Lanciata la prima offerta UMTS

Possibile per il momento solo prenotarsi, ma le offerte H3G sono pensate per catturare subito l'interesse di moltissimi utenti. Canone flat mensile con o senza videofonino. Tutti i dettagli sul 3G che arriva


Roma – L’ UMTS sembra decisamente più vicino da quando i principali operatori wireless italiani hanno dichiarato le proprie intenzioni e forse da oggi lo sembra ancora di più con l’annuncio atteso e giunto nelle scorse ore da H3G, uno dei detentori delle licenze UMTS in Italia, e non solo.

H3G ha infatti lanciato le prenotazioni online per quella che definisce la prima formula “all inclusive” sul mercato italiano, una sorta di flat-rate concepita per l’uso dei servizi UMTS e per bypassare anche il non indifferente problema della disponibilità dei cellulari UMTS, quelli che H3G chiama “videofonini” (marchio registrato).

Per il lancio sono presentate essenzialmente due offerte. La prima dal costo di 85 euro al mese e la seconda da 140, ma con videofonino incluso in noleggio (prezzi Iva inclusa).

La “mobile video company” italiana punta per questa fase del lancio sul suo sito “3” , che è anche il marchio sotto il quale verranno d’ora in poi promossi i servizi UMTS dell’azienda.

La prima offerta, Top3 Executive, comprende nel canone tutte le chiamate (con eventuale roaming su TIM nelle zone non inizialmente coperte da 3), le videochiamate, SMS, Videomessaggi e MMS, e-mail anche con allegati e i contenuti del Mobile Portal di 3 (tra cui Videogoal in near live, Videonews, Music, Finance, Punti di interesse, Mappe, ecc.).

Compreso nel canone è stato concepito un limite all’utilizzo, spiega l’azienda in una nota, come forma di “anti-abuso”, piuttosto comprensibile in fase di lancio, “ipotizzando – afferma H3G – livelli di consumo diverse volte superiori al traffico 2G dei clienti ‘heavy users’.” Questi livelli sono calcolati su base settimanale: 10 ore di chiamate voce, 10 ore di videochiamate, 150 SMS, 50 MMS, 100 e-mail.

Se si superano i livelli standard, le tariffe sono le seguenti (tutti i prezzi Iva inclusa):
– chiamata voce: 0,12? al minuto con uno scatto alla risposta di 0,15?
– videochiamata: 0,48? al minuto con uno scatto alla risposta di 0,15?
– SMS: 0,15?, Videomessaggio o MMS: 0,48?.

I contenuti a cui si accede dal portale 3, invece, sono tariffati a seconda della tipologia.


Proprio su quello che H3G definisce “Mobile Portal” l’azienda punta per veicolare servizi aggiuntivi ai clienti. Nel canone mensile è compreso il download sul videofonino di un massimo di 100 contenuti alla settimana; oltre quel limite verrà calcolata una tariffa che non sarà basata sui kilobyte scaricati ma sul tipo di servizio utilizzato. In ogni caso, ha tenuto a sottolineare l’azienda, il cliente avrà sempre modo di conoscere il prezzo del servizio prima di decidere l’eventuale utilizzo.

Al di fuori del canone mensile, invece, si trovano le chiamate internazionali, il roaming internazionale e la connessione a Internet quando il videofonino viene utilizzato come modem.
Per una chiamata verso un Paese europeo, gli Stati Uniti ed il Canada il cliente (prezzi Iva inclusa) pagherà 0,24? al minuto con uno scatto alla risposta di 0,15?, mentre l’accesso a Internet costerà 0,60? a connessione e il download 0,002? per kilobyte scaricato.

L’altra opzione si chiama Top3 Privilege e con un canone di 140 euro al mese, Iva inclusa, comprende tutte le condizioni già previste per l’altro profilo più il noleggio di un videofonino che, una volta all’anno, potrà essere cambiato con un altro dei modelli che via via saranno resi disponibili nella gamma di 3.

Al momento del lancio, come già noto, saranno disponibili due videofonini: il Nec e606 e il Motorola A830.

Sul portale di 3 per chi si registra sono già disponibili le foto e le schede tecniche dei videofonini e le demo dei servizi 3.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    solo parassiti
    Chi vive facendo il parassita va solo punito: ci provassero a creare qualcosa, senza vivere, come hanno sempre fatto, senza creare mai nulla, senza mai avere sue idee originali. Quanto al meridionale che si offende per la citazione di Bari nel titolo, se anche rischiasse , tale citazione, il luogo comune, è bene ricordare che il luogo comune è figlio di dati che tutto lo rendono tranne che un luogo comune: le zone italiane da cui nasce la stragrande maggioranza dei prodotti italiani contraffati sono quelle meridionali. Per non dire he il fenomeno è talmente incancrenito che sono gli stessi consulenti in proprietà industriale a sconsigliare azioni legali al di sotto degli appennini...
    • Anonimo scrive:
      Re: solo parassiti
      hahah!!!! parassiti...sì! bruciamo i meridionali!!!mi fa ridere il fatto che tu non sappia neanche cos'è un luogo comune e poi osi sparare così a zero sui meridionali in genere...si che questo discorso lo potrebbe fare un inglese nei confronti di un italiano, un americano nei confronti di un europeo e così continuando all'infinito? e nel meriodione tutti i posti sono uguali, napoli è uguale a catania e a bari? ci lo sa? tu lo sai?! ma bravo il mio piccolo hitler...ma la colpa non è tua..tu sei perdonato, il fatto è che non c'è mai stato nessuno nella tua vita che ti ha educato alla tolleranza...colpa di tutto il sistema...poi se ti stupisci del fatto che a londra si masterizzano meno cd di milano e a milano meno di bari...pensi che sia solo un fatto di civiltà o può anche centrare il rapporto reddito pro capite/costo cd?rifletti....
    • Anonimo scrive:
      Re: solo parassiti
      Quanto al meridionale che si offende per la citazione di Bari nel titolo, se anche rischiasse , tale citazione, il luogo comune, è bene ricordare che il luogo comune è figlio di dati che tutto lo rendono tranne che un luogo comune: le zone italiane da cui nasce la stragrande maggioranza dei prodotti italiani contraffati sono quelle meridionali. Per non dire he il fenomeno è talmente incancrenito che sono gli stessi consulenti in proprietà industriale a sconsigliare azioni legali al di sotto degli appennini... Ho letto il tuo pensiero...Vuoi dire che bisognerebbe far uscire dall'europa tutto tutto ciò che sta al di sotto degli ed annettere quella "parte" dell'europa al continente che sta un po' più giu?In questo caso i vantaggi per quella "parte" sarebbero evidenti: potrebbero pensare le stesse cose che tu pensi nei confronti di chi sta piu giu come adesso fai tu.Complimenti! Alle prossime elezioni proponiti come ministro delle riforme istituzionali.
  • Anonimo scrive:
    e i venditori ambulanti?
    Mi domando perche' i venditori ambulanti sono liberi di esporre cd musicali, cd ps1 e ps2, etc etc alla luce del sole. Mi domando quale sia la differenza tra loro e noi. E non ditemi "poverini loro ci mangiano". Mi sembrava di aver letto da qualche parte "la legge e' uguale per tutti"...La mia citta, Livorno, e' piena di venditori ambulanti che vendono cd copiati con tanto di copertina a sfottere "FAC SIMILE". Perche'? Perche loro possano o almeno a loro e' piu permesso? Qualcuno mi spiega la differenza?Forse fanno piu tenerezza?
    • Anonimo scrive:
      Re: e i venditori ambulanti?

