L'Agenzia delle Entrate approfitta di OpenStreetMap?

Pur avendo a disposizione le mappe catastali, pare che lo Stato preferisca utilizzare i dati generati dagli utenti. Purtroppo violandone la licenza, secondo i sostenitori dell'open data

Roma – L’Agenzia delle Entrate è accusata di attingere in modo troppo disinvolto i dati di OpenStreetMap (OSM). A notare la curiosa somiglianza è stato un gruppo di utenti che comparando la mappa disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate dedicato all’Osservatorio del Mercato Immobiliare ( OMI ) con l’atlante open basato sul crowdsourcing e finanziato, tra gli altri, da Yahoo! e Microsoft, ha notato coincidenze notevoli in particolare relativamente ai nomi degli edifici ed alle situazioni nelle quali essi sono attraversati da strade.

A differenza di servizi con API proprietarie o a pagamento come quello di Google Map, OSM – definito tra l’altro la Wikipedia delle mappe – offre i propri contenuti gratuitamente, ma sempre nel rispetto della sua licenza Open Database che prevede in particolare l’attribuzione, cioè l’indicazione del nome della fonte accanto all’utilizzo dei suoi dati, nonché eventualmente che i dati derivati vengano redistribuiti con la stessa licenza. Nonostante questo, invece, sul sito dell’Agenzia delle Entrate dedicato all’OMI non vi è alcuna traccia di tale indicazione relativamente alla fonte dei dati utilizzati .

L’ente pubblico, per il momento, si è limitata a rinviare la questione a Sogei, la società pubblica di informatica a cui per legge si deve rivolgere per la realizzazione di tutti i prodotti informatici , che è quindi “l’unica responsabile della correttezza dei prodotti” e dell'”eventuale violazione”.

Per farsi sentire OSM ha deciso di dare il via ad una vera e propria campagna di comunicazione online , che su Twitter viene identificata dall’hashtag #agenziauscite : l’intenzione è – da un lato – fare uscire allo scoperto l’utilizzo dei suoi dati, dall’altro di approfittare della situazione per far pressione affinché si avvii una discussione pubblica sul rilascio dei dati del Catasto come Open Data. L’Agenzia delle Entrate, infatti, disporrebbe in linea teorica di un immenso patrimonio di mappe riconducibile appunto al Catasto, oggi Agenzia per il Territorio che fa direttamente riferimento proprio alle Entrate, e che potrebbe essere utilizzato ed eventualmente messo a disposizione del pubblico per il bene comune.

Questo tipo di approccio non è d’altronde scontato: polemiche, per esempio, al momento ci sono per l’utilizzo da parte dei governi dei dati dell’app di navigazione satellitare Waze. In occasione dei Mondiali di Calcio, la città di Rio de Janeiro ha stretto un accordo con Google per accedere ai dati dell’app, del corrispettivo per i mezzi pubblici Moovit e di quella per le biciclette Strava, e per impiegarli per individuare possibili ingorghi e problemi di circolazione.

Per quanto l’intenzione appaia meritoria, le app in cambio non ricevono soldi ma l’accesso ad altrettanti dati, quelli relativi alla gestione delle autostrade, dei sensori e delle telecamere pubbliche, dei lavori in corso e degli eventi organizzati dalla collettività: come in Brasile anche la Florida ha raggiunto un accordo simile. Questo scambio di informazioni con al centro i dati – seppur aggregati – degli utenti insomma non è privo di conseguenze per la loro privacy e necessita di raggiungere un equilibrio tra i due interessi opposti.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    niente waterbording?
    si vede che kim e' troppo pesante per la tavola inclinata...
  • tucumcari scrive:
    Ma non e' chiaro
    Se Kim Dotcom scappa dalla Nuova Zelanda prima dell'udienza, gli americani cosa fanno?
    • tucumcari scrive:
      Re: Ma non e' chiaro
      - Scritto da: tucumcari
      Se Kim Dotcom scappa dalla Nuova Zelanda prima
      dell'udienza, gli americani cosa
      fanno?Lo troveranno tramite una petizione online!
      • tucumcari scrive:
        Re: Ma non e' chiaro
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: tucumcari

        Se Kim Dotcom scappa dalla Nuova Zelanda prima

        dell'udienza, gli americani cosa

        fanno?

        Lo troveranno tramite una petizione online!Ah, una sorta di "Chi l'ha visto" sul web. Idea carina.
  • Pianeta Video scrive:
    ...
    Una cosa è certa, il destino di "smilzo" e del suo fallimentare "impero" è ormai appeso al filo di una ragnatela! @^
    • ... scrive:
      Re: ...
      [yt]Twsl_kAt8Zo[/yt]
    • bubba scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Pianeta Video
      Una cosa è certa, il destino di "smilzo" e del
      suo fallimentare "impero" è ormai appeso al filo
      di una ragnatela!
      @^si, di spiderman.2.[ita].mkv Una nuova mirabolante avventura disponibile su https://mega.co.nz/#!lds0Tb5a!VorSD8GanO7XeRAw2XFBczeZpmN71XfqPajngbeef
Chiudi i commenti