Lampi di Cassandra/ Anche la TV ti guarda?

di M. Calamari - Una scatola familiare che ci osserva, impara a conoscerci, ci vezzeggia. Un focolare domestico connesso, delatore delle nostre abitudini. Per assimilarci

Roma – I siti di notizie, noti e meno noti, contengono talvolta notizie interessanti. Una notizia interessante per Cassandra è che improvvisamente qualcuno si è accorto della fondatezza di ciò che gli indefettibili 25 lettori di questa paginetta si sentono ripetere da anni fino alla nausea.

L’estensore di questo articolo “cade dal pero” enumerando le novità degli ultimi modelli di televisori di fascia alta (Smart TV) di un grande produttore.
Facendo CIÒ si accorge improvvisamente che un televisore, ma in generale diciamo una scatola con aspetto familiare, che però sia dotata, oltre al cavo di alimentazione, lo schermo e gli altoparlanti, dei seguenti oggetti:

un computer con sufficiente potenza e memoria
un canale di download per scaricare dati dalla Rete e un canale di ritorno per trasmettere dati usando la Rete
– la possibilità di auto aggiornarsi il software e caricarne di nuovo
– un microfono comandato via software
– una telecamera comandata via software
– un meccanismo di riconoscimento facciale

se messo in mezzo al soggiorno forse potrebbe, e dico solo “potrebbe”, ma appena un pochino, ma solo se siete pedoterrosatanisti, essere un piccolo, ma proprio piccolissimo problema per la vostra privacy.

Magari mentre guardate il vostro serial killer preferito, la nuova TV potrebbe suggerirvi: “Ti vedo un po’ pallido, perché non vai al negozio di fronte a farti un hamburger? Gli ho fatto preparare un buono sconto a nome tuo”.

Povero Grande Fratello, mi par di vederlo chiedere il pensionamento anticipato, riconoscendo ormai di essere stato surclassato dall’industria dell’elettronica di consumo, consumata da consumatori sempre più deficienti.

Un nipote, se non un figlio, di questa bella scatola potrebbe un giorno pronunciare la fatidica frase: “Ogni resistenza è inutile, sarete assimilati”.
E magari non avrebbe nemmeno bisogno di dirlo: potrebbe essere già avvenuto.

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Esistono i batch da linea di comando
    Ho piacere che chi ha scritto l'articolo si sia reso conto che il 99% del tempo di utilizzo di una interfaccia clicca clicca lo si perda a cliccare noiosamente per istruire il programma a fare quello che deve, da solo.La soluzione a questo problema estite da sempre e si chiama batch, e si usa da linea di comando.
  • panda rossa scrive:
    Esistono i batch da linea di comando
    Ho piacere che chi ha scritto l'articolo si sia reso conto che il 99% del tempo di utilizzo di una interfaccia clicca clicca lo si perda a cliccare noiosamente per istruire il programma a fare quello che deve, da solo.La soluzione a questo problema estite da sempre e si chiama batch, e si usa da linea di comando.
    • Hobbit Bahlsen scrive:
      Re: Esistono i batch da linea di comando
      Perfettamente d'accordo. A volte però alcuni utenti poco preparati tecnicamente preferiscono rivolgersi ad una interfaccia grafica, anche se con un dispendio iniziale di tempo maggiore. Ciao :)
Chiudi i commenti