      Mi domando perche' i venditori ambulanti
      sono liberi di esporre cd musicali, cd ps1 e
      ps2, etc etc alla luce del sole.e io mi domando perche se la prende sempre col piu debole e mai con uno piu forte...
    • Anonimo scrive:
      Re: e i venditori ambulanti?
      - Scritto da: Alessandro Marzini
      Mi domando perche' i venditori ambulanti
      sono liberi di esporre cd musicali, cd ps1 e
      ps2, etc etc alla luce del sole.[...]
      Perche loro possano o almeno a loro
      e' piu permesso? Qualcuno mi spiega la
      differenza?Ma liberi di che...???Qui a Roma poco tempo fa ho assistito ad una retata di clandestini e c'era un fuggi fuggi generale. Tutti scappavano di qua e di là, cercando di portare con se le loro cose.Altro che liberi di vendere alla luce del Sole!!!mARCOsP.S. Anche tu sei libero di fare quello che vuoi, almeno finché qualcuno non ti becca.
  • Anonimo scrive:
    che differenza c'e'
    illegalita'?e'giusto punire!!!Quando ci si preoccupa della vita altrui Bhe! ci sentiamo protetti come fa lo stato con i cittadini obbligandoli a indossare le cinture per non risciare la vita.Ma poi non capisco come continua a preoccuparsi di noi quando ci vende le sigarette per farci venire il cancro!!!e non mi dite che e' una questione di scelta,o che siamo avvertiti!!Perche' tutto e scelta!!!Cosi prima abbiamo offerto al mondo la possibilita'di duplicare attraverso il commercio dei masterizzatori ecc. e poi demonizziamo chi li usa illegalmente per un quadagno.Giusto bisogna punire!!!e le sigarette?grazie un'autore di musica Italianadario romani
  • Anonimo scrive:
    articolo un pò diffamante
    Trovo piuttosto diffamatorio il modo in cui nell'articolo si sottolinea "di Bari", potevano essere commercianti di qualunque città del mondo, la sottolineatura che si legge (a mio parere) tra le righe ha qualcosa a che fare con i luoghi comuni per cui al Sud ci si "arrangia" spesso per arrotondare o sbarcare il lunario.Vogli anche aggiungere che recentemente un Giudice a Roma ha ASSOLTO due venditori ambulanti di CD in quanto ha ravvisato nella loro attività la "risposta allo stato di necessità di procurarsi da vivere" in un paese straniero, trascurando giustamente del tutto il danno economico, peraltro trascurabile, arrecato alle case discografiche e agli autori, entrambi miliardari !Spero che anche stavolta facciano lo stesso !
    • Anonimo scrive:
      Re: articolo un pò diffamante
      Se erano di Bari che ci dovevano scrivere per non diffamerli? Che erano di Lecce? Oppure che erano di Milano? Mica l'ho capita questa.
    • Anonimo scrive:
      Re: articolo un pò diffamante
      non è vero che gli autori sono tutti miliardari, le case discografiche sono abbastanza furbanfi e spesso non apgano quanto devono e la siae non paga in base alla realtà a ma .... chissà cosa. Comunque se io lavoro e creo ho diritto ai miei soldi. Diffamente non è dire che è di Bari uno di Bari, Se fosse stato di Milanoa vrebbero detto Milano, diffamante e dire che la vittima era omosessuale quando per casi simili non si dice che la vittima era eterosessule, in questo caso si è diffamente perchè si sbatte in paizze le preferenze sessuali di una persona che sono personali ma se si dice che la vittima era di Torino non si può dire che sia diffamante. E poi smettiamola di giustificare sempre tutto inItalia oggi è un crimine avere qualcosa, e se al sud non c'è lavoro perchè in veneto devono prendere extracomunitari perchè nessuno si muove per andare su nemmeno se gli offrono pure la casa gratis?
    • Anonimo scrive:
      Re: articolo un pò diffamante
      - Scritto da: gr8wings
      Trovo piuttosto diffamatorio il modo in cui
      nell'articolo si sottolinea "di Bari",
      potevano essere commercianti di qualunque
      città del mondoScusa ma hai torto. Poco tempo fa ho letto una notizia simile riguardante commercianti di San Marino e Venezia, ma non mi pare che qualcuno di quelle città abbia protestato per la "diffamazione"...
    • Anonimo scrive:
      Re: articolo un pò diffamante
      - Scritto da: gr8wings
      Trovo piuttosto diffamatorio il modo in cui
      nell'articolo si sottolinea "di Bari",
      [...] la sottolineatura che si
      legge (a mio parere) tra le righe ha
      qualcosa a che fare con i luoghi comuni
      per cui al Sud ci si "arrangia" spesso per
      arrotondare o sbarcare il lunario.Che siano di Bari è semplicemente un'informazione, senza alcun intento diffamatorio.
      Vogli anche aggiungere che recentemente un
      Giudice a Roma ha ASSOLTO due venditori
      ambulanti di CD in quanto ha ravvisato nella
      loro attività la "risposta allo stato di
      necessità di procurarsi da vivere" in un
      paese straniero, trascurando giustamente del
      tutto il danno economico, peraltro
      trascurabile, arrecato alle case
      discografiche e agli autori, entrambi
      miliardari !AHHH, ma allora erano due Robin Hood della musica, che rubano ai ricchi per dare ai poveri! Ma pensa te!
      Spero che anche stavolta facciano lo stesso !Mi sembra una buffonata pazzesca. Se iniziano ad assolvere chi fa della pirateria un'attività commerciale, a questo punto liberiamo tutti i detenuti, bruciamo il codice civile e penale, ed ognuno fa come cavolo vuole.mARCOs
      • Anonimo scrive:
        Re: articolo un pò diffamante
        - Scritto da: mARCOs(cut)

        tutto il danno economico, peraltro

        trascurabile, arrecato alle case

        discografiche e agli autori, entrambi

        miliardari !

        AHHH, ma allora erano due Robin Hood della
        musica, che rubano ai ricchi per dare ai
        poveri! Ma pensa te!


        Spero che anche stavolta facciano lo
        stesso !

        Mi sembra una buffonata pazzesca. Se
        iniziano ad assolvere chi fa della pirateria
        un'attività commerciale, a questo punto
        liberiamo tutti i detenuti, bruciamo il
        codice civile e penale, ed ognuno fa come
        cavolo vuole.meno male che c'è qualcuno che ragiona.Quelli che mettono in condivisione la musica nei sistemi di p2p potrebbero anche essere dei robin hood, se non sono dei trader ... in fondo non ci gaudagnano nulla e magari ci spendono pure (per la connessione e la corrente) ... ... ma questi ci guadagnano eccome! Questi sono proprio PIRATI!!! Quelli veri! :(
        • Anonimo scrive:
          Re: articolo un pò diffamante
          - Scritto da: Barba Gigi

          Se iniziano ad assolvere chi fa della

          pirateria

          un'attività commerciale, a questo punto

          [...] ognuno fa come cavolo vuole.
          meno male che c'è qualcuno che ragiona.Grazie.
          Quelli che mettono in condivisione la musica
          nei sistemi di p2p potrebbero anche essere
          dei robin hood, [...]
          ... ma questi ci guadagnano eccome! Questi
          sono proprio PIRATI!!! Quelli veri! :(Infatti sono parassiti che guadagnano alle spalle di qualcun altro. E scommetto che evadono pure le tasse! Io davvero non capisco come si possa giustificare azioni simili.mARCOs
          • Anonimo scrive:
            Re: articolo un pò diffamante
            - Scritto da: Barba Gigi

            Se iniziano ad assolvere chi fa della

            pirateria

            un'attività commerciale, a questo punto

            [...] ognuno fa come cavolo vuole.certamente, siamo nella casa delle libertà...
    • Anonimo scrive:
      Re: articolo un pò diffamante
      - Scritto da: gr8wings
      Trovo piuttosto diffamatorio il modo in cui
      nell'articolo si sottolinea "di Bari",ma che corbellerie vai dicendo ?questo è un giornale e quindi riporta i fatti; che avresti detto se la città fosse stata Feltre?Nordisti bastardi ladri?oooh!!! ma che siamo matti??? questo è un semplice articolo, ce l'hai voluta trovare tu una nota aggiuntiva. Quello è un fatto.Non ha mica detto "come al solito al sud - o sono così fessi che si fanno beccare o in percentuale sono talmente tanti che per uno al nord ne vengono fuori 10 al sud" ... non lo ha detto!ha detto solo "a Bari", fine!!
      potevano essere commercianti di qualunque
      città del mondoma che dici? Queste non sono ipotesi! Sono cronache di fatti!
      , la sottolineatura che si
      legge (a mio parere) ah, meno male va.devi aver avuto una giornataccia.Mi dispiace per te, ma non era così, non prendertela con i fatti.
      tra le righe ha
      qualcosa a che fare con i luoghi comuni
      per cui al Sud ci si "arrangia" spesso per
      arrotondare o sbarcare il lunario.sicuramente è vero, ma l'articolo non lo dice, non allude, non sottintende.Per il fatto che poi i ragazzi "disoccupati" dicano che la mafia è meglio del governo - il tutto a viso aperto ad un giornalista della rai ... beh, questo non depone a favore del sud, che tra l'altro in questo modo dimostra di dare un fondamento concreto ai luoghi comuni.Ma il fatto non sussiste. PI non ha affermato questo!!!

      Vogli anche aggiungere che recentemente un
      Giudice a Roma ha ASSOLTO due venditori
      ambulanti di CD in quanto ha ravvisato nella
      loro attività la "risposta allo stato di
      necessità di procurarsi da vivere" si, erano marocchini.Vuoi forse affermare che i marocchini sono tutti ladri? Sei forse razzista?ecco, questo è il genere di commento che hai fatto.
      in un
      paese straniero, trascurando giustamente del
      tutto il danno economico, peraltro
      trascurabile, arrecato alle case
      discografiche e agli autori, entrambi
      miliardari !
      Spero che anche stavolta facciano lo stesso !certo, la prossima volta che stuprano tua sorella vediamo se sei d'accordo con la legge che premia i criminaliCaro amico, io credo che con le tue affermazioni hai fatto più male al sud dei razzisti del nord o di qualsiasi altra parte.Quando sparate queste cazzate siete come le femministe che fanno male alle donne, come i giovani stupidi che sparano cazzate ai telegiornali ... fate fare brutta figura alla intera categoria credendo di difendere qualche diritto ... mentre il diritto si difende con dignità, rispetto, onestà, comportandosi bene e non farneticando e sbraitando cazzate prive di fatti fondati.Il fatto che un illecito sia stato commesso a Bari esiste. Il resto sono solo quaquaraquà
  • Anonimo scrive:
    Diverso punto di vista.
    Il mio è solo un diverso modo di vedere la notizia.Mentre basterebbe un controllo su una sola azienda locale per recuperare qualche miliaro di vecchie lire di evasione fiscale, la finanza arresta un anziano negoziante ed il figlio per il possesso di una macchina duplica Cd (legalmente acquistata e detenuta) ed un venditore ambulante e ne ricava un "bottino" di 600 cd illegalmente duplicati.Considerando il valore fiscale totale di circa ? 2.400,00 euro l'Italia si è ripagata dello stipendio mensile (sempre troppo basso) di almeno uno dei finanzieri coinvolti nell'operazione.I tre loschi individui verranno indagati per aver tentato di campare alle spalle dei quei poveri cantanti e autori dei CD coinvolti. Il danno per questi si aggira intorno ai 6.000,00 euro!!!Tutti si chiedono come questi potranno ora passare il rigido inverno che ci attende.Ps. Le cifre indicate sono ricavate dalle percentuali tipiche che vanno alle varie parti e nella vendita di in CD di ? 20,00 euro. Se ho sbagliato.... ricalcolate da soli.M.
    • Anonimo scrive:
      Re: Diverso punto di vista.
      ma si poveracci, in fondo campavano alle spalle di cantanti e case discografiche. Giusto allora venira a casa tua e rubarti tutto. In fondo se hai stereo, computer, qualche gioiello è bene che tu lo divida con altri che hanno meno di te
      • Anonimo scrive:
        Re: Diverso punto di vista.
        Sorb... era solo un diverso modo di vedere.. come il tuo...Volevo solamente far notare come, lo stato, tutelando una lobby, danneggia le sue finanze, persegue delle persone che si "arrangiano" in un mercato sempre più contratto e sicuramente non rimuove il problema per cui la lobby mandataria sta morendo lentamente di "fame".Sono le stesse case discografiche ad ammettere che non sono i "duplicatori" di cd ad intaccare il mercato ma gli utenti domestici che masterizzano gratuitamente decine e decine di copie per amici e parenti.Esiste, un unica soluzione al problema: abbassare il prezzo del prodotto venduto riducendo, tra le altre cose, l'iva.A casa mia i ladri sono venuti e hanno portato via proprio lo stereo e di dischi (tutti originali) della mia collezione di circa 500 pezzi. Nessuno li ha catturati così come succede per il 90% dei furti in appartamento. Quello si che è un vero problema nazionale, ma nessuno lo combatte perché è troppo costoso contrastarlo. Le case discografiche autori e cantanti sono una piccola minoranza ma valgono molto di più che l'intero numero dei cittadini italiani vittime di furti, sicuramente una "larga maggioranza".Questo è in tutto e per tutto un parere personale e un modo di vedere un fatto di cronaca. La guardia di finanza ha fatto il suo dovere e spero che continui a farlo sempre.Grazie.
        • Anonimo scrive:
          Re: Diverso punto di vista.
          - Scritto da: Maz

          La guardia di finanza ha fatto il suo dovere
          e spero che continui a farlo sempre.

          Grazie.ed è questo l'importantei politici facciano i politicii finanzieri facciano i finanzierie noi, poveri cittadini/consumatori/elettori ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Diverso punto di vista.
      - Scritto da: Maz
      Il mio è solo un diverso modo di vedere la
      notizia.

      Mentre basterebbe un controllo su una sola
      azienda locale per recuperare qualche
      miliaro di vecchie lire di evasione fiscale,
      la finanza arresta un anziano negoziante ed
      il figlio per il possesso di una macchina
      duplica Cd (legalmente acquistata e
      detenuta)Ecco un altro intervento della serie "controllate qualcuno altro, io sono un pesce piccolo"!!Di questo passo se io rapino una vecchietta, potrei dire: "Ma scusate, con tutta questa gente che ammazza e uccide, dovete arrestare proprio me?"Quello che hanno fatto quei due è pirateria (a fini commerciali! Non copiavano CD per sé o per gli amici) e sicuramente evadevano pure la tasse (perché non credo che si mettessero a fare scontrini per i CD venduti). Due classici esempi di parassiti.mARCOs
    • Anonimo scrive:
      Re: Diverso punto di vista.
      - Scritto da: Maz
      Il mio è solo un diverso modo di vedere la
      notizia.ora usiamo il tuo modo di vedere le notizie allora:Un povero ragazzo depresso che non aveva la paghetta nutrita come quella del suo amico che ha i genitori ricchi, ha deciso di prendere una monetina, affilarla e chiedere del denaro ai passanti, in fondo in percentuale che saranno 5 auro per uno?Ha quindi visto una ragazza carina, la sorella di tale MAZ e siccome si sentiva troppo depresso e lo stato e la società non lo rallegravano a sufficienza, dopo aver speso i soldi DONATIGLI dalla società SPONTANEAMENTE ha deciso di avere un rapporto sessuale con tale ragazza.Questa non era d'accordo, ma andava contro la libertà del ragazzo e per tanto egli ha deciso di violentarla, ma anzi, non usiamo questa parola sbagliata, ha deciso di "darsi piacere con la collaborazione della ragazza".------Se vuoi ricostruiamo anche il nazismo o altre piaghe dell'umanità, in questo modo. Che ci vuole a riscrivere i fatti in maniera distorta? Bravo!
  • Anonimo scrive:
    Vorrei dire all'autore dell'articolo
    Prima di dire che delle persone sono state ARRESTATE di controllare la notizia e di andare a studiarsi le leggi in materia,si accorgerà che per reati del genere non è previsto l'arresto immediato ma la denuncia a piede libero ed il sequestro del materiale.Casomai dopo il processo,ottenuta la condanna si può in alcuni casi (finora nessuno in Italia) essere arrestati.Mi astengo dal fare ulteriori commenti.
    • Anonimo scrive:
      AHAHAHAHAH
      Forse val la pena dirla al giudice che li ha bloccati a casa
    • Anonimo scrive:
      Re: Vorrei dire all'autore dell'articolo
      - Scritto da: ToninoDiPietrino
      Prima di dire che delle persone sono state
      ARRESTATE di controllare la notizia e di
      andare a studiarsi le leggi in materia,si
      accorgerà che per reati del genere non è
      previsto l'arresto immediato ma la denuncia
      a piede libero ed il sequestro del
      materiale.
      Casomai dopo il processo,ottenuta la
      condanna si può in alcuni casi (finora
      nessuno in Italia) essere arrestati.
      Mi astengo dal fare ulteriori commenti.Caro Tonino, non sarà che i tuoi ex colleghi fanno quello che gli pare? Fottendosene delle leggi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Vorrei dire all'autore dell'articolo
      sei tu che devi leggerti bene le norme.La legge sul diritto d'autore è stata novellata nel 2000 e prevede nel massimo della pena 4 anni di carcere. Per il codice penale i reati puniti fino a 4 anni prevedono l'arresto facoltativo in flagranza di reato, cosa che è avvenuta in questo caso. Aggiornati ninni
Chiudi i commenti