Lampi di Cassandra/ Uccido, dunque sono

di M. Calamari - Non solo droni volanti progettati per la guerra, non solo Terminator armati di tutto punto. Esistono anche Skynet e Invernomuto, intelligenze artificiali che potrebbero covare minacce per l'uomo

Roma – Cassandra si è occupata, da tempo ed anche di recente , del problema della armi autonome, cioè di quei sistemi che, non solo con il volto di Schwarzenegger, hanno recitato la parte dei protagonisti in “Terminator” di James Cameron.

Informazioni pubblicate con una certa superficialità negli ultimi tre anni rendono evidente, a chiunque abbia voglia di guardare oltre il proprio naso, la velocità con cui queste armi autonome si stanno evolvendo grazie all’interesse altissimo dei militari nei paesi più tecnologicamente evoluti.
Non occorre infatti essere profeti per vedere quanto lo spazio tra i droni volanti che incrociano nei nostri cieli e quelli argentati che la fanno da padroni nei vari episodi della saga interpretata dal governatore della California si stia riducendo: questo stando alle notizie pubbliche, ma esistendo il segreto militare non è dato sapere se questo spazio si sia addirittura annullato, e quindi se solo una porta ci separi ormai dal nostro terminator quotidiano.

Sono terminator con la “t” minuscola, oggetti destinati ad un uso comune, ovviamente solo contro i “cattivi” per “missioni di pace” e per “risparmiare vite umane” dei militari.
Pare invece escluso, almeno nei comunicati ufficiali, che servano per ridurre i costi della guerra, e per rendere ancora più ampio quel già grande ventaglio di situazioni che è ben difficile chiamare “pace” ma che non sono nemmeno guerra dichiarata, e che tanto comodo fanno alla politica internazionale.

Ma pare anche che altri comincino a condividere le preoccupazioni di Cassandra: è notizia recente che l’Università di Cambridge (mica bruscolini) abbia deciso di aprire un centro studi dedicato a valutare le minacce che robot, droni ed intelligenze artificiali possono rappresentare per l’umanità.

In questo contesto rappresenta la dimostrazione non solo che la paranoia è una virtù, ma anche e sopratutto che la paranoia non è mai abbastanza. A Cassandra, infatti, non era mai passato per la mente di includere le intelligenze artificiali nel novero delle minacce e, perché no, delle armi intelligenti, probabilmente in quanto prive di occhi rossi lampeggianti, canne rotanti e lanciamissili.
O forse è perchè i vecchi informatici sentono parlare di I.A. fin da prima della laurea, ed in trent’anni non hanno mai visto succedere niente.

Però il profeta Cameron nel suo sacro testo ha inserito il secondario ma importante personaggio di Skynet , il sistema difensivo che diventa senziente, e per prima cosa, nella migliore tradizione della fantascienza anni ’60, tenta di distruggere l’umanità. Skynet è un’intelligenza artificiale, proprio come Invernomuto in ” Neuromante ” di Gibson.

Ma è certo che l’utilizzo di software che, se non addirittura autocosciente, comunque possa essere superumano e controllare le persone, ci aspetta in un futuro molto prossimo: tutto sommato Deep Blue di IBM ha battuto il campione mondiale di scacchi, ed anche se la sua architettura usa molta forza bruta e conoscenza pregressa per lavorare, i suoi fratelli potrebbero tranquillamente essere ad esempio i sistemi di controllo del progetto Occhio della Mente di cui abbiamo parlato recentissimamente, e rientrare a tutto diritto tra i sistemi che si sostituiscono all’uomo, lo controllano e possono agire, anche se solo indirettamente, contro di lui.

Questo è un tassello che mancava persino al mosaico delle paranoie di Cassandra.
Un sentito grazie, anche a nome vostro, ai “colleghi” di Cambridge per
averlo capito e reso pubblico. Ma soprattutto grazie per aver dimostrato che c’è anche qualcuno che, invece di inventare nuove tecnologie per gli armamenti, si preoccupa per gli effetti di quelle presenti e future.

Quale sarà il test di validazione di una I.A. militare? Uccidere il suo primo nemico?
Il suo primo pensiero sarà “uccido, dunque sono”?

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Justice&Fre edom scrive:
    Petizione contro RFID
    Per PROTESTARE, opporsi contro il Bio-chip sottocutaneo imposto e contro il Progetto di Legge di Obama, che deve entrare in vigore questanno, inerente limpianto obbligatorio di Bio-chip alla popolazione americana:firmare e diffondere ovunque questa PETIZIONE pubblica:http://www.avaaz.org/it/petition/SALVIAMO_la_privacy_e_inviolabilita_della_persona_umana_IMPEDIAMO_limpianto_obbligatorio_del_MICROCHIP_SOTTOCUTANEO/LUnione fa la forza, la Coesione della massa altrettanto, ed è almeno un tentativo di propagare la protesta popolare, anche a chi di dovere.
    • A caso... scrive:
      Re: Petizione contro RFID
      - Scritto da: Justice&Fre edom
      Per PROTESTARE, opporsi contro il Bio-chip
      sottocutaneo imposto e contro il Progetto di
      Legge di Obama, che deve entrare in vigore
      questanno, inerente limpianto obbligatorio di
      Bio-chip alla popolazione americana:

      firmare e diffondere ovunque questa PETIZIONE
      pubblica:

      http://www.avaaz.org/it/petition/SALVIAMO_la_privaBufala:viene citato il disegno di legge HR 3962, approvato nel 2009 e disponibile qui in formato PDF: http://housedocs.house.gov/rules/health/111_ahcaa.pdf 1990 pagine.La parola"CHIP" (in maiuscolo) presente nel documento è una sigla che sta per Children's Health Insurance Program, ossia una copertura assicurativa sanitaria per bambini. Non c'entra nulla con i microchip.
  • xvbxcv scrive:
    registro?
    ma fare l'appello e segnare le assenze sul registro pare brutto? anche perchè l'rfid lo puoi aggirare e rendere inutile piuttosto facilmente:1) se sai che devi fare XXXX dai il tuo rfid ad un tuo compagno di classe che va a scuola2) tutti mettono il proprio rfid in un astuccio schermato (basta un po di carta d'alluminio da cucina), rendendo inutile il sistema3) ci si procura un lettore/scrittore di rfid e si procede a fare il dump da un chip e scriverlo in un altro e così via, "scambiandosi le identità" e rendendo inutile il sistema
  • W.O.P.R. scrive:
    Allora non è fantascenza
    Quando ho letto "X" di Cory Doctrow segnalato in un articolo da Calamari, pensavo che non ci saremmo arrivati subito, invece questo articolo dimostra il contrario.Bellissimo libro lo consiglio. Negli usa è distribuito gratis, in Italia vogliono 15 euri, ma si trova facilmente a prestito sulle reti p2p.
    • Correttore scrive:
      Re: Allora non è fantascenza
      - Scritto da: W.O.P.R.
      Quando ho letto "X" di Cory Doctrow segnalato in
      un articolo da Calamari, pensavo che non ci
      saremmo arrivati subito, invece questo articolo
      dimostra il
      contrario.

      Bellissimo libro lo consiglio. Negli usa è
      distribuito gratis, in Italia vogliono 15 euri,
      ma si trova facilmente a prestito sulle reti
      p2p.Fantascienza si scrive con la "i"!
Chiudi i commenti