L'Australia censura anche i newsgroup

Il South Australia si prepara a varare una legge che non ha precedenti, legge che mette fuorilegge qualsiasi materiale considerato inadatto ai minorenni, anche se si tratta di chiacchiere su un newsgroup o in mailing list


Melbourne (Australia) – La perniciosa corsa verso la censura online in Australia, iniziata da anni, sta prendendo nuovo vigore: entro il mese prossimo in South Australia dovrebbe passare una legge che vieta non solo i contenuti pornografici online ma anche le discussioni online a contenuto adulto. Il divieto varrà su tutto ciò che non è considerato “adatto” per chi ha meno di 18 anni.

La legge che sta suscitando le indignate reazioni delle associazioni per la difesa delle libertà digitali, il “Classification Amendment Bill”, di fatto consentirà alla polizia di decidere se il contenuto di un certo sito sia “offensivo” e dunque “illegale”. In quel caso potrà essere imposta una sanzione fino a circa 12mila euro a chi ha pubblicato quel materiale.

C’è di più. La legge considera “film” tutto quello che viene pubblicato dai siti e di fatto sottopone il materiale alla stessa “censura preventiva” applicata alle opere cinematografiche. Dunque anche i contenuti di un newsgroup o di una mailing list che vengano archiviati da qualche parte online, sono soggetti alla censura e alle multe previste dalla nuova legge.

La legge colpirà tutti i residenti del South Australia anche nel caso in cui le “attività illecite” da essi condotte dovessero riguardare pubblicazioni apparse su siti che si trovano al di fuori della giurisdizione dello stato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    oggi AIDS domani i militari
    Entropia è in una fase di startup e attraverso progetti non-profit sta raccogliendo iscrizioni, ma è dichiaratamente un'azienda for profit e non appena riuscirà a vendere il proprio popolo di computatori, invierà un messaggino a tutti i client del proprio software cambiando l'algoritmo di ricerca e lasciando perdere vaccini, geni o qualunque altra causa nobile per dedicarsi ad attività magari militari, magari protette da brevetti, in ogni caso ben remunerate a Entropia.Ci sono altri progetti di CPU sharing non-profit (folding@home, la ricerca di numeri primi per esempio) ma o non hanno il rigore scientifico e la documentazione di Seti o non hanno ripercussioni sociali da giustificarsi come "causa" per il popolo dei possessori di PIII, Athlon e G4.
    • Anonimo scrive:
      Re: oggi AIDS domani i militari
      Non mi trovi d'accordo... Ad Entropia i progetti no-profit servono per raccogliere gente e poter redirigere parte della potenza di calcolo del suo network verso compiti commerciali. Nel momento in cui terminasse di fare del no-profit, non potrebbe piu' contare su queste risorse e la potenza di calcolo secondo te dove la prenderebbe? Non vediamo sempre il diavolo anche dove non c'e'. A mio avviso il progetto fightaids di Entropia serve: lei ci guadagna, ok, ma insieme a lei ci guadagna anche tutta l'umanita'. Il SETI sara' bello, ma per quanto mi riguarda gli alieni se ne posso tranquillamente restare dove sono: ci sono cose ben piu' importanti da fare che stare col naso all'insu' in cerca di omini verdi.- Scritto da: pecus
      Entropia è in una fase di startup e
      attraverso progetti non-profit sta
      raccogliendo iscrizioni, ma è
      dichiaratamente un'azienda for profit e non
      appena riuscirà a vendere il proprio popolo
      di computatori, invierà un messaggino a
      tutti i client del proprio software
      cambiando l'algoritmo di ricerca e lasciando
      perdere vaccini, geni o qualunque altra
      causa nobile per dedicarsi ad attività
      magari militari, magari protette da
      brevetti, in ogni caso ben remunerate a
      Entropia.

      Ci sono altri progetti di CPU sharing
      non-profit (folding@home, la ricerca di
      numeri primi per esempio) ma o non hanno il
      rigore scientifico e la documentazione di
      Seti o non hanno ripercussioni sociali da
      giustificarsi come "causa" per il popolo dei
      possessori di PIII, Athlon e G4.
      • Anonimo scrive:
        Re: oggi AIDS domani i militari
        Vorrei sottolineare alcune cose:a)non è affatto stato dimostrato (dopo quanti anni???) che l'AIDS sia causata dal virus HIVb) visto a) a cosa serve un vaccino ????c) in africa (dove più alta è la percentuale di morti di aids) fino a qualche anno fa si moriva di fame.......Quali sono questi scopi umanitari quindi ?????
        • Anonimo scrive:
          Re: oggi AIDS domani i militari

          Quali sono questi scopi umanitari quindiAggiungerei: assumendo che il vaccino possa essere creato, le case farmaceutiche cosa faranno? Lo daranno gratis? Mi sa di no, però esiste un notevole risparmio dei costi di ricerca usando i sistemi di networking!Non lo farei, seplicemente perchè qualcuno si arricchirebbe sulla nostra salute, più di quanto non stia già facendo, d'altra parte metodi come quelli di Hammer (psicosomatica) vengono osteggiati, se ci potessimo curare da soli senza intervento esterno cosa succederebbe alle case farmaceutiche? Un giorno spero che sarà fattibile, oggi con pensieri di questo genere si viene definiti dei pazzi!
          • Anonimo scrive:
            Re: oggi AIDS domani i militari
            - Scritto da: Keper

            Quali sono questi scopi umanitari quindiVero !La lobby più potente su questa terra è quellachimico-farmaceutica !Molto di più di quella militare e di quellabancaria .Se siete riusciti a leggere il link....sembrerebbe che il "VIRUS" non sia di origininaturali.ciao ciao www.
          • Anonimo scrive:
            Re: oggi AIDS domani i militari
            La cosa più divertente è che il virus sembra non esserci nemmeno ........ :-(
  • Anonimo scrive:
    Vaccino dell'Aids ??? Leggi qui !!!
    http://www.duesberg.com/ http://www.skeptic.com/03.2.harris-aids.htm http://www.ameritech.net/users/gfunk119/arr.htmll http://www.freeweb.org/salute/infoaids/http://www.geocities.com/WestHollywood/Heights/7731/ http://www.virusmyth.com/aids/ http://www.healsf.org/ http://www.virusmyth.com/aids/data/slartefact.htm
  • Anonimo scrive:
    Sito alternativo
    http://cosco-giuseppe.tripod.com/medicina/aids.htmciao ciao www.
Chiudi i commenti