L'alba delle protesi senzienti

Ricercatori statunitensi lavorano a un sistema di interfacciamento virtuale per restituire il senso del tatto a chi fa uso di protesi artificiali. In attesa dell'uomo, sulle scimmie funziona

Roma – Dalla fucina dei ricercatori della Duke University arriva un nuovo sistema di interfacciamento uomo-macchina “virtuale”, un passo avanti potenzialmente significativo sulla via della restituzione del senso del tatto ai pazienti costretti a fare uso di protesi artificiale in sostituzione dei propri arti biologici.

Quella a cui in particolare hanno lavorato il neuroscienziato Miguel Nicolelis e colleghi è un’interfaccia capace di connettere il cervello con protesi virtuali, un sistema che ha permesso ai soggetti degli esperimenti di controllare le protesi sullo schermo come fossero reali e di percepire le sensazioni derivanti dal tocco delle superfici.

A essere sottoposti ai primi test sono state le scimmie: ai primati sono stati applicati due diversi gruppi di elettrodi, uno al centro del movimento responsabile del controllo degli arti e l’altro nell’area sensoriale che riceve (o meglio restituisce) le sensazioni tattili derivanti dal tocco di una superficie o di un oggetto.

Stando a quanto sostengono i ricercatori della Duke, il cervello delle scimmie si è adattato molto velocemente al nuovo setup motorio-sensoriale e i primati hanno subito imparato a selezionare il tipo di superficie indicato dagli scienziati (attraverso un opportuno sistema di training), tutto all’interno di uno schermo.

L’interfaccia virtuale uomo-macchina funziona, suggeriscono gli scienziati, la possibilità di restituire le sensazioni tattili a chi si serve di protesi artificiali (attraverso innesti elettronici) è concreta e i frutti di questo lavoro dovrebbero farsi sentire negli anni a venire.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fabio Baldo scrive:
    Risonanza
    E se un suono manda in risonanza il cranio? SBAM!!
  • prova123 scrive:
    La natura ...
    ci ha dato i timpani e noi usiamo le ossa ... un po' come mettere le supposte nel naso ... de gustibus ... :D
    • Funz scrive:
      Re: La natura ...
      - Scritto da: prova123
      ci ha dato i timpani e noi usiamo le ossa ... un
      po' come mettere le supposte nel naso ... de
      gustibus ...
      :De chi non ha i timpani funzionanti? A me sembra una grande innovazione.
  • tucumcari scrive:
    ne avessero
    mai azzeccata una gli "operatori telefonici"....la loro vision è all'incirca quella della talpa
  • iii scrive:
    Conduzione ossea: Snake?
    È la stessa tecnologia che usa Snake in Metal Gear Solid (però reale)?
    • fagotto scrive:
      Re: Conduzione ossea: Snake?
      Comprati un laringofono ( http://it.wikipedia.org/wiki/Laringofono ) da abbinare a questo cellulare e potrai fare esattamente come lui, immagine esclusa.
Chiudi i commenti