L'automotive Linux ha il suo gruppo di lavoro

La nuova iniziativa, sostenuta da Linux Foundation e Genivi Alliance, mira a "liberare" l'automotive FOSS da quel poco che resta di codice proprietario nelle soluzioni implementate dai produttori di autoveicoli

Roma – La nuova organizzazione per la promozione di Linux e del codice FOSS sugli autoveicoli si chiama Automotive Grade Linux (AGL) Workgroup: a promuove l’iniziativa è Linux Foundation in associazione con Genivi Alliance , organizzazione delle industrie automobilistica e tecnologica che comprende più di 100 produttori, inclusi i più noti marchi del settore come BMW, Intel, Magneti-Marelli, Peugeot e via elencando.

L’obiettivo della fondazione Linux è quello di promuovere lo sviluppo di software e codice aperto specificatamente pensati per l’automotive, mentre Genivi si è impegnata a implementare le soluzioni applicative così realizzate nei prodotti realizzati dai suoi membri.

Non che la cosa comporti particolari sommovimenti tecnologici, a conti fatti: il 95 per cento del software implementato nelle specifiche del gruppo Genivi è già derivato da progetti open source liberamente disponibili, e ora l’organizzazione si impegna a sostituire anche quel 5 per cento di codice proprietario con soluzioni FOSS alternative.

Nel presentare la nuova iniziativa, AGL cita in particolare gli elementi di cui verrà curato lo sviluppo FOSS e cioè gli elementi di controllo del cruscotto e gli elementi di infotainment integrati sugli autoveicoli. Il gruppo di lavoro ospiterà (anche a livello di server) quattro progetti: un framework audio, un componente di logging , un gestore di avvio e spegnimento per le applicazioni embedded, un servizio per l’unificazione delle applicazioni pensate per visualizzare informazioni sul display dell’autovettura.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Anche il verbatim 128 Gb
    non è affatto male ed il costo è 1 euro/Gb. Addirittura l'ho installato su un eeepc 1000H che aveva un Momentus 5400 da 160 Gb e visto il tipo di disco magnetico mi aspettavo di non avere un grande incremento di prestazioni con WinXP. Invece mi sono dovuto ricredere, nessuno stuttering e va una meraviglia (con winxp opportunamente patchato e senza la XXXXX di ramdisk ...). Comunque li trovo ancora troppo delicati, hanno bisogno di alimentazione senza interruzioni altrimenti la corruzione del disco è assicurata, mentre con i dischi magnetici devi essere abbastanza sfigato per avere danni (i notebook sono batterizzati e quindi non hanno grossi problemi). Sarebbe gradito SSDcon cache RAM del disco solo per rendere ancora più fluido il comportamento in scrittura. Ancora sono acerbi quindi preferisco ancora tenere i miei dati su dischi magnetici.
  • pentolino scrive:
    Gli SSD non sono piu' il futuro...
    ... ma il presente. Si possono avere 250 GB a prezzi ragionevoli, se proprio si vuole maggiore spazio lo si puo' affiancare ad un magnetico da 1-2 TB e si ha il meglio di entrambi i mondi.SSD per sistema e per i contesti in cui si fanno molte letture/scritture casuali, magnetico per multimediale ed in generale letture/scritture sequenziali; ad esempio nello sviluppo software vedrei benissimo compilazione su SSD e deploy degli artefatti su magnetico.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Gli SSD non sono piu' il futuro...
      - Scritto da: pentolino
      ... ma il presente. Si possono avere 250 GB a
      prezzi ragionevoli, se proprio si vuole maggiore
      spazio lo si puo' affiancare ad un magnetico da
      1-2 TB e si ha il meglio di entrambi i
      mondi.E aggiungeteci un NAS in mirror per il backup... foto e filmati sono troppo importanti per essere conservati su un singolo disco.
      • pentolino scrive:
        Re: Gli SSD non sono piu' il futuro...
        Quello sempre, a seconda dell'importanza dello specifico file faccio dai 2 ai 4 o più backup (certe cose le backuppo anche su cloud, quindi non posso sapere di preciso quanti backup ho!)
    • crumiro scrive:
      Re: Gli SSD non sono piu' il futuro...
      Te la prendi ancora un po' nel biiiiip quando si tratta di Giga e giga di dati, magari con un raid 1+0 per aumentare il troughput dei dati...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Gli SSD non sono piu' il futuro...
      Ma con l'affidabilità come siamo messi ?
      • il signor rossi scrive:
        Re: Gli SSD non sono piu' il futuro...
        - Scritto da: Sgabbio
        Ma con l'affidabilità come siamo messi ?a mio modesto parere e per la mia (comunque limitata) esperienza, non c'è da preoccuparsi, almeno non più di quanto ci si debba preoccupare con un normale hard disk, che significa che in ogni caso un backup dei dati che non vuoi perdere lo devi avere comunque.Sempre per la mia esperienza, il salto prestazionale in ogni caso è così notevole che non vorrete più sentir parlare di hard disk tradizionali, senza tener conto del fatto che in un portatile non vi preoccuperete più degli urti, a meno che ovviamente non siano così grossi da sfasciare il portatile... ma in questo caso almeno salverete l'ssd, mentre con un hard disk meccanico molto probabilmente il guasto sarebbe assicurato.
        • pentolino scrive:
          Re: Gli SSD non sono piu' il futuro...
          credo anch'io, alla fine ne ho visti di begli hd meccanici piantarsi inesorabilmente... backup e ridondanza sono l'unica salvezza, sempre
        • pentolino scrive:
          Re: Gli SSD non sono piu' il futuro...
          Me la sono tirata... ho visto OGGI un hard disk magnetico morire!Mi secca assai in quanto è l'hard disk che contiene i backup di time machine!
  • Enjoy with Us scrive:
    Beh tenete presente che...
    un OCZ vertex 4 si trova a circa 90 euro ivati nella versione da 120Gb e come prestazioni mi sembra abbia poco da invidiare visto che nella versione da 120 Gb offre gia 90.000 IOP...Comunque meglio l'abbondanza!
    • collione scrive:
      Re: Beh tenete presente che...
      azz 90 euro 120 gbricordo i tempi in cui pagavi 270 euro per 64 gb :D
      • mura scrive:
        Re: Beh tenete presente che...
        - Scritto da: collione
        azz 90 euro 120 gb

        ricordo i tempi in cui pagavi 270 euro per 64 gb
        :DSi sono scesi parecchio di prezzo e se ti accontenti di modelli meno performanti del vertex 4 (ma si parla sempre di ssd) un 128 gb si trova anche poco sotto gli 80 euro ed un 256 anche poco sopra i 140.
    • Urrrr scrive:
      Re: Beh tenete presente che...
      Dei vertei non mi convince molto l'affidabilità. Brutte esperienze...- Scritto da: Enjoy with Us
      un OCZ vertex 4 si trova a circa 90 euro ivati
      nella versione da 120Gb e come prestazioni mi
      sembra abbia poco da invidiare visto che nella
      versione da 120 Gb offre gia 90.000
      IOP...
      Comunque meglio l'abbondanza!
Chiudi i commenti