L'Australia accarezza la superbanda

Una internet 100 volte più veloce? Quante promesse si sono sentite negli anni. In Australia ci si lavora sopra e ora c'è chi dice: ci siamo, i nove mesi di mamma fibra sono passati

100 volte più veloce : questa è la promessa di alcuni scienziati dell’ Università di Sydney , che con una loro scoperta vorrebbero proprio riuscire ad accelerare la madre delle reti con costi irrisori .

Troppo bello, troppo wow? Tutto il traffico di Internet – ricorda ITWire che ha seguito la novità – viene instradato dai punti di origine a quelli di destinazione attraverso i router e gli switch, che spostano pacchetti di dati sulle diverse parti della rete, in accordo con gli indirizzi contenuti nei relativi flussi.

Lo stato dell’arte consente di far operare queste tecnologie alla velocità di 10 Gbps . Ed è proprio qui che interviene la nuova tecnologia di switching di cui parlano al Centre for Ultra-high bandwidth Devices for Optical Systems ( CUDOS ) dell’Ateneo, subito battezzata fotonica : porta queste tecnologie a lavorare in modalità ottica alla velocità di 640 Gbps .

Secondo l’Ateneo, “significa accesso praticamente istantaneo, privo di errori e senza alcun limite alla rete Internet, in qualsiasi parte del mondo”. Naturalmente, gli studiosi hanno rivolto le loro attenzioni alle grandi nervature, alle dorsali, a quelle aree della rete di grande portata: la soluzione individuata dall’Ateneo – chiarisce ITWire riferendosi all’Australia, ma anche altrove varrebbe lo stesso concetto – non potrebbe influire sulle reti di raccolta e distribuzione a livello locale.

Il professor Ken Eggleton, direttore del CUDOS, ha presentato lo studio alla Opto-Electronics and Communications Conference ( OECC ) di Sydney e ha precisato in una nota: “Si tratta di un critical building block , un passo fondamentale su quanto già esiste. Parliamo di reti potenzialmente 100 volte più veloci, senza imporre alcun ulteriore costo al consumatore”.

La tecnica

Frutto di una ricerca combinata tra il CUDOS, l’ Australian National University e la Technical University danese, con i fondi dell’Australian Research Council ( ARC ), l’idea si concretizza in quello che lo studio definisce uno switch fotonico .

In sostanza, agendo solo su fibra ottica si elimina il grande collo di bottiglia causato dal dover convertire dati da fotoni (luce) in elettroni (segnali elettrici) e viceversa diverse volte, man mano che i flussi attraversano la rete. E questo non sulle strutture locali – dove qualche apparato già esiste, pur se basato sulla conversione interna – ma proprio laddove è necessaria la maggiore velocità, cioè sulle grandi infrastrutture.

In pratica è proprio il concetto di switch a trasformarsi da quel che – oggi – si conosce come tale, in uno strumento completamente nuovo, dove i flussi entrano ottici , vengono elaborati e smistati restando ottici ed escono, ancora, sempre ottici .

La particolare tecnologia costruttiva adottata per l’implementazione materiale dello switch fotonico “funziona un po’ come gli scambi ferroviari, con la differenza che lo switch fotonico impiega un picosecondo per cambiare stato – spiega Eggleton – Ciò significa che in un secondo lo switch può passare da uno stato all’altro un milione di volte “.

Prospettive

La nuova tecnologia scoperta in Australia è per ora circoscritta all’ambiente accademico. Ma la promessa è talmente allettante che secondo i ricercatori potrebbe sollevare altre attenzioni a livello planetario, tanto più che l’Australia già da molto spinge per ottenere velocità sempre maggiori in rete.

Resta, purtroppo, il collo di bottiglia dell’infrastruttura di distribuzione. Alla luce di tutto ciò che si legge sulla penetrazione di Internet , nel Belpaese come in molte altre nazioni, dello stato delle centrali telefoniche, dell’ uso di miniDSLAM che “castrano” la velocità sopperendo maldestramente a ben altre manchevolezze infrastrutturali e delle mille altre problematiche che i lettori di Punto Informatico ben conoscono, riesce difficile immaginare che i vantaggi di una simile scoperta possano propagarsi rapidamente verso le scrivanie e i computer dell’utenza finale.

Quello che i luminari indicano come un processo di upgrade senza costi, per l’utenza finale sembra un concetto da prendere con le pinze: l’installazione di router e switch fotonici non riguarda l’utenza finale solo perché difficilmente – in ambiente domestico o di PMI – si disporrà di una terminazione di rete ottica. Tuttavia, sempre alla luce della letteratura in materia, riesce altrettanto difficile immaginare che i costi sostenuti dagli operatori che decidano di aggiornarsi non si propaghino abbattano, almeno in parte, sul contratto somministrato all’utenza finale. Magari conditi pure da prestazioni “maggiorate”.

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gOhKkXagLbN h scrive:
    cFytujbHTyNqXilaGvQ
    Hello!!! Good site, thanks!
  • Luca Mercatanti scrive:
    Costo secondo voi?
    E il costo di questo gioiellino secondo voi a quanto ammonterà?
  • fiertel91 scrive:
    servirà molto a...
    al pirata che si scarica tutte le serie di oc, desperate housewives, lost, buffy... conosco già qualcuno che si sta realizzando una videoteca simile :P
    • rock3r scrive:
      Re: servirà molto a...
      ma le serie ed i film non ha senso tenerseli nell'hd, o te le scarichi e poi butti su dvd e te li guardi in tv con il player dvd/divx da 30 euri che hai preso al supermercato (qualità? eh? w il videocomposito!), oppure te li guardi e li cancelli! in entrambi i casi, non mi pare sia il caso giusto. invece è la manna dal cielo per chi deve fare ad es. videoediting, rendering complessi in hd, db enormi, server...
      • fiertel91 scrive:
        Re: servirà molto a...
        iiiiiiiih, no no! i dvd costano anche 1 sbeuro l'uno! meglio l'hd! ;)
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: servirà molto a...
          - Scritto da: fiertel91
          iiiiiiiih, no no! i dvd costano anche 1 sbeuro
          l'uno! meglio l'hd!
          ;)Ma dove li compri in negozio? Su Ebay trovi i verbatim printable a meno di 30 centesimi. Un HD da 1,5 Tb sarebbe otttimo per il P2P o per metterlo in un contenitore multimediale da collegare al TV come archivio multimediale (certo bisognerebbe prenderne due, di cui da tenere come backup!)
          • fiertel91 scrive:
            Re: servirà molto a...
            dici che li compro su ebay? mah, io mi sono comprato 4 colonne di dvd della tdk da 25 l'uno a 15 euro circa totali. ma sono stato fortunato! me li sono fatti procurare da uno del friuli alla fiera dell'informatica. chissà se mi ricapiterà l'occasione....
  • Kij scrive:
    In realtà sono 1,43 Gb
    Come al solito i "loro" Gb corrispondono ai "nostri" 953MbStimo in 2h 1/2 il tempo necessario x la formattazioneSopra ci strebbero 350 DVD oppure + di 2'000 cd oppure 35-40 DVD HD (da 40gb l'uno)
    • chojin scrive:
      Re: In realtà sono 1,43 Gb
      - Scritto da: Kij
      Come al solito i "loro" Gb corrispondono ai
      "nostri"
      953Mb
      Stimo in 2h 1/2 il tempo necessario x la
      formattazione
      Sopra ci strebbero 350 DVD oppure + di 2'000 cd
      oppure 35-40 DVD HD (da 40gb
      l'uno)Se li usi con un controller RAID decente, come almeno gli Adaptec 1430SA o il più economico 1220SA, la formattazione richiede 4-5 secondi al massimo.
      • dont feed the troll scrive:
        Re: In realtà sono 1,43 Gb
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: Kij

        Come al solito i "loro" Gb corrispondono ai

        "nostri"

        953Mb

        Stimo in 2h 1/2 il tempo necessario x la

        formattazione

        Sopra ci strebbero 350 DVD oppure + di 2'000 cd

        oppure 35-40 DVD HD (da 40gb

        l'uno)

        Se li usi con un controller RAID decente, come
        almeno gli Adaptec 1430SA o il più economico
        1220SA, la formattazione richiede 4-5 secondi al
        massimo.Cosa???????????????????????
      • anonimo scrive:
        Re: In realtà sono 1,43 Gb
        :D :D :D
      • ninjaverde scrive:
        Re: In realtà sono 1,43 Gb
        ....Ma formattazione veloce o forattazione totale??? (rotfl)
        • rock3r scrive:
          Re: In realtà sono 1,43 Gb
          risposta evidente. stanno parlando uno di quella normale e l'altro di quella lenta, ma è bello così.
  • il tonto winaro scrive:
    1,5 TB: SPAZIO MINIMO PER VISTA!!!
    CHI POSSIEDE WINDOWS VISTA NON PUO' NON COMPRARE QUESTO HARD DISK !!!!!!!!!!!!!!!!!!VOLETE IMMAGINARE LA BELLEZZA DI METTERE UNO SWAP DA 500 GB ? IN QUESTO MODO LA CALCOLATRICE SI AVVIERA' PIU' VELOCEMENTE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1QUESTO SOLAMENTE, E OVVIAMENTE, CON WINDOWS VISTA !!!!!!!!!!!!!1TUTTO IL RESTO E' FUFFA! !! !!!!!!!!!!!
    • Baffo scrive:
      Re: 1,5 TB: SPAZIO MINIMO PER VISTA!!!
      Bravo !!Bel commento costruttivo !!
    • The Raptus scrive:
      Re: 1,5 TB: SPAZIO MINIMO PER VISTA!!!
      ... A me non fa ridere. L'aumentare lo swap per lanciare la calcolatrice più velocemente non ha senso.Riprovaci vàlà!
    • Morgoth scrive:
      Re: 1,5 TB: SPAZIO MINIMO PER VISTA!!!
      (troll)
    • Nicolaus scrive:
      Re: 1,5 TB: SPAZIO MINIMO PER VISTA!!!
      Però tua mamma un po tonta ci potra fare stare tutti i suoi video Gay preferiti senza usare un sistema operativo complicato...
    • anonimo scrive:
      Re: 1,5 TB: SPAZIO MINIMO PER VISTA!!!
      si ma non come hard disk, come ram, altrimenti paint come lo apri?
  • lellykelly scrive:
    bravi
    riempiteli e aspettate che perdano i vostri dati...più sono grandi, più dati si possono perdere.vanno bene solo per i backup, o da mettere in raid.sempre e comunque IMHO
    • chojin scrive:
      Re: bravi
      - Scritto da: lellykelly
      riempiteli e aspettate che perdano i vostri
      dati...

      più sono grandi, più dati si possono perdere.

      vanno bene solo per i backup, o da mettere in
      raid.

      sempre e comunque IMHOStesse idiozie che tu ed altri dicevate quando sono usciti i 60GB, 120GB, 250GB, poi i 500GB.. poi i 1000GB...
      • Xavio scrive:
        Re: bravi
        Proprio una cazzata non lo è.Attualmente fare un backup di un disco da 1,5TB ti costringe ad averne uno USB.Il salvataggio su DVD è già lento con quelli da 500GB figurati 1,5TB.Questo non vuol dire che non sia utile, soprattutto in ambito server (file-server).A casa, con gente abituata a non fare backup che piange ogni qual volta si rompe un disco fisso (sia interno, che esterno), comincerà a piangere di più o troveremo gente che si impicca, per la perdita di mesi di """lavoro""".:D
        • Pino scrive:
          Re: bravi
          - Scritto da: Xavio
          Proprio una cazzata non lo è.

          Attualmente fare un backup di un disco da 1,5TB
          ti costringe ad averne uno
          USB.Aspetta che arrivi l'USB 3.0, che è parecchio + veloce
          • Jiraya scrive:
            Re: bravi
            - Scritto da: Pino
            - Scritto da: Xavio

            Proprio una cazzata non lo è.



            Attualmente fare un backup di un disco da 1,5TB

            ti costringe ad averne uno

            USB.

            Aspetta che arrivi l'USB 3.0, che è parecchio +
            velocec'e'sempre il firewire no?Cmq ormai la gente non fa piu' backup su dvd, tra poco si iniziera' direttamente a farlo su hdd, finito uno lo metti sulla mensola e ne attacchi un'altro.... piu' comodo rapido ed economico dei dvd... bisogna solo abituarsi ed entrare nella mentalita'
          • lellykelly scrive:
            Re: bravi
            nella mentalità di avere 84 hd spenti con i lavori dentro...io sono in cerca di una soluzione da dare ai miei clienti, che non vogliono fare dvd, ma non la trovo.
          • rock3r scrive:
            Re: bravi
            la cosa più pratica al momento sono gli hdd esata, anche perché altri supporti con spazi decenti non ce ne sono, e backuppare un hd su bluray ti ci devi fare il mutuo
          • lellykelly scrive:
            Re: bravi
            come backup riciclabile ok, ma per fare archivio?
    • Anonimo codardo scrive:
      Re: bravi
      Quoto. Dischi di queste dimensioni hanno senso solo in RAID mirror.- Scritto da: lellykelly
      riempiteli e aspettate che perdano i vostri
      dati...

      più sono grandi, più dati si possono perdere.

      vanno bene solo per i backup, o da mettere in
      raid.

      sempre e comunque IMHO
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: bravi
      contenuto non disponibile
      • Khrenek scrive:
        Re: bravi
        - Scritto da: unaDuraLezione
        Es: un film, 8 anni fa si codificava a 320x240 e
        occupava
        200MB.
        Oggi si codifica a 1080P e occupa 40GB ovvero 200
        volte tanto, pur contenendo la stessa
        informazione
        logica.Vero, ma la qualità della codifica di 8 anni fa è a dir poco pessima (praticamente una VHS spalmata in digitale con tutti i difetti possibili e immaginabili), quindi direi che non è proprio corretto dire che l'informazione è òa stessa, dato che a 320x240 gran parte della definizione di immagine va irrimediabilmente persa.
    • kache scrive:
      Re: bravi
      RAID1 ed il problema è risolto. :P
      • chojin scrive:
        Re: bravi
        - Scritto da: kache
        RAID1 ed il problema è risolto. :PRAID1 è un'inutile spreco di soldi. RAID5 e RAID6 sono le soluzioni migliori.
        • kache scrive:
          Re: bravi
          Vero, ma non ci fai il RAID5(6) con due soli dischi... :P
        • kache scrive:
          Re: bravi
          Ops, doppio...In ogni caso, c'é da considerare che con il RAID1 hai la massima sicurezza, in quanto se si rompe un HD puoi tranquillamente prenderti l'altro e usarlo. Con il RAID5-6 ti tocca ricostruire il volume ogni volta, con un bel costo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 luglio 2008 13.44-----------------------------------------------------------
          • DrunkenBear scrive:
            Re: bravi
            - Scritto da: kache
            Con il RAID5-6 ti tocca ricostruire il
            volume ogni volta, con un bel
            costo.non è corretto, se un disco è off-line il volume è sì degraded ma utilizzabile per avviare l'OS, ovviamente se un altro HDD cade allora probabilmente i dati persi.
          • chojin scrive:
            Re: bravi
            - Scritto da: kache
            Ops, doppio...
            In ogni caso, c'é da considerare che con il RAID1
            hai la massima sicurezza, in quanto se si rompe
            un HD puoi tranquillamente prenderti l'altro e
            usarlo. Con il RAID5-6 ti tocca ricostruire il
            volume ogni volta, con un bel
            costo.Se un disco si rompe che sia RAID1 o RAID5/6 dovrai sempre rimpiazzarlo, sia perchè perdi la ridondanza sia perchè il controller in quella modalità funziona solitamente a prestazioni ridotte, paradossalmente, perchè è in attesa che il problema del degrado sia risolto (ed alcuni controller comunque impongono il rimpiazzo del disco difettato con uno nuovo). Al livello di costo non cambia praticamente nulla in caso di rottura. Certo, se su 4 o 5 o 6 dischi installati ne muiono 2 o 3 assieme allora è un problema. Ma nel 90% dei casi non si verifica una simile condizione.
  • gionnico scrive:
    non è curioso
    "Curiosamente, questo è lo stesso identico valore dichiarato da Hitachi per i suoi nuovi dischi Deskstar 7K1000.B."E' perché utilizza meno piatti e su quello calcolano la potenza del rotore (che deve essere minore).
Chiudi i commenti