trasferire la scelta dai leader dei diversi paesi ai consumatori del mondo ricco potrebbe rivelarsi, spera Wade, una grande occasione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 09 2004
Link copiato negli appunti