L'alba del nanotransistor fluido

Gli scienziati dell'Università di Berkeley hanno reinventato il transistor: fluido e basato sul movimento degli ioni. Processori molecolari sempre più al centro

Berkeley (USA) – Due ricercatori della prestigiosa Università di Berkeley in California hanno inventato un nuovo componente nanoelettronico che promette grandi rivoluzioni nel campo delle nuove tecnologie: si tratta del pronipote del transistor – il nanotransistor fluido . Diretto discendente dell’invenzione che ha dato inizio alla microelettronica di massa, il nanotransistor fluido potrà aprire l’era dei processori molecolari.

“Un transistor è come una valvola e viene aperta oppure chiusa in base al passaggio di elettricità”, spiega Arun Majumdar, professore di ingegneria meccanica e creatore del transistor fluido. Visibile soltanto con un microscopio, il componente messo a punto da Majumdar riesce ad effettuare passaggi di carica controllando il flusso degli ioni per mezzo di nanotubi. Attraverso questi piccolissimi canali, delle dimensioni di 35 nanometri , scorre un liquido conduttore a base d’acqua e cloruro di potassio: questi tubicini passano attraverso una sorta di porta che applica variazioni di voltaggio.

Il nanotransistor Il prof. Peidong Yang, l’altra mente responsabile della nascita del transistor fluido, è convinto che entro breve i computer molecolari saranno finalmente realtà: la nuova tecnologia, secondo Yang, permette il passaggio di cariche elettriche ma anche di molecole . “Possiamo creare nanocomputer che trattano enzimi o DNA all’interno del corpo umano”, spera l’ingegnere chimico.

Ad ogni modo, le applicazioni del nanotransistor non si fermano soltanto al campo biomedico: i due ricercatori di Berkeley sperano che possa diventare la pietra angolare di una nuova ingegneria elettronica. Il parere di questi esperti è che i nanotransistor fluidi possano portare alla creazione di computer sempre più microscopici e versatili.

Come ricorda il prof. Yang, “l’uso dei nanotubi nei processi produttivi è più difficile” rispetto alle attuali tecniche per la produzione di circuiti integrati, “ma apre l’accesso ad un mondo di possibilità su scala ridottissima”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma gli HD...
    non avevano le ore contate?http://punto-informatico.it/p.asp?i=53702Comunque, credo che per un bel po' avremo un doppio mercato: HD per i dispositivi interni, molto più capienti ed economici, e i dispositivi esterni, più costosi ma praticissimi e più sicuri.E magari una "piccola" flash interna da un Giga, integrata nella MotherBoard: ci si mette su Sistema Operativo e programmi più utilizzati, per accellerare il boot e l'avvio delle applicazioni più importanti.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma gli HD...
      - Scritto da: Anonimo
      E magari una "piccola" flash interna da un Giga,
      integrata nella MotherBoard: ci si mette su
      Sistema Operativo e programmi più utilizzati, per
      accellerare il boot e l'avvio delle applicazioni
      più importanti.sei un genio
      • Anonimo scrive:
        Re: ma gli HD...
        1 giga se non si tratta di wincozz = pero diamine la velocita' del sistema in generale dipende in gran parte dal disco =| se non deframmentato in win (o lento come rpm) il sistema non rende.Una memoria ha una velcoita' di trasferimento dati molte volte superiore, le performance generale del sistema operativo ne gioverebbero (pensiamo anche a uno swap su flash, invece di un file che ravana sul nostro HD :| )non vedo l'ora del futuro, anche se un po mi dispiace per gli hd ;D
  • Anonimo scrive:
    Memorie
    150 $ per 1 Gb sono una oscenità, tutti possono trovare memorie da 1 Gb (su USB o altro) a costi inferiori, 80 - 90 Euro circa (e non si creda che 150 $ siano uguali a 110 - 120 ?, perchè questi costi sono sempre al netto di iva import dogane ecc...).Sono più delicati, più lenti e probabilmente più ingombranti, con la diffusione poi dei maserizzatori / lettori DVD, prendere un DVD riscrivible (magari da 9 cm di diametro) assicura tanta memoria a prezzi irrisori.Vorrei proprio sapere l'Imation che redditività ha sui prodotti che riesce a vendere per coprire i buchi nel bilancio scavati da simili flop annunciati! P.S. un consiglio non acquistate azioni Imation sento odore di Parmalat e Envron !
  • Anonimo scrive:
    Ancora? Aridaje!
    "nel promettente mercato dei micro hard disk"Ma quale promettente? Stanno buttando una valanga di dollari in un buco nero.....100 G? 100G non sono niente, tiri l'hd contro un muro (anche piano) e i 100g sono abbondantemente superati!La chavetta flash ti può cadere da un grattacielo....Sinceramente io penso che hanno impiegato 5-10 anni per arrivare a questi micro hd e per giustificare tutto questo denaro speso in ricerca tentano di recuperarne un po' (finché possono) gettando queste ciofeche sul mercato (qualche fesso che lo compra c'è sempre) prima di sparire definitivamente. E' inutile: è chiaro a tutti che le memorie flash sono superiori praticamente sotto tutti i punti di vista, ma è una cosa che ai tempi dell'inizio della ricerca sugli HD non avevano previsto...Mi ricorda un po' le superoffertone dell'ISDN quando ha iniziato ad uscire l'ADSL.E qualcuno c'è pure cascato..... ;)
    • pikappa scrive:
      Re: Ancora? Aridaje!
      ihihihih a me una chiavetta è pure finita in lavatrice assieme ai pantaloni....funziona ancora perfettamente... niente che dire questi dischi sono interessanti, ma le memorie usb sono decisamente molto + portatili
  • Anonimo scrive:
    Imation
    Bah, in linea di principio un ottimo prodotto... peccato che Imation non sia in grado di promuovere i propri prodotti: vedi i floppy da 120 Mb (LS-120), proposti proprio quando i cd-rom erano la regola, oppure il mini cd-rom ad alta capacità, proposto quando i DVD erano la regola. Ora questo Hdd, proposto ora che i prezzi delle memorie solide sono in caduta libera...
  • Anonimo scrive:
    Poco competitivi
    A quel prezzo, e con quelle capienze, non sono granché.Sarebbe diverso se arrivassero almeno a 10-20 GB, ma il limite dei 4 su una chiavetta USB è prossimo ad essere raggiunto, forse anche a prezzi più bassi.
  • Anonimo scrive:
    Ma quali sono...
    ... le piccole memorie portatili più affidabili? "Chiavette", schede di memoria o micro HD? O HD 2,5" (anche se sono chiaramente più grandi)?Io non ho ancora comprato nulla perché non mi fido ancora (magari a torto).
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono...
      guarda che le flash drive USB sono sicurissime, anzi, imo in futuro (4-5 anni) potrebbero addirittura sostituire gli hard disk, per il semplice fatto che l'hdd e' meccanico (quanti dischi che claccano vi sono capitati? quanti vi sono morti dopo 2 anni? quante paure quando vi e' caduto da 2 cm?) mentre la flash driver e' praticamente immune anche alle martellate. La fregatura ora e' l'accesso che e' sequenziale, rendendole si veloci a 20MB/s , ma ci mette molto piu' tempo a scrivere 100 file da 10k che uno da 10MB ! Passato qeusto scoglio secondo me gli hard disk (MOLTO PIANO) sono destinati a scomparire
    • s0r4 scrive:
      Re: Ma quali sono...
      Flash drive = affidabili e abbastanza velociHD e mini HD = più convenienti ma meno affidabili
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono...
        - Scritto da: s0r4
        Flash drive = affidabili e abbastanza veloci
        HD e mini HD = più convenienti ma meno affidabiliSarà, ma io per esperienza personale la penso diversamente: le chiavette USB sono sì resistenti agli urti, ma spesso "bruciano" apparentemente senza motivo, con conseguente perdita di tutti i dati. Come tutti i dispositivi a stato solido sono troppo sensibili all'elettricità statica e spesso chi le tiene come portachiavi e le usa con poca cura si ritrova a perdere dati più facilmente che con un hard disk. Io ormai da un anno uso un vecchio hd 2.5" da 10 giga in un piccolo box USB autoalimentato e non ho mai avuto perdite di dati, mentre ci ho rimesso tre chiavette usb...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quali sono...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: s0r4

          Flash drive = affidabili e abbastanza veloci

          HD e mini HD = più convenienti ma meno
          affidabili

          Sarà, ma io per esperienza personale la penso
          diversamente: le chiavette USB sono sì resistenti
          agli urti, ma spesso "bruciano" apparentemente
          senza motivo, con conseguente perdita di tutti i
          dati. Come tutti i dispositivi a stato solido
          sono troppo sensibili all'elettricità statica e
          spesso chi le tiene come portachiavi e le usa con
          poca cura si ritrova a perdere dati più
          facilmente che con un hard disk. Io ormai da un
          anno uso un vecchio hd 2.5" da 10 giga in un
          piccolo box USB autoalimentato e non ho mai avuto
          perdite di dati, mentre ci ho rimesso tre
          chiavette usb...Le chiavette usb possono bruciare per elettricità statica. Se indossi vestiti lana, e ti strisci su sedie in sintetico ( poltrone finta pelle ), ti carichi di elettricità: tocchi la chiavetta dal lato usb = morte della chiavetta.D' altronde basta un poco di attenzione e non succede mai ( tocchi una parte metallica PRIMA di aprire la chiavetta o NON TOCCHI MAI la parte metallica della stessa ). A me non è capitato mai nulla. Viceversa mi sono caduti degli Hdd da circa 30 cm e .... ciao dati !!!
    • ryoga scrive:
      Re: Ma quali sono...
      Personalmente sono molto contento delle chiavette...Pensa che le uso da 4 anni e devo dire che non ho mai avuto problemi.Una volta per prender le chiavi di casa, m'e' caduta da un altezza di 80cm in una pozza d'acqua.Pensavo di aver distrutto tutti i miei dati.Invece ritornato a casa, ho asciugato il connettore, inserito nel pc e tutto funzionava come se nulla fosse successo.Con un hd, invece, ora sarei ancora li a piangerlo
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono...
        sono daccordo che le memorie flash sono le più affidabili, ma purtroppo hanno una durata abbastanza limitata perchè non vi si può scrivere all'infinito e usarle come HD non è possibile pena il doverle buttare dopo un paio di mesi, quindi sono ottime per fotocamere, palmarietc ma non è possibile usarle al posto di un HD di un PC
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quali sono...
          - Scritto da: Anonimo
          sono daccordo che le memorie flash sono le più
          affidabili, ma purtroppo hanno una durata
          abbastanza limitata perchè non vi si può scrivere
          all'infinito e usarle come HD non è possibile
          pena il doverle buttare dopo un paio di mesi,
          quindi sono ottime per fotocamere, palmarietc ma
          non è possibile usarle al posto di un HD di un PCUn paio di mesi ????Ne ho una da 128 che và avanti da 2 anni senza problema ....
          • sinadex scrive:
            Re: Ma quali sono...
            se usate al posto degli hd la loro durat è molto bassa perchè, specialmente con windows, i cicli di scrittura sono parecchi e le flash, rispetto agli hd, hanno una durata ben più bassa... pensa solo alle allocazioni dove risiede il filesystem...
Chiudi i commenti