Laptop e PDA al bando negli aerei

Lo auspicano gli scienziati della Carnegie Mellon University. Gli studi confermano che le emissioni elettromagnetiche di cellulari, PDA ed altri dispositivi impattano sulla strumentazione di bordo


Pittsburgh (USA) – Il momento della partenza, così come quello dell’atterraggio, non è solo un brivido sulla schiena per molti passeggeri degli aerei di linea: è un momento delicatissimo per la strumentazione di bordo , che notoriamente impone il divieto di utilizzare telefoni cellulari ed altri dispositivi elettronici. Ma c’è di più: i ricercatori della Carnegie Mellon University , tra gli atenei più prestigiosi degli Stati Uniti, hanno scoperto che le emissioni elettromagnetiche di laptop, PDA e console portatili sono rischiose in qualsiasi momento del volo.

Dopo un’attenta analisi condotta con l’ausilio di spettrometri sistemati all’interno dei bagagli a mano, gli scienziati del dipartimento aerospaziale della Carnegie Mellon sono giunti ad una conclusione che già fa discutere: “Il livello delle emissioni sugli aerei di linea”, sostiene Granger Morgan, responsabile della ricerca, “è abbastanza alto da causare malfunzionamenti al sistema di navigazione”.

Morgan, dopo aver monitorato con cautela tre diversi voli, ha dichiarato che “le attività dei passeggeri che causano interferenze elettromagnetiche vanno messe al bando” e non soltanto durante l’avvicinamento o l’allontanamento dalla pista. “Non c’è mai stato un incidente correlato alle interferenze di questo tipo”, ammette comunque Morgan. Tuttavia, lo scienziato consiglia estrema cautela sia ai passeggeri, sia alle compagnie aeree.

Un invito in netta controtendenza rispetto agli orientamenti del mercato. Sono ormai molti gli esperimenti condotti da produttori come Boeing, appoggiati parzialmente dall’autorità per l’aviazione civile americana, che vorrebbero dimostrare l’ immunità degli aerei alle radiazioni elettromagnetiche. La tentazione di ammettere l’uso tout court dei dispositivi elettronici sta coinvolgendo persino la Germania , ma se ne parla in mezzo mondo.

Per il momento esistono norme internazionali molto ferree riguardo l’utilizzazione di apparecchi elettronici durante il volo. In casi estremi sono previste addirittura multe e provvedimenti amministrativi. L’uso dei cellulari a bordo rimane il motivo principale per le arrabbiature degli assistenti di volo, che devono seguire l’ordine perentorio di richiedere lo spegnimento di qualsiasi terminale telefonico che non sia satellitare, compresi i molti GSM ed UMTS dotati di modalità aereo , speciale funzione che sconnette l’apparecchio dalla rete di riferimento e lascia inalterato l’accesso ai videogiochi e alle altre utilità del dispositivo.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti