L'AI del MIT al servizio dei selfie

L'istituto statunitense lavora a una tecnologia pensata per stabilire se un'immagine è memorabile o meno, un sistema potenzialmente sfruttabile in vari ambiti di utilizzo. Selfie in primis

Roma – Gli esperti di intelligenza artificiale del MIT, e precisamente del laboratorio CSAIL (Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory), hanno messo a punto una nuova tecnologia di riconoscimento delle immagini chiamata MemNet e capace di riconoscere il livello di memorabilità di un’immagine o una foto.

MemNet

MemNet è l’ ennesima incarnazione degli algoritmi di intelligenza artificiale basati su tecniche di deep learning, ed è progettata per estrapolare una “mappa di calore” dalle immagini per stabilire quali parti sono memorabili e quali possono essere archiviate nel dimenticatoio.

La capacità di MemNet di riconoscere foto interessanti o addirittura da ricordare è quasi al pari con quella degli esseri umani, hanno stabilito i ricercatori del MIT/CSAIL, è stata temprata dall’analisi di decine di migliaia di immagini e può anche fornire consigli su come rendere più memorabile una foto.

Tra le prime, immediate applicazioni di MemNet gli esperti statunitensi citano l’advertising, i selfie e il miglioramento di post e condivisioni degli utenti sui social network, caratteristica non a caso evidenziata anche nel demo pubblico della tecnologia accessibile sui server del MIT .

Passando ad ambiti più seri e probabilmente proficui per il genere umano, gli algoritmi di MemNet potrebbero in un futuro non molto lontano essere adottati per rendere più efficaci le pratiche di insegnamento.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